Stagno

Non vedo più nessun dolore che mi possa ferire

 

JANE AND ME

Verranno tempi bui,
è per questo che dobbiamo essere
BRILLANTI!!!

 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

SOBRE JANE Y MÍ

Siamo solo noi
che andiamo a letto la mattina presto
e ci svegliamo con il mal di testa.

Siamo solo noi
che non abbiamo vita regolare
che non ci sappiamo limitare

Siamo solo noi
che non abbiamo più niente da dire,
dobbiamo solo vomitare.

Siamo solo noi
che non vi stiamo neanche più ad ascoltare.

Siamo solo noi,
quelli che ormai non credono più a niente
e vi fregano sempre ...sì...

Siamo solo noi
che tra demonio e santità è lo stesso
basta che ci sia posto…


Siamo solo noi,
generazione di sconvolti

che non han più santi né eroi

 

EUTERPE


Nu servu tempu fa rintra na piazza
prigavu a Cristu 'n cruci e ci ricia:
"Cristu lu me padruni mi strapazza,
mi tratta comu 'n cani pi la via.
Si pigghia tuttu culla so manazza,
mancu la vita mia rice ch'è mia.
Distruggila Gesù sta malarazza,
distruggila Gesù,fallu pi mia!!!"
Tu ti lamenti,ma chi ti lamenti?
Pigghia lu bastuni e tira fora li denti!!!
E Cristu c'arrispunni di la cruci:
"chi forse so spezzati li to vrazza?
Cu voli la giustizia si la fazza,
ca tanto nuddu la farà pi tia.
Si tu si n'omo e nun si testa pazza
ascuta bono sta sintenzia mia
ca io inchiudatu 'n cruci nun saria
s'avissi fattu ciò ca ricu a tia.




 

EUTERPE#2


"...non è facile assumersi il rischio di una scelta
e servirsi addirittura di parole proprie,
mimetizzarsi e vivere di luce riflessa 
in fondo ad acque torbide
tra miseri inganni e menzogne,
complessi di inferiorità,
ingombranti manie di grandezza...

E' ormai consuetudine perdersi d'animo,
non essere all'altezza delle proprie ambizioni
e sgomitare per distinguersi dal branco.
L'ignoranza è un non trascurabile complesso,
una voragine,
la si può occultare nel silenzio
scansando il pericolo di un mite confronto diretto...

…E non è affatto un caso se
amanti, amici e sogni si dileguano..."


"...Porto ancora addosso
il fumo delle tue parole...
L'unica cosa che mi hai lasciato..."


 

EUTERPE#3

Alzo stereo a palla per non pensare
alzo cosi' tantoda farmi male
dimenticando tutto quello che so
Rotolo e rimbalzo tra l'inferno e il cielo...
...Partecipo al gioco e non so bleffare
che vinca o che perda io voglio provare...
...Per ogni partita hai un gioco da fare
che vinca o che perda io voglio provare...



...Ogni uomo e' solo quello
che scoprirà inseguendo le distanze dentro se
Quante deviazioni, quali direzioni e quali no?
prima di restare in equilibrio per un po'.
Sogno un viaggio morbido,
dentro al mio spirito e vado via,
mi vida cosi' sia...
...La ragione esplode ed ogni cosa va da se.
Mare accarezzami,luna ubriacami
SOL Y SANGRE, SEXO Y SUR
La dignità degli elementi
la libertà della poesia,
al di là dei tradimenti degli uomini
è magia, è magia, è magia...


 

ARES

L'ErRoRe...

Tu menti,
conosco chi conosci tu,
so dove vai;
ti sei preso in giro
ti sei rovinato
ti hanno fottuto,fregato...
...Non sai quello che vuoi
non riuscirai ad averlo,
niente è gratis ,niente è a posto
le insegne luminose attirano gli allocchi...
...Affrettati,fa presto,
il gioco volge al termine...
...il gioco è fatto,la posta sei tu...

...Come per magia
la coscienza inverte i ruoli,
da vittima a responsabile
dei tuoi stessi mali...







 

ARES#2

I miei piedi toccano terra,
comincerà la resurrezione.
E' l'ultima parte di fuga,
vedo la povere che si solleva


RiDiCuLoUs ThOuGhTs

 

ATENA

"Non prendetevela...
Prendetevi tutto!!!"
IVANA TRUMP

"L'inferno non conosce furia
simile a una donna respinta!!!"
X-WOMEN


"...Se amplifico il gusto
di stare da solo nel mondo
È perché ne ho bisogno...
...L’anarchico è chi decide di amare davvero
Privato della paranoia di avere un rimpianto
Se trovo la forza di essere debole
Allora io amo davvero
Se posso esser debole
Ho perso anche la paranoia di avere un rimpianto..."


-"Dove vai?"
-"Non lo so, nel mio futuro,credo!!!"

 

EROS

"Non è amore, è una scopata sportiva."

Cos'è una storia non seria,
si scopa ridendo?

 

DIONISO

Per quella gente che il lavoro è una pazzia,
per chi è tranquillo, ma lo ferma la polizia,
per una canna tu resti sempre macchiato
la gente poi ti dice che tu si drogato,
attent'a ttia che arrulli 'sta canna
non aspettare che dal cielo cadi a manna
non aspittare che arrivi quella gente
che non capisce più chi è il buono e il delinquente
e questa cosa che ti canto è una canzone,
rivoluzione di sballuna che si sbattono e si muovono
finchè non si capisce
che la vita e troppo breve
chiude gli occhi e poi finisce.



Tra le maschere che un uomo può indossare
ricordiamo l'argilla;
tra le maschere che un uomo può indossare
come non citare il bronzo...
C'è la mschera di ferro,
c'è la maschera di Pippo,
ma la maschera di merda
te la fa solo SHPALMAN!!!


Sensualità a corte

CHECCO ZALONE

CLAUDIANO

 

NEVER AGAIN

 

 

Post N° 43

Post n°43 pubblicato il 10 Aprile 2008 da aurorasogna_kb
 

Corso di formazione per uomini 

TEMA DEL CORSO:

diventare intelligente quanto una donna (quindi essere perfetti )

OBIETTIVO PEDAGOCICO:

corso di formazione che permette agli uomini di sviluppare
quella parte del cervello della quale ignorano l'esistenza.

PROGRAMMA :

4 moduli di cui uno obbligatorio.


MODULO 1: CORSO DI BASE OBBLIGATORIO


1. imparare a vivere senza la mamma (2000 ore).
2. la mia donna NON è MIA MAMMA (350 ore)
3. capire che il calcio non è altro che uno sport (500
ore)

MODULO 2 : VITA A DUE
1. avere bambini senza diventare geloso (50 ore)
2. smettere di dire boiate quando la mia donna riceve i suoi amici(500 ore)
3. vincere la sindrome del telecomando (550 ore)
4 non fare la pipì fuori dal water (100 ore, esercizi
pratici con video)
5. riuscire a soddisfare la mia donna prima che cominci a far finta(1500
ore)
6. come arrivare fino al cesto dei panni sporchi senza perdersi (500 ore)
7. come sopravvivere ad un raffreddore senza agonizzare (300 ore)

MODULO 3 : TEMPO LIBERO
1. stirare in due tappe (una camicia in meno di due ore: esercizi pratici)
2. digerire senza ruttare mentre lavo i piatti (esercizi pratici)

MODULO 4 : CORSO DI CUCINA
Livello 1 (principianti) : gli elettrodomestici: ON =
ACCESO - OFF = SPENTO
Livello 2 (avanzato): La mia prima zuppa precotta senza bruciare la pentola.
Esercizi pratici: far bollire l'acqua prima di aggiungere gli spaghetti.



Sono inoltre previsti dei temi speciali di approfondimento; a causa della
complessità e difficoltà di comprensione dei temi i corsi avranno un massimo
di 8 iscritti:


TEMA 1 : il ferro da stiro; dalla lavatrice all'armadio: un
processo misterioso


TEMA 2: tu e l'elettricità: vantaggi
economici del contattare un tecnico competente per le riparazione (anche le
più basilari)


TEMA 3 : ultima scoperta scientifica : cucinare e buttare la
spazzatura non provocano ne' impotenza ne' tetraplegia (pratica in
laboratorio)


TEMA 4: perché non è reato regalarle fiori anche se sei già
sposato con lei


TEMA 5 : il rullo di carta igienica: 'la carta igienica nasce da
sola nel portarullo?' (esposizioni sul tema della generazione spontanea)


TEMA 6: come abbassare la tavoletta del bagno passo a passo
(teleconferenza con l'Università di Harward)


TEMA 7: perché non è necessario agitare le lenzuola dopo aver
emesso gas intestinali (esercizi di riflessione di coppia)


TEMA 8: gli uomini che guidano possono chiedere informazioni ai
passanti quando si perdono senza il rischio di sembrare impotenti
(testimonianze)


TEMA 9: la lavatrice: questa grande sconosciuta della casa


TEMA 10: è possibile fare pipì senza schizzare fuori dalla tazza?
(pratica di gruppo)


TEMA 11: differenze fondamentali tra il cesto della roba porca e
il suolo (esercizi in laboratori di musicoterapica)


TEMA 12: l'uomo nel posto del passeggero: è geneticamente
possibile non parlare o agitarsi convulsamente mentre lei parcheggia?


TEMA 13: la tazza della colazione: levita da se' fino al
lavandino? (esercizi diretti da Silvan)


TEMA 14: comunicazione extrasensoriale: esercizi mentali in modo
che quando gli si dice che qualcosa è nel cassetto dell'armadio non domandi
'in quale?'

 
 
 

...Capita...

Post n°42 pubblicato il 30 Marzo 2008 da aurorasogna_kb
 
Foto di aurorasogna_kb

I periodi bui capitano, non c'è nulla da fare e spesso non esiste una spiegazione
e per quanto si possa essere circondati da persone maravigliose (e, ringraziando qualche divinità a caso in cui comunque non crederei a prescindere, io ho la gran fortuna di esserlo) ogni loro gesto, azione e/o parola spesso non solo non servono ma talvolta peggiorano le cose.
E' assodato, qualunque sia la ragione che ti fa star male, sia essa lo strascico di un cancro ancestrale, l'insoddisfazione per un temporaneo blocco in qualche ambito della tua vita o semplicemente un allineamento astrale sbagliato, BISOGNA VIVERSI IL MOMENTO e, se occorre, andare a fondo.
Diciamo che in quest'ultimo periodo ho optato per l'"affondo" nell'alcool, nelle uscite selvagge e in qualunque cosa mi facesse pensare il meno possibile...
Molto poco edificante ma reale.
Evidentemente ci dovevo passare, i cerchi vanno sempre chiusi e questo accade sempre quando non te lo aspetti e a prescindere dalla tua volontà.
Questo cerchio si è chiuso giovedì sera.
Sono andata al concerto dei Tinturia e la mia anima è eplosa.E' stato come risvegliarsi da uno stato comatoso e cominciare a sentire la vita che ti pulsa prepotentemente dentro... una sensazione bellissima... indescrivibile...
Ho trascinato 6mila persone che non sapevano nemmeno chi fossero ma che si sono divertite un sacco.
Ho pogato come una pazza sotto al palco.
Ho fatto un sacco di foto con loro.
Mi sono fatta autografare la locandina del concerto (grazie Paolino) e tutti i CD, compreso quello nuovo appena comprato che è una forza della natura e alla fine mi sono ritrovata al tavolino di un bar a parlare con loro come fossero vecchi amici che non vedi da un sacco di tempo e lì viene fuori il lato più autentico, più umano delle persone.
E' stato incredibile "scoprire" che le persone che vedi sul palco e ti regalano emozioni fortissime sono ragazzi come te che sono attaccati a un sogno e che per inseguirlo fanno un sacco di sacrifici (perchè qua non si parla degli U2).
Gente che ti ringrazia perchè hai la loro disocgrafia completa, che ti racconta che ha la colite da Pasqua, che torna indietro a salutarti perchè non ti ha dato la buona notte...
Non trovo le parole per descrivere come mi sento, sono troppo banali e inutili...
Come mi sento?
Posso solo dire una cosa: anche io sono attaccata a un sogno: vivere, non smettere di credere nelle persone nonostante tutto, condividere me stessa con le persone che amo, essere consapevole del fatto che ci sono persone che mi vogliono bene esattamente per come sono,sentire la sveglia alle 6 che mi ribalta dal letto e riuscire a sorridere perchè faccio un lavoro che mi dà tantissimo e non smettere mai di sognare, tutto ciò è il mio sogno e la mia realtà...
Non voglio svegliarmi da questa meravigliosa, imprevedibile,spesso incomprensibile e a volte difficile avventura che è la vita.
La notte muore...
Buon giorno mondo!!!

VISTA L'ORA DIREI CHE LA RADIO OGGI NON SUONA...
BUONA NOTTE!!!!

 
 
 

BOICOTTIAMO LA VIOLENZA SUGLI ANIMALI

Post n°41 pubblicato il 19 Marzo 2008 da aurorasogna_kb


Ciao a tutti,
questa volta non dobbiamo fare finta di non guardare,
di non sapere fino a che punto è capace di arrivare la crudeltà dell'uomo.
Mi sono documentata, e purtroppo si tratta di un evento vero,
non un fotomontaggio.
La cosa più brutta è vedere l'indifferenza della gente di fronte a questo ORRORE!
Ignoranti che si credono Esperti di arte!
Prego tutti voi di unirvi alla lotta e fermare questo orrore firmando la petizione!
Nell’anno 2007, Guillermo Vargas Habacuc, un finto artista, presse un cane di strada, lo lego ad una corda corta ad un muro di una galeria d'arte e lo lascio morire lentamente di fame e di sete: 
Durante parecchi giorni, l'autore di questo orribile crueltà
e i visitatori di questa galeria d'arte erano aspettatori impasibili
alla agonia del povero animale,
fino quando finalmente mori per inanizione,
sicuramente dopo aver passato per un doloroso,
assurdo
ed incomprensibile calvario
.
   

               
           

      

       

Vi sembra forte ???

Quello non è tutto:
la prestigiosa Biennale Centroamericana di Arte decise,
incomprensibilmente,
che la bestialità che aveva appena commesso questo individuo era arte,
ed in questo modo tanto incomprensibile
Guillermo Vargas Habacuc è stato invitato a ripetere la sua crudele azione
in fortuna Biennale in 2008.

 

OSTACOLIAMOLO!!! 
Firmate qui:
http://www.petitiononline.com/13031953/petition.html,
non bisogna pagare, né registrarsi, né niente pericoloso,
e vale la pena, per inviare una petizione
e che questo uomo non sia congratulato né chiamato 'artista' per tanto crudele atto,
per simile insensibilità e piacere col dolore altrui.  
 

È molto facile, tarda 10 secondi e è sicuro.
Possiamo dedicare un po' di tempo
a cercare di evitare che un altro animale innocente soffra la crudeltà di questo,
ed altri, sadico e ripugnante 'essere umano':  
 

P:S. se mettete il nome dell'artista su Google
escono le foto da questo povero animale,
e usciranno sicuramente anche pagine web
dove potrete contrastarlo e vedere che
è verità. 

 
 
 

BASTA POCO PER SALVARE UNA VITA

Post n°39 pubblicato il 13 Marzo 2008 da aurorasogna_kb
 

Ciao!
Vi chiedo un favore,
ma ci vuole solo un minuto.
Il sito on-line della ricerca contro il cancro alseno
e' in difficolta'
perche' non ci sono abbastanza persone
che accedono al sito ogni giorno
per raggiungere un numero di accessi
che permetta loro di ottenere, dagli sponsor,
una donazione per almeno una mammografia gratis
per donne che non se la possono permettere.
Ci vuole meno di un minuto per andare sul sito
e
cliccare sul bottone 'donating a mammogram' SENZA NESSUNA SPESA.
(E' il bottone rosa nel mezzo della pagina)
Non vi costa nulla.
Gli sponsor che sostengono il sito
usano il numero di accessi giornalieri per donare una mammografia
in cambio della pubblicita' che appare sul sito.
Questo e' il sito.
Fate girare tra i blog.
GRAZIE!!!


http://www.thebreastcancersite.com/

 
 
 

Post N° 38

Post n°38 pubblicato il 13 Marzo 2008 da aurorasogna_kb
 

PAZ!

Una giornata PAZzesca

Titolo originale: Paz!

Regia: Renato De Maria

Sceneggiatura: Ivan Cotroneo ,Valentina Taviani ,Francesca Casciello ,Francesco  Piccolo ,Giancarlo Basili ,Renato De Maria

Fotografia: Gian Filippo Corticelli

Musiche: Riccardo Sinigallia ,Francesco Zampaglione ,Meme

Montaggio: Jacopo Quadri ,Letizia Caudullo

Anno: 2001

Nazione: Italia

Produzione: Mikado

Durata: 102'

Data uscita in Italia: 22 febbraio 2002

CAST 

Pentothal Claudio Santamaria

Massimo Zanardi Flavio Pistilli

Lucilla Fabrizia Sacchi

Enrico Fiabeschi Max Mazzotta

TRAMA
PAZ! è un film tratto dai fumetti di Andrea Pazienza.

Siamo a Bologna alla fine degli anni '70.

In un appartamento, in Via Emilia Ponente 43, convivono senza mai incontrarsi, ma solo sfiorandosi, tre personaggi: Pentothal, Enrico Fiabeschi e Massimo Zanardi, detto Zanna.

Questo è il racconto di 24 ore nella vita di questi ragazzi: dalle quattro del mattino all'alba del giorno successivo, storie di mondi paralleli che convivono nello stesso spazio, cominciando e finendo alla stessa ora. 

Pentothal (Claudio Santamaria), studente fuorisede, è un fumettista che lavora pochissimo e studia ancor meno. All’inizio della nostra storia, viene lasciato dalla fidanzata Lucilla (Fabrizia Sacchi), una femminista bella e tosta.  Sempre in pigiama e con delle logore clark slacciate ai piedi, vive chiuso nella sua stanza, dove tra canne, sogni e visioni, sente il mondo scorrergli a fianco. I suoi compagni conviventi - impegnatissimi nella lotta del movimento studentesco -, la mensa universitaria, il bar affollato dal quale telefona alla madre per chiedere soldi, sono apparizioni sfocate tanto quanto i suoi sogni e la sua vera ossessione: Lucilla. Un miraggio che appare e scompare.

Enrico Fiabeschi (Max Mazzotta) è il classico fuorisede che è anche fuoricorso. Non gli importa nulla della politica e meno che mai dell'amore. Si fa mantenere dalla fidanzata Anna (Barbara Bonanni), dalla quale si fa regolarmente e metodicamente prestare 'cinque carte'. Anna lavora, Fiabeschi no. Quella mattina è l'ultimo a svegliarsi. Deve dare un esame al DAMS, altrimenti parte militare. Come argomento porta "apocalipsi now" , regia di Francis Ford Coppola, musiche dei Doors. Punto, non sa nient'altro.

Massimo Zanardi, (Flavio Pistilli), naso a becco e occhi da lupo, è il terzo abitante dell'appartamento di Via Emilia Ponente 43.

Studente liceale pluriripetente, Zanardi ha solo due amici - anch'essi pluriripetenti - dai quali è inseparabile: Roberto Colasanti, detto Colas (Matteo Taranto), bello e ricco, una macchina da sesso che parla pochissimo ma c'è sempre e Sergio Petrilli (Cristiano Callegaro), bassino, bruttino ed anche povero.
Zanna, Colas e Petrilli vengono accusati dalla preside, la signorina Corona (Iaia Forte) di aver crocifisso il suo amato gatto Galileo. La prova del misfatto è l’ agenda di Zanna, che la preside afferma di aver trovato nel suo giardino. Il recupero della compromettente agenda mette in moto un giallo in piena regola…

RECENSIONE

Dischi in vinile, polacchine, 127 beige. E ancora: barbe, baffi, capelli mai pettinati e canne a non finire. E graffiti metropolitani, muri ricoperti di manifesti, locandine, tazebao. Sacchi a pelo con dentro ragazze che attendono di essere riscaldate, occupazioni dell'università, assemblee studentesche, riunioni, collettivi e frasi come "La felicità è sovversiva quando si collettivizza".
Questo è il mondo di Andrea Michele Vincenzo Ciro Pazienza in arte Paz, uno dei maggiori cartoonist italiani, definito "la rockstar" del fumetto italiano.
Il film non racconta la vita maledetta di Pazienza. Il film racconta la storia dei suoi personaggi, parti della sua mente fuori dal comune, eccezionali testimoni della sua vena artistica, unica e rivoluzionaria.
Ma raccontare la storia di una giornata di Pentothal, Enrico Fiabeschi e Massimo Zanardi, (i tre personaggi creati da Paz) significa raccontare il suo autore.
I tre personaggi, che non interagiscono tra loro, si incontrano ma si guardano come se fossero solo lontani conoscenti, rappresentano la personalità del loro disegnatore. Pentothal: depresso, sprofondato in una dimensione onirica dalla quale è impossibile uscire; Enrico Fiabeschi: pigro, fannullone, parassita; Zanardi: arrogante, violento, e menefreghista. Tutti aspetti di una personalità complessa e controversa ma capace di un processo di autoanalisi che rivela l'esistenza di un profondo percorso di ricerca interiore.
Il regista Renato De Maria ("Hotel paura") ricostruisce con maestria ed ottima tecnica questo mosaico di personaggi e di storie, sempre rimanendo fedele agli stilemi del disegnatore.
La macchina si muove morbida passando da soggettive a brevi piani sequenza che rendono la narrazione viva e fortemente espressiva districandosi tra una fotografia dai colori accesi e vividi a cui fa da contraltare una Bologna ripresa sempre senza sole e con un cielo plumbeo e grigio.
Qualità che il regista dimostra anche nelle direzione degli attori dai quali riesce a trarre un'espressività al di sopra delle righe ma che può risultare esagerata solo per chi non usa frequentare le tavole dei cartoonist degli ultimi trent'anni. Ed infatti i tre interpreti, Claudio Santamaria ("Almost blue", "L'ultimo bacio") nei panni di Pentothal, Flavio Pistilli nel ruolo di Zanardi ("Auguri professore", "La guerra degli Antò") e Max Mazzotta ("L'ultimo capodanno dell'umanità") che interpreta Enrico Fiabeschi, chiamati al difficile compito di recitare la parte dei tre personaggi dei fumetti, forniscono un'ottima prova. In particolare Max Mazzotta sciorina un repertorio di mimiche di notevole valore.
Tra gli altri attori ricordiamo Iaia Forte, Roberto Citran e soprattutto Ricky Memphis interprete di un breve cameo esilarante e sconvolgente, assolutamente da non perdere.
Decisamente un buon film, che scorre veloce e impetuoso al ritmo delle musiche di Lucio Dalla e dei Tiromancino, dei CCCP e degli Ustmamò.
Un film caustico e suadente come la voce di Demetrio Stratos che ad un certo punto abbiamo ascoltato non senza provare un fastidioso ma inevitabile groppo alla gola.
Ma non abbiate paura, non è un film sugli anni '70, non è un grande freddo all'ombra delle due torri, non "è un ricordo" ma "un tappeto volante per continuare il viaggio".

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: aurorasogna_kb
Data di creazione: 14/02/2008
 

THIS IS ME...(INSANE EXTREME GIRL)

Io sono persa dietro alle nuvole
e alla poesia...

 

PERLE DI SAGGEZZA

"Ho cercato di riempirti di contenuti
ma non ne ho avuto il tempo"

"Il problema non è chiedersi
la dò o non la dò,
ma è:
stasera a chi la dò?"

"Se mi dicessi che stai cercando un cervello
ti direi che ci sono serie difficoltà,
ma qua si parla di un cazzo
e di cazzi ce n'è in abbondanza...
Non sei alla ricerca dell'Eldorado!!!"

"Io sono talmente avanti
che se mi volto indietro
vedo quei faccia di merda che ho superato!!!"

"L'addominale è preludio di minkia"

TERSICORE

"Mal comune, doppia merda!!!

SoLe

"Fammi del male
e ti seppellisco l'autostima"

ERATO

 

PALABRAS PARA MÍ

"Siamo solo noi
che rendiano speciali
le persone che amiamo.
Senza di noi sono vuote
ed è questo che le farà soffrire di più:
aver perso la possibilità di essere speciali
come solo noi avremmo potuto renderle...
Quindi, alla resa dei conti,
vinciamo sempre noi..."
JANE

"Fatti pervadere dalla musica,
falla penetrare nella pelle,
nel sangue,
nel cuore,
nel corpo
con passione viva.
Buon Viaggio!"
GIOSI

"Gli occhi che amano
guardano meglio degli altri."

JANE

"La performance siamo noi,
  dovrebbero invitarci nei locali..."
TERSICORE


 

PALABRAS PARA JANE



E a te io dono la luce di Aerendil,
la nostra stella più amata,
possa essere per te una luce in luoghi oscuri
quando ogni altra luce si spegne

 

CAPTAIN JACK SPARROW

"Io sono un disonesto

e un disonesto puoi sempre confidare che sia disonesto,

onestamente....

E' dagli onesti che devi guardarti

perchè non puoi mai prevedere

quando faranno qualcosa

di incredibilmente stupido!!!"

 

UP PATRIOTS TO ARMS

E Non E' Colpa Mia
Se Esistono I Carnefici,
Se Esiste L'Imbecillita!!!

 

ABITUDINE

Come fare a dirtelo che non ci sei più dentro me,
che siamo un eco di parole...
Come fare a dirti che non c'è più spazio per progetti
(e intanto non ne abbiam mai fatti)
e che sarebbe stupido!!!


 

66 (DIABULUS IN MUSICA)

TU 6 LIBERO DI ESSERE NIENTE PIU' DI UN NUMERO:
6 QUELLO CHE E' STATO,
6 IL MIO PASSATO CHE NON TORNERA',
TUTTO QUELLO CHE DESIDERAVO AVERE TEMPO FA!!!


 

Ogni scelta a un costo...
ogni dio ha un cielo...
ogni sogno ha un posto...fino a che lo sognerai...

 

QUELLO CHE NON HO

Quello che non ho
è ciò che non mi manca

 

AGRADO

"una es más auténtica
cuanto más se parece
a lo que ha soñado de sí misma
...”


 

 

Che cosa c'è di più celeste di un cielo che ha vinto mille tempeste?

 

QUATTRO STRACCI

"...Io sono fierA del mio sognare,
di questo eterno mio incespicare
e rido in faccia a quel che cerchi e che mai avrai.
Non sai che ci vuole scienza,
ci vuol costanza,
ad invecchiare senza maturità ;
ma maturA o meno 
io ne ho abbastanza
della complessa tua semplicità;

ma poi chi ha detto che tu abbia ragione,
coi tuoi "also sprach" di maturazione
o è un'illusione pronta per l'uso,
da eterna vittima di un sopruso,
abuso d'un mondo chiuso e fatalità;
ognuno vada dove vuole andare,
ognuno invecchi come gli pare,
ma non raccontare a me solo cos'è la libertà...
...La fantasia può portare male
se non si conosce bene come domarla,
ma costa poco, val quel che vale,
e nessuno ti può più impedire di adoperarla...
...tu hai la fantasia delle idee contorte,
vai con la mente e le gambe corte
poi avrai sempre il momento giusto per sistemarla ;
le vie del mondo ti sono aperte,
tanto hai le spalle sempre coperte
ed avrai sempre le scuse buone per rifiutarla...
...quando sei dentro vuoi esser fuori...
ed hai annullato tutti fuori che te.

Ma io qui ti inchiodo a quei tuoi pensieri,
quei quattro stracci in cui hai gettato l'ieri,
persO a cercare per sempre quello che non c'è."

 

CELIA DE LA SERNA

Non scrivi più, e non ti sento più,
so quel che fai e ho un po' paura, sai.
Son senza sole le strade di Rosario,
fa male al cuore
avere un figlio straordinario:
a saperti là sono orgogliosa e sola,
ma dimenticarti... è una parola...
Bambino mio, chicco di sale,
sei sempre stato un po' speciale,
col tuo pallone, nero di lividi e di botte,
e quella tosse, amore,
che non passava mai la notte;
e scamiciato,
davanti al fiume ore e ore,
chiudendo gli occhi,
appeso al cuore.
O madre, madre,
che infinito, immenso cielo
sarebbe il mondo se assomigliasse a te!
Uomini e sogni come le tue parole,
la terra e il grano come i capelli tuoi.
Tu sei il mio canto,
la mia memoria,
non c'è nient'altro
nella mia storia,
a volte sai, mi sembra di sentire
la "poderosa" accesa nel cortile:
e guardo fuori: "Fuser, Fuser è ritornato!",
e guardo fuori e c'è solo il prato.
O madre, madre
se sapessi che dolore!
Non è quel mondo che mi cantavi tu:
tu guarda fuori,
tu guarda fuori sempre,
e spera sempre
di non vedermi mai;
sarò quel figlio
che ami veramente,
soltanto e solo
finchè non mi vedrai.


 

SUEÑOS

E ti diranno parole
rosse come il sangue, nere come la notte
ma non è vero, ragazzA,
che la ragione sta sempre col più forte;
io conosco poeti
che spostano i fiumi con il pensiero,
e naviganti infiniti
che sanno parlare con il cielo.
Chiudi gli occhi, ragazzA,
e credi solo a quel che vedi dentro
stringi i pugni, ragazzA,
non lasciargliela vinta neanche un momento
copri l'amore, ragazzA,
ma non nasconderlo sotto il mantello;
a volte passa qualcuno,
a volte c'è qualcuno che deve vederlo.

Sogna, ragazzA, sogna
quando sale il vento nelle vie del cuore,
quando un uomo vive per le sue parole
o non vive più.
Sogna, ragazzA, sogna,
non lassciarlo solo contro questo mondo,
non lasciarlo andare,
sogna fino in fondo,
fallo pure tu!
Sogna, ragazzA, sogna
quando cala il vento ma non è finita,

quando muore un uomo per la stessa vita
che sognavi tu.
Sogna, ragazzA, sogna,
non cambiare un verso della tua canzone,
non lasciare un treno fermo alla stazione,
non fermarti tu!

Lasciali dire che al mondo
quelli come te perderanno sempre,
perché hai già vinto, lo giuro,
e non ti possono fare più niente...
...nessun regno è più grande
di questa piccola cosa che è la vita.
E la vita è così forte
che attraversa i muri senza farsi vedere...

...Sogna, ragazzA sogna,
quando LUI si volta, quando LUI non torna,
quando il solo passo che fermava il cuore
non lo senti più.
Sogna, ragazzA, sogna,
passeranno i giorni, passerrà l'amore,
passeran le notti, finirà il dolore,
sarai sempre tu ...

 

MÚSICA POPULAR

NICUZZA

THE FOGGY DEW

BRIGANTI SE MORE


MO GHILE MEAR (OUR HERO)


VIENI IN SICILY

VOLVER

 

"IO IN QUESTO MARE NON MI PERDO MAI,

ma in ogni mare,sai

... Tous le bateaux vont à l'hazard pour rien..."

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Zio_Jessevincenzodevitachiara.mntkouros.natesinakingleSermitgoro_specialArdat_Lilialice2gile78icolombinagiovannetticon5dadina760babyaurora
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ULTIMI COMMENTI

Sacrosanta verità mia cara...
Inviato da: aurorasogna_kb
il 15/05/2008 alle 15:27
 
è geniale! il problema sarà trovare gli 8 iscritti....
Inviato da: TradireononTradire
il 14/04/2008 alle 17:02
 
fatto ^_^
Inviato da: sweet_stefy
il 13/03/2008 alle 21:53
 
Ti ringrazio. E' molto importante divulgare certe...
Inviato da: aurorasogna_kb
il 13/03/2008 alle 15:25
 
Ho fatto ciò che domandavi!...che bello il tuo blog...mi...
Inviato da: geremia_di_Oz
il 13/03/2008 alle 14:51