Vita Activa

tra la filosofia e il fare politica

 
immagine
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: arielasterisco
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 37
Prov: FI
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
...sul gioiello del tuo corpo addormentato
ancora protende la penna e l'anima insanguinata
come se tu potessi, sorella, risollevarti
e sorridere sopra il fango.

 

ULTIMI COMMENTI

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

elviprimobazargiuseppe.costbeledinaKT07king_eddieelypellegrini1969unamamma1mamirossaValentinaCefalohopelove10auc133707kiadrivicetiaDelia.Mugnanomarti8527
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« MASTROGIACOMO: COME POSS...COPPIE GIOVANI »

Rahmatullah

Post n°153 pubblicato il 10 Aprile 2007 da arielasterisco


Il chirurgo di Emergency racconta il suo collaboratore afgano. E smonta le accuse nei suoi confronti


Rahmatullah Hanefi coinvolto nel rapimento di Daniele Mastrogiacomo, Adjmal Nashkbandi e di Sayed Agha. A lanciare l'accusa, è Said Ansari, il portavoce dei servizi segreti afgani guidati da Amrullah Saleh, l'uomo che per conto del comandante Massud gestiva i rapporti con gli statunitensi e in particolare con la Cia. A commentare questa accusa è lo stesso Gino Strada: “Abbiamo conosciuto Rahmatullah Hanefi all'inizio del 2000 – racconta il chirurgo - ha cominciato a lavorare per Emergency come autista. Si è poi occupato in particolare delle operazioni di cross border, cioè di accompagnare lo staff di Emergency attraverso la linea del fronte che allora separava i talebani dall'Alleanza del Nord e che era all'altezza di Mir Bacha Kot, a poche decine di chilometri a nord di Kabul”.

Sono plausibili, o verosimili, le accuse che i servizi gli muovono?
“Nella maniera più assoluta no. Nel 2001 Rahmat si trovava nel centro chirurgico di Emergency a Kabul quando, il 17 maggio, la polizia religiosa dei talebani ha fatto irruzione nell'ospedale. L'aggressione, a loro dire, era motivata dalla non rigida separazione tra uomini e donne all'interno dell'ospedale. Rahmatullah fu arrestato dalla polizia religiosa dei talebani e trattenuto per una decina di giorni, infine
rilasciato anche grazie all'iniziativa dell'allora ambasciatore italiano in Pakistan, Raffaele DeCeglie. A séguito dell'aggressione all'ospedale e allo staff, il centro chirurgico di Kabul è stato chiuso”.“Rahmatullah Hanefi – continua Gino Strada - è la stessa persona che, nel novembre del 2001 e dopo mesi di estenuanti negoziati con i talebani affinché garantissero le condizioni per riaprire l'ospedale, è andato a prendere lo staff di Emergency sotto le bombe dei B-52 statunitensi, per consentire la ripresa della attività del centro chirurgico di Kabul, di cui la popolazione aveva disperatamente bisogno”.

Una figura chiave, dunque.
“Emergency è debitrice a Rahmat del grande contributo che ha dato nelle operazioni di costruzione e di avvio dell'ospedale di Lashkargah, nel 2003. Dall'apertura dell'ospedale, Rahmat ne è diventato il capo del personale. La sua serietà, la sua professionalità, la sua dedizione a questo lavoro hanno permesso di raggiungere gli elevati standard dell'ospedale com'è oggi”.

Ma perché proprio Rahmat in questa vicenda?
"Rahmat è di Lashkargah, gestisce il personale dell'ospedale, ma il suo ruolo era anche quello di garantire all'ospedale la sicurezza. E siccome, in Afghanistan come ovunque, non sono le armi ma la conoscenza, la parola, la diplomazia a garantire la sicurezza, era suo compito avere relazioni con tutti. E le relazioni Emergency le ha garantite dal lavoro che svolge, dall'aver curato oltre un milione e duecentomila afgani. La disponibilità dimostrata da Rahmat, infine, nell'acconsentire alle richieste che Emergency gli ha fatto per conto del governo italiano durante la gestione delle crisi che hanno visto protagonisti Gabriele Torsello prima e Daniele Mastrogiacomo poi, ha dimostrato ancora una volta la sua affidabilità e il suo attaccamento ai valori di Emergency. Per questo le accuse nei suoi confronti sono semplicemente assurde”.

Maso Notarianni

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ariela/trackback.php?msg=2542625

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
GDTeo
GDTeo il 18/04/07 alle 13:14 via WEB
ciao...mi piace il tuo blog. ;)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: arielasterisco
Data di creazione: 14/11/2005
 

Per salvare la famiglia, bene fondamentale della nostra società.

Per seguire le leggi di natura che prevedono
l'unione tra un uomo e una donna.

Per garantire la continuità della specie...

VIETIAMO IL SACERDOZIO!

 

PRIMA PAGINA

immagine

 
immagine
 

THEODOR ADORNO

Non si tratta di conservare il passato, ma di realizzare le sue speranze. 
 

immagine