Creato da aldo_caposaldo il 24/05/2006

ERRATA CORRIGE

.

 

Messaggi di Settembre 2006

Rotelle

Post n°95 pubblicato il 30 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

A proposito di rotelle... ieri sono arrivato in aeroporto e uno dei due motori dell'MD80 che avrebbe dovuto imbarcarmi ne aveva persa una delle sue. Il Capo Rampa Alitalia ci ha informato che si era rotto un traduttore di pressione, dovevano sostituirlo e poi fare un veloce collaudo. Alcuni passeggeri hanno dato in escandescenze, io sono rimasto tranquillo sperando che i tecnici lavorassero in tutta calma: non ho paura di volare anzi mi piace e lo faccio spesso, ma già un coperchietto mancante dal portacenere porta il mio stato di allarme al livello arancione, magari un traduttore di pressione conta meno di un coperchietto, ma volevo evitare di essere smentito sorvolando il lago di Bolsena.
Siamo arrivati a Capodichino con tre ore di ritardo... e a Napoli, sempre rimanendo in tema di rotelle, ho ritrovato la mia.

 
 
 

Intoppi

Post n°92 pubblicato il 29 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Ci deve essere stato un momento esatto in cui ho tralasciato di oliare un qualche particolare ingranaggio della mia vita. Per un po’ di tempo le ruote dentate hanno continuato a girare e le catene a cerniera a scorrere, poi qualche scricchiolio e strani rumori metallici, poi dei pezzi strani se ne sono caduti, qualcosa si è surriscaldato e ha cominciato ad uscire del fumo.
Ora sono qui fermo ad osservare questo ammasso di ferraglia per cercare di capire dove mettere le mani, a guardarlo sembra un disastro di cui ho perso completamente il senso delle proporzioni.

Ma so che da qualche parte c’è una piccola rotella arrugginita… e se la trovo tutto ricomincerà a scorrere.

 
 
 

Eppur si amano

Post n°91 pubblicato il 27 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Il post di Amore_immaginato mi ha portato alla mente una breve conversazione avuta con mia madre la mattina di qualche giorno fa.
Scendo in cucina a bere il caffè, lei sta studiando il calendario e riflette a voce alta:

Lei: "Guarda, domenica è l'anniversario mio e di papà..."
Io:  "Dai...E' vero!
Lei: "Me ne scordo ogni anno"
Io:   "Vediamo... trentanove... l'anno prossimo sono quaranta!"
Lei: "Eh già... (distratta)"
Io.   "Quarant'anni... che nozze sono a quarant'anni?"
Lei: "...di merda..."

 
 
 

Grazie prego scusi pagherò

Post n°90 pubblicato il 27 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Stamattina mi è arrivato un bollettino di pagamento dal Servizio Affari Generali e Legali dell'Ulss, sembra che non abbia pagato il ticket di una visita oculistica dell'anno scorso. Nei solleciti viene sempre aggiunta la formula riteniamo che Lei non abbia ancora pagato per un disguido... è bello vedere che continuano a riporre in me fede e stima nonostante il mancato pagamento sia in realtà dovuto a puro menefreghismo, e riconosco che se avessero usato toni duri mi sarei anche indispettito. Ora andrò a saldare il mio debito, paradossalmente non per dovere ma per non tradire la fiducia che ancora mi accordano.

Amo la diplomazia, anche quando si serve di questi semplici mezzucci.

 
 
 

Sintonie

Post n°89 pubblicato il 26 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Oggi sono sconclusionato. Ci sono giornate in cui tutte le azioni portano al loro fine, anche quelle più semplici: andare in posta e spedire la raccomandata, andare al supermercato e comprare quello che c’è scritto nella lista, mettere in ordine le carte e avere le carte in ordine.
Ma oggi non sembra essere una di quelle giornate...
mi muovo nella più totale inconcludenza e tutto quello che faccio non porta assolutamente a nulla.

Ora capisco come deve sentirsi Barbara Chiappini.

 
 
 

Paris quella vera

Post n°88 pubblicato il 25 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Dunque è atterrata, ha sorriso ed è ripartita. Paris Hilton, biondissima in un vestito a piccoli scacchi bianchi e grigi, ha elargito sorrisi e lattine di Rich Prosecco a chi ha avuto la voglia, la possibilità e il tempo di trovarsi nel punto dove l'elicottero la ha dolcemente posata al suolo. Erano presenti fotografi di molte agenzie e proprio grazie ad una di queste, abbiamo appena ricevuto alcuni degli scatti che documentano il simpatico pomeriggio di ieri. 
E dal momento che noi siamo tra quelli a cui è mancata la voglia, ora Giulia vuole che trascorra il simpatico pomeriggio di oggi ad infilarla con Photoshop in qualche inquadratura.

Ma questo è il secondo post che scrivo su Paris Hilton... ho già esagerato.

 
 
 

Preoccupazioni

Post n°87 pubblicato il 25 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Mi sono svegliato con in testa Two heads are better than one dei Cube.
Come potrà mai continuare una settimana che comincia con una sigla di Discoring?

 
 
 

Giovanna

Post n°86 pubblicato il 24 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Stasera eravamo a cena a Pordenone. A tavola tra tanti discorsi ci si chiede scherzosamente quale possa essere la definizione più calzante di "gattamorta", Giovanna è immediata:
la gattamorta è quella che ti fa credere che te la stai prendendo e invece te la sta dando.

Mai sentito niente di più incisivo.

 
 
 

Della danza

Post n°85 pubblicato il 23 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Non so come possa essere successo… ieri sera mi stavo lanciando sul letto a guardare l’elezione di Miss Italia e devo aver beccato uno star-gate perchè mi sono ritrovato con Francesca e Giulia all’inaugurazione del Palacio de la Salsa. Per quel che ricordo la serata è andata all'incirca così.
Francesca appena riceve la drink-card è subito oggetto di una immediata trasfigurazione, assume le sembianze di una ballerina cubana e perde completamente il controllo del proprio bacino, da quel momento non ne abbiamo più traccia. Giulia ed io siamo più diffidenti e ci limitiamo ad osservare.
Lei prevalentemente osserva Robson, maestro di samba brasiliano, e comincia a vaneggiare assurdità sul suo nuovo dio fatto di ebano. Io osservo le esibizioni, il ritmo concitato fa letteralmente entrare in risonanza le natiche di alcuni ballerini sud-americani e da un momento all'altro mi aspetto di vedere i loro perizomi prendere fuoco per l'attrito. Scopro anche l’esistenza di una muscolatura pelvica completamente alternativa alla mia, ma una cosa sopra tutte si palesa: quella che potrebbe essere la mia massima espressione di sensualità fisica probabilmente a loro fa lo stesso effetto di andare a buttare via la spazzatura. 
Mi dirigo sconsolato al bar, non sono abituato a bere e di solito un Crodino mi è più che sufficiente per lanciarmi in mutande sulla pista, vista la situazione opto per un mojito, dopo poco sento lentamente emergere l’istruttore di bachata che è in me e comincio fiducioso ad elargire colpi di anca a destra e a sinistra, ma quando mi volto noto due cubane poco lontano che mi stanno osservando disgustate. Alle tre di mattina io sono ubriaco e avvilito, Giulia più si guarda intorno e più vorrebbe essere ad un concerto dei Prodigy.

Risvegliarsi stamattina è stato faticoso, quel mojito era rum allo stato puro.

 
 
 

Gossip 

Post n°84 pubblicato il 23 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Sembra confermato che Paris Hilton sarà qui Domenica prossima per le foto pubblicitarie del suo nuovo prodotto, il prosecco in lattina. Quella che sembrava una notizia da trafiletto nel giornale locale si sta velocemente trasformando in un vero e proprio evento mondano-bucolico.

Prepariamoci dunque a questo happening tra le zolle.

 
 
 

Attesa

Post n°83 pubblicato il 22 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

L’odierna offerta di reality-show ci subissa letteralmente. E’ interessante notare come però ognuno di questi trovi lentamente spazio nel gradimento degli spettatori, avendo presa su una determinata fetta di pubblico e stuzzicando aspetti diversi della nostra personalità, non sempre i più limpidi.
Wild West, per esempio, fa emergere quei sopiti istinti animaleschi che albergano in noi.

Prendiamo Lorenzo… aspetto solo il momento di vederlo con un ferro di cavallo stampato sul muso.

 
 
 

Valeriona nazionale

Post n°82 pubblicato il 22 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Giovedì scorso la mia macchina è stata centrata in pieno da una ragazza bionda che aveva scambiato la propria Golf per una testa di ariete grigio-metallizzato, ho passato gli ultimi giorni bloccato in casa senza auto e questo purtroppo mi ha portato a non avere molti argomenti oltre a quelli che suggo quotidianamente dai palinsesti televisivi. E tra le tante boiate che mi sono bevuto, una non riesco a togliermela dalla testa: la Marini che flirta con una tigre nuotando nella segatura.
Dopo tanti anni non ho ancora capito se è una stupida che sembra furba o se è una furba che sta cavalcando le onde della propria stupidità, perché la tesi che sia solo molto furba è facilmente smentibile e non ha mai avuto prove incontrovertibili.
Nella prima puntata di Reality Circus è entrata nella gabbia delle tigri con una spavalderia tale da farla sembrare completamente inconsapevole, è parsa coraggiosa quando probabilmente era solo distratta. Per la prima volta sembra essersi messa finalmente in gioco, ma alla prima critica velata si corruccia e tira fuori il libretto delle giustificazioni dallo zainetto: non ha potuto studiare causa collezione di mutande, e sotto il tendone cala un velo di pietosa accondiscendenza. Si ha l’impressione che tutti cerchino di salvaguardare il suo fragile equilibrio psicologico per non correre il rischio di veder fuggire a gambe levate l’unico vero motivo di interesse di tutta la trasmissione. Ammettiamolo, la avremmo voluta sull’Isola dei Famosi solo per vedere com’è senza trucco e ora trepidiamo nella insana attesa di scoprire quanto in alto possa rimbalzare atterrando in pista sul suo panoramico culo rotondo.

La regina è nuda e tutto questo è così triste che mi trovo quasi a volerle bene.

 
 
 

Mondo blog

Post n°81 pubblicato il 21 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Oggi devo avere pestato i piedi a qualcuno e sono stato mandato affanculo on-line.
Ho dunque focalizzato le seguenti cose:
- Non difendere mai qualcuno che può benissimo difendersi da solo
- Non essere ironico con chi non ti conosce
- Considera sempre l'eventualità di essere frainteso senza poter replicare

Il non tenere in considerazione questi punti può sortire quell'effetto che una amica ha perfettamente suggellato nell'espressione "tirarsi un boomerang nel culo".

 
 
 

Il mio migliore amico

Post n°80 pubblicato il 21 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Penso che Stefano dia troppa confidenza alla gente. Ogni volta che lo sottolineo lui simula compiaciuto un’espressione che è una via di mezzo tra lo stupore e il fastidio, sostenendo che sono gli altri a dare confidenza a lui. Qualsiasi occasione si trasforma in un simpatico spunto di aggregazione e condivisione: la fila per le gomme al bar, un breve viaggio in treno, passare in farmacia per una scatola di aspirina, attraversare le strisce pedonali. Mentre lui è completamente spalancato al dialogo, io mi barrico dietro una collaudata tecnica per eludere tutte le possibili occasioni di contatto con lo sconosciuto: dormo in treno, dormo in aereo, dormo in autobus, dormo sempre. Se siete in giro e vedete un corpo accasciato accanto ad un ragazzo che si intrattiene simpaticamente con chiunque nel raggio di venti metri, venite a salutarmi, io sono il corpo.
Una volta ci siamo fatti una fila interminabile all’Ikea, tutta in silenzio, arriviamo alla cassa e io mi sposto ad infilare tre cose nel sacchetto mentre lui paga, questione di pochi secondi e mi raggiunge, facciamo per allontanarci e lui si volta verso la ragazza che era in fila dietro di noi: - Allora ciao!
“Allora ciao”?! Ma chi cazzo è? - Si chiama Anna, la ho conosciuta mentre pagavo, ha due bambini, suo marito fa l’assicuratore, abbiamo comprato quasi le stesse cose, mi ha chiesto dove avevo trovato quel copriletto verde. E siccome Stefano non è mai gratuitamente buono, di solito Anna è anche un po’ scema o comunque vestita male.

Ora scappo, devo mettere le patate in forno, stasera abbiamo a cena l’idrante di piazza San Felice…
lo ha conosciuto aspettando il 37.

 
 
 

Dura provocazione

Post n°76 pubblicato il 20 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Tra i dati personali tutelati dal decreto legge 196 non ne è stato compreso uno molto sensibile, che andrebbe forse più di altri difeso: il personale gradimento per un reality show. E dico più di altri perché si è venuta a creare una situazione tanto assurda quanto paradossale, in cui preferiamo confessare gli aspetti più intimi della nostra vita piuttosto di ammettere che la sera della finale non ci trascinerebbero fuori di casa nemmeno se ci tirassero per i capelli.
Io sono pronto a fare la mia confessione… anche a costo di vedere il contatore delle visite che comincia a girare all’indietro. E parlo di cose serie… mica di frivoli dati sensibili come essere omosessuale, votare per Forza Italia o credere ciecamente nella reincarnazione della mia lavatrice, se verrò discriminato almeno sarà stato per qualcosa di ben peggiore dello stare sopra o sotto, a destra o a sinistra.

Lo ammetto: mi piace l’ Isola dei Famosi.

 
 
 

Dalle stelle alle stalle

Post n°75 pubblicato il 18 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

(dall'umanesimo alle vacche)

Ieri sono passato accanto alla statua di Cosimo de’ Medici, mi sono soffermato ad osservarla con attenzione e ho avuto una sensazione inquietante, la figura sembrava volere imprimere alla materia una strana forza, una specie di penosa torsione... come se non volesse più volgere il suo sguardo centenario verso ovest… verso lo Wild West.

 
 
 

Frammenti di un fine settimana

Post n°74 pubblicato il 18 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Al Lido di Venezia lo scorso week-end è avvenuto un piccolo miracolo: pur contro tutte le probabilità lo Westin Excelsior non è stato inghiottito dall'Adriatico, anche se il mio sogno di fare un ingresso trionfale a bordo di una lancia Ciga Hotels non si è potuto avverare perché l’attracco era completamente sommerso e sarei dovuto arrivare al banco della reception a stile libero.
Alla presentazione del prodotto ho cercato di defilarmi il più possibile, resistendo alla tentazione di tuffarmi ad angelo sul buffet.
La sera a cena ho scambiato il Responsabile Giappone della Toyota-Daihatsu per un ridanciano pagliaccio in kimono che la sorte aveva ironicamente seduto al mio tavolo, ma evidentemente fra i due ero quello che aveva meno da ridere.
Oggi mi stavo per buttare velocemente sotto la doccia prima di lasciare l'albergo ma appena mi sono tolto tutto di dosso ha suonato il cellulare e non ho sentito bussare alla porta, la cameriera entrata per rifare la stanza ha pagato la sua solerzia con la vista di un uomo nudo al telefono, che cercava di mascherare il proprio imbarazzo sorridendo disinvolto. Non è stato un bel momento per nessuno dei due.

 
 
 

Post cancellato

Post n°73 pubblicato il 14 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Sono stato costretto a cancellare il mio post precedente, non è stato di buon auspicio e non sopportavo di leggerlo ancora. Mai trattare in forma scritta di cose che devono ancora accadere, ne farò un proposito dal valore assoluto.

Ora scappo, devo chiamare un taxi... alla macchina ci penserò Lunedì.

 
 
 

Mamma ed io

Post n°71 pubblicato il 13 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Oggi non riuscivamo a comunicare, ha ribattezzato tutti i concorrenti de “La pupa e il secchione” e continuava a parlarmi di una certa Faccia di tinca, dalla descrizione ho creduto si riferisse alla bionda svampita, la aspirante sosia di Paris Hilton, ma mamma non aveva presente chi fosse Paris Hilton.
Alla fine abbiamo convenuto che tra non sapere chi sia Faccia di tinca e non sapere chi sia Paris Hilton è difficile stabilire quale sia la lacuna peggiore.

 
 
 

Ricordi

Post n°70 pubblicato il 12 Settembre 2006 da aldo_caposaldo

Nella vita mi sono accadute cose di una tale bellezza e unicità che il solo esserne consapevole mi dovrebbe far sorridere in eterno. Stavo leggendo poesie nei blog… e ho cominciato a ricordare…
Ricordare una notte intera passata con Yevgeny Yevtushenko a bere la sua vodka personale, dalla quale non si separava mai in nessun viaggio, e ascoltarlo alle quattro di mattina nella lettura della sua ultima poesia non ancora pubblicata, ed averne in regalo una copia scritta di suo pugno.
Ricordare la sera con Gregory Corso alla festa di uno dei suoi ultimi compleanni, con una troupe cinematografica che lo seguiva ormai quotidianamente per documentare la sua esistenza. E pensare che a parte Leopardi, una delle poche altre poesie che io abbia mai saputo a memoria era sua. Quella stessa sera Fernanda Pivano, alla quale regalavo continuamente scatole di biscottini al cioccolato di cui era ghiottissima, mi lasciò una dedica meravigliosa.

I ricordi sono come la brace, il tempo passato li rende lentamente grigi e spenti ma basta un soffio leggero e loro tornano a brillare vividi e brucianti.

 
 
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

moon_Irob.rag.farne2010kleocoppersmithgian_bernsoloperunamicopantaleoefrancamunia0card.napelluscalmaapparentexerilu76reginaldo.graziaALDABRA72bal_zacMoraeVaniglia
 

ULTIMI COMMENTI

Thank you very much, this is a site beaitiful
Inviato da: dini chat
il 25/02/2019 alle 13:59
 
cool
Inviato da: immobilier marrakech
il 08/03/2016 alle 02:06
 
Allora diciamo che va |bene|.
Inviato da: Marrakech
il 13/02/2015 alle 20:24
 
çok iyi ya siz harikasınız gerçekten.
Inviato da: kanal7 sohbet
il 04/11/2014 alle 17:13
 
çok iyi bu admininde kma .)))
Inviato da: islami sohbet
il 04/11/2014 alle 17:10
 
 

 
 

COSE CHE HO SCRITTO NEL 2006

COSE CHE HO SCRITTO NEL 2007

COSE CHE HO SCRITTO NEL 2008

COSE CHE HO SCRITTO NEL 2009