Creato da aldo_caposaldo il 24/05/2006

ERRATA CORRIGE

.

 

Messaggi di Settembre 2007

Cosa fatta capo ha

Post n°219 pubblicato il 27 Settembre 2007 da aldo_caposaldo

Sono tre giorni che cerco di scrivere un maledettissimo post, ho iniziato almeno una decina di volte e non sono mai riuscito a finirlo. Troppo lungo, troppo corto, banale, vuoto, senza senso, demenziale senza ironia, ironico senza costrutto, incomprensibile, comprensibile ma noioso, noioso e basta.

Mi mancava solo schifoso, ma ora credo di aver risolto.

 
 
 

Io mi accontento 

Post n°218 pubblicato il 24 Settembre 2007 da aldo_caposaldo

Ho cominciato la giornata presentandomi ad un appuntamento di lavoro in provincia di Pordenone mentre il Mega Direttore Generale se ne stava tranquillamente a Torino dimentico dell'incontro. 
Ora ho pensato di concludere la giornata guardando la finale di Miss Italia, perchè alcune cose semplicemente ti accadono, altre te le devi proprio andare a cercare. Voglio vedere se mostreranno i tanto sospirati culi, le aspiranti Miss sono insorte scandalizzate, Del Noce è corso a farsi un bidet e Patrizia Mirigliani ha mal celato un infastidito disappunto. Io a dire la verità sono pro-culo, mica per squallido voyeurismo ma semplicemente perchè credo che se vai a Miss Italia dovresti ritenere più squalificante rispondere alle domande idiote che ti fanno piuttosto che fare una giravolta in tanga, se fossi in loro vorrei essere valutata per le mie chiappe stratosferiche e non perchè so l'alfabeto e la tabellina del due, tanto poi dovrò andare a pubblicizzare mutande mica a tenere conferenze sulle monadi di Leibniz.

Fondamentalmente a me basta che la Goggi smetta di imitare Topo Gigio.

 
 
 

Io mi arrangio 

Post n°217 pubblicato il 18 Settembre 2007 da aldo_caposaldo

Nella vita è molto importante saper costruire delle strategie. 
Ed è importante saper bluffare.

Io non so giocare né a scacchi né a poker. Credo ciecamente nella Fata Turchina.

 
 
 

Asincronicità

Post n°216 pubblicato il 17 Settembre 2007 da aldo_caposaldo

Che ci sono volte in cui sei fuori sincrono con la vita. Perchè io sarei anche in un momento buono, sono felice e pieno di entusiasmo, e tutto questo mio essere è come inglobato in una enorme palla di merda. E se da una parte mi agito dall'altra glisso, e sorrido sempre e guardo fuori con questo sorriso ebete stampato sul muso, e ogni volta spero e sempre merda vedo.

Che poi merda non è una bella parola, questo lo so... e sul dizionario la parola asincronicità non esiste.

Ma mica mi si vorranno negare anche queste piccole, insignificanti, asincrone gioie di merda?

 
 
 

Così lontano, così vicino

Post n°215 pubblicato il 11 Settembre 2007 da aldo_caposaldo

Mi ricordo di aver pensato, nell'orrore, che stava accadendo lontano, in una realtà che non era la mia, in un contesto in cui mai mi sarei potuto trovare. Un pensiero inutile giusto per allontanare la tragedia, per sentirmi un po' più al sicuro, per mettere un confine tra me e quel delirio di morte: come mai avrei potuto io trovarmi su uno di quei voli dirottati? Poi pensai a dieci anni prima, avevo ventidue anni ed ero andato a New York da solo, ospite di amici carissimi che vivevano nel New Jersey. Avevo passato da loro tutta la seconda metà di Agosto e i primi giorni di Settembre, poi dovevo andare in California a trovare la famiglia che mi aveva ospitato l'estate precedente. Avevo scelto un volo della United Airlines che decollava da Newark, faceva scalo a Denver in Colorado e poi arrivava a San Francisco. Doveva partire alle sette e trenta di mattina ma io arrivai al check-in in ritardo, la signorina al banco mi tranquillizzò, si era liberato un posto e mi avevano riprenotato su un volo diretto Newark-San Francisco che partiva alle otto, non avrei fatto scalo e sarei anche arrivato prima. Quando decolli da Newark passi accanto a lower Manhattan, era una giornata splendida, il sole si rifletteva sull'Hudson e vidi le torri splendere in quella luce abbagliante.

Era l'undici Settembre del 1991.
Esattamente dieci anni dopo quello stesso volo si sarebbe schiantato a Shanksville, in Pennsylvania.

 
 
 

Cosa è successo?

Post n°214 pubblicato il 07 Settembre 2007 da aldo_caposaldo

Dunque è comiciato Heroes e io mi sono accorto di assomigliare sempre di più a mia madre che al minimo accenno di flash-back cade in uno stato di confusione e arriva a perdere il senso della sua intera esistenza. Qualche anno fa la trama mi sarebbe apparsa quasi scontata nella sua banale e lineare semplicità. Ora mi sono dovuto guardare anche le repliche ed ero a un passo dal prendere appunti per capirci qualcosa.

Tra qualche anno guarderò La prova del cuoco con lo stesso confuso stupore di Memento.

 
 
 

Biea, biee ba be

Post n°213 pubblicato il 03 Settembre 2007 da aldo_caposaldo

Lorella Cuccarini è sposata con Silvio Testi, pseudonimo di Silvio Capitta. I Trettrè si chiamano Gino Cogliandro, Mirko Setaro e Edoardo Romano. Angela Brambati, Angelo Sotgiu e Franco Gatti sono i Ricchi e Poveri. Il mio professore di Educazione Tecnica delle medie aveva due figli che si chiamavano Davide Giosuè e Donatella Maria. La casa di produzione della de Filippi e Costanzo si chiama Fascino. L'attrice che impersonava la prima Ava di Quando si ama si chiama Roja Megnot, la seconda era Lisa Peluso. Il vero nome dello scrittore Daniel Pennac è Daniel Pennacchioni. Barbara D'Urso in realtà si chiama Maria Carmela, Milly Carlucci si chiama Patrizia. Jesse Borrego era Jesse Velasquez in Saranno Famosi, Nia Peeples era Nicole, Carlo Imperato era Danny. Iaia era il nome con cui Spank chiamava Aika mentre un compagno di classe la chiamava Capelli di alga. La doppiatrice era Laura Boccanera, voce anche di Candy Candy. La sigla di chiusura di Di nuovo tante scuse era Coriandoli su di noi, il giudice di Zig Zag era Enzo Liberti, la valletta era Simona Mariani. Lana volava con Conan, il funghetto di Belsatan si chiamava Chinoppi, la figlia di Enrica Bonaccorti si chiama Verdiana.

Insomma... per dire, di boiate nella testa ne ho tante.
E' ovvio che poi non mi ricordo cosa devo fare domani.

 
 
 

Privilegi

Post n°212 pubblicato il 03 Settembre 2007 da aldo_caposaldo

Stefania ieri ci ha invitato nel suo ufficio. Siamo arrivati a Venezia nel primo pomeriggio, abbiamo bevuto un caffè e dopo una brevissima passeggiata siamo arrivati all'entrata di Palazzo Balbi, sede della Giunta Regionale, siamo passati attraverso il metal detector e dopo la verifica dei nominativi ci siamo diretti verso lo scalone. Abbiamo attraversato una sala e siamo entrati in un corridoio, Stefania ha aperto una porta bianca che dava in un primo ufficio, poi una seconda porta vetrata che dava nel suo. La finestra era aperta e io mi sono inciampato nella mia stessa mandibola: sotto di noi il Canal Grande brillava al sole e una miriade di barche colorate riempivano la vista. Eravamo esattamente sopra il traguardo, talmente vicini che avrei potuto colpire Cacciari con uno sputo mentre Giulia continuava a sporgersi cercando Spike Lee in tribuna.
Abbiamo vissuto l'emozione della regata storica come meglio non si poteva.

Ciao Stef, peccato per i Vignotto. A buon rendere.

 
 
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

moon_Irob.rag.farne2010kleocoppersmithgian_bernsoloperunamicopantaleoefrancamunia0card.napelluscalmaapparentexerilu76reginaldo.graziaALDABRA72bal_zacMoraeVaniglia
 

ULTIMI COMMENTI

Thank you very much, this is a site beaitiful
Inviato da: dini chat
il 25/02/2019 alle 13:59
 
cool
Inviato da: immobilier marrakech
il 08/03/2016 alle 02:06
 
Allora diciamo che va |bene|.
Inviato da: Marrakech
il 13/02/2015 alle 20:24
 
çok iyi ya siz harikasınız gerçekten.
Inviato da: kanal7 sohbet
il 04/11/2014 alle 17:13
 
çok iyi bu admininde kma .)))
Inviato da: islami sohbet
il 04/11/2014 alle 17:10
 
 

 
 

COSE CHE HO SCRITTO NEL 2006

COSE CHE HO SCRITTO NEL 2007

COSE CHE HO SCRITTO NEL 2008

COSE CHE HO SCRITTO NEL 2009