Un blog creato da GattoDelCheshire il 05/07/2006

Sorridenterie

Un Gatto senza riso, si capisce, ma un riso senza Gatto! No davvero, non ho mai visto nulla di più straordinario in vita mia.

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Dr.Uchiaramentetulisette63eden58acildiariodellassenzaserenarougesAVADAKEDAWRAcblunicapacciaParis.at.nightfattodinientesolfeggioGattoDelCheshirelottersh
 
 
 
 
 
 
 

I MIEI LINK PREFERITI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Messaggio #27Messaggio #29 »

Post N° 28

Post n°28 pubblicato il 08 Settembre 2006 da GattoDelCheshire

La presupposizione metafisica riguarda naturalmente anche i rapporti interpersonali, per cui anche le persone vengono ridotte al rango di cose utili-in-vista-di, così che le persone diventano esse stesse risorse.
Se ciò è del tutto evidente nell'ambito della produzione economica, è nell'ambito delle relazioni che il fenomeno diviene particolarmente sudbolo, e fonte di grandi infelicità.

Le persone sono viste come cose, in quanto dotate di un senso che le trascende e al quale esse devono adeguarsi, ed è precisamente la ragione per la quale intendiamo i rapporti interpersonali come economia di dare e avere.

"And you may ask yourself
How do I work this?"

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/cheshire/trackback.php?msg=1600281

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
girovagando_1
girovagando_1 il 08/09/06 alle 18:18 via WEB
Pragmatismo... personalmente non ho mai letto le persone come risorse che devono "darmi qualcosa"... Le persone riesco (a modo mio) a "viverle" per quello che sono :-)
 
 
GattoDelCheshire
GattoDelCheshire il 08/09/06 alle 18:29 via WEB
In una delle sue pagine più famose, Sartre scrisse: "Sotto lo sguardo dell’Altro sono oggetto di valori che io non ho elaborato, sono strumento di possibilità che non sono le mie possibilità. L’altro mi conosce meglio di quanto io possa conoscere me stesso, infatti io non posso oggettivarmi, distanziarmi come un oggetto da me stesso. Mi sento così trasformato in un oggetto inerme e nudo davanti all’Altro. Con lo sguardo l’Altro aliena le mie possibilità, non sono più io che decido".
 
   
ladymiss00
ladymiss00 il 17/10/06 alle 18:30 via WEB
Interessante!
 
girovagando_1
girovagando_1 il 08/09/06 alle 18:38 via WEB
E va bene quanche così. Ma perché? perché il tarlo che ci mangia ogni giorno è il fatto di pensare che gli altri abbiano aspettative immani. Paura di deludere gli altri, paura di non essere all'altezza degli altri, senso di inferiorità per questo o per quel motivo... Tutto questo è vita, vita normale, intendo... Ma io provo, ogni santa volta, a rapportarmi agli altri senza sforzi... Non mi interessa più pensare che, forse, loro si aspettano chissà che da me, io sono così e se vado bene ok, altrimenti non c'è storia. Non ho aspettative nei confronti di nessuno. Beh certo, se vado dal fruttivendolo e chiedo un kg di mele mi aspetto che non mi dia la cicoria... Ma nel senso più profondo del vivere "con" le persone io credo che la sincerità può aiutarti a essere sempre te stesso... che tu sia "poco" che tu sia "tanto". Io la vedo così :)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

SORRIDENTEZZE AFFINI

Different kinds are needed
For different occasions

I thought that if I ate the food of the area I was visiting
That I might assimilate the point of view of the people there

See me put things together
Put them back were they belong

In the future there will so much going on that no one will be able to keep track of it

Things to do

Home is where I want to be

Making changes day by day
And we still ain't got no plan