Creato da: giampi1966 il 13/03/2006
Questo blog si propone di promuovere la politica come servizio e la coerenza dei politici con gli obbiettivi programmatici. Troppo spesso l'agire del politico è distante anni luce dal suo programma e da ciò che professa. Per poter rinascere la politica deve sapersi imporre alle varie pressioni e deve guardare lontano.

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Ultime visite al Blog

amistad.siempreamici.futuroierimaresogno67jigendaisukegiampi1966aliasnoveArianna1921marabertowiltuocognatino1allegri.frprefazione09acer.250cassetta2MAGNETHIKA
 

OGM NO GRAZIE

 

SE TI PIACE QUESTO BLOG VOTALO CLICCANDO NELL'ICONA SOTTOSTANTE

classifica siti

 

vota il blog

vota blog

 

Area personale

 

Qui sotto alcuni dei messaggi del blog che a mio parere meritano di essere letti. Ringrazio i visitatori che usufruendo di questa funzione dimostrano un approccio non superficiale al blog.

Mi raccomando date un'occhiata anche ai Tags

 

I MITICI INDIANI

 

IL VALORE DELLA LAICITA'

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 86
 

EL PUEBLO UNIDO

 

Ultimi commenti

..anche perché non vedo alternative a contrastare la deriva...
Inviato da: maresogno67
il 07/01/2023 alle 17:56
 
Intanto spero che ora la salute sia ok, per il resto il...
Inviato da: jigendaisuke
il 02/01/2023 alle 19:13
 
Vi ringrazio per i molti messaggi, come vi avevo già detto...
Inviato da: giampi1966
il 02/01/2023 alle 16:12
 
Tutto ok?
Inviato da: jigendaisuke
il 20/09/2021 alle 04:00
 
:(
Inviato da: elyrav
il 22/07/2021 alle 08:22
 
 

CARMELA

carmela

 
 

BLOG DI SINISTRA

 

 

 
« PAPA RATZINGER CATTOCOMUNISTA?SPESE MILITARI ITALIANE »

ECONOMIA POLITICA - ESTERNALITA'

Post n°66 pubblicato il 14 Settembre 2006 da giampi1966
 
Foto di giampi1966

Quando, ormai parecchio tempo fa, seguii il corso di economia politica, il concetto che maggiormente mi colpì fu quello di esternalità positive o negative. Mi meravigliò che un corso di economia tenuto da professori liberisti su testi liberisti (Samuelson) esplicitassero tale concetto senza trarne le logiche conseguenze e cioè che l’imperfezione del mercato (per la verità ammessa) fosse un assioma da trattare di conseguenza, superando le teorie liberiste e prevedendo un massiccio intervento pubblico nell’economia, tenuto conto inoltre che la storia economica dimostra che proprio tale intervento ha rappresentato una delle fonti principali di progresso economico e sociale. Mi rendo conto che le riflessioni sopra riportate possano risultare semplicistiche ed andrebbero esplicitate sia le altre imperfezioni del mercato, sia il tipo di intervento pubblico sia infine i concetti della teoria liberale da salvare. Ma lo scopo del presente messaggio è mettere in evidenza la permeabilità di alcuni studiosi che come i politici non vengono scalfiti nelle loro convinzioni neanche dalle evidenze da loro ammesse ed esplicitate. Comunque per coloro che non sono avvezzi alla materia riporto la definizione di esternalità. Leggetela attentamente e poi ditemi.... cosa ne pensate?

DEFINIZIONE Una esternalità si manifesta quando l’attività di produzione o di consumo di un soggetto influenza, negativamente o positivamente, il benessere di un altro soggetto, senza che quest’ultimo riceva una compensazione (nel caso di impatto negativo) o paghi un prezzo (nel caso di impatto positivo) pari al costo o al beneficio sopportato/ricevuto. 2 elementi caratterizzano quindi le esternalità: - Interdipendenza (delle attività economiche individuali) - Assenza di un mercato (assenza di uno scambio volontario; assenza di prezzi regolatori degli scambi) Esternalità “PECUNIARIE”   Esternalità “TECNOLOGICHE” Esternalità “TECNOLOGICHE” (esternalità in senso stretto) Una esternalità è presente quando alcune delle variabili che concorrono a definire (l’argomento della) funzione di produzione oppure funzione di utilità di un soggetto sono sottoposte al controllo di un altro soggetto, e non esiste un mercato che assegni un prezzo alle esternalità. Esternalità NEGATIVE & Esternalità POSITIVE

Esternalità NEGATIVE: Quando all’attività (di produzione e/o consumo) di un soggetto sono associati (come by-product) impatti negativi nei confronti di altri soggetti (imprese e/o consumatori) e il soggetto responsabile degli impatti non corrisponde al danneggiato un prezzo pari al costo subito Esempi: - emissioni inquinanti associate ad una certa attività industriale; - emissioni inquinanti associate all’uso di autoveicoli.

Esternalità POSITIVE: Quando all’attività (di produzione e/o consumo) di un soggetto sono associati (come by-product) impatti positivi nei confronti di altri soggetti (imprese e/o consumatori) e questi ultimi non pagano un prezzo pari ai benefici ricevuti Esempi: - al consumo privato di formazione (studenti universitari) sono associati impatti positivi ricadenti su altri soggetti (la società potrà contare su un maggiore capitale umano); - al consumo privato di servizi sanitari sono associati (anche) impatti positivi ricadenti sull’intera collettività - alla decisione di un’impresa di attivare corsi di formazione sono associati effetti esterni positivi (disponibilità, in una certa area, di manodopera qualificata) UEsternalità : ORIGINI ASSENZA (INCOMPLETA DEFINIZIONE) DIRITTI DI PROPRIETA’ ¯ ASSENZA DI UN MERCATO ¯ ASSENZA DI PREZZI REGOLATORI DEGLI SCAMBI ¯ ESTERNALITA’: INEFFICIENZE ALLOCATIVE ESTERNALITA’

Conseguenze ESTERNALITA’ NEGATIVE (ES-): Nel caso di ES- l’attività privata (produzione/consumo) cui è associata la diseconomia esterna, verrà spinta a un livello superiore al livello socialmente efficiente (ossia: superiore al livello al quale l’agente l’avrebbe spinta se avesse dovuto risarcire il danno) ESTERNALITA’ POSITIVE (ES+): Nel caso di ES+ l’attività privata (produzione/consumo) cui è associata l’economia esterna verrà spinta a un livello inferiore al livello socialmente efficiente (ossia: inferiore al livello al quale l’agente l’avrebbe spinta se fosse stato remunerato dai beneficiari) N.B. L’esigenza di correggere gli effetti esterni non deriva (solo) da considerazioni di “equità” (“non e’ giusto che chi inquina non sopporti un costo per i danni provocati”; “non è giusto che chi produce benefici esterni non sia risarcito” ……) L’esigenza di correggere le esternalità (il fondamento giustificativo di un intervento pubblico correttivo) deriva da considerazioni di EFFICIENZA ECONOMICA ! Esempio (emissioni inquinanti): Se chi inquina non viene “regolato”, produrrà un livello eccessivo di inquinamento, dove eccessivo significa: il beneficio economico che l’inquinatore ottiene dall’inquinamento è inferiore al costo economico subito dagli altri membri della collettività @ U. di Padova, Facoltà di Giurisprudenza, )

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog