Creato da Z76cavalli1cavaliere il 27/11/2011
 

pensieri parole

riflessioni su come vedo il mondo nel mio piccolo mondo....

 

 

č morta la musica

Post n°106 pubblicato il 24 Febbraio 2018 da Z76cavalli1cavaliere
Foto di Z76cavalli1cavaliere

Una canzone cosa deve avere per definirsi tale?

Regalare un’emozione ,farci cantare , farci pensare e sognare , farci innamorare , farci divertire , farci invadere dalla musica che si sposa alla perfezione con le parole .

Una volta ,i cantanti ,dovevano sudarsi il contratto , girando per decine di case discografiche finchè non trovavano l’appoggio di questo o quell’altro produttore che scommetteva sulle doti canore del suo protetto.

Poi arrivarono i progetti studiati a tavolino come le boyband , stile Backstreet Boys o Spice Girl ed il relativo successo non tardò ad arrivare.

In tutti i casi , gli ingredienti per ottenere il cocktail perfetto erano la bella presenza , la dotazione canora almeno sufficiente e una musica altrettanto orecchiabile per poter confezionare un prodotto di successo.

Negli anni 60 c’erano i Beatles e gli Stones e , per entrambi , il successo era figlio di una miscela dosata sapientemente di presenza scenica , di testi e musica , perché c’era chi sapeva suonare e non si affidava ai campionatori. Gli adolescenti impazzivano per loro , che incarnavano perfettamente il senso di essere “artisti”.

Negli anni 70 c’erano gli Abba ed i Queen e , ancora per entrambi , il successo era generato di una miscela perfetta tra presenza scenica , di testi indovinati e di musicisti tipo Brian May e anche qui , gli adolescenti dell’epoca impazzivano per veri “artisti” a tutto tondo.

Negli anni 80 c’erano George Michael e Michael Jackson ,solo per citarne uno europeo ed uno americano e pure loro ci sapevano fare , unendo , ad innegabili doti canore e musicali , anche i movimenti che li hanno caratterizzati e resi unici ed indimenticabili per le generazioni di allora e quindi come non capire le orde di ragazzine urlanti ad ogni apparizione in tv o live?

Pure l’Italia sfornava i propri cavalli di razza e mi ricordo certe spillette recanti le facce di Ramazzotti uscito vincitore da Sanremo o Luis Miguel o Vasco Rossi ed anche per loro vale il medesimo mix vincente : musiche che sfondano qualsiasi barriera di gusto , testi che si fanno apprezzare e presenza.

Gli anni passano , compare Jovanotti con testi meno impegnati ma sempre con un mix che ti fa muovere il piedino sotto il tavolo e che non riesci a dimenticare , idem per i Gun’s Roses , gli Europe e via dicendo e sfido chiunque a non aver canticchiato una canzone di questi personaggi o non aver apprezzato la musica o semplicemente le movenze di Lorenzo col cappello girato o di Axel mentre canta. Le ragazzine sclerano e non possiamo dargli torto.

Il target un pochino si abbassa in modo direttamente proporzionale e quindi arrivano i vari Fedez e Kolors che ,magari saranno carenti almeno di uno dei suddetti ingredienti ma che stilano il loro prodotto in modo ordinato e si ritagliano la loro visibilità e la loro fetta di autografi.

Ciò che però non capisco è come si è scesi sempre più in basso , arrivando a rispolverare vecchi successi e farne delle cover perché non si hanno più idee , fino alla caduta libera , al punto del NON RITORNO , costituito da questo 25enne della periferia di Milano , coi capelli sporchi di vernice rossa , brutto come i debiti , che non sa cantare , si atteggia a rock star pur non avendo mai cantato un pezzo rock , parla su musichette che probabilmente sono partorite da una scheda audio di un Commodore64 e che dice di essere un mito tra gli adolescenti e , purtroppo , è vero.
Sforna dischi prodotti da chi avrebbe dovuto prenderlo a calci nel culo e rimandarlo alle scuole serali per extracomunitari (giusto per far capire il livello di cultura) e si permette di voler essere il punto di riferimento dei miei figli , lui che è ignorante come la capra cara a Sgarbi e che potrebbe essere punto di riferimento solo per chi è più ignorante di lui , ammesso che esista.

Ed è colpa nostra , che lasciamo i nostri figli a trastullarsi con internet , fertile terreno per questi debosciati senza arte né parte che , nei tempi con i quali ho esordito , non sarebbe stato degno di collegare il jack alla chitarra di Dodi Battaglia dei Pooh.

Uno qualsiasi di coloro i quali suonano nelle piazze o nelle metropolitane col cappello davanti , ha certamente più capacità di questo rampollo degli anni 2000 e sfido chiunque a contraddirmi.

Ed ora invece fa i video dove fuma bellamente degli spinelli enormi ed esibisce il fatto di essere ricco e di avercela fatta a “sfondare” , senza pensare che l’unica cosa di sfondato è il suo sedere , in quanto baciato letteralmente dalla fortuna di vivere in quest’epoca malsana e malata , dove tutte le negatività sono prese ad esempio e tutto gira al contrario.

Io , il mio dovere lo sto facendo ; i miei figli di 8 e 5 anni conoscono Thriller , apprezzano Another brick in the Wall , cantano Ligabue ed i Kiss , i Litfiba e pure Gigi D’Agostino , passando dagli U2 e gli Stadio.

Concludo con il mio appello a salvare la musica poiché questi personaggi , incapaci di fare qualsiasi cosa (egli stesso ha detto alle Iene di non saper cambiare una lampadina) , non debbano apostrofarsi a cantanti , perché se io fossi Adele o Massimo Ranieri o Bono Vox , mi vergognerei ad aver scritto CANTANTE alla voce professione , sui documenti.

Ai programmatori delle scalette musicali radiofoniche : mettetevi una mano sulla coscienza e pensate al concorso di colpa nell’omicidio della musica.

 
 
 

Magno Magnum

Post n°105 pubblicato il 11 Ottobre 2017 da Z76cavalli1cavaliere

Abbiamo, tra le nostre conoscenze, una simpatica famiglia varesina, conosciuta anni fa a Torre Pedrera , sulla riviera romagnola.

Lui idraulico dipendente in una ditta che non lo valorizza e lei impiegata, casa di proprietà ed un bimbo coetaneo del mio grande.

Abbiamo preso l'abitudine di vederci un paio di volte all'anno, una da noi verso dicembre/gennaio ed una a casa loro subito dopo o poco prima delle vacanze, specie perché non andiamo , da almeno due estati, nel suddetto mare mentre loro sono legatissimi a quel particolare e sontuoso albergo che li soddisfa in tutto, specialmente nel cibo dove lui trova rifugio dalle delusioni (parole sue) di un anno lavorativo.

Quindi ci si vede, ci si scambia qualche pensiero , si chiacchiera e si mangia.....

Premetto che mia moglie, quando vengono ospiti, comincia ad elaborare il pranzo già alcuni giorni prima ,cercando di far bella figura, offrire qualcosa di speciale, uscendo da ciò che si mangia in settimana a casa propria e di non lasciare nessun particolare al caso mentre io cerco sempre di non far mancare nulla a livello di quantità perché credo sia una sconfitta, alzarsi dalla tavola non sazi e non soddisfatti pienamente.

Ebbene, domenica siamo stati invitati dopo che loro ci avevano fatto visita a gennaio e li avevamo accolti con il solito calore, sono stati ristorati in stile ALL YOU CAN EAT e dotati di un cesto natalizio a cui non mancava nulla.

Noi ci siamo presentati con prodotti enogastronomici sardi presi durante le vacanze, un pigiama per il piccolo comprato alla Disney, una formaggella intera che avevano gradito durante il pranzo da noi, alcuni prodotti aziendali da dove lavoro ed un vassoio di pasticceria fresca assortita preso durante in percorso per raggiungere casa loro.

Arriviamo e troviamo una pastasciutta ordinaria senza alcuna possibilità di bissare , 4 braciole numerate ai ferri (siamo a tavola in 7) con contorno di patatine fritte che ho evitato di mangiare per non finirle visto che i bimbi ne vanno ghiotti ed erano MEZZA ciotola per 7 COMMENSALI.

Torniamo a casa con l'unico cadeau è costituito da un paio di macchinine per i piccoli e un calendario tascabile della Juve che ha avuto in omaggio durante una trasferta a Torino.

Alché mi chiedo se siamo noi che diamo troppo o sono certe persone che se ne approfittano e allungano la mano solo per prendere e difficilmente per dare.

Mia madre mi ha insegnato che se inviti qualcuno devi fare in modo che non si possa lamentare di nulla, che avanzi sempre vino e cibo perché l'ospite si senta importante e speciale.

Io sono un Signor NESSUNO , mica abituato a cene di gala con Tronchetti Provera , e pensavo che certe teorie che ho assimilato fossero comuni ma mi rendo conto sempre più soventemente che non è affatto così e non perché ci sono, nella fattispecie , difficoltà economiche visto che non si fanno mancare nulla dalla colazione al bar alle vacanze lussose ma forse proprio perché devono ostentare, in casa loro mangiano pane e cipolla, con tutto il rispetto per chi, come i miei genitori, ne hanno fatti di pranzi e cene così, tra di loro, per mettere via quattro soldi.

Amen.

 
 
 

O' ferryboat

Post n°104 pubblicato il 28 Agosto 2017 da Z76cavalli1cavaliere

A distanza di quasi un mese dall'inizio delle agognate vacanze , sono ispirato e voglio raccontare la cronaca di un tranquillo sabato di fine luglio di una famigliola che si appresta a godere di due settimane in una splendida regione quale la Sardegna.

Avevamo il traghetto Grimaldi Lines alle 10 da Livorno ed eravamo in prima linea,una delle prime 30 auto alle 8 di mattina , come da prassi.

Ci fanno imbarcare normalmente e troviamo una ottima sistemazione vicino alla zona giochi dei bambini.

Ad un tratto una comunicazione che ci avverte che un problema di natura tecnica (che vuol dire tutto e niente), farà slittare la partenza, e quindi l'arrivo, di 1 ora.

Cazzo!

Ho ancora 3 ore di strada una volta sbarcato ad Olbia ma va bene, sono in ferie e non voglio partire col piede sbagliato.

Pochi minuti ed una nuova comunicazione : altri 90 minuti di ritardo da sommare ai precedenti 60 e la cosa si fa antipatica.

Passa mezz'ora e c'è un nuovo dispaccio che aggiunge ulteriori 90 minuti per un totale di 4 ore.

Sclero.

Il tizio della casa mi aspettava alle 22 ed io , a questo punto , arrivo alle 22 ad Olbia.....

La gente comincia a incazzarsi e si formano capannelli di sovversivi quando un nuovo ordine arriva : 90 auto saranno scaricate per potersi imbarcare su un traghetto Corsica Ferries alle 15,30..... Io faccio due conti e mi pare di poterci essere tra i papabili ed infatti, dopo una estenuante attesa nella pancia della nave, mi fanno partire essendo io la macchina numero 88

Una colonna di auto parte, guidata dalla prima, verso un nuovo imbarco e sfrecciano tra le strade livornesi, fregandosene dei semafori e divieti.

Al porto ci fanno cambiare il biglietto da Grimaldi a Corsica e altra attesa sotto il sole finché anche l'ultimo esodato Grimaldi sale e sono le 16.30 con arrivo previsto non più ad Olbia ma a Golfo Aranci alle 22,45 e la nuova destinazione è più lontana e fa sì che il mio arrivo subisca ulteriormente ritardo.

Sbarchiamo, non un lampione, non un cartello, noi esausti con 3 ore di strada da fare e con la mia palpebra che cala stile messicano.

Ci fermiamo e dormiamo un po' per riprendere il viaggio in mattinata, con la luce di fratello sole e finalmente si arriva in questo posto incantevole, con mare cristallino e gente diluita sulla spiaggia a decine di metri l'una dall'altra.

Spesa al supermercato (esempio : sacchetto di patatine a 4,80) e pranzo con uno sfondo da rivista Alpitour ma al ritorno , scateno l'inferno e mi hanno già contattato offrendomi un bonus per l'anno prossimo ma io rifiuto....nel doman non v'è certezza ed io potrei non fare le vacanze , oppure andare in montagna e , al momento , non mi risulta che la compagnia partenopea , fornisca supporto per le Dolomiti o giù di lì.

Ci sarà da ridere.......

 
 
 

Papino

Post n°103 pubblicato il 13 Aprile 2017 da Z76cavalli1cavaliere

 

Auguri papino , come ora dice il mio piccolo a me.

Sei restato solo papà per me perchè non sono riuscito a farti vedere coloro i quali porteranno avanti il tuo cognome come tu avresti desiderato , dei quali saresti stato orgoglioso e saresti tornato un po' bambino , tu che eri uomo tutto di un pezzo , di quelli di una volta che “guai a mostrarsi teneri” ma con loro ti saresti sciolto e lo so che quella lapide , con scritto “nato il 3 dicembre 1932” , a cui mandano loro baci misteriosi e sorrisi sinceri , non resta insensibile.

Ciao Nonno Rocco , ciao papà e auguri



Nel giorno della festa del papà , ecco un pensiero per te che mi hai lasciato 16 anni fa.

I ricordi cominciano ad avere contorni ingialliti e spesso capita di non ricordare certi particolari avendo in mente , ben stampato , un immagine , un episodio ma di non ricordare in modo esatto ogni dettaglio.

Mi è capitato proprio in questi giorni di trovarmi a portata di click alcuni video salvati nel mio pc e riguardanti i miei nonni materni scomparsi nel 1992 di cui avevano fatto alcune riprese Caino e consorte con la videocamera che avevano ai tempi e di cui io , non potendomela permettere , ero sprovvisto.

L'ho rivisto dopo anni e con mia sorpresa c'eri anche tu , papà.

Emozionante rivederti sorridere , ripetere le parole alla nonna un po' dura d'orecchi , incrociare il tuo sguardo e incorniciare un attimo estivo in quella casa all'ultimo piano di via Arena quando avete portato il gelato a quei due vecchini che non se lo compravano mai , quasi facessero un torto a qualcuno se si concedevano qualcosa.

Bello porterti far conoscere ai tuoi nipotini e far vedere chi era il loro nonno , tu che ti saresti esaltato a vedere il mio guerriero combattere , tu che saresti stato orgoglioso di portarteli a passeggio con il fedele Fido.

Purtroppo il destino non ci ha concesso questo piacere ma Io ti riincontrerò un giorno... ma non ancora.

Non ancora.

 

 
 
 

In questo mondo di LADRI

Post n°102 pubblicato il 13 Aprile 2017 da Z76cavalli1cavaliere

Dall'ultimo post ne è passato un pò di tempo....

Abbiamo sfrattato l'inquilino moroso che occupava ormai da mesi l'appartamento che abbiamo in centro a Bergamo e , dopo esserci affidati ad un solerte e giovane legale , il 31 dicembre , tramite la sua compagna , ci ha fatto riavere le chiavi sottolineando che non erano più insieme.

La suddetta , aveva ricevuto una telefonata dall'avvocato e si era presa la briga di chiedergli se fosse un legale vero o meno , come se non fosse possibile che li avessimo sfrattati veramente ma solo un escamotage per liberare la casa e fare loro paura.

Dopo aver avuto conferma dell'iscrizione all'Albo , lei si era spacciata per DOTTORESSA mentre è una semplice badante , lontana anni luce dalle badanti che fanno perdere la trebisonda ai maschietti di una certa età poichè è un incrocio tra Sconsolata e la Litizzetto.

Ci devono 5500 euro e perdiamo tempo a fare i giochini?

Ebbene ci ridanno le chiavi e, una volta rientrati troviamo il deserto dei Tartari : si sono fregati tutto , tende , posate , pentole , le presine della cucina , lo specchio del bagno , il divano-letto , tavolo e sedie , pure lo scovolino del wc , oltre ad aver registrato una miriade di micro-fori praticati nel muro , come se avesse messo milioni di quadri , come se fosse un'opera d'arte moderna  , ipotesi subito scartata poichè non sono in grado di distinguere un cerchio da un triangolo.

Abbiamo fatto regolare denuncia , sempre tramite avvocato e, incrociando le dita , da aprile , dopo aver riacquistato tutto , abbiamo messo a reddito tramite un altro ragazzo.....speriamo a questo giro , di essere più fortunati.

Una volta avute le chiavi , i balordi si sono guardati bene da farsi vivi o di dirci dove avrebbero sbarcato il lunario e quindi , visto che la denuncia ha valenza diversi anni , confidavamo unicamente nelle ricerche delle Forze di Polizia.

Tutto ci aspettavamo tranne che avesse ragione mio padre quando , in dialetto lucano , usava dire per coloro i quali fosse venuto meno il senso del pudore , della civiltà o semplicemente che si dovessero vergognare , che perdessero il senso e la misura e mettesero la faccia dietro la nuca (risparmio di riportare l'espressione letterale).....

Sono venuti ad abitare a 50 metri da casa mia : se esco dalla mia via ed alzo lo sguardo , vedo il loro balcone agghindato da quel tendone a strisce verticali verde e bianco ed una serie di pupazzi gonfiabili che , con ogni probabilità avranno per lui anche altri utilizzi vista lo scarso appeal della signora.....

Non ci siamo ancora affrontati faccia a faccia e spero che il loro dio non li consigli erroneamente di rivolgermi la parola , magari con quel sorriso marciulento ed ebete ma prima o poi troverò qualcuno sui miei passi e lì ci sarà da ridere.

Ladri e facce di m...elma , dai che è Pasqua e bisogna essere buoni

Auguri

 

 

 

 
 
 

sfiga a grappoli

Post n°101 pubblicato il 10 Novembre 2016 da Z76cavalli1cavaliere

Mia nonna Camilla mi diceva che lassù in cielo esistono 2 libri dove sono segnati i fortunati e gli sfigati e noi facciamo parte della seconda edizione......e nemmeno ora che lei non c'è più, riesce ad intercedere per una migrazione da un volume all'altro.

Dopo gli allagamenti in taverna, le automobili che bruciano on the road , assicurazioni che non pagano , preventivi che lievitano sempre, gente mai puntuale e poco affidabile che cerco con lanternino e tutta la negatività che mi accompagna sempre, oggi suonano alla porta e mi arriva la famigerata lettera dell'agenzia delle Entrate che mi richiede 1471 euro che a loro dire ho riscosso senza averne diritto, visto che non posso aver evaso nemmeno volendo.

Una esperienza che mi mancava nella mia lunga carriera di sfiga nera.

Ovviamente ho allertato il commercialista e domani gli giro la suddetta comunicazione e vediamo il da farsi.....visto che lo ha compilato lui, ne è responsabile e se non si risolve, il mio avvocato avrà la terza pratica da sbrigare, dopo il tizio della caldaia e per lo sfratto dell'inquilino moroso.

Senza parole

 
 
 

senza speranza

Post n°100 pubblicato il 26 Ottobre 2016 da Z76cavalli1cavaliere

 

In che epoca viviamo?

Quali sono le speranza vere che ci portiamo per il futuro?

Mangiamo alimenti contaminati da pesticidi che importiamo da ogni angolo del mondo dove tutta la chimica è possibile e lasciamo marcire le produzioni nostrane

Siamo schiavi della tecnologia che occupa ogni istante della nostra frenetica vita e lo smartphone , i social , i selfie , e i reality , sono una ragione di esistenza

Siamo circondati da guerre sanguinose e ravvicinate dai media ma riusciamo tranquillamente ad ignorare e girare la faccia altrove ; i bulli imperano nelle scuole ed i furbetti la fanno da padroni sulle strade dove nessuno rispetta le più basilari regole.

L'acqua è inquinata da industrie che non pensano che è il bene più prezioso che abbiamo.

Immondizia ad ogni angolo delle strade , miseria e squallore.

Fabbriche e case abbandonate e degrado nelle periferie.

Masochismo irriducibile per chi fuma , chi si droga , chi si infetta apposta ; malattie nuove per noi , le coltivazioni e gli animali ,

Famiglie irriconoscibili da quelle tradizionali e tradizioni calpestate da tutti , politici , benpensanti e globalizzazioni irrazionali.

Femminicidi giornalieri , violenze sui bambini e sugli anziani e comunque sui deboli o chi abbozza una protesta.

Gente che si ammazza perchè perde lavoro o casa e gente che è orgogliosa delle proprie malefatte e che non pagherà mai o mai abbastanza per le lacrime che hanno fatto scorrere.

Avvoltoi che si aggirano tra le macerie del terremoto , gentaglia che lucra sulla solidarietà delle persone perbene.

Meritocrazia valida solo altrove mentre in Italia vince sempre il più scaltro , quello con più conoscenze e i criminali che trovano terreno fertile , consci di una giustizia mai equa e mai rapida.

Uno stato sempre dormiente , sempre paradossale , sempre macchinoso e cieco che colpisce e coglie i frutti più bassi di un albero sempre più raggrinzito e le mele più rubiconde e succose restano intoccabili sui rami più alti.

Un Pontefice che predica carità e pace e cardinali e vescovi che vivono come imperatori navigando in lussi sfrenati , abitando in realtà lontane anni luce dalla parola del Vangelo e ponendo il dio denaro sul loro personale podio mentre poveri preti di paese o piccoli missionari sudano la loro virtù.

Basta porsi alla visione di una puntata delle Iene o di Report per farsi venire il voltastomaco tra ciò che abbiamo appena mangiato al paese che abitiamo ricchi di contro e poveri di pro.

Onestamente , in cosa possiamo sperare ? Che futuro sto preparando per i miei figli?

Un mondo sporco e confuso , un mondo di lobby bancarie , di notizie false , di promesse mai mantenute , di segreti di stato , terre dei fuochi , mafie intelligenti e nuovi santoni ma solite pecore.

Magari è un pensiero malinconico dettato dalla giornata , da ciò che vedo attorno a me , ma una volta c'era speranza nel domani , si poteva progettare uno straccio di futuro ma adesso è tutto in bilico , incerto e tutta la vita su cui poggiamo le nostre convinzioni , sono travi ballerine.

Ora vivo per i miei piccoli , cercando di dargli armi e cultura per difendersi , per sopravvivere in questa che è la vera giungla , non quella appena smantellata in Francia.

Sono nauseato

 

 
 
 

schiavi della macchina

Post n°99 pubblicato il 18 Settembre 2016 da Z76cavalli1cavaliere

Solita solfa.

In Italia ci si lamenta dei parcheggi ma dove ci sono , si snobbano perchè si vuole parcheggiare nel punto più vicino a dove si deve andare.

Cimitero di Bergamo : un mega parcheggio appena passate le striscie pedonali ma deserto o utilizzato da pochi temerari perchè il resto di coloro che svolgono il triste saluto , hanno parcheggiato negli spazi di fronte ai fioristi oppure , i più furbi , le menti sublimi , appena fuori i cancelli del Camposanto , infischiandosene del divieto a chi non munito delle necessarie autorizzazioni.

Stessa minestra nei centri commerciali.

"figuarati se lascio la macchina così lontano" avrà detto quello col suv di stamattina che ha parcheggiato sui posti per le moto davanti al centro Auchan di Curno.....come se fosse un diritto proporzionale ai CV o al costo del veicolo , il poter parcheggiare in modo comodo.

Questo poi , mentre sopraffina , ha spostato il mezzo non appena si è liberato il posto davanti l'uscita di emergenza della lavanderia che era all'ombra ma tristemente occupato da un altro intelligentone anche lui alla guida di un macchinone teutonico.

Io resto interdetto e mi chiedo se è giusto sentirmi scemo.

Sensazione simile quando vado a prendere o portare mio figlio a scuola che trovo il marciapiede , delimitato da una semplice striscia di segnaletica orizzontale , occupato da premurosi genitori che si preoccupano che il proprio virgulto percorra meno asfalto possibile carico com'è del peso della cultura che manca a chi ha dato loro la vita.

Non ne parliamo se poi dovesse piovere.....il marciapiede suddetto sembra il casello Telepass di Melegnano nei giorni del bollino nero.

Io , scemo , sempre a parcheggiare nei posti stabiliti dalle regole della strada e mio figlio che mi chiede perchè anche io non ho messo la macchina vicino , come gli altri genitori , più intelligenti.

I vigili , ovviamente sono impegnati a far cassa multando chi è andato a fare la spesa al discount ed ha omesso di esporre il disco orario e le poche volte che li ho visti presenti , sono stati buggerati dai furbetti che parcheggiano ugualmente in zone vietate ma al riparo da occhi indiscreti.

La morale?

Lavori per comprarti la macchina per andare al lavoro

Non c'entra nulla ma l'ho letta su un muretto e ci stava bene

 
 
 

ultimo ma splendido splendente

Post n°98 pubblicato il 22 Agosto 2016 da Z76cavalli1cavaliere

Qui , in vacanza a Margherita di Savoia , siamo a 100 km dal paese nativo di entrambi i miei genitori e dove sono sepolti i nonni paterni e vivono alcuni parenti come zie e cugini con cui, tempo fa, ci sono state questioni di eredità con mio padre ed io, logicamente, mi ero schierato coi miei ed avevo subito l'esclusione dalla lista degli invitati ai matrimoni delle 2 suddette cugine mentre chi in famiglia è tutt'ora più furbo, è stato convocato ed ha presenziato nonostante il dissenso di mia madre.

Ma il tempo passa e questo sgarro è dimenticato.

Ho comunicato a mia madre l'idea di andare a deporre un fiore sulla tomba e, ovviamente dopo un istante, il tamtam è partito e le cugine hanno espresso via WhatsApp il desiderio di vedere i miei piccoli dopo che non avevano mai manifestato un grande interesse.

Io ho rifiutato la carrambata e dopo 2 ore di viaggio tra paesaggi splendidi, colture arse dal sole, paesi molto belli tipo Minervino Murge o Spinazzola , mi sono presentato al Cimitero rendendo visita ai defunti.

Piccolo tour del paese per vedere la casa che avevamo ereditato e che siamo stati costretti a regalare alle gentili cugine e qualche incontro piacevole con comari e vicine di casa, sinceramente felici di vedermi ma....... ovviamente tutti, quando ho spiegato di chi fossi figlio, hanno formulato subito il nome di colui che mi precede in ordine di nascita, sempre così scaltro a farlo in tutto, anche nelle classifiche dei ricordi....di me non si sono ricordati i parenti diretti, come potevano farlo altri?

Pazienza, sopravviverò anche a questo.

Due ore di incursione e di nuovo in auto verso il nostro mare e dopo 10 minuti una telefonata della zia che si risente per la mancata visita ai vivi dopo i trapassati.

Le ricordo che sta parlando col piccolo, quello emarginato dai ricevimenti e che il richiamo del sangue di cui va farneticando, doveva averlo anche prima e non per salvare le apparenze con gli altri paesani a cui non è sfuggito la mia mancata tappa.

Con la tua Mastercard puoi comprare tutto, tranne me......

Sono stato splendido

 
 
 

Caso Guidi, Renzi: nessun reato, ma telefonata inopportuna

Post n°97 pubblicato il 01 Aprile 2016 da Z76cavalli1cavaliere

Solito senso di vomito .....

I politici sono ciò che siamo noi ma la differenza è che LORO fanno ciò che faremmo noi e noi continuiamo a prenderlo lì.

Nessun reato , ci mancherebbe che uno di loro si macchi di azioni deprecabili ma se analizziamo con attenzione le cose , il pilotare un giudizio sfruttando la propria posizione , non è una cosa proprio da applausi

Mi fate tutti schifo , tanto schifo.

Solo i 5 stelle sono una speranza , gli altri una triste recita di quint'ordine

 
 
 

Benvenuti a sti frocioni

Post n°96 pubblicato il 05 Febbraio 2016 da Z76cavalli1cavaliere

 

Ormai va di moda il diverso , l'opposto , l'inverso.

Tutto va al contrario e nessuno se ne cura , nessuno se ne preoccupa.

E' di pochi giorni fa la polemica tra Sarri e Mancini si è aperta una diatriba incredibile sui gay , poi ci si accoda il Family Day e vai di polemiche e opinioni contrastanti.

Poi c'è la proposta di legge per adottare il figlio del compagno in una coppia omosessuale.....

Dobbiamo concedere ai gay di potersi sposare , non possiamo essere sempre “indietro” rispetto agli altri paesi dove questo è concesso e normale.

Ecco la frase che mi fa imbestialire : SIAMO INDIETRO

ma chi stabilisce se stiamo indietro o avanti ?

E avanti sarebbero i paesi che stravolgono il senso del matrimonio?

E' sempre stato chiamato matrimonio un unione di una coppia e anche questa ultima parola spero non si stravolga.....la coppia è 1 maschio ed 1 femmina , la coppia di scarpe è il destro ed il sinistro....mai 2 cose uguali.

E poi io credo che sia davvero una ipocrisia guardare alla Spagna che fa sposare i gay come uno stato AVANTI ma scegliere il MADE IN ITALY , i prodotti controllati che vengono fatti qui , con le leggi rigide sull'igiene , sulla tutela dei malati che possono denunciare un medico negligente che non trovate all'estero dove tutto è concesso e tutto blando.....ma ovviamente dove fa comodo siamo avanti , altrimenti un popolo di trogloditi perchè i gay non possono avere i diritti delle coppie etero.

Poi vorranno i figli e qualcuno già ce li ha.....normale vero?

I figli sono un dono , non un diritto , non un modulo da compilare e vederselo recapitato da un utero affittato o un donatore finlandese.

Alle Iene hanno mostrato la storia di 2 omosessuali che hanno avuto un bimbo in America e lo hanno strappato alla madre biologica , VERA , dopo pochi giorni , forse 2 settimane ed era una cosa logica per loro , ma guai a chiamarlo UTERO IN AFFITTO perchè non si può ridurre la donna a un “dolce forno Harbert” …...peccato però che hanno fatto proprio questo e per di più PAGANDO....davvero edificante per la donna in questione e per il senso della parola MADRE.

E anche quando hanno chiesto se il bimbo non avesse sofferto o non avrà traumi , hanno fatto spallucce.

Chiamiamo le cose col proprio nome e finiamola con sti OMOFOBI.....a me i gay non piacciono ma non mi fanno affatto paura : la fobia , dal greco , FOBOS , è paura di qualcosa e non mi fanno paura per nulla , al massimo mi fanno pena quando vedo certi atteggiamenti da checca o che parlano al femminile tipo Vladimir Luxuria o mi fanno schifo quando , come certi miei ex amici , fanno delle avance pur sapendo perfettamente che non avrebbero mai dovuto.

Fino a pochi anni fa , essere gay era una vergogna.

Non dico che deve essere sempre così , ognuno è libero di fare l'amore come crede ma certe esibizioni , il fatto che ogni trasmissione deve avere un gay ,comincia a stufare.

Platinette avrebbe avuto lo stesso successo se si fosse presentatO al naturale?

Costantino della Gherardesca ha qualche dote particolare o non fa il commesso in una profumeria solo perchè è gay?

Il matrimonio è solo per le coppie etero , idem per i figli.....se la tua natura non te lo consente , non puoi averli , rassegnati a non avere il giocattolino !!!!

Ultimo appunto : se dire FROCIO a qualcuno è un offesa , allora essere gay non è , sotto sotto, una cosa positiva perchè se a un gay dicono ETERO , non credo si scandalizzi nessuno.

Se GAY è un offesa allora lo è anche esserlo e quindi accordiamoci e capiamoci.

 
 
 

mai contenti

Post n°95 pubblicato il 07 Gennaio 2016 da Z76cavalli1cavaliere
Foto di Z76cavalli1cavaliere

Finalmente 5 minuti per scrivere 2 righe e prendere contatto col mondo esterno.....

Passato Natale e Capodanno e le vecchie abitudini di criticare tutto e tutti non ci abbandonano.

Oggi voglio parlare della polemica contro i calciatori che come Quagliarella ieri , non ha esultato al gol contro la sua ex squadra ed ha addirittura abbozzato un gesto di scuse.

Ma io dico , possibile non si è mai contenti?

Se sono violenti non va bene e siamo d'accordo ma..... se scherzano con gli avversari a fine gara , non va bene perchè?

Non si era sperimentato il TERZO TEMPO come per il rugby?

Una volta finita la battaglia agonistica e sportiva , si torna uomini e amici e si può bere una birra al pub come oltremanica , da cui tanto vorremmo imparare?

Direi di sì , che male c'è?

A patto , ovvio che si dia il massimo nei 90 minuti.

E il discorso esultanza?

Malesani non andava bene perchè esultava troppo , Icardi che aveva esultato contro i suoi ex tifosi blucerchiati nemmeno perchè mancava di rispetto , questi tipo Quagliarella o non esultano e fanno male , ma io dico che chi vince ha il diritto di fare ciò che crede , se ha segnato alla sua squadra del cuore , si è comportato bene sul piano atletico e professionale , il tifoso ha goduto , che male c'è se non esulta pur avendo fatto il suo dovere?

MAI CONTENTI

 
 
 

scarpe e rogo

Post n°94 pubblicato il 20 Ottobre 2015 da Z76cavalli1cavaliere
Foto di Z76cavalli1cavaliere

 

Non una settimana da ricordare la mia finora e la cosa che mi spaventa è che siamo solo a martedì....

Ieri vado a prendere il mio primogenito di 6 anni in palestra dove , alla fine della lezione di judo , lo aiuto a rivestirsi e non perdersi in chiacchiere con gli altri bimbetti e , arrivati al momento di calzare le calze e le scarpe , da sotto la panca mi accorgo che fa capolino solo 1 delle sue Reebook verdi e blu.

Cerco meglio e in me si fa strada il ricordo dei 2 lunedì precedenti quando avevo sentito di scherzi idioti ai danni di altri bimbi con le scarpe o i sandali , gettati sempre nel water adiacente lo spogliatoio suddetto.

Quindi , memore di questo , mi dirigo nella toilette in questione ma i simpatici burloni si sono voluti superare con noi e la scarpa mancante non galleggiava nel water e nemmeno era nascosta tra le borse o in giro.

Volatilizzata.

Torno a casa tra la rabbia mia e un velo di tristezza del mio bimbo che nella sua innocenza non ci capisce del fatto che debba tornare a casa , una sera d'autunno , scalzo da un piede.

Amen , pensiamo alla salute e non rodiamoci il fegato.

Stamattina parto per andare al lavoro e dopo qualche chilometro inizio a sentire puzza nell'abitacolo.... eppure ho fatto la doccia ieri sera....abbasso il riscaldamento che solitamente non accendo mai ma la puzza aumenta e compare pure il fumo.

Il volante si irrigidisce e quindi faccio per fermarmi ma pure i freni non funzionano.

Sterzo a fatica a desta in una strada secondaria e tiro il freno a mano ma non funge....

Mi fermo ugualmente perché andavo piano e scendo , cerco di capire che succede ma vedo che il fumo avvolge tutto l'abitacolo uscendo dalle bocchette del climatizzatore e quindi desisto da voler fare l'eroe e vedo che compare una fiammella sempre più consistente..... compongo il 115 mentre la macchina se ne frega del mio stupore e comincia a bruciare seriamente mentre le macchine che passano guardano curiose e qualcuno riprende col telefonino per dare un senso alla propria giornata.

Qualche minuto e i Vigili del Fuoco arrivano , le fiamme sono alte alcuni metri e loro spengono l'incendio non senza impegno......la macchina è un mix di plastica bruciata , acqua ovunque , fumo acre e tutto appare come un sogno di fine nottata quando la sveglia ti interrompe l'incubo e capisci che non è nulla vero ma qui il suono odioso del gallo tarda ad arrivare e capisco che è vita vera e che se fossi stato in autostrada a 110 kmh , senza freni , a quest'ora sarei sdraiato su un letto di obitorio con un numero sull'alluce....

Causa ?

Effetto?

Sfiga , solita , sorella sfiga.

 
 
 

la tedesca e la zitella demente

Post n°93 pubblicato il 16 Ottobre 2015 da Z76cavalli1cavaliere

 

Strano posto dove lavoro.

Ci sono tanti personaggi , stile puffolandia , stile picola bottega degli orrori e degli errori.

C'è una sposina 50enne , una divorziata , una neomamma , due sorelle , una tedesca , un tizio che dicono sia omosessuale , un chitarrista anni 70 single e senza patente per scelta e io che forse sono il meno equilibrato mentalmente.

Amalgamare tutti questi cervelli , per chi ne possiede uno , è dura e spesso mi trovo a discutere con il pseudo gay che insiste a chiamare RAGAZZA un tizio meshato con cui esce o a parlarci in modo normale , visto che è molto volubile di umore.

Poi capita che parli con la tedesca che ha il tavolo di lavoro proprio davanti alla macchina del caffè e allora si scambiano due parole mentre sorseggio e scappo via.

Anche le due sorelle sono simpatiche e ci parlo volentieri quando le incrocio in mensa piuttosto che in magazzino o in ascensore.

Una delle due , la più vecchia e zitella , ho un rapporto confidenziale , mi racconta delle sue delusioni amorose , del fatto che ha perso il ragazzo e che , vivendo in casa con i suoi , non è facile....parliamo spesso e volentieri e spesso ridiamo del suddetto collega che lei non risparmia con battute velenose e ci iniziamo a scambiare sms e Whatsapp dove lei impersonifica lui e conferma , per ridere, tutto ciò che sostiene ossia che mi vuole assolutamente fare suo poiché ogni volta che io lavoro di spalle a questo personaggio ambiguo, lei dice che lui mi guarda voglioso e me lo riporta la sera via messaggio.

Capita però che mia moglie legga dei messaggi e dopo che le ho spiegato questo gioco idiota , la cosa va piano piano esaurendosi per evitare cattive interpretazioni.

Nel frattempo la zitella e la tedesca litigano e non si parlano più ; il tutto per una battuta infelice , magari fraintesa , che la zitella non le perdona e quindi si apre la guerra fredda e gelida come la campagna di Russia.

Io che non mi interesso a cose puerili , continuo a bere il caffè davanti alla tedesca e a parlarci se capita ma la zitella non gradisce che qualcuno possa andare d'accordo con chi non le sta a genio e quindi inizia a serpeggiare la voce , creata ad arte , che io me la intenda con la teutonica collega e che addirittura quando lei va in ospedale per seguire delle cure una volta alla settimana ed io , magari lo stesso giorno sono in giro a consegnare ,ci si veda in modo clandestino o che se potesse parlare l'ascensore , arrossirebbe da ciò che facciamo nei 10 secondi che impiega per andare dalla produzione al magazzino.

Io per evitare queste voci , dico alla tedesca di non salire e lei avverte il Boss che ci convoca ed ascolta la storia che è orfana del nome della zitella che non ho fatto per evitarle di essere licenziata in tronco poiché a 45 anni suonati non sarebbe facile e se ci mettiamo il fatto che alla tedesca le sono state recapitate 4-5 lettere anonime dove si informava il marito della presenza di un amante più giovane , la posizione si aggrava ma non facendo nomi e non indirizzando sospetti pensavo di far cadere la cosa come un momento di follia.

Passata la burrasca , la zitella torna alla carica e si inventa che stavolta ho una relazione proprio con lei ed avvalora la tesi con quei messaggi che arrivavano sul suo telefono ma erano frutto di uno scherzo alle spalle del collega “diversamente normale”.....immagino che abbia fatto questo perchè , in lotta con la tedesca e convinta che tutto il mondo cospiri alle sue spalle , vede in un semplice rapporto tra colleghi un momento di ilarità e derisione nei suoi confronti.

La cosa peggiora considerando anche che , in momenti in cui le funzionava ancora il cervello , c'è stato un periodo in cui lei aveva il telefono fuori uso e poi anche mia moglie e quindi io le avevo prestato uno dei miei e lei ne aveva dato , in periodi diversi , uno alla mia compagna.

Ebbene non so come abbia fatto ma ha scovato dei numeri , dei contatti e dei messaggi che poi mi ha sottoposto ed ora ne dispone come crede , per usarli contro di me e perseguire un obiettivo che ignoro quale sia.

La cosa assurda è che sta usando armi subdole contro di me e la tedesca mentre io potrei controbattere gridando ai quattro venti che so della sua storia con una ragazza che ha prestato servizio da noi per qualche mese e che era dichiaratamente lesbica ed impegnata....nessuno sa di quelle sere che usciva nottetempo per incontrarsi e darsi ai giochi saffici per poi essere stoppati bruscamente dall'arrivo inaspettato della ragazza di lei con la relativa chiusura delle trasmissioni non prima di aver usato nuovamente quei maledetti messaggi MIEI per uscire da quella situazione e dimostrare che era solo una divagazione sul tema.....

Cosa direbbe la sorella se sapesse che ha provato certi piaceri proibiti , come li ha descritti la diretta interessata?

Ed i genitori?

E se dicessi ad ognuno dei colleghi e dei capi ciò che , durante le nostre chiacchierate , mi confidava?

Io non sono un infame , io tengo i segreti che mi vengono affidati ma perchè questa cattiveria nei miei confronti?

Non è che in fondo la zitella ha delle mire proprio verso la tedesca e per paura che veramente io possa essere interessato (cosa impossibile) , mi voglia estromettere dall'azienda come dagli ultimi messaggi che mi ha mandato , invitandomi a cambiare lavoro perchè non sopporta di vederci parlare , anche se solo di lavoro?

Ora che farà?

Dove vuole arrivare?

Spero la investa un pullman....solo allora il suo cervello bacato troverà pace

 
 
 

Marlon Brando č sempre lui.....

Post n°92 pubblicato il 20 Settembre 2015 da Z76cavalli1cavaliere
Foto di Z76cavalli1cavaliere

Ieri sono stato a Campovolo per la consueta festa di Ligabue.

Non ci hanno invitato espressamente ma eravamo 2 delle 150000 anime che hanno fatto chilometri , pagato un biglietto di ingresso non proprio a buon mercato e atteso ore ed ore sono un sole piuttosto caldo.

A parte che io non reputo normale tributare un onore simile (non la mia presenza , ci mancherebbe ) come uno spiegamento di sicurezza , servizi vari disseminati ovunque e una serie di azioni indotte , dagli ingorghi autostradali ai disservizi per gli altri , tutto per una persona sola che oltre che di una voce non proprio da usignolo , non è dotata.

Perchè ho speso soldi e tempo per andare a seguirlo nelle sue terre emiliane?

Per amore , per non farla andare sola.

Ma che tristezza vederlo così invecchiato e non scorgere quell'espressione furba e sveglia di quello che vuole arrivare , del ragazzo di campagna che vuole entrare nel giro che conta e scalare il successo.

Ora c'è un uomo serio che si plagia nella gloria e gode , giustamente , del tributo d'affetto che migliaia di persone gli riconoscono da ogni dove , solo perchè si rivedono nascosti in una strofa piuttosto che in un altra ma quasi sempre datata , quasi mai recente perchè anche lui , come altri e come la moda del momento detta , pur fregiandosi del titolo di cantautore , farcisce i suoi vuoti di ispirazione con quel tributo a quella band piuttosto che a quell'altra così come ha farcito di silenzi interminabili le pause fisiologiche tra una canzone e l'altra.

Uno spettacolo degno di un dj arrangiato all'ultimo per una festa di scuole medie.

E poi vedere Ligabue vero che fa capolino dai maxischermi alle spalle di quello canuto ed ansimante , stringe il cuore.

Scorgere un ragazzo dalla lunga chioma corvina , con orecchino di rigore e stivale da cowboy che ti intona A CHE ORA è LA FINE DEL MONDO e vedere lo stesso personaggio ripulito e a modo che , con la stessa voce , ci canta sopra , lascia di stucco.

Il tempo passa per tutti , inesorabile ed a me lascia un dolore nuovo al mese e l'adipe di quello che lavora e non ha tempo per tenersi , ma i personaggi....

Per farla breve non dico che non hanno diritto ad invecchiare ma secondo me dovrebbero essere come il pubblico che li ha innalzati , li ha conosciuti , fare la stessa musica , insomma essere se stessi , ammesso che lo erano e non recitassero una parte ingannevole per la fama.....

Voglio ricordarti così

 
 
 

asilo e scuola

Post n°91 pubblicato il 01 Settembre 2015 da Z76cavalli1cavaliere

Domani il mio piccolino comincia l'asilo

Imbocca una strada senza ritorno che pian piano si staccherà dalla mia e , come canta Elisa in A MODO TUO , comincerà un cammino personale dove non ci sarò più io a fare da battistrada perchè ognuno cammina da se.

Sembra ieri che sono nati entrambi e vederlo con quel grembiulino dove ci sta 3 volte perchè nonostante sia la taglia più piccola , lui è mingherlino , ti apre il cuore e gioisci con un retrogusto amaro.

Quello grande invece , è sulla rampa di lancio per la prima elementare e anche qui , nuove emozioni , diverse , forti.

Mi ricordo quando è nato , quel batuffolo insanguinato ed ora va a scuola e per Natale , dovrebbe , secondo altri genitori che sono più ferrati di me , già saper leggere.

Sono miracoli che si compiono tutti i giorni , vedere due ometti che ti baciano che vedono in te un modello da seguire e imitare , ti riempie di gioia e responsabilità e ti fanno sentire , ad ogni tappa importante come queste , un pò vecchio e un pò patetico perchè mai vorresti che quei piedini crescessero e che quelle gote lisce e vellutate avessero peli e barba pungente.

Come siete leggeri nei vostri pensieri , come siete trasparenti e ingenui ; come vi fidate ciecamente di me quando vi lanciate dai giochi al parco e come parlate di me che "andrò in cielo" quando voi sarete grandi grandi....mi sopravviverete e spero di poter vivere ugualmente nei vostri cuori , ogni giorno.....

Ma la vità è questa e la mia ruota gira in modo regolare , sperando di non essere ancora a metà.....

Vi amo , piccoli miei.

Con tutto me stesso

 
 
 

viva la spusa

Post n°90 pubblicato il 01 Settembre 2015 da Z76cavalli1cavaliere
Foto di Z76cavalli1cavaliere

Il dado è tratto....sono sposato.

Dopo 13 anni di fidanzamento , 8 anni di vita assieme , 2 figli , mille lavori in casa , mille viaggi , migliaia di chilometri , tanti pianti e tante risate , innumerevoli birre e Cocacole , canzoni a manetta e regali sorprendenti , ci siamo caduti.

Giusto per non dare da pensare pensieri errati , la cosa è durata 15 minuti circa , tutto easy , nessuna bomboniera , nessun confetto , nessun banchetto nuziale , nessuna limousine o calesse con cocchiere.

Nessun invitato quindi nessun estromesso....manco mia madre è venuta , perché a 74 anni , era "impossibilitata" a partecipare (come da comunicazione cartacea)....ma vuoi mettere la presenza di due "corazzieri" di 5 e 2 anni?

Un sogno sempre....sognato....

Testimoni i miei carissimi vicini di casa Paolo e Angela.

Per questa prima sessione è sufficiente così , poi un giorno faremo in chiesa , con fiori sanremesi , tenore per l'Ave Maria , Rolls-Royce guidata da Vettel , catering supervisionato da Cracco e Vissani e il sig. Bulgari a curare le fedi ma non ancora , non ancora.

Viva la "spusa".

 
 
 

regole alla guida

Post n°89 pubblicato il 01 Settembre 2015 da Z76cavalli1cavaliere
Foto di Z76cavalli1cavaliere

Purtroppo le regole le devono rispettare tutti ma infrangerle ha un sottile piacere e per qualcuno che assiste , pare sia normale o scusabile.


Ieri ai fuochi allo stadio , formicaio di persone e auto e parcheggi
stracolmi. Io trovo posto in un parcheggio quadrato dove esci dallo stesso punto da dove sei entrato ma è a senso unico , indicato da un cartello visibile all'ingresso.

Finiti i fuochi recupero l'auto e mi faccio la coda per uscire. A 2 auto dal varco , una delle prime macchine parcheggiate , anziché attendere in fila , fa per immettersi ed è a pochi metri da me. Ridono , una coppia sui 30 con i bimbi.

Mi avvicino tallonando chi mi precede e ad 1 metro dai furbi sulla ClasseA , abbasso il vetro e dico : IO NON MI FERMO , TI VENGO ADDOSSO lui pensa che scherzi ma sono furente e lui parte a urlare che tanto arrivo a casa 1 minuto prima di lui e che sono un coglione.


Io rispondo a tono e gli dico che se vuole fare il furbo lo faccia con uno più fesso di lui , ammesso che esista e lui sgasa come se volesse speronarmi ed io lo invito a farlo sotto lo sguardo dei suoi e i miei bimbi.

Ovviamente nessuno di quelli dietro me che si sono fatti la coda e lo stavano prendendo LÌ , hanno proferito favella.


Lui forza ma calcola male le misure e gratta sotto con sul massetto che recinta il parcheggio e inveisce mentre io gli chiedo dove avesse comprato la patente.

Fuori sempre coda ed io faccio passare tutti quelli che si possono immettere e lo chiedono gentilmente ma i prepotenti e i furbi avranno sempre un nemico in me.

Senza paura.


Prima o poi , ovvio , arriverà un energumeno da cui le prendo o un albanese armato che mi farà aprire STUDIO APERTO ma non porgo l'altra guancia.

Io no

 
 
 

Clandestino

Post n°88 pubblicato il 01 Settembre 2015 da Z76cavalli1cavaliere
Foto di Z76cavalli1cavaliere

Rivoltante.

La notizia del duplice omicidio di Catania è semplicemente rivoltante visto la modalità dei fatti e l'potesi di violenza sessuale sulla signora settantenne.

Il possibile autore di questa mattanza è il solito extracomunitario accolto a braccia aperte e tenuto sotto la gonnella di uno stato di miseriordiosi con il prossimo non coi propri figli e così , con la scusa che anche noi siamo emigrati ai nostri tempi , allora ci tocca star sotto e contare mentre loro si nascondono fuori dalle nostre case e cospirano reati , spacci , furti.

Non tutti , per l'amor di Dio!

Ci sono anche quelli come l'eroico muratore ucraino che abbandona la figlia di 1 anno nel carrello con la spesa appena effettuata e si lancia per sventare una rapina che poi finisce con la sua uccisione.....un vero EROE , con la E maiuscola.

Ma quanti stranieri ci sono arrivati come Anatoly Karol?

Una percentuale come il sodio contenuto nell'acqua Lete.

Il resto è feccia che stupra donne , che le condanna ad una vita di soprusi domestici , che ciondola sulle panchine dei parchi con la birra in mano tutto il giorno , che non paga sul bus , che non ha rispetto degli arredi urbani , che sputa per terra , sulla terra che i nostri nonni hanno difeso col sangue , che abbandona i rifiuti in strada come sono abituati a casa loro , che non vuole il Crocefisso in classe o il Presepe a scuola o che gira con un machete ad ammazzare le persone , o ubriaco al volante per poi lanciare le linee di profumo (Marco Ahmetovic).....io mi ricordo tutto!!!!

Noi , quando siamo emigrati , disperati almeno quanto loro , non abbiamo ricevuto accoglienza in residence e con tanto di sussidio.

I miei genitori sono partiti da un paesino sperduto della Lucania alla volta della Germania più o meno come loro ma si sono adeguati alle regole del luogo dove erano OSPITI , mica pretenevano nulla come fanno loro.

E cosa non meno rilevante , il paese ospitante aveva BISOGNO di manodopera , aveva lavoro da offrire.

Noi non abbiamo nulla per il nostro futuro , come possiamo pensare al loro?

Qui c'è gente che rovista nei cestini della spazzatura o che non ha una casa perchè ha perso il lavoro , gente italiana come me e quando vedo che questi vengono a casa mia e pretendono un trattamento migliore come l'aria condizionata che nemmeno io ho a casa mia.

Ho il voltastomaco.

E se qualcuno pensa che scrivo a sproposito , clicchi :

http://www.iltempo.it/cronache/2015/07/31/e-si-lamentano-pure-se-non-hanno-internet-1.1443512


Sono partiti per sfuggire alla fame e si lamentano se il menù che regaliamo loro , non è conforme alle loro abitudini alimentari?

Se amassero il loro paese davvero , rimarrebbero per combattere e cambiare le cose come hanno fatto i nostri antenati e come dovremmo fare noi.

Una prece per i coniugi Solano e per Anatoly Karol e un applauso per la figlia che ha incarnato il pensiero di tutti gli italiani perbene.

 
 
 

Judo Boy

Post n°87 pubblicato il 17 Marzo 2015 da Z76cavalli1cavaliere
Foto di Z76cavalli1cavaliere

La cosa più bella è essere orgogliosi dei propri figli.

E la cosa per me è davvero facile perchè sono stato fortunato.

Ogni scarrafone è bello a mamma sua ma il bello lo vedono tutti ed è un valore univoco , perchè può stare antipatica a tanti , me per primo , ma Belen non si può dire che sia oggettivamente brutta.

Ebbene i miei sono bellissimi e piovono complimenti da ogni dove e sono pure svegli e simpatici oltre che , cosa più importante di tutte , sani.

Quello più grande , in più , ora pratica uno sport , da settembre a questa parte e , con suo judogi adosso , segue le lezioni del suo bravo istruttore Andrea che è molto paziente coi bimbi e tra sorrisi bonari e richiami decisi , cerca di far appassionare i piccoli atleti a questa arte marziale.

Il mio bimbetto spesso fa i capricci perchè alle 18 di sera ha quasi finito le batterie dopo una giornata di giochi tra asilo e parco ma una volta infilata la divisa da combattente , gioca e affina le sue tecniche di lotta.

Domenica scorsa ha partecipato alla sua seconda gara dopo che la prima , composta da 3 incontri , lo aveva visto sul podio al secondo gradino nonostante non avesse vinto nemmeno un incontro , a dire il vero tra lo stupore degli stessi arbitri che lo hanno visto opporsi a bimbi più alti e robusti di lui e da qui abbiamo dubitato della correttezza del peso misurato poiché questo è un parametro che serve per stabilire gli accoppiamenti per gli incontri.

Lui è stato ugualmente contento ma per noi era una sofferenza vederlo lottare e soccombere ma già il fatto di aver accettato di gareggiare era una vittoria e scorgerlo tra tanti bimbi , timoroso dell'arbitro e un po' spaesato , ci ha fatto comunque piacere.

Ma domenica è stata l'apoteosi.

Alla gara in memoria del fratello di uno degli istruttori , il mio piccolo ha sfoderato una prestazione fenomenale.

Noi gli abbiamo solo chiesto di impegnarsi perchè il risultato era un fattore secondario e per noi contava solo che lui prendesse seriamente l'impegno e mai ci saremmo aspettati di vedere l'arbitro che al termine del primo incontro alzasse la mano in corrispondenza del mio campione ad indicare ai giudici il vincitore.

Io , che fotocamera in mano cercavo di cogliere gli attimi salienti , mi volto verso la mamma che stava riprendendo col telefonino e mi accorgo di non riuscire a parlare per via di un nodo alla gola che mi strozzava , visto le lacrime che facevano capolino ai bordi degli occhi e che accenno un HA VINTO LUI !!!!!

Nemmeno se ne era accorto e ligio al suo dovere e silenzioso , prende posto vicino ai suoi compagni e io che dagli spalti mi avvicino e gli dico che ha vinto e lui nemmeno sorride perchè ancora concentrato o forse infischiandosene poiché lo riteneva un gioco , una cosa normale.

Meglio.

Si avvicina il secondo incontro e mette al tappeto il bimbo di turno scaraventandolo a terra tanto che si è sentito il sordo suono della testa sul materassino e vince ancora.

Troppa grazie !!!

Siamo ebbri di gioia , e lui comincia a prendere coscienza che sta facendo qualcosa che ci rende felici ed euforici e il terzo incontro è una formalità e si materializza una vittoria piena , completa , enorme.

Iniziano a chiamare per il podio e lui che ha sentito di aver vinto gli incontri , non sente il suo nome e l'istruttore gli dice che lo avrebbero chiamato per ultimo e lui non comprende come sia strano che uno vince e lo chiamano alla fine per premiarlo e solo quando vede che l'unico posto libero è quello sopra il numero 1 , sorride e noi ci sentiamo morire.

Grazie.

Fosse anche l'unica gara che vincerai nella tua vita di atleta , ti voglio ringraziare pubblicamente per le emozioni e come mi hai fatto sentire orgoglioso di sentire il mio cognome vincente in quello stridulo microfono , di come sono stato fiero di te , scricciolo magro e forte , che hai preso quanto di poco i mei geni potevano offrirti .

Grazie per avermi fatto sentire vivo , immensamente felice per te

 
 
 
Successivi »
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20