Messaggi del 08/05/2008

Preti e pedofilia. Finalmente anche in Italia un archivio. Caso n. 1) don Giuseppe Abbiati, parroco di Borgarello (PV) 

Post n°16 pubblicato il 08 Maggio 2008 da contemax2008
 

Inizieremo oggi un lungo percorso nel vasto campo della pedofilia ecclesiastica. In Italia non esiste ancora un archivio dei preti coinvolti in vicende di abusi sessuali su minori, ma qua e là notizie frammentarie. Cercheremo, con l'aiuto dei lettori, di ordinarle, senza esprimere alcun giudizio di colpevolezza o di innocenza, ma riportando le notizie di stampa conosciute, in modo che ognuno possa farsi un giudizio.

E' importante precisare che gran parte delle vicende giudiziarie relative ai religiosi cattolici è coperta dall'anonimato. Spesso la stampa non riporta queste vicende o non menziona l'identità dei reigiosi.

Per questo motivo lancio un appello ai lettori ad arricchire, correggere, precisare le notizie che riusciremo a scovare in rete.

Al termine cercheremo di inserire anche le vicende di pedofilia riguardanti le suore. Attualmente in italia sono conosciute 3 vicende, succedute a Cazzano S. Andrea (BG), Calabritto (AV), Vallo della Lucania (SA).

L'archivio procederà tendenzialmente in ordine alfabetico.

Il primo caso che affrontiamo è quello di don Giuseppe Abbiati, già parroco di Borgarello, poi trasferito dal vescovo di Pavia, Giovanni Giudici. Come vedremo la prassi di trasferire i preti accusati di crimini sessuali di parrocchia in parrocchia è una costante.

Difatti l'interesse delle gerarchie ecclesiastiche appare unicamente quello di soffocare lo lo scandalo e di non rovinare la reputazione del clero.

Ovviamente non assistiamo mai a denunce all'autorità giudiziaria da parte dei vescovi e degli altri ecclesiastici di un loro collega.

Dal sito dell'UAAR, news del 11/11/2006

http://www.uaar.it/news/2006/11/11/parroco-borgarello-pv-condannato-per-pedofilia/

Parroco di Borgarello (PV) condannato per pedofilia

L’ex parroco di Borgarello (PV) don Abbiati è stato condannato a sei anni di reclusione per abusi sessuali nei confronti di tre minorenni. I ragazzini avevano all’epoca 13, 14 e 15 anni, e due di loro sono fratelli. In concomitanza dell’episodio più grave, un rapporto sessuale quasi completo, la difesa ha presentato un alibi, ma il giudice dell’udienza preliminare Fabio Lambertucci non ha avuto dubbi. Il parroco era stato arrestato nel dicembre 2004, dopo che i ragazzini erano stati interrogati dai carabinieri su richiesta dei genitori, e avevano ammesso i fatti: il sacerdote li conduceva in piena campagna e lì otteneva prestazioni sessuali. L’avvocato del parroco ha già annunciato che faranno ricorso alla Corte di Appello.

La notizia è stata pubblicata dal numero odierno della Provincia Pavese

Dal Corriere della Sera

http://archiviostorico.corriere.it/2006/novembre/11/Abusi_minori_prete_condannato_anni_co_7_061111034.shtml

PAVIA Il sacerdote è parroco a Marcignano. Si proclama innocente e ricorre in appelloAbusi su minori, prete condannato a 6 anni

PAVIA - Condannato in primo grado a sei anni di carcere per «pedofilia e violenza sessuale». Don Giuseppe, ex parroco di Borgarello, da oltre 4 anni trasferito a Marcignago, ha ascoltato la sentenza letta ieri pomeriggio dai giudici del Tribunale di Pavia senza tradire alcuna emozione. Il sacerdote ha continuato a ribadire la sua innocenza. Riccardo Ricotti, avvocato del prete, ha annunciato che la prossima settimana, lette le motivazioni della sentenza, presenterà il ricorso in appello. L' odissea giudiziaria di don Giuseppe era iniziata il 23 dicembre del 2004, giorno in cui era finito agli arresti domiciliari al termine delle indagini condotte dai carabinieri di Pavia. Secondo l' accusa il sacerdote avrebbe abusato di due fratelli di 13 e 14 anni e di un loro compagno di 15 anni, ricompensandoli con piccole somme di denaro. Le indagini erano partite nell' autunno di 4 anni fa quando la madre dei due ragazzini residenti a Borgarello si era accorta che i suoi figli avevano troppi soldi e non riuscivano a giustificarne la provenienza. La donna, dopo aver seguito i ragazzi, aveva scoperto il prete in atteggiamenti inequivocabili. Immediata la denuncia per violenza e pedofilia.

Nel corso dell' inchiesta gli inquirenti hanno raccolto altre denunce a carico del religioso, che in questi anni non è mai stato allontanato dalla sua nuova parrocchia malgrado le pressioni sulla diocesi di Pavia da parte dei residenti di Marcignago. Spatola Giuseppe

Pagina 13
(11 novembre 2006) - Corriere della Sera

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

illos2Ilprof043studio.orsi2011studiolegale.papa0gianpaolo.catastinimoniqtaininaviga10stac2000torcello0emanuele.valenzabrunk0TO4capitano_a_i_ps.gaetano80nanni_1952
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag

 

I miei Blog Amici