Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 
Creato da: sareva82 il 29/06/2009
commedia romantica in ospedale vista mare

 

 
« cap. 95 - Tolgo il disturbo -cap. 97 - Uomini, uomini... »

cap. 96 - M.A.S.H. -

Post n°98 pubblicato il 27 Agosto 2009 da sareva82

La sala operatoria è grigio azzurra e fredda. Continuo a provare quel sentimento composito di attrazione e repulsione. Stringo tra le mani un pezzetto di mattone che apparteneva al pavimento del salone della mia casa di Carpineto. E’ liscio, caldo, rosso scuro. Mi dicono che non potrò tenerlo durante l’intervento e allora lo affido ad Alberto, il chirurgo estetico destinato a suturarmi in modo elegante - a punto erba -. E’ caro e rassicurante, Alberto. L’ultima cosa che ricordo è il suo sorriso dolce e malinconico.

Quando mi sveglio effettuo una punzonatura sommaria. Ci sono le Coccinelle e la maggior parte delle nostre infermiere. Di Dario nemmeno l’ombra. Gloria probabilmente è con le bestie. Sono rincoglionita, mi viene un po’ da vomitare ma non mi sento diversa da qualche ora fa. Voglio tirarmi su e truccarmi prima che arrivi Jacopo e poi voglio una gassosa, non una sprite o una schweppes, proprio una gassosa nella bottiglietta di vetro e voglio pure un piatto della schifosa minestra di fagiolini di zia Elena e la pastina con l’olio Plasmon e il parmigiano. E voglio pure un maritozzo, uno di quelli con la crosta dura che sembrava ferro arrugginito e lo zucchero in polvere e che via via che mordevi si pietrificava e non finiva mai.

“Li fanno ancora i maritozzi?” farfuglio o forse lo penso e basta. E penso che ormai sono diventati un reperto archeologico pure i maritozzi perché dappertutto trovi i cornetti surgelati che hanno lo stesso sapore a Palermo come a Bolzano. Mi esplode una gran malinconia da maritozzo ma per fortuna mi addormento.

Poi mi sveglio, trovo la forza di spettegolare e di guardarmi allo specchio. Ho appena finito di passarmi il mascara che nella porta si incornicia un giacchino bianco corto coi bottoni dorati e il colletto rigido da allievo dell’Accademia di Modena: tutto è a posto. Posso anche spirare.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/cosedicuore/trackback.php?msg=7577493

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

pinatubo87ersyliamariolina.grazianoveladoctormestesso1965spagnaluxsergioemmeunostefano.tanfani1958robertode.mazchangeCasomai_Dopozeffiro6969valealliasileco70madonna59
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom