Creato da arw3n63 il 27/06/2012

COME UN'AQUILA

Il volo della mente: incessante, instancabile, senza meta e senza confini, senza vertigini, e maestoso come un'aquila eterna. Jim Morrison

Messaggi di Dicembre 2017

Buon 2018!

Post n°1206 pubblicato il 31 Dicembre 2017 da arw3n63
 

Ed eccoci arrivati anche alla fine di questo 2017...

Un caloroso augurio di buon anno a tutti quelli che passeranno di qui ed agli amici di blog.

 

 

 

 
 
 

Il giusto mezzo

Post n°1205 pubblicato il 19 Dicembre 2017 da arw3n63
 

COME BUDDHA TROVO' IL GIUSTO MEZZO

Quando Buddha diede inizio al suo pellegrinaggio spirituale, praticava spesso la mortificazione.

Un giorno, accanto all'albero sotto cui stava seduto a meditare, passarono per caso due musicisti, uno dei quali stava dicendo all'altro: “Non tendere troppo le corde della tua cetra, o si spezzeranno. E non tenerle neppure troppo allentate, o non produrranno alcun suono. Stai nel giusto mezzo”.

Quelle parole colpirono Buddha con tanta intensità da rivoluzionare totalmente il suo modo di intendere la spiritualità. Era convinto che erano state pronunciate apposta per lui. Da quel momento in poi rinunciò a qualsiasi mortificazione e intraprese una strada facile e gradevole, quella della moderazione. Il suo metodo per ottenere l'illuminazione è appunto chiamato “il giusto mezzo".

La preghiera della rana. Saggezza popolare dell'Oriente, Volume 2

Di Anthony De Mello

 

In occasione delle festività natalizie un augurio di buone feste e questa storiella che propone una riflessione sulla comprensione profonda del “giusto mezzo”.

 
 
 

Un traguardo importante

Post n°1204 pubblicato il 18 Dicembre 2017 da arw3n63
 

Alzata  all’alba! Che dico all’alba….alle cinque e mezza del mattino è ancora buio, il cielo  nero.
Partenza prima delle sette, necessariamente con notevole anticipo altrimenti dopo l’ora x si rischia di non arrivare in tempo e non si può assolutamente  arrivare in ritardo per  un appuntamento così importante, con noi c’è la laureanda, oggi laureata, che durante il viaggio ripassa i punti del progetto che dovrà esporre alla commissione d’esame.
“Vedrai andrà bene”  per incoraggiarla.

Due ore per arrivare in centro a Milano, non proprio in centro centro, ma dove avverrà l’evento, uno dei traguardi importanti nella vita.
Caspita! In due ore e quarantasei minuti quasi si arriva a Venezia! E sono parecchi chilometri in più…salvo traffico!

Già il traffico! Questo è il problema di chi abita nell’ hinterland milanese o nella città stessa,  e lo sa bene chi ogni mattina si mette in auto affrontando il traffico quotidiano per recarsi al lavoro.
Traffico…. Traffico…. traffico! Ancora prima di entrare in superstrada. Per attraversare Milano o recarsi dalla parte opposta ci si può mettere ore se si usa l’auto, tutti rassegnati o quasi  in fila per…due col resto di…di chi soprattutto su due ruote  s’infila da destra e da sinistra, facendo il pelo alla fiancata dell’auto.
Due corsie che vanno due che tornano…il serpentone d’auto che procede lentamente…ogni tanto una sosta ai semafori, mentre sfilano i palazzoni.

Commento con mio figlio che stress dev’essere per chi ogni giorno deve  recarsi al lavoro usando l’auto e chi abita lungo una via di grande percorrenza,  auto giorno e notte sotto le finestre.
Albeggia, ormai il cielo sempre più chiaro preannuncia una splendida giornata di sole ma mano a mano che ci addentriamo in quel di Milano…ma si nota in lontananza un grigiore, Milano è immersa nella nebbia!
Oppure sarà lo smog?

Quel che è certo è  che fuori città era sereno e non c’era nebbia ne foschia.
Mio figlio commenta che sarebbe interessante vedere tra lui e chi  vive e lavora a Milano, chi ha i polmoni più puliti.
Be’  osservando il traffico quotidiano c’è veramente da domandarselo.
Finalmente arriviamo a destinazione…con solo un quarto d’ora d’anticipo!
E noi che ci preoccupavamo di  arrivare  troppo in anticipo.

 
 
 

Mi si è allargato il gatto!

Post n°1203 pubblicato il 16 Dicembre 2017 da arw3n63
 

“ Pesa più di quattro chili! Mi raccomando non fate ingrassare  la micia dandole  troppo da mangiare…soprattutto se sta in casa.”

Ma nooo  mica è grassa, ha solo due bei fiancotti da un lato e dall’altro, in fondo è una gatta friulana grande alta e slanciata, solo…con un po’ di panza.

Però dalle dimensioni … quasi quasi…sembra un cane. Be’ cane…….quasi un bassotto! Solo più alta di un bassotto.

D’estate  corre e passa anche in una fessura della porta!

D’inverno invece….passa dalla porta aperta!

Ma è ancora capace di salire di corsa sul ciliegio eh.

Già come si fa a negarle l’assaggino di parmigiano o di lonzina di maiale e il prosciuttino cotto? Se ti guarda come il gatto di Shrek?

E mo’ adesso la figlia ci si mette con l’assaggino di latte fresco al mattino!

Me la vizi!

Le fa male…si sa ma…se ti punta gli occhi addosso sedendosi  a tavola sulla sedia, oppure se ci sei seduta tu…dallo spigolo del tavolo  ti punta il gomito infilandoti l’unghia nella carne, nel caso non la vedessi, giusto a ricordarti che c’è anche lei lì sotto in attesa…   

Lea…mo’ che le raccontiamo alla veterinaria  visto che sei aumentata di più di due etti rispetto allo scorso inverno e non siamo ancora a Natale?

 

foto dal web

 
 
 

L'essenza

Post n°1202 pubblicato il 12 Dicembre 2017 da arw3n63
 

lL CAVALLO Dl QUALITA' SUPERIORE

foto dal web


"ll Duca disse al suo servo: “ Tu ormai sei vecchio. Non c’è fra i tuoi figli e nipoti qualcuno che potrebbe occuparsi della selezione dei cavalli'?”.

ll servo rispose: “Un buon cavallo si riconosce dall’aspetto, dai muscoli e dalle ossa. Ma il cavallo di qualità superiore è come se si nascondesse, e non c'è modo di scoprirlo.

Quando galoppa , è veloce come una freccia; non solleva polvere né lascia impronte. I miei figli non hanno un talento eccezionale. Si può insegnare loro a distinguere un buon cavallo, ma non sono in grado di imparare a scoprire un cavallo di qualità superiore. L ho un amico di nome Gao. Con lui ho fatto legno e trasportato provviste. ln fatto di cavalli, il suo talento non è affatto inferiore al mio. Ti chiedo di concedergli udienza."

ll Duca concesse udienza a Gao e gli affidò la missione di trovargli un cavallo di qualità superiore. Dopo tre mesi, Gao tornò e riferì al Duca: “ Ho trovato il cavallo." ll Duca gli domandò di che razza fosse ed egli rispose: “ E' una giumenta nera”. La mandò a prendere, ma si rivelò uno stallone bianco. ll Duca, seccato, chiamò il suo servo e gli disse: “ Che cantonata terribile! ll tuo esperto di cavalli non sa nemmeno distinguere il colore né il sesso dell'animale. Come può trovare un cavallo di qualità superiore?”.

ll servo trasse un profondo sospiro e disse al Duca: “ Quant'è arrivato lontano! Ecco la prova che il suo talento supera di gran lunga il mio. Gao osserva direttamente la natura di tutti gli esseri; afferra la loro essenza e lascia perdere le cose accessorie, arriva al fondo e trascura le apparenze. Vede solo ciò che deve vedere e non vede ciò che non deve vedere. Osserva ciò che deve osservare e ignora ciò che non deve osservare. Questo e il metodo di valutazione di Gao ed è di gran lunga più importante della semplice arte di

scoprire buoni cavalli”.

ll cavallo arrivò, ed effettivamente era un cavallo di qualità superiore."


Non so chi sia esattamente l'autore è tratta da una storiella zen che la mia insegnante di yoga ha opportunamente modificato per alleggerirla un po' dei  difficili nomi cinesi e che diventa uno spunto di riflessione che a me piace tanto.

 

 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: arw3n63
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 55
Prov: EE
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

LETTURE

 

Andrea Ballarini

Fenomenologia del cialtrone

Il cialtrone è parte della nostra vita.Sia che vogliamo difendercene, sia che vogliamo andare ad ingrossare le fila del suo esercito, non possiamo prescindere dalla sua conoscenza.

 

 

AREA PERSONALE

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

LETTURE UTILI E LINK

 

Come usare la rete per arricchire
le proprie esperienze
e relazioni personali.

Ciò che serve sapere
e i manuali tecnici non dicono.

Cose da fare, e cose da non fare,
per muoversi nella rete utilmente,
piacevolmente e senza fastidi.


Per leggere il libro online il link:http://www.gandalf.it/uman/capitoli.htm

 

 

 

 

hit counter