Creato da Convallaria_majalis il 01/01/2008
Non esistono risposte intelligenti a domande stupide

STELLINA MIA...ORA E' RIMASTA SOLA, SENZA DI TE

 

LEGGERE ATTENTAMENTE LE AVVERTENZE


L'Autrice
del blog (o qualsiasi altra cosa esso voglia essere), declina da subito, ogni responsabilità circa un eventuale rincoglionimento derivante dalla lettura della seguente pagina.   

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

n.b.

Questo è il mio BLOG.
A metà strada tra un diario e un personal magazine ...dove si possono leggere... Curiosità, Notizie, Cucina, Storia, Avvenimenti su Fatti e Persone...e tanto altro ancora!!!
E se non interessa nulla di tutto ciò…Basta cambiare pagina!!


GRAZIE DELLA VOSTRA CORTESE ATTENZIONE!!

 ;-)


Convallaria_Majalis©

 

Che tempo f oggi?!

Meteo Lazio

 
 

 

« ANTROPOLOGIATRUCCO E SICUREZZA »

QUASI MEZZO MILIONE DI FAMIGLIE ITALIANE ACCUDISCE UN PARENTE ANZIANO O MALATO

Come accudire un anziano



Dal bagno ai pasti, passando per il guardaroba e il massaggio alla mano: ecco, i consigli pratici per rendere migliori le cure e più serena la vita quotidiana dell'intera famiglia.

Quasi mezzo milione di famiglie italiane accudisce un parente anziano e malato di demenza.
Una condizione pesante che in totale incide sulla qualità della vita di quasi un milione di italiani e in particolare sulla salute delle donne adulte.
A dirlo è l'Istat, che in uno studio del 2011 condotto da Alessandra Tinto afferma che chi convive con un anziano affetto da demenza ha una probabilità di percepirsi in cattiva salute più alta di circa il 60% rispetto a chi non vive questa condizione.
La sensazione di malessere coinvolge soprattutto le donne, che, più degli uomini, si fanno carico dei compiti di cura, spesso senza alcuna esperienza.
Per questo la casa editrice Erickson ha dato il via alla collana "Assistere gli anziani": una serie di piccoli manuali dedicati alle famiglie, ricchi di consigli pratici su come aiutare gli anziani, anche non affetti da demenza, nella vita di ogni giorno.

Ecco alcuni suggerimenti.



Nel letto solo per dormire
Se è possibile, l'anziano dovrebbe evitare di stare a letto durante il giorno, fosse anche solo per leggere o guardare la tv. Allo stesso modo non è consigliabile servirgli il pasto in camera.
Durante il giorno è importante un'esposizione alla luce del sole, che favorisce la produzione di melatonina e aiuta a regolare gli schemi di sonno. La sera, via libera alla tv, purché in una stanza diversa.
Dopo cena vanno bene anche attività manuali leggere o conversazioni, che favoriscono il relax.
No all'uso prolungato di sonniferi: crea dipendenza e non è efficace.

Il pasto terapeutico
Il pasto può essere il momento che spezza la routine di una giornata monotona.
Rendetelo piacevole con piatti appetitosi che evochino bei ricordi nell'anziano.
Coinvolgetelo, quando possibile, nella preparazione di una ricetta o della tavola: si sentirà utile. Inoltre, è dimostrato che nei pazienti affetti da tipologie di demenza simili all'Alzheimer, la memoria procedurale resiste a lungo: non ricorderanno alcuni episodi della loro vita, ma sapranno ancora impanare le cotolette, se lo sapevano fare. Nominare il pasto può orientarlo nel tempo e fargli capire che ora è. Allo stesso tempo la tavola offre molti spunti di conversazione. Parlare di qualche storia avvincente e, perché no, di un pettegolezzo, può ravvivare il suo spirito.

Un ambiente piacevole
Per rafforzare il senso di identità è bene disseminare l'ambiente di oggetti familiari. Questo non vale per le foto, che, così come gli specchi, possono evocare sensazioni positive o negative a seconda della persona. Certi arredi, come una scrivania con dei fogli per un uomo d'affari, possono ricordare agli anziani periodi della vita in cui erano più attivi, rinforzando la loro autostima.

Come comunicare
Anche se per pochi minuti al giorno, cercate di fargli ricordare i bei tempi, di ascoltare le sue lamentele e di farlo ridere: l'ascolto terapeutico può ridurre la sua frustrazione, dovuta a bisogni emozionali e fisici insoddisfatti. Preferite le affermazioni accompagnate da spiegazioni rispetto ai divieti: "Se apri le tende entra più luce" è meglio che dire "Non tenere tutto chiuso!".

Controlla le fonti di stress
Che sia il telefono, l'aspirapolvere o la cappa in cucina, certi rumori di fondo sono stressanti per l'anziano: evitali quando è possibile. Vuoi festeggiare il suo compleanno con tutta la famiglia? Programma tutto con cura per evitargli sovrastimolazione e quindi stress.

I poteri di un bagno caldo
Fare il bagno o la doccia può essere terapeutico, purché si rispettino alcuni accorgimenti. Prima di tutto, spiegare cosa si sta per fare e chiedere il permesso. La temperatura dell'acqua deve essere gradita, così come il profumo del bagnoschiuma. Partire bagnando i piedi. Pure l'anziano deve avere una spugnetta o una salvietta per lavarsi da solo: non servirà a molto, ma lo farà sentire attivo. Lasciare che indossi un costume se lo fa sentire meglio.

Un guardaroba che salvi l'autonomia

Devono riuscire a vestirsi il più possibile da soli per sentirsi autonomi. Per facilitarli ecco alcuni accorgimenti: prepara gli abiti stesi uno accanto all'altro sul letto; sostituisci i bottoni col velcro; per far capire cosa c'è in ogni cassetto, attaccaci sopra un'etichetta con un disegno; appendi un cartello che mostri in quale sequenza indossare i capi. Con gli abiti, come col cibo, cerca di dargli sempre una scelta: non con una domanda aperta ("Cosa vuoi metterti?"), che crea confusione, ma mostrando due possibilità ("Maglia gialla o maglia rossa?").

Il massaggio alla mano

Sono infiniti i poteri di un massaggio alla mano praticato con gentilezza anche solo per 3 minuti al giorno: salvo controindicazioni, riduce la frequenza del battito cardiaco, migliora l'efficienza del sistema immunitario, riduce la percezione del dolore, la depressione e l'ansietà e rallenta il respiro, con effetti benefici anche in chi lo esegue.

Parola d'ordine: muoversi!
Stretching, balli, Tai Chi, esercizi con la palla e passeggiate di gruppo: salvo controindicazioni, è sempre bene spingerli a fare movimento per ridurre lo stress e favorire il sonno.

Hobby

Incoraggia la lettura: che sia un atlante geografico, un manuale di cucina, una rivista di gossip o un romanzo giallo, mettigli a disposizione qualcosa che vada incontro ai suoi gusti... e ai gradi della vista! Bene anche un gruppo di lettura. Questa, come la scrittura e l'arte, ha effetti terapeutici.

La tombola, non solo a Natale

Giocare a tombola ha un effetto benefico sulla memoria a breve termine, sulla concentrazione e sul recupero della parola in pazienti affetti da Alzheimer, secondo uno studio di Sobel.

Musica
Secondo alcune ricerche di Sherratt, Thornton e Hatton, persone le cui capacità di linguaggio sono andate perse, possono ancora ascoltare la musica che amavano e cantarla meravigliosamente, con un effetto benefico sui livelli di coinvolgimento e di benessere.

Giardinaggio
Se non hai un giardino, posiziona delle fioriere rialzate dal suolo: potrà curarle più facilmente. È dimostrato infatti che il giardinaggio riduce la noia e il malessere.



 

(Ilaria Lonigro)

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verr pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non pu superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

UN SORRISO

 
 

Ultime visite al Blog

frigotermomar.carmelamassiambrosisofia_bellaavvocatocarenzaeliana.mirabelladelfinoandrea91bestathenaelena1111andrea.pugliese2009claudio.bloisefp1948genio0069diaoscaralfioaguiari
 
 

Ultimi commenti

trattasi di crisi istaminiche da risolvere con uso regolare...
Inviato da: iafocidrfainig
il 26/02/2014 alle 16:43
 
Ciao,non so se' e' una cosa che' fa'...
Inviato da: Elena
il 30/08/2013 alle 09:24
 
un sorriso a lui ed al suo padrone !
Inviato da: frakazzodaferrara
il 22/07/2013 alle 10:10
 
Ottimo articolo, grazie.
Inviato da: Less.is.more
il 01/06/2013 alle 13:25
 
Sembra che le sue ultime parole siano state:...
Inviato da: AShirley
il 28/05/2013 alle 16:16
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova