Vita Activa

tra la filosofia e il fare politica

 
immagine
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: arielasterisco
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 37
Prov: FI
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
...sul gioiello del tuo corpo addormentato
ancora protende la penna e l'anima insanguinata
come se tu potessi, sorella, risollevarti
e sorridere sopra il fango.

 

ULTIMI COMMENTI

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

elviprimobazargiuseppe.costbeledinaKT07king_eddieelypellegrini1969unamamma1mamirossaValentinaCefalohopelove10auc133707kiadrivicetiaDelia.Mugnanomarti8527
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« VICENZAAfghanistan, rifinanziamo questo »

Energia gratuita come le cure

Post n°148 pubblicato il 20 Marzo 2007 da arielasterisco

Il Sudan ha una temperatura media di 29°C, che nei mesi più caldi arriva a 45.
In queste condizioni ambientali, l’impianto di condizionamento non è una dotazione di comfort, ma un elemento indispensabile alla cura.
Nella fase di costruzione del Centro Salam sono state adottate diverse tecniche di coibentazione per realizzare una struttura perfettamente isolata. Le pareti esterne, ad esempio, hanno uno spessore di 50 centimetri e contengono al loro interno camere d’aria che impediscono la trasmissione del calore.
Ma gli accorgimenti architettonici non bastano… i volumi di ricambio d’aria richiesti sono imponenti: ogni ora è necessario raffrescare 28.000 metri cubi di aria.
L'utilizzo di sistemi tradizionali per il condizionamento dell’ospedale avrebbe comportato un consumo ingente di energia elettrica o fossile.
In un paese di cui tutti si contendono le risorse petrolifere, Emergency ha cercato un'alternativa energetica pulita: il sole.
Dall’Italia sono partiti nove containers per trasferire a Khartoum pannelli solari, portando anche il bene immateriale di una tecnologia pressoché sconosciuta in Africa.
Oggi un impianto che impiega 288 collettori solari sottovuoto (900 metri quadrati, la superficie di dieci discreti appartamenti d’abitazione) produce 3.600 chilowattora – l’equivalente della combustione di 335 chili di gasolio – senza emettere un grammo di anidride carbonica nell’atmosfera.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ariela/trackback.php?msg=2445864

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: arielasterisco
Data di creazione: 14/11/2005
 

Per salvare la famiglia, bene fondamentale della nostra società.

Per seguire le leggi di natura che prevedono
l'unione tra un uomo e una donna.

Per garantire la continuità della specie...

VIETIAMO IL SACERDOZIO!

 

PRIMA PAGINA

immagine

 
immagine
 

THEODOR ADORNO

Non si tratta di conservare il passato, ma di realizzare le sue speranze. 
 

immagine