Creato da livieroamispera il 03/04/2013

Bibliofilo arcano

.

 

 

Mesta, e solinga in orridi sentieri

Post n°757 pubblicato il 21 Settembre 2014 da livieroamispera
 

Mesta, e solinga in orridi sentieri

Mesta, e solinga in orridi sentieri
di più diserte piagge, ove non miro
vestigio uman, sovente il piè raggiro,
per trovar qualche pace a' miei pensieri:

ma sempre indarno, ch'ivi i crudi e fieri
affanni del mio cor piango, e sospiro,
ivi rimembro il mio lungo martiro,
ivi i tuoi sdegni, o Tirsi, empj, e severi.

Ivi a l'afflitta mente anche sovviene
la brieve gioja, che impetrai d'Amore,
dopo sì lunge ed angosciose pene.

Lassa, e col pianto allor cresce il dolore,
se lungi dal mio caro amato bene,
non trova requie l'affannato core.

Aurora Sanseverino

Da: Delle Rime scelte di Varj Illustri Poeti Napoletani, Volume Secondo, In Firenze A spese di Antonio Muzio, 1723.

 
 
 

Senno, vertude, angelico 'ntelletto

Post n°756 pubblicato il 21 Settembre 2014 da livieroamispera

Senno, vertude, angelico 'ntelletto

Senno, vertude, angelico 'ntelletto,
Spirto reale a ben' oprar sol nato,
il gran Motor ti diede, e rese ornato
il tuo, d'ogni suo don, ben degno petto.

E sommi fregi, a imprese uniche eletto,
aggiugni al sangue; e 'n sì sublime stato
hai co' tuoi dotti carmi al Mondo dato
lume da contemplar l'alto subbjetto.

Così carco t'en vai d'eccelso onore,
alzando il volo di que' spirti a paro,
che stan da presso al primo eterno Amore.

Né mai potrà l'invido tempo avaro
scemare i tuoi gran pregi, almo Signore,
ma sia tuo nome ognor laudato, e chiaro.

Angiola Cimina
(Marchesana della Petrella, deceduta nel 1726, alla quale fu dedicata una raccolta di poesie di 67 pagine da Gerardo De Angelis, in un volume edito a Firenze nel 1728)

Da: Delle Rime scelte di Varj Illustri Poeti Napoletani, Volume Secondo, In Firenze A spese di Antonio Muzio, 1723.

 
 
 

Vertù dal Mondo un tempo già partìa

Post n°755 pubblicato il 21 Settembre 2014 da livieroamispera
 

Vertù dal Mondo un tempo già partìa

Vertù dal Mondo un tempo già partìa,
Se 'l Ciel non fea riparo a' nostri mali;
poich'uom mandò sì raro a noi mortali,
che pien d'acceso amor quella seguìa;

quando il vid'ella, omai, disse, ben fia
ch'io gioiosa rimanga in mezzo a' frali,
perché adorno è costui di pregi tali,
ch'unita al suo bel cor convien ch'io stia.

Ma qual fu l'uom sì glorioso, e degno,
cui non preme de' vizj il grave pondo,
e fama ognor divulga i vanti suoi:

Doria, tu fosti, e lo fece chiaro a noi
tua grande virtù; sicché tu se' del Mondo
in questo secol nostro alto sostegno.

Angiola Cimina
(Marchesana della Petrella, deceduta nel 1726, alla quale fu dedicata una raccolta di poesie da Gerardo De Angelis, in un volume edito a Firenze nel 1728 http://books.google.it/books?id=4QYmKQRYrJQC&hl=it&source=gbs_navlinks_s)

Da: Delle Rime scelte di Varj Illustri Poeti Napoletani, Volume Secondo, In Firenze A spese di Antonio Muzio, 1723.

 
 
 

Lieta ne vo per quelle piagge amene

Post n°754 pubblicato il 21 Settembre 2014 da livieroamispera
 

Lieta ne vo per quelle piagge amene

Lieta ne vo per quelle piagge amene,
cogliendo in verde prato i più bei fiori,
e 'l canto udendo degli augei canori,
ond'è sgombro il mio cor d'affanni, e pene.

Meco sovente ragionando viene
la vaga Nice, e la vezzosa Clori,
che in lieti accenti i lor felici amori
mi fan palesi, e la lor dubbia spene.

Poi tra candidi gigli, e fresche rose
su l'erba molle al chiaro fonte accanto
l'aura godiam, che dolcemente spira.

E finch' il Sol s'asconde in riso, e canto
l'ore passiam; né mai cure nojose
cangian sì bel piacer in doglia, e in ira.

Angiola Cimina
(Marchesana della Petrella, deceduta nel 1726, alla quale fu dedicata una raccolta di poesie da Gerardo De Angelis, in un volume edito a Firenze nel 1728 http://books.google.it/books?id=4QYmKQRYrJQC&hl=it&source=gbs_navlinks_s)

Da: Delle Rime scelte di Varj Illustri Poeti Napoletani, Volume Secondo, In Firenze A spese di Antonio Muzio, 1723.

 
 
 

Finor seguendo i tuoi desir mio core

Post n°753 pubblicato il 21 Settembre 2014 da livieroamispera
 

Finor seguendo i tuoi desir mio core

Finor seguendo i tuoi desir mio core
menato ho i giorni lagrimosi, e tristi;
or più non bramo che si turbi, e attristi
mia stanca mente per tuo van dolore.

Sia lungi omai da te quel folle amore,
onde cotanta pena, e duol soffristi,
e d'uopo sia che sol vaghezza acquisti
d'alme virtù, di glorioso onore.

Questo è quel ben, che l'uom fa chiaro al Mondo,
e lo scampa da Lete, e al ricco seno
di Dio l'innalza nel superno Regno.

O bel disdetto, o avventuroso sdegno,
che 'l mesto viver mio farà giocondo,
fuor d'ogni affanno, e d'alta gioia pieno.

Angiola Cimina
(Marchesana della Petrella, deceduta nel 1726, alla quale fu dedicata una raccolta di poesie da Gerardo De Angelis, in un volume edito a Firenze nel 1728 http://books.google.it/books?id=4QYmKQRYrJQC&hl=it&source=gbs_navlinks_s)

Da: Delle Rime scelte di Varj Illustri Poeti Napoletani, Volume Secondo, In Firenze A spese di Antonio Muzio, 1723.

 
 
 

Er sugo

Post n°752 pubblicato il 01 Agosto 2014 da livieroamispera
 

Er sugo

Un bon sughetto, amabili sposette,
nun è 'na cosa che se fa d'acchitto,
però si date retta ar sottoscritto
farete onore a tutte le ricette.

Qualunque odore o spezia ce se mette,
in padella, ar tigame, lento o fitto,
pe' prima cosa s'ha da fa' er soffritto
ch'è d'aio o de cipolla, a pezzi, a fette.

Co' l'ojo, er buro o qualunqu'antro grasso,
(e 'n'infocata de peperoncino)
se fa soffrigge sempre a foco basso.

Ammalappena che diventa d'oro
se mette er vino, svaporato er vino,
se butta giù conserva e pomidoro.

Aldo Fabrizi

 
 
 

Stella cadente

Post n°751 pubblicato il 25 Luglio 2014 da livieroamispera
 

Stella cadente

Quanno me godo da la loggia mia
quele sere d'agosto tanto belle
ch'er celo troppo carico de stelle
se pija er lusso de buttalle via,
a ognuna che ne casca penso spesso
a le speranze che se porta appresso.

Perché la gente immaggina sur serio
che chi se sbriga a chiede quarche cosa
finché la striscia resta luminosa,
la stella je soddisfa er desiderio;
ma, se se smorza prima, bonanotte:
la speranzella se ne va a fa' fotte.

Jersera, ar Pincio, in via d'esperimento,
guardai la stella e chiesi: — Bramerei
de ritrovamme a tuppertù co' lei
come trent'anni fa: per un momento.
Come starà Lullù? dov'è finita
la donna ch'ho più amato ne la vita? —

Allora chiusi l'occhi e ripensai
a le gioje, a le pene, a li rimorsi,
ar primo giorno quanno ce discorsi,
a quela sera che ce liticai...
E rivedevo tutto a mano a mano,
in un nebbione piucchemmai lontano.

Ma ner ricordo debbole e confuso
ecco che m'è riapparsa la biondina
quanno venne da me quela matina,
giovene, bella, dritta come un fuso,
che me diceva sottovoce: — È tanto
che sospiravo de tornatte accanto! —

Er fatto me pareva così vero
che feci fra de me: Questa è la prova
che la gioja passata se ritrova
solo nel labirinto der pensiero.
Qualunquesia speranza è un brutto tiro
de l'illusione che ce pija in giro. —

Però ce fu la mano der Destino:
perché, doppo nemmanco un quarto d'ora,
giro la testa e vedo una signora
ch'annava a spasso con un cagnolino.
Una de quele bionde ossiggenate
che perloppiù ricicceno d' estate.

— Chissà — pensai — che pure 'sta grassona
co' quer po' po' de robba che je balla
nun sia stata carina? — E ner guardalla
trovai ch'assommava a 'na persona...
Speciarmente er nasino pe' l'insù
me ricordava quello de Lullù...

Era lei? Nu' lo so. Da certe mosse,
da la maniera de guarda la gente,
avrei detto: — È Lullù, sicuramente... —
Ma ner dubbio che fosse o che nun fosse
richiusi l'occhi e ritornai da quella
ch'avevo combinato co' la stella.

Trilussa

 
 
 

La ricetta maggica

Post n°750 pubblicato il 22 Maggio 2014 da livieroamispera
 

La ricetta maggica

Rinchiuso in un castello medievale,
er vecchio frate co' l'occhiali d'oro
spremeva da le glandole d'un toro
la forza de lo spirito vitale
er poi mischiallo, e qui stava er segreto,
in un decotto d'arnica e d'aceto.

E diceva fra sé: - Co' 'st'invenzione,
che mette fine a tutti li malanni,
un omo camperà più de cent'anni
senza che se misuri la pressione
e se conserverà gajardo e tosto
cór core in pace e co' la testa a posto.

Detto ch'ebbe così, fece una croce,
quasi volesse benedì er decotto;
ma a l'improviso intese come un fiotto
d'uno che je chiedeva sottovoce:
- Se ormai la vita è diventata un pianto
che scopo ciai de fallo campà tanto?

Devi curaje l'anima. Bisogna
che, invece d'esse schiavo com'è adesso,
ridiventi padrone de se stesso
e nun aggisca come una carogna;
pe' ritrovà la strada nun je resta
che un mezzo solo e la ricetta è questa:

«Dignità personale grammi ottanta,
sincerità corretta co' la menta,
libbertà condensata grammi trenta,
estratto depurato d'erba santa,
bonsenso, tolleranza e strafottina:
(un cucchiaro a diggiuno ogni matina)».

Trilussa, 1944

 
 
 

Er Sole e er Vento

Post n°749 pubblicato il 03 Maggio 2014 da livieroamispera
 

Er Sole e er Vento

Un giorno er Sole e er Vento
fecero la scommessa
a chi arzava la vesta a 'na regazza
che, propio in quer momento,
traversava 'na piazza.
— Io — disse er Sole — posso sta' tranquillo:
se per arzà la vesta
puro a 'na donna onesta
basta 'na purce o un grillo, è affare mio:
me la lavoro io! —
Ce provò du' o tre vorte: inutirmente;
la regazza faceva quarche strillo,
zompava un po' , ma nun s'arzava gnente.
Tutto contento, er Vento,
prima de fa' la prova,
entrò in un Banco e fece volà via
una carta da cento.
Poi cominciò cór fischio da lontano,
e piano piano je se fece addosso;
ma la regazza, arinnicchiata ar muro,
s'areggeva la vesta co' le mano
e strigneva le gambe a più nun posso.
Però, quanno s'accorse der bjietto
che je volava propio su la testa,
agnede p' acchiappallo, arzò le braccia...
Allora er Vento la pijò de faccia,
se fece sotto e j'arzò su la vesta.
— Vedi e — dice — nun è che a noi ciamanchi
la forza a fa' li fochi o a fa' li venti:
è ch'oggiggiorno, in cert'esperimenti,
ce vonno li pappié da cento franchi!

Trilussa

 
 
 

L'omo bbono bbono bbono!

Post n°748 pubblicato il 13 Aprile 2014 da livieroamispera
 

L'omo bbono bbono bbono!

Ah! er bene che mme porta Monziggnore
È ccosa da nun crédese, Bbastiano.
T’abbasti a ddí cche, ppovero siggnore, 
M’ha vvolzuto ammojjà co le su’ mano!

E bbisoggna vedé ssi ccon che amore 
Cúnnola el pupo mio che jj’è ffijjano!
Via, propio è un gran padrone de bbon core, 
Un gran bravo prelato, un bon cristiano!

E la notte che Nnanna ebbe le dojje, 
Nun pareva che a llui fussino presi 
Cueli dolori in cammio de mi’ mojje?

Tutta la pena sua, la su’ pavura, 
Era, perché la fesce de sei mesi, 
Che jje morissi in corpo la cratura.

Giuseppe Gioacchino Belli

 
 
 

Li giochi

Post n°747 pubblicato il 12 Aprile 2014 da livieroamispera
 

Li giochi

Li giochi de l'infanzia popolana
ereno: Spaccapicchio, Bottonella,
Morè, Tre-Tre-Giù-Giù, Nisconnarella,
Quattro cantoni, Buzzico, Campana,

Mazzabbubbù, Miralandondonella,
Acqua_Fòco! Ti vedo! Tocco tana!
Parole e giochi d'un'età lontana
che più m'invecchio e più me pare bella!

La peggio burla che se combinava
era sona' a le porte: "Ndrin, ndrin, ndrin"...
e chi veniva a opri', nun ce trovava...

Mò è diverso, nun soneno, schiamazzeno,
però so più educati...a chi va a opri',
je dicheno: "Buongiorno!" e poi l'ammazzeno.

Aldo Fabrizi

 
 
 

Presso quel fonte Amore ognor...

Post n°746 pubblicato il 30 Marzo 2014 da livieroamispera
 

Presso quel fonte Amore ognor mi mena

Presso quel fonte Amore ognor mi mena,
Ove solea veder l'empio Pastore,
Che mi rapì con finti vezzi il core,
Per poi renderlo a me carco di pena:

Ma l'infedel non trovo, e giunta appena,
O qual si sveglia in me fero dolore,
Talchè vinta da sdegno, e forte amore,
Senza voce rimango, e senza lena.

Mesta poi riedo a la Capanna mia,
Tutta negli atti dispettosa, e trista,
E 'l mio gregge abbandono a mezza via.

Non curando che preda a' lupi fia
Il più vago agnellino; e sol m'attrista
Che l'infido Pastor mia fede obblia.

Angiola Cimina
(Marchesana della Petrella, deceduta nel 1726, alla quale fu dedicata una raccolta di poesie da Gerardo De Angelis, in un volume edito a Firenze nel 1728 http://books.google.it/books?id=4QYmKQRYrJQC&hl=it&source=gbs_navlinks_s)

Da: Delle Rime scelte di Varj Illustri Poeti Napoletani, Volume Secondo, In Firenze A spese di Antonio Muzio, 1723.

 
 
 

Er Ragno Bianco

Post n°745 pubblicato il 30 Marzo 2014 da livieroamispera
 

Er Ragno Bianco

Un Ragno Bianco fece un bastimento:
piantò du zeppi in croce
drento una mezza noce,
filò la tela, che servì da vela,
entrò ner mare e se n'annò cór vento.

Un'Ostrica, che vidde la partenza,
je disse: - Dove vai, povero Ragno?
Io te vedo e te piagno! Che imprudenza!
Nun vedi er celo? Pare
che manni a foco er mare:
in ogni nuvoletta
c'è pronta una saetta,
c'è un furmine che casca
framezzo a la burrasca.
Come cammini, senza direzzione,
tu ch'hai perso la bussola e nun ciai
nemmanco la risorsa der timone?

- Eppuro - disse er Ragno sottovoce -
un'unica speranza che me resta
è de potè sarvà da la tempesta
er tesoro che tengo ne la noce.
Io nun so dove vado e quanno arivo,
ma porto, per incarico speciale,
er seme de quell'arbero d'Ulivo
che ce darà la Pace Universale.

Trilussa

 
 
 

Non amo io te con quel sì basso amore

Post n°744 pubblicato il 30 Marzo 2014 da livieroamispera
 

Non amo io te con quel sì basso amore

Non amo io te con quel sì basso amore,
Con cui ama la stolta, e volgar gente,
Che a vil piacer va dietro, il qual repente
Fugge, e sol lascia pentimento al core:

Ma in me nobil pudico, e vivo ardore
Il petto accese, ed infiammò la mente
di bel disio, e pura voglia ardente
D'amar sol ciò, che reca pregio e onore.

L'alta eccelsa vertù, che 'n te risiede,
E fa nel mondo il nome tuo sì chiaro
E' solo il bel, che in te vagheggio, ed amo.

E infelice a ragione ognor mi chiamo,
Poiché de l'opre tue l'esemplo raro
Empio Fato imitar non mi concede.

Angiola Cimina
(Marchesana della Petrella, deceduta nel 1726, alla quale fu dedicata una raccolta di poesie da Gerardo De Angelis, in un volume edito a Firenze nel 1728 http://books.google.it/books?id=4QYmKQRYrJQC&hl=it&source=gbs_navlinks_s)

Da: Delle Rime scelte di Varj Illustri Poeti Napoletani, Volume Secondo, In Firenze A spese di Antonio Muzio, 1723.

 
 
 

La candela

Post n°743 pubblicato il 06 Marzo 2014 da livieroamispera
 

La candela

Davanti ar Crocefisso d'una Chiesa
una Candela accesa
se strugge da l'amore e da la fede.
Je dà tutta la luce,
tutto quanto er calore che possiede,
senza abbadà se er foco
la logra e la riduce a poco a poco.
Chi nun arde nun vive. Com'è bella
la fiamma d'un amore che consuma,
purché la fede resti sempre quella!
Io guardo e penso. Trema la fiammella,
la cera cola e lo stoppino fuma...

Trilussa

 
 
 

Tajolini a la giudia

Tajolini a la giudia

Un po' de pasta all'ovo, quella secca,
du' cucchiarate d'ojo raffinato,
un po' de pepe appena macinato
e 'sta ricetta qui nun fà 'na pecca.

Ce vò più tempo a coce 'na bistecca,
che a preparà 'sto piatto delicato
perciò, si mezzogiorno è già sonato,
niente paura, un attimo e s'azzecca.

Fateve 'sto piattino e quann'è ar dunque
ve sentirete tanta umanità
da esse riguardoso co' chiunque.

Ah...staccate er telefono, che scoccia
regolarmente all'ora de magnà,
così chi chiama se la pia in saccoccia.

Aldo Fabrizi

 
 
 

La maschera

Post n°741 pubblicato il 06 Marzo 2014 da livieroamispera
 

La maschera

Vent'anni fa m'ammascherai pur'io!
E ancora tengo er grugno de cartone
che servì p'annisconne quello mio.
Sta da vent'anni sopra un credenzone
quela Maschera buffa, ch'è restata
sempre co' la medesima espressione,
sempre co' la medesima risata.
Una vorta je chiesi: - E come fai
a conservà lo stesso bon umore
puro ne li momenti der dolore,
puro quanno me trovo fra li guai?
Felice te, che nun te cambi mai!
Felice te, che vivi senza core! -
La Maschera rispose: - E tu che piagni
che ce guadagni? Gennte! Ce guadagni
che la genti dirà: Povero diavolo,
te compatisco... me dispiace assai...
Ma, in fonno, credi, nun j'importa un cavolo!
Fa' invece come me, ch'ho sempre riso:
e se te pija la malinconia
coprete er viso co' la faccia mia
così la gente nun se scoccerà... -
D'allora in poi nascónno li dolori
de dietro a un'allegia de cartapista
e passo per un celebre egoista
che se ne frega de l'umanità!

Trilussa

 
 
 

Cortile

Post n°740 pubblicato il 05 Marzo 2014 da livieroamispera
 

Cortile

Li panni stesi giocano cór vento
tutti felici d'asciugasse ar sole:
zinali, sottoveste, bavarole,
fasce, tovaje... Che sbandieramento!
Su, da la loggia, una camicia bianca
s'abbotta d'aria e ne l'abbottamento
arza le braccia ar celo e le spalanca.
Pare che dica: — Tutt'er monno è mio! —
Ma, appena er vento cambia direzzione,
gira, se sgonfia, resta appennolone...
E un fazzoletto sventola l'addio.

Trilussa

 
 
 

Er primo giorno de Quaresima

Post n°739 pubblicato il 05 Marzo 2014 da livieroamispera
 

Er primo giorno de Quaresima

Finarmente è spicciato carnovale,
corze, bballi, commedie, oggi ariduno:
sò ttornate le scennere e er diggiuno:
mò de prediche è tempo e de caviale.

De tanti sscialacori oggi gnisuno
pò ssoverchià chi non ha uperto l'ale:
er sazio e 'r matto adesso è ttal e cquale:
o ss'è ggoduto o nnò, ssemo tutt'uno.

Addio ammascherate e carrettelle,
pranzi, cene, merenne e colazione,
fiori, sbruffi, confetti e carammelle.

Er carnovale è mmorto e sseppellito:
li moccoli hanno chiusa la funzione:
nun ze parla ppiù: tutt'è ffinito

Giuseppe Gioacchino Belli

 
 
 

L'alma, che giace in quest'afflitta spoglia

Post n°738 pubblicato il 23 Febbraio 2014 da livieroamispera
 

L'alma, che giace in quest'afflitta spoglia

L'alma, che giace in quest'afflitta spoglia
Sdegnosa sempre, e in atre cure involta,
Schiva nel velo fral più star sepolta,
E di gir colassuso ognor s'invoglia.

Spesso a fuggir di questa bassa soglia
S'avanza, e 'nfiamma; e poscia in se rivolta,
Oimè, dice ella, a che vaneggio, o stolta,
E del molto fallir l'accresce doglia.

Umil poi volta al suo divin Fattore,
Gli chier mercè de l'orgoglioso ardire;
Poichè del suo voler quegli è Signore.

Nè può aspirare a sì sublime onore,
Nè del carcer mortal puot'ella uscire,
E al Ciel Poggiar, se non è fuor d'errore.

Angiola Cimina
(Marchesana della Petrella, deceduta nel 1726, alla quale fu dedicata una raccolta di poesie da Gerardo De Angelis, in un volume edito a Firenze nel 1728)

Da: Delle Rime scelte di Varj Illustri Poeti Napoletani, Volume Secondo, In Firenze A spese di Antonio Muzio, 1723.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

LUCACIARLAfrancesca3286flodimosasson1948bobb11pavone68fondacodeimoriLudwig.hoferchiararossaniprova33mizzega63maiorana.salvatoremikfimarco.contisaitelescuia
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.