Creato da indiocherokee il 28/02/2008
Diario di bordo
 

FACEBOOK

 
 
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Ultime visite al Blog

alfri.torizamigdala.tultimo87ccindiocherokeeMidNighT_FanTasY
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Attenzione

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Il materiale presente su questo blog è per la maggior parte preso da Internet, quindi valutato di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al creatore che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Nel giorno di Falcone

Attacco frontale al mondo del web.

Post n°8 pubblicato il 19 Giugno 2008 da indiocherokee
 

 Da Punto-Informatico:

Stampa clandestina? Parte la petizione

Roma - Un blogger condannato per stampa clandestina? La sentenza resa pubblica nei giorni scorsi ha suscitato grande emozione in rete ed ora c'è chi promuove una protesta per sensibilizzare su un argomento delicatissimo. In particolare ci lavora Censurati.it che ha avviato una petizione web.

La petizione parla di "sentenza oscurantista" e di "fatto gravissimo" che "potrà avere effetti devastanti per la libertà di espressione sul web in Italia". A detta di Censurati.it, che da molti anni segue da vicino le restrizioni e i limiti imposti alla libertà di espressione dentro e fuori della rete, è stato di fatto condannato "un normalissimo blog".

La sentenza viene descritta, dunque, come "incredibile", una sentenza "che reca riscontri soltanto in Cina e in qualche nazione a regime dittatoriale, per le leggi che vigono nel nostro paese è un'assurdità. Costituisce un attacco frontale al mondo del web, alla democrazia, ai diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione. È quindi importante che le realtà delle reti, le sedi dell'informazione, le espressioni del paese civile rispondano con la massima determinazione".
"Firma la petizione - conclude il testo - potresti essere tu il prossimo condannato!"

La pagina della petizione è raggiungibile a questo indirizzo




Internet-Il Metamondo di MarcoUnoPuntoZero



FREE SHARE!
I nostri bit nn possono essere ordinati attraverso la coercizione fisica.

MORE FEARE!
Noi non abbiamo problemi che possono essere risolti da voi.


BEWARE!
Non usate questo pretesto per invaderci.




NO CENSOR!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog