Creato da blogtecaolivelli il 04/03/2012

blogtecaolivelli

blog informazione e cultura della biblioteca Olivelli

 

Messaggi del 22/06/2020

Gli etruschi al sud

Post n°3126 pubblicato il 22 Giugno 2020 da blogtecaolivelli

Fonte: articolo riportato dall'Internet

15 giugno 2020


 Una mostra sorprendente inaugura la nuova stagione

espositiva (post-covid) del Museo Archeologico Nazionale

di Napoli.
Curata da Paolo Giulierini e Valentino Nizzo, "Gli Etruschi

e il MANN" è visitabile fino al 31 Maggio 2021.

Gli Etruschi che non avete mai visto sono lì, tra quei seicento

reperti di cui duecento riemersi dai depositi del Museo,

accuratamente restaurati e ora visibili per la prima volta.

La mostra abbraccia un arco temporale di circa sei secoli

(X- IV sec. a.C.) ricostruendo le fondamenta storiche di

una popolazione che ha ancora molto da raccontare.

Giulierini: «Gli Etruschi? Cercateli a sud...»

Associati solitamente a Toscana, Lazio, Emilia Romagna,

gli Etruschi furono grandi in realtà anche grazie al controllo

delle risorse di due fertilissime pianure: quella padana nel

Nord e quella campana nel Sud.

Lo ribadisce il direttore del Museo Archeologico Nazionale

di Napoli, Paolo Giulierini, secondo il quale «per comprendere

in pieno gli Etruschi, oggi bisogna volgersi anche al Sud e al

patrimonio del MANN, dove duecento pezzi, praticamente inediti,

splendono di nuova luce grazie allo straordinario lavoro del

Laboratorio di Restauro del Museo. Un traguardo che mi riempie,

come etruscologo, di personale soddisfazione, e che è occasione

per ricordare la figura del celebre archeologo Marcello Venuti

(vedi AV 195 - ndr),  fondatore dell'Accademia Etrusca nel

1727 e poi tra gli scopritori di Ercolano».

Nizzo: «È straordinario andare a caccia degli Etruschi»

Commenta Valentino Nizzo, direttore del Museo Nazionale

Etrusco di Villa Giulia: «Scavare negli sterminati depositi

del MANN è sempre un privilegio unico. Farlo per 'andare a

caccia di Etruschi' lo ha reso ancora più avvincente.

Da un lato perché si è così potuto delineare un rigoroso percorso

storico-archeologico volto a ricostituire la trama di relazioni che

caratterizzò la plurisecolare presenza degli Etruschi in Campania.

Dall'altro perché l'approfondimento delle vicende antiquarie e

collezionistiche legate alla riscoperta dell'importanza del loro

dominio nella regione ha offerto una prospettiva per molti versi

inedita sull'evoluzione della disciplina archeologica e sul contributo

dato ad essa da generazioni di studiosi».

Etruscomania... storia di archeologia e collezionismo

Il percorso si articola in due nuclei tematici principali,

corrispondenti ad altrettante sezioni espositive con inestimabili

reperti.

Gli Etruschi in Campania, dal carattere prevalentemente

archeologico, è dedicato all'approfondimento della documentazione

relativa alla presenza degli Etruschi nella regione, dagli albori del

I millennio a.C. alla fase dell'affermazione del popolo dei Campani.

Il declino della popolazione è sancito dalle sconfitte subite presso

Cuma tra VI e V sec. a.C., in seguito alla quali comincia a incrinarsi

progressivamente la potenza etrusca nella Penisola e nel

Mediterraneo.

 

 

Gli Etruschi al MANN è il titolo della seconda sezione che

valorizza invece i materiali etrusco-italici, generalmente

provenienti da aree esterne alla Campania, acquisiti sul mercato

collezionistico dal Museo di Napoli in varie fasi della sua storia.

Accanto ai capolavori in mostra, volumi, plastici e documenti

d'epoca illustrano l'evoluzione del pensiero scientifico in campo

archeologico dal Settecento sino alla fine del Novecento,

focalizzando l'attenzione sui protagonisti dell'archeologia

campana e, in particolare, su quelli che maggiormente hanno

contribuito alla riscoperta del suo passato etrusco.

Gli Etruschi al MANN tornano per restare

«Dopo la chiusura della mostra nel maggio 2021, una sezione

permanente restituirà alla fruizione un altro fondamentale pezzo

della storia del nostro Museo, "casa" dei tesori di Pompei ed

Ercolano, così come custode di eredità molto più antiche»

conclude il direttore Giulierini.

 

Il coordinamento scientifico della mostra è di Emanuela

Santaniello (funzionario archeologo del MANN) e

l'organizzazione è di Electa.

Info: www.museoarcheologiconapoli.it 

 
 
 

Le strategie riproduttive dei cefalopodi..

Post n°3125 pubblicato il 22 Giugno 2020 da blogtecaolivelli

Fonte: articolo riportato dall'Internet

L'inganno delle seppie trasformiste

Francesco Tomasinelli

Autore : FRANCESCO TOMASINELLI15 APR 2014

I cefalopodi hanno abitudini sessuali del tutto particolari.

Nell'argonauta (Argonauta argo), per esempio, una sorta di polpo

pelagico, i maschi sono piccolissimi rispetto alle femmine, ma

dotati di un braccio che funziona a tutti gli effetti come un pene

che al momento dell'accoppiamento si stacca e si fa strada nel

corpo della partner.

La seppia Sepia plangon dei mari australiani ha comportamenti

ancora più sorprendenti, messi in luce da una serie di esperimenti in

cattività condotti nel 2012 e poi resi noti sulla pubblicazione

scientifica Biology Letters (http://phys.org/news/2012-07-cuttlefish-

mimic-female-body-video.html).

In questa seppia, come in altri cefalopodi di questo gruppo, i maschi

più forti tengono sotto controllo un piccolo harem di femmine,

impedendo ai maschi più piccoli e deboli di avvicinarsi.

Ma alcuni di questi maschi svantaggiati ricorrono ad una tecnica di

corteggiamento incredibilmente sofisticata per ingannare il rivale e

"soffiargli" le femmine sotto il naso.

Sfruttando le straordinarie doti di trasformazione del loro mantello,

si infilano nell'harem riprendendo su metà del corpo - quella rivolta verso

il maschio dominante - il disegno di una femmina.

Invece, dall'altra parte - quella rivolta verso la possibile partner - utilizzano

uno schema di colorazione zebrato che spesso le femmine di seppia

trovano irresistibile.

Si è visto che in molti casi la femmina si lascia corteggiare, per poi appartarsi

con il nuovo compagno, lontano dalla vista del signore dell'harem.

Aldilà dell'incredibile inganno del maschio, anche il comportamento della

femmina è singolare, perché questa dovrebbe premiare il maschio più grande

e forte; invece, in questo caso avviene proprio il contrario. 

Sembra davvero che la femmina dia molta importanza all'intelligenza e

all'intraprendenza messe in mostra da questo maschio il quale, tra l'altro,

dimostra di valutare con attenzione la situazione prima di "provarci".

Si è, infatti, osservato che il pretendente impiega questa tecnica solo quando

ha una ragionevole possibilità di successo, dando ulteriore prova di una capacità

di "ragionamento" che non ha riscontro tra gli invertebrati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
RIPRODUZIONE CONSENTITA CON LINK A ORIGINALE E

CITAZIONE FONTE: RIVISTANATURA.COM

 
 
 

Notizie da un asteroide...

Post n°3124 pubblicato il 22 Giugno 2020 da blogtecaolivelli

Fonte: articolo riportato dall'Internet

09 giugno 2020

Da un asteroide energia e ingredienti per l'origine della vita

©Science Photo Library/AGF Una simulazione della Terra primordiale

colpita da un asteroide dimostra che composti fondamentali come gli

amminoacidi si possono produrre in miscele di semplici composti inorganici

come ferro, nichel, acqua, oltre ad azoto e anidride carbonica, grazie

all'energia sprigionata dall'impatto

Le molecole essenziali per la vita possono essersi formate in seguito all'impatto

di asteroidi in un oceano primordiale della Terra.

Lo dimostra un nuovo studio pubblicato su "Scientific Reports" da Yoshihiro

Furukawa dell'Università di Tohoku a Sendai, in Giappone, e colleghi di altri istituti

di ricerca giapponesi.

Il risultato fornisce nuovo sostegno alla teoria che l'origine della vita sulla Terra

- e potenzialmente anche su Marte in una fase della sua storia antica - sarebbe da

ricondurre a componenti fondamentali provenienti dallo spazio.

A questa teoria se ne contrappone un'altra, secondo la quale invece la sintesi delle

prime molecole biologiche sarebbe avvenuta con processi del tutto terrestri.

Per dirimere la questione, da molti anni nei laboratori si cercano di ottenere

componenti fondamentali della vita come gli amminoacidi e le basi azotate,

ricreando le condizioni che erano probabilmente presenti nelle fasi primordiali

della Terra e di Marte, ovvero: composti chimici elementari inorganici e un innesco

di energia, fornito da una scarica elettrica (che simula la caduta di un fulmine),

da un impatto violento (come la caduta di un meteorite o un asteroide) oppure

dal calore presente per esempio nelle sorgenti idrotermali.

Il primo successo in questo campo di ricerche fu ottenuto nel celeberrimo

esperimento del "brodo primordiale" condotto da Stanley Miller e Harold Urey

negli anni cinquanta.

I due ricercatori dimostrarono che scariche elettriche in una miscela di acqua e

altre sostanze, tra cui metano e ammoniaca, possono produrre diverse molecole

organiche tra cui alcuni amminoacidi.

Il problema è che i risultati di tutti questi esperimenti dipendono fortemente dai

composti inorganici iniziali, cioè dalle ipotesi che si fanno sulle condizioni del nostro

pianeta nelle sue fasi primordiali.

Furukawa e colleghi hanno riprodotto in laboratorio reazioni tra miscele di semplici

composti inorganici come ferro, nichel, acqua, oltre ad azoto e anidride carbonica,

considerati i principali componenti dell'atmosfera terrestre di quattro miliardi di anni fa.

Come fonte di energia hanno considerato un impatto ad alta velocità.

La sperimentazione ha portato alla formazione di amminoacidi fondamentali come

la glicina e l'alanina.

Il risultato indica quindi che la sintesi delle prime molecole organiche potrebbe

essere avvenuta nei siti di impatto di asteroidi o meteoriti ricchi di ferro in oceani

primordiali.

"Ottenere molecole organiche da composti come il metano e l'ammoniaca non è difficile,

ma questi ultimi sono ora considerati componenti minori nell'atmosfera in quel periodo",

ha commentato Furukawa. "La scoperta della formazione di amminoacidi dall'anidride

carbonica e dall'azoto molecolare dimostra l'importanza di creare i mattoni della vita

a partire da composti molto abbondanti".

L'esito della sperimentazione apre interessanti prospettive non solo sull'origine della

vita terrestre, ma anche sulla possibilità di vita su Marte.

In un'epoca primordiale, infatti, il Pianeta Rosso aveva un oceano e un'atmosfera ricca

di anidride carbonica e azoto: un impatto avrebbe potuto produrre anche lì alcuni

amminoacidi essenziali. (red)

⇒ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI "LE SCIENZE" Ogni venerdì, nella tua

casella di posta elettronica, segnalazioni e anticipazioni dal sito e dalle nostre

iniziative editoriali

 
 
 

In Calabria...

Post n°3123 pubblicato il 22 Giugno 2020 da blogtecaolivelli

Fonte: articolo riportate dall'Internet

Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Stilo

La Calabria è ricca di borghi bellissimi: tra questi spicca Stilo, un borgo

storico famoso per il suo Castello, per il Duomo e molto altro: scopri cosa

vedere a Stilo!

21 Maggio 2020 Condividi su Facebook+

Stilo a Reggio Calabria è un paese arroccato sulla fiumara a 400mt sul livello

del mare Ionio che si ritiene sia stata fondata nel VII secolo dai profughi di una

mitica città marittima.

La leggenda narra che, per trovare scampo alle continue incursioni che subivano

da parte dei Saraceni, gli abitanti una ex colonia greca si rifugiarono in massa ai

piedi del monte creando una città denominandola Stilida.

Intorno a essa costruirono altissime mura per rendere quel luogo inespugnabile.

Al fine di monitorare l'accesso e l'uscita dal paese, furono costruite cinque grandi

porte, che di notte venivano ermeticamente chiuse dall'interno: Porta Stefanina,

Porta Reale, Porta Cacari, Porta Scanza li Gutti e Porta Terra.

Di queste, tre non ci sono più (Porta Terra, porta Scanza li Gutti e Porta Cacari),

mentre fino a meno di un secolo fa esisteva la Porta Reale, di cui rimane solo qualche

traccia. La Porta Stefanina invece è ben conservata.

Oggi questa bella città offre ai turisti tante attività da svolgere, oltre alle visite guidate

presso i luoghi simbolo del territorio: trekking ed escursioni per gli amanti delle attività

all'aperto, degustazioni e shopping per un'esperienza locale rilassata e rigenerante.

Inoltre nel corso dell'anno si organizzano diverse feste locali, quella dedicata al

patrono San Giorgio e varie fiere enogastronomiche.

Stilo: cosa vedere

A Stilo, in Calabria, le cose da vedere sono tante e attraggono tanti turisti ogni anno.

Il centro storico è costituito da piccole viuzze, case attaccate l'una all'altra, cortili e

giardinetti, maestosi palazzi nobiliari, chiese e soprattutto le mura di cinta con le

torri e le porte urbiche.

In particolare, da non perdere sono l'edificio civile appartenuto ai Conti Capialbi nel

 Rione di Santa Lucia e il grande edificio rurale di nobile fattura nella contrada Nipitino

, un tempo appartenuto alla stessa famiglia.

La Biblioteca è oggi del comune ed è stata donata nel 1963 dalla figlia dell'ultimo

proprietario, il conte Massimo Capialbi: conta ben 7260 volumi. Infine, la Fontana

dei Delfini, detta Gebbia, è un'importante testimonianza dell'influsso arabo nella

cultura locale, in quanto celebra la cacciata dall'imperatore Ottone.

Si trova sulla via che conduce al Duomo, poco prima di oltrepassare l'antica porta

della città.

La Cattolica di Stilo

La Cattolica di Stilo è un edificio religioso di piccole dimensioni alle pendici del Monte

Consolino.

Il termine "Cattolica" deriva probabilmente dal greco "Katholikon" che indica il luogo di

culto di un complesso monastico o il centro di riferimento cultuale per gli eremiti che

vivevano nella stessa area.

Questo monumento in stile bizantino fu costruito per volere di monaci orientali, tra i

secoli X e XI.

Molto probabilmente la Cattolica di Stilo faceva parte di un monastero dedicat

o all'Assunta, come provato dalla sua stessa etimologia e dalla citazione "per dexeteram

Catholici".

Restaurata più volte, la parte esterna della Cattolica presenta una ricchezza cromatica

e geometrica tipica delle chiese in Oriente: è formata da un cubo, sormontato da quattro

cupole più piccole, poste in corrispondenza degli angoli delle facciate e una centrale in

posizione elevata rispetto a queste ultime.

L'interno della chiesa è composto da uno spazio quadrato e quattro colonne in pianta

a croce greca.

La prima colonna a destra reca scolpita una croce gemmata con un'iscrizione che

recita: "deus venerandus - dominus passus - apparuit - nuper", un testo biblico

relativo all'Epifania che significa: "ci apparve Dio, Nostro Signore", probabilmente

opera di un monaco basiliano che forse si riferisce ad un'apparizione avuta

sull'Aspromonte. Sopra l'abside di sinistra, invece, è posta una campana di

manifattura locale del 1577 che raffigura a rilievo una Madonna col bambino.

Il Castello Normanno di Stilo

Il Castello Normanno di Stilo fu costruito nel 1072 d.c. dai conquistatori del borgo d

i Stilo. Eretto da Ruggero il Normanno nella seconda metà del XI secolo, questo castello

medievale domina incontrastato il territorio circostante.

La zona centrale del Castello era una chiesa-cappella con un altare principale e 4 altari

adiacenti ai muri del locale: oggi sono rimasti solo alcuni tratti dei muri portanti.

Era circondato da varie opere di difesa che lo rendevano inespugnabile e di queste se

ne possono identificare ancora parecchie lungo l'erta del monte Consolino. 

La visita al Castello di Stilo è assolutamente raccomandata perché dalla sua posizione

è possibile ammirare il paesaggio calabro, che conduce al mare.

Inoltre, nel 2015 è stata realizzata una piccola monorotaia, al fine di favorirne l'accesso.

Il Duomo di Stilo

Il Duomo di Stilo è stato eretto nel 300 e rifatto, quasi del tutto, in stile barocco, nel 700.

Pare che i piedi murati nella facciata della chiesa appartenessero ad una statua che

rappresentava l'idolo abbattuto dei primi cristiani.

Questo e la tradizione orale portano a supporre che sul sito della chiesa, in epoca romana,

esistesse un mausoleo pagano.

Inoltre è stato scoperto uno stretto cunicolo che dal piano superiore della chiesa

conduce ad un punto ancora indefinito, di cui non si hanno spiegazioni.

Il Duomo si trova nel centro storico e ospitava un busto-reliquiario ligneo di 

San Vito, un crocefisso del 700, l'altare del SS. Sacramento e la grande pala d'altare

raffigurante la Madonna col Bambino e Santi, opera di Giovan Battista

Caracciolo, detto il Battistello.

La sua particolarità è quella di essere stata eretta contro un muro, forse a causa

del poco spazio a disposizione.

Panorama del borgo di Stilo

 
 
 

Il mare di Positano

Post n°3122 pubblicato il 22 Giugno 2020 da blogtecaolivelli

Fonte: articolo riportato dall'Internet integralmente
  • Il meraviglioso borgo di Positano:
  •  perla della costiera amalfitana

Il meraviglioso borgo di Positano: perla della costiera

amalfitana

Positano è il borgo della Costiera Amalfitana che entra

nel cuore senza lasciarlo più, un concentrato di meraviglie

colorate e al profumo di limone e ginestre

30 Marzo 2020 Condividi su Facebook+

In provincia di Salerno sorge un piccolo borgo dai profili

incredibilmente meravigliosi e mozzafiato, il suo nome è

Positano, e da secoli conquista indissolubilmente il cuore

dei suoi visitatori.

Un gioiellino vero e proprio della regione Campania, in cui

si alternano tornanti di roccia a picco sul mare, e vicoli

incantati al profumo di limone e ginestre.

Infatti, viene anche chiamata "la città verticale" o la "wedding

cake" proprio per la sua speciale conformazione arroccata,

ma dai colori pastello brillanti.

Positano, un paese che va assaporato lentamente

Per apprezzare al meglio le bellezze di questa perla della 

costiera amalfitana, bisognerebbe concedersi di viverla a passo

lento.

Sono così tanti i panorami grandiosi e le bellezze architettoniche

che conserva, che sarebbe un peccato non dedicarle tutto il

tempo che merita.

Passeggiare tra le sue viuzze pittoresche e baciate dal sole è

un'esperienza a dir poco eccezionale.

Le scale delle graziose casette, incastonate l'una sull'altra, si intrec-

ciano creando un ambiente fatato e che catapulta direttamente in

un miraggio profumato.

Centro storico di positano

Positano - Fonte: 123rf

La leggenda del nome "Positano"

Ma Positano è anche un nome che rievoca una leggenda, quella

di un gruppo di pescatori che, in un momento di bonaccia,

udirono una voce suggerirgli di "posarsi" in questo incantevole

luogo della costa di Amalfi. 

E fu proprio così che gli uomini del mare attraccarono sulle rive

di una delle spiagge migliori di questo borgo da sogno: la Spiaggia

Grande.

Le meraviglie architettoniche di Positano

Una passeggiata a Positano vuol dire lasciarsi andare a un vero

e proprio stile di vita.

Una città da vivere con il cuore pronto a ricevere emozioni anche

per tutte le spettacolari opere architettoniche che cela nel suo

centro storico.

Impossibile non innamorarsi della sua Chiesa di Santa Maria Teresa

dell'Assunta, fulcro del paese e con una cupola maiolicata che luccica

sotto il sole nostrano.

Altrettanto emozionate è la sua Villa Romana, un vero esempio del

grande patrimonio storico, artistico e architettonico della cittadina,

e che riporta alla luce reperti legati all'eruzione del Vesuvio che

distrusse l'antica città di Pompei.

Il mare incantevole di Positano

Acque turchesi bagnano questo lembo di terra italiano che, da una

parte offre una visuale sugli isolotti Li Galli, dall'altra, invece,

inebria i sensi con case colorate abbarbicate dolcemente sul monte.

E poi ci sono le spiagge, quelle spettacolari come la già nominata

 Spiaggia Grande, dove i ciottoli sfumano delicatamente nelle acque,

e quelle più piccoline come Fornillo, dove rilassarsi è uno

straordinario piacere.

mare di positano

Positano - Fonte: 123rf

La famosa "Moda Positano"

Questo posto sprigiona fascino già da molto tempo! Non a caso,

negli anni '60, proprio qui ha preso vita un modo di abbigliarsi

che tutt'oggi è ancora in voga.

Uno stile di abbigliamento totalmente seducente e che si ispira

alla leggerezza, freschezza, eleganza, al sole, al mare e agli odori

intensi del Mediterraneo.

Abiti, tuniche e camicie in lino dai colori bianchi o pastello,

cappelloni in paglia a tesa larga e alle volte abbelliti con qualche

elegante decorazione. E poi gli irrinunciabili sandali flat in pelle,

ornati con perline o elementi marini.

Positano è un posto che si insinua con armonia nel cuore e che

una volta salutato lascia una colorata impronta nell'anima.

Del resto, il premio Nobel John Steinbeck parlando di Positano

disse: "Un posto da sogno che non vi sembra vero finché non

ci siete, ma di cui sentite con nostalgia tutta la profonda realtà

quando l'avete lasciato".

Se ti è piaciuto il nostro racconto ascolta il podcast: Virgilio e

Italia ti guideranno alla scoperta di questo borgo e degli altri 100

borghi del cuore scelti da SiViaggia.

Se vuoi puoi ascoltare questi podcast anche dalla tua app Alexa,

 basta attivare la skill dal tuo smarphone e scoprire i più bei borghi

d'Italia. Basterà dire "Alexa, apri cento borghi".

 
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

valerio.palma7maiadenalexander976derosagiuseppeugoangels.jferrullifustiicavallidirosssgm2007gblogtecaolivellivigi74ellistar2012agiroma.rigcalonicocabizzas
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova