Creato da michelaxxy il 01/08/2008
 

ciaomichela58 xxy

GRAFFITI E POESIA

 

 

« IL MIO BLOG OGGI COMPIE TRE ANNIL'Altrove Assoluto »

ALIENI IN SIBERIA (bibl.Costantino Paglialunga – Il mistero della Tunguska 2° Edizione - 2008 e AAVV WEB)

Post n°114 pubblicato il 18 Agosto 2011 da michelaxxy
 
Tag: X-FILES

 

Il luogo dove sarebbe ubicata l’installazione aliena si estende per oltre centomila chilometri quadrati, all’interno di una piatta regione di acquitrini, alternati da una taiga impenetrabile. Nella zona esisterebbero residui di oggetti metallici di origine ignota, realizzati con un metallo sconosciuto che assomiglia vagamente al rame, ma è  ricoperto da una patina talmente dura che non è possibile scalfirla con nessun utensile umano conosciuto. Intorno a queste semisfere la vegetazione crescerebbe in maniera abnorme e all’interno la temperatura sarebbe mite anche durante gli inverni più rigidi. Alcuni nativi, cacciatori, che vi hanno trovato rifugio, pernottando,  o sono morti o si sono ammalati gravemente, forse a causa di qualche forma di emanazione radioattiva. Il generale dell'aeronautica russa Vasily Alekseev, ex agente del Kgb, rivelò che nella zona più disabitata della Siberia esistevano costruzioni metalliche che non erano tdi origine terrestre. I militari russi sono da molti anni al corrente dell'esistenza in Siberia di strane costruzioni metalliche di origine “aliena”. La zona è interdetta sotto segreto militare e con divieto di sorvolo. La motivazione ufficiale è quella della scoperta di giacimenti di diamanti, oro, gas naturale e petrolio.


Una relazione metereologica, conservata presso l’Osservatorio regionale di Irkutsk (Siberia), riferisce che alle 7.00 del 30 giugno 1908  due sfere infuocate di dimensioni gigantesche (circa 60 metri di diametro secondo le testimonianze oculari) sono apparse improvvisamente  nel cielo, a nord, per poi scomparire a velocità vertiginosa quattro minuti dopo; appena furono scomparse,  si levò un vento fortissimo che si propagava da nord a sud e che è andato avanti per circa 5 minuti; seguirono suoni e tuoni, come detonazioni di enormi armi da fuoco, le quali fecero tremare i vetri delle finestre delle isbe disseminate nella zona . Seguì un suono secco, come quello di una scarica di fucileria, che durò per circa due minuti.

Si trattava forse delle sfere che si stavano dirigendo sul luogo dell’esplosione? Si noti l’ora dell’ avvistamento: le 7,00. L’esplosione di Tunguska avvenne subito dopo: alle 7,14.


Il geofisico russo Andrei Ol’khovatov osservò che gli alberi attorno all’epicentro dell’esplosione sembravano colpiti da un vortice di un plasma ad altissima energia: infatti questo effetto di vortice avrebbe fatto letteralmente ruotare su se stessi gli alberi, sradicandoli violentemente. Infatti, alcune chiazze di vegetazione nel luogo dell’esplosione sono rimaste misteriosamente intatte. I testimoni raccontano dell’esplosione come un bagliore “cinquantamila volte più luminoso del sole” seguito da un “calore terribile” e da una “spaventosa nuvola di fumo nero”.
Ma, c’è di più. 

Secondo le testimonianze raccolte, la mattina dell’evento la popolazione locale vide scaturire improvvisamente dal cielo sereno moltissime scariche elettriche simili a fulmini che colpivano ripetutamente e violentemente il terreno. Quanto accaduto fu provato con il ritrovamento di una specie di folgorite anomala per il terreno delle zone colpite.

Prova ne è che i fulmini caduti nella taiga non avevano un’origine terrestre.

Successivamente biologi e botanici russi notarono una crescita abnorme e anomala delle piante nella zona. Il professor Soboljov ritiene che un cambiamento genetico sia la causa di  queste anomalie che hanno causato una velocità d’accrescimento approssimativamente superiore cento volte a quello normale e che non è possibile attribuirne le cause alle radiazioni nucleari come noi le conosciamo, poichè tutta la vita in quella zona si è perpetuata ed accresciuta, con un aumento abnorme del ritmo riproduttivo cellulare.

Nel 1927 fu riscontrata dai biologi russi, al seguito della spedizione organizzata dal professor Kulik, una strana malattia che aveva colpito soprattutto le renne che presentavano strane cicatrici sulla pelle. Un ricercatore  che si addentrò nella zona degli alberi abbattuti, morì successivamente tra dolori lancinanti come se qualcosa lo stesse bruciando internamente.

Gli sviluppi della vicenda furono in seguito coperti dal segreto militare da parte delle autorità sovietiche e passarono di competenza al KGB. Tutta la zona fu interdetta e circondata da installazioni militari e a tutt’oggi non è possibile accedervi.

E così anche in Russia esiste un’”Area 51. 

 

 

Materiale di origine aliena(da"Tunguska il Macchinario Alieno") 

 

 

 

fonti bibliografiche

Andrei Yu. Ol'khovatov- The tectonic interpretation of the 1908 Tunguska event- Russia, Moscow 1991.

Antonio de Blasi, Angelo Piemontese, Fabio Stefanelli - Dal caso Tunguska a 99942 Aphohis -Clueb Bologna 2008.

Costantino Paglialunga – Il mistero della Tunguska 2° Edizione - 2008.

Furneaux Rupert - Spaziali in Siberia - Sugarco Edizioni 1979.

Giorgio Pattera – Dopo 100 anni il mistero di Tunguska continua – Notiziario Ufo N°74 2008.

J.Baxter/T.Atkins – Il fuoco venuto dal cielo - Sperling & Kupfer/Milano 1978.

Jack Stoneley - Tunguska: la Cosa dallo spazio - Longanesi & C. Milano 1978.

Jonn Gribbin – Enciclopedia di Astronomia e Cosmologia – Garzanti 1998.

Luca Gasparini, Enrico Bonatti e Giuseppe Longo- Il mistero di Tunguska- Le scienze N°479 2008.

Massimo Teodorani – Sfere di luce – Macro Edizioni 2008.

Mircea Eliade – Lo Sciamanesimo- Edizioni Mediterranee 2005.

N.V. Vasilyev – Il problema del meteorite di Tunguska oggi (tradotto in italiano dalla D.ssa Ilaria Alfieri) 1998.

Nanni Riccobono - Tunguska - Rizzoli 2000.

Valery Uvarov - La misteriosa valle della morte siberiana - Nexus n° 51-57-58-59 2003-2004.


La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ciaomichela58xxy/trackback.php?msg=10514526

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

I MIEI BLOG AMICI

I MIEI BLOG AMICI

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 1
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Blumare99fairy7774tvarieltvduilio27Immacolata83massimocoppatitatv1Drakon3gtosetto0melania.carlinohorus.alucianopianezzolaaldebart59mastropietro.andreaGiuseppe_1963
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

GRAFFITI DI MICHELAXXY

In questo archetipo domina la pesantezza dell’elemento terra, grazie anche ad un intelletto fine e cinico, è capace di “rimettere alla massa” - incessantemente - tutti gli elementi che arrivano a lei dall’esterno.
Caratteristiche: radicamento, concretizzazione
Aspetti negativi: tristezza, solitudine, distruzione, pessimismo, inflessibilità, ostinazione, intellettualismo

 

 

Storiella per pensarci un pò su e ricordare tante vittime innocenti della stupidità umana...

IL PRETE, IL MINISTRO, LA TRANS A COSPETTO DI S. PIETRO

Un prete, un ministro ed una donna transessuale aspettavano ai cancelli di fronte a S.Pietro per poter entrare in paradiso.

Per primo parla il ministro: "Io ho sfamato gli affamati, vestito i poveri, ho sparso il Verbo per il paese."
E S.Pietro gli disse:"Hai fatto bene in terra ma hai peccato contro tuo fratello. Dovrai passare sette anni in purgatorio per riparare ai peccati commessi. Poi potrai entrare in paradiso."

Poi parlò il prete: "Io ho fatto quel che ha fatto mio fratello il ministro ed ho anche vissuto una vita di sacrificio, umiltà e castità. Ho servito solo Dio, rispettato le sue leggi ed ora mi offro incondizionatamente a Lui."
S.Pietro guardò i propri appunti e disse: "In effetti hai vissuto una vita pia e tuttavia persino tu hai peccato. Dovrai passare un anno in purgatorio ed espiare."

Quindi San Pietro si volse alla trans e disse: "Va pure cara, ti stanno aspettando."

Il prete e il ministro protestarono animatamente con S.Pietro: "Ma come? Noi con la nostra vita pia siamo condannati al purgatorio e quella lì, contro la quale ci siamo battuti e che abbiamo castigato per difendere ciò per cui abbiamo vissuto se ne va dritta dritta in paradiso?!"

E S.Pietro si gira verso i due e dice: "Si, lei è già passata all'inferno."

Amen

Riflettiamoci un pò sopra(considerati gli ultimi noti eventi)

 

 

 
 
Template creato da STELLINACADENTE20