certi momenti

i miei pensieri sono tutti qui....

 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

TAG

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

biemme.serigrafiagiulia.nattamax_6_66russox2004lory380KONDORgfpsicologiaforensediliberto_mariacercoilmiocentrobal_zacmariano25281WIDE_REDdoublelleAttimofuggente89vulnerabile14
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 
 
 

 

 

« Messaggio #42L'attesa... »

I pericoli del Pensiero

Post n°43 pubblicato il 29 Marzo 2007 da brida0
 

immagine

Il mio spazio vitale è circondato di giornali, libri, opuscoli... ogni nuovo acquisto trova la sua collocazione ottimale, i miei libri sanno dove sistemarsi... perchè loro hanno un anima...

Tempo fà pensavo di esser "anormale" nel leggere contemporaneamente più cose... poi un giorno ho letto un articolo di una psicologa che consigliava appunto una lettura differenziata per stimolare le aree cerebrali. Allora non ero folle!! davo solo un'alimentazione varia e completa al mio cervello affamato!!

Solitamente è un attimo...

Ci guardiamo (io e i libri ovviamente)... loro mi strizzano la pagina (l'occhio) e la fanno frusciare dolcemente per attirare l'attenzione...

Molto spesso sento il bisogno di uno stimolo, una frase, una parola... ne prendo uno e lo sfoglio... e lui mi disseta la mente con la sua magia...

Dio come amo le lunghe e complesse introduzioni...!!! della serie... ma questa dove vuole andare a parare...

Quest'oggi tra la mia montagna di libri c'era una rivista "scienza e conoscenza", che non avevo acquistato ma che era in allegato a dei libri comprati su internet.

La sfoglio casualmente (era imprigionata da almeno un mese) e mi colpisce un articolo dal titolo "I pericoli del pensiero".

Ecco come (certe volte) nasce un post...

Tutto è cominciato così, in modo innocente.


Mi sono messo a pensare durante le feste, così, qualche volta, giusto per divertimento.

Però, inevitabilmente, un pensiero tira l’altro e così ben presto ho cominciato a pensare anche quando non ero in compagnia.

Ho cominciato a pensare anche da solo, per rilassarmi, mi dicevo, ma sapevo che non era vero.
Pensare per me è diventato sempre più importante e così ho finito con il pensare sempre.

Persino sul lavoro.

 Mi rendevo conto che pensare e lavorare non andavano d’accordo, ma non ne potevo fare a meno.

Adesso, durante la pausa pranzo, evitavo gli amici e mi mettevo a leggere Thoreau e Kafka.

Quando rientravo al lavoro avevo le vertigini ed ero piuttosto confuso, mi domandavo: “Che cosa ci stiamo a fare qui?”.

A casa non andava tanto bene. Una sera, ho spento la TV e ho chiesto a mia moglie il significato della vita.

Quella sera è andata a dormire da sua madre.

Ben presto mi sono guadagnato la reputazione di essere un pensatore incallito.

Finalmente un giorno mi chiama il capo e mi dice: “ Senti, mi sei simpatico e mi dispiace dirti che il tuo continuo pensare sta diventando un vero problema.

Se non la smetti di pensare anche quando stai sul lavoro ti dovrai trovare un altro posto.”

Questo mi fece pensare molto.

Dopo questa conversazione sono tornato a casa prima del solito e ho confessato a mia moglie: “Senti cara, stavo pensando…”.

“Lo so che stavi pensando – mi ha risposto – ed è per questo voglio divorziare.”

“Ma cara, non è poi così grave.”

“Si, lo è. – mi ha risposto sull’orlo di una crisi di pianto – Tu pensi come uno scienziato., e gli scienziati guadagnano poco.

Così se cominci a pensare non avremo abbastanza soldi.”

“Il tuo è soltanto un falso sillogismo.” Le risposi un po’ spazientito, col risultato di farla piangere.

Ne avevo abbastanza.

“Adesso vado in biblioteca.”, le gridai mentre uscivo dalla porta.

Sono salito in macchina con la voglia di legger un po’ di Nietzsche, poi ho acceso la radio e l’ho sintonizzata su un canale culturale.

Arrivato al parcheggio sono subito corso alla porta della biblioteca… però era chiusa!

Ancora oggi penso che quella sera Qualcuno di Lassù mi stava aspettando.

Mentre cadevo al suolo con le mani sul vetro insensibile della porta alla ricerca disperata di Zarathustra fui colpito da un poster che diceva:

“ Amico, il troppo pensare ti rovina la vita?”.

Quasi tutti sapete che cosa significa, si tratta del poster dei Pensatori Anonimi.

Ed ecco che cosa sono diventato oggi: un pensatore pentito.

Non mi perdo nessun incontro.

 Ogni volta ci fanno vedere un video diseducativo.

La settimana scorsa ci hanno fatto vedere “Porky’s”

Poi ci scambiamo le nostre esperienze su come siamo riusciti a non pensare più dal nostro ultimo incontro.

Ho riavuto il mio lavoro.

E a casa le cose vanno molto meglio.

Da quando ho smesso di pensare la vita mi sembra, come dire… più facile, meno complicata, tutta un’altra cosa.

Ben presto riuscirò anche a votare.



Anonimo

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: brida0
Data di creazione: 02/10/2006
 

 

PIANETA TERRA

immagine
 

LEGGENDO LEGGENDO....

Nel mondo esiste sempre

qualcuno che attende qualcun'altro,

che ci si trovi in un deserto o in una grande città.

E quando questi due esseri si incontrano,

e i loro sguardi si incrociano,

tutto il passato e tutto il futuro

non hanno più alcuna importanza.

Esistono solo quel momento e quella straordinaria

certezza che tutte le cose sotto il sole sono state

scritte dalla stessa Mano:

La Mano che risveglia l'Amore e che ha creato

un'anima gemella per chiunque lavori,

si riposi e cerchi i propri tesori sotto il sole,

Perchè, se tutto ciò non esistesse,

non avrebbero più alcun senso i sogni dell'umanità.

L'Alchimista

 

immagine

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

immagine

 

LE BEATITUDINI DI... RINO GAETANO

Su gentile concessione di

Carlofedele

 
 

I MIE LIBRI...