Creato da: corosursumcorda il 04/03/2011
associazione e coro

prossimi appuntamenti

..................

 

I miei link preferiti

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

annamatrigianoletizia_arcuriLSDtripvita.perezluboposurfinia60Coralie.frFLORESDEUSTADcassetta2Lady_SeleKtacorosursumcordaA_n_g_e_l_0poeta_semplicemoschettiere62ossimora
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Estate 2018CESENA 2019 »

PERCHE’ MARIA CI VISITA??

Post n°55 pubblicato il 14 Novembre 2018 da corosursumcorda

PERCHE’ MARIA CI VISITA??

E’ ripartita!! Dopo una settimana trascorsa nel Santuario della Madonna del Sasso a Caravate, la statua della Madonna di Gallivaggio è ripartita!
La Madonna stessa ha chiesto di essere portata a Caravate…Perché? Cosa cercava? Per incontrare chi? Per dirci che cosa? Perché proprio qui, ora? Perché dai nostri padri Passionisti? Perché in queste comunità, in questo territorio, da noi?
Queste domande mi hanno accompagnata tutta la settimana.
Ho scelto di stare per una settimana intera dai padri Passionisti, nella casa di accoglienza e di esercizi che gestiscono e abitano.
Visto il programma così serrato e variegato, ho pensato, dietro anche invito dei Padri a rimanere, che avrei potuto dare una mano e mi sono messa a servizio.
Armata della mia chitarra sono salita al Monte e mi sono fermata là a godermi quell’esperienza e quel silenzio anche se attivo.
Grazie agli amici che in questi anni ho conosciuto e che con me stanno crescendo attraverso i percorsi creati dai padri passionisti, siamo riusciti a non lasciare mai scoperti nessuno degli appuntamenti comunitari, a farci incontrare da chi veniva a far visita alla Madonna e al Santuario.
Abbiamo scoperto con Massimo e Pina la supplica alla Misericordia; abbiamo seguito la lectio quasi quotidiana guidata con sapienza da p.Marcello.
Abbiamo ascoltato le testimonianze delle coppie che sono seguite da p.Marco e di altre realtà che ci hanno aperto la mente a 360 gradi sulla situazione della Famiglia oggi.
Dall’entusiasmo, la speranza, il divertimento, attraverso il dolore e il distacco, alla rinascita, sempre e costantemente alla ricerca dell’amore.
Sotto lo sguardo attento di fratel Emilio e guidata dai suoi consigli, ho cercato di mettermi a disposizione anche degli altri gruppi che si sono succeduti in questi giorni. Dopo le prime titubanze ha anche cercato di chiedere la collaborazione degli amici conosciuti o sconosciuti, per animare i vari momenti.
Mai però mi sarei aspettata di ritrovarmi coinvolta addirittura a suonare con il gruppo dei ragazzi venuti fin da Maccio per animare la messa e l’ora di adorazione del sabato sera. Pensavo “finalmente” di mettermi in un angoletto ed assistere come spettatrice....Invece l'entusiasmo di questi visitatori mi ha travolto e fatto tornare ai miei anni di educatrice di oratorio...
Non sono mancate le ore di silenzio e di preghiera individuale in santuario, davanti alla statua e davanti al tabernacolo o davanti al crocifisso.
Le cose da contemplare non mancano di certo in quel tempio, e neppure fuori, visto il Parco che avvolge l’ambiente!
Ma, la presenza della Madonna si è sentita?
E’ solo stata un’occasione di incontri o i segni si sono visti?
I miracoli si sono verificati o no? Per quanto mi riguarda, mai come in questa settimana ho avuto l’occasione di approfondire i miei rapporti con persone nuove ma soprattutto con gli amici conosciuti qui a Caravate; seduti, davanti a quella statua, i nostri cuori si aprivano, si liquefacevano (per usare un termine caro a san Paolo della Croce, fondatore dei passionisti), fino a fondersi.
Con più di una persona ho fatto questa esperienza. E anche con le persone con cui non ho parlato direttamente, ma anche solo attraverso il cellulare c'è stata una intesa diversa…un vero e proprio Tempo di Grazia.
Anche con le due sorelle responsabili dei giovani di Maccio l’intesa è stata immediata e profonda; parlavamo la stessa lingua, la lingua dell’amore, del cuore, del servizio e quando questo succede la comunicazione avviene su un altro livello.
I veri miracoli li ho toccati con mano attraverso la trasformazione di alcuni rapporti che da mesi erano ad un punto morto, con persone comunque a me care, rapporti caratterizzati da una chiusura inspiegabile, senza una vera motivazione. Dopo due giorni dalla visita di Maria, le relazioni difficili sono ridiventate aperte e facili, come se qualcuno fosse intervenuto per aggiustare le cose che mi stavano a cuore.
Questi sono stati i miei miracoli!
E ancora: il mio coro intervenuto con tante voci nonostante la distanza e l’avversione a Caravate emersa l’anno scorso. La corista ritornata a cantare con noi dopo un anno di silenzio....Le parole di un’amica che ha avuto un anno martoriato e che mi testimonia proprio lì l’importanza degli amici-coristi nella sua nuova condizione. Insomma, non è stata solo una settimana di servizio, ma di incontri, di rapporti nuovi, di affetti o di relazioni che sono andati in profondità, di occasioni per dimostrare l’affetto e la stima ai nostri frati passionisti, ai sacerdoti che si sono succeduti (don Peppino addirittura venuto da Busto arsizio), a Massimo e Pina sempre presenti, a chi lavora nel ritiro dietro le quinte e si fa fatica a conoscere davvero;
è stata una settimana di preghiera, di riscoperta del valore della collaborazione, della fiducia, delle amicizie vere.
Questa settimana ho visto la voglia di darsi da fare, da parte del popolo di Dio, che arrivava in visita già sorridente, con la voglia di essere coinvolto e di dare una mano. Nessuno si è tirato indietro quando abbiamo chiesto collaborazione all’assemblea.
Tutti a disposizione, i fedeli! Come i nostri cuori disponibili all’ascolto della Parola! Per i sacerdoti questo sia di incoraggiamento! Non siete soli nel vostro agire! Ma non pensate di dover fare tutto da soli....La Madonna insegna: la prima discepola e annunciatrice....L'Amore vero spinge....Impossibile fermarsi!
Spero che anche i giovani che non hanno risposto alla proposta come si sperava, imparino da tutti la disponibilità piena a lasciarsi plasmare attraverso la presenza e l’ascolto.
E adesso fatevi voi la domanda che avrei voluto fare al Vescovo di Como: perché a Caravate?
perché per noi? Quale messaggio sta cercando di darci e lasciarci Maria? Certo è che il Suo pellegrinaggio non è passato inosservato!
Grazie a tutti quelli che si sono lasciati chiamare, come figli veri, da Maria e dalla Misericordia che nonostante la partenza della statua, ora è con noi perché abita in ciascuno di noi!

Sandra

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/corosursumcorda/trackback.php?msg=13809097

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
cassetta2
cassetta2 il 19/08/19 alle 19:40 via WEB
Chiedo solo la possibilità di dimostrare al mondo che il denaro non può rendermi felice.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.