Post N° 11

Post n°11 pubblicato il 19 Gennaio 2008 da UnaLady25

Il libro che ho citato si intitola "il giorno in più" di Fabio Volo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 10

Post n°10 pubblicato il 19 Gennaio 2008 da UnaLady25
Foto di UnaLady25

Ho appena finito di leggere un libro che mi è piaciuto tantissimo,tanto che l'ho letto in due giorni.

I protagonisti sono Giacomo e Michela,due sconociuti che si incontrano tutti i giorni su un tram..non si parlano,si guardano tutti i giorni per la durata di tre fermate e basta.

Giacomo si rende conto ,giorno dopo giorno,che non può più fare a meno di quell'appuntamento tanto breve quanto emozionante...

Vanno avanti  per mesi cosi...fino a quando un giorno la ragazza prima di scendere dal tram chiede a Giacomo se ha voglia di prendere un caffè con lei...Giacomo,preso alla sprovvista e emozionatissimo,accetta.

La ragazza,Michela, al bar lo informa che sta per partire per New York per lavoro e che quella è l'ultima volta che si vedono.Giacomo non riesce a crederci...dopo aver finalmente avuto un contatto con lei la "perdeva" subito dopo.

Si salutano e Giacomo riesce a vedere su dei documenti di lei l'indirizzo del suo nuovo ufficio di New York.

Ci pensa e ripensa per settimane e alla fine Giacomo decide di partire per New York.

Passano delle giornate bellissime e decidono di stare insieme fino alla partenza di Giacomo.Insieme come fidanzati per poi laciarsi definitivamente alla parteza di lui.Questo era il patto che permetteva loro di viversi in maniera tolale,ma senza la complicazione del "per sempre".

Sono giorni magici per loro,ma Giacomo è costretto a rientrare un giorno prima in Italia.

Passano mesi e Giacomo non riesce a togliersi dalla mente Michela e cosi un giorno decide di tornare a New York a riprendersi quel giorno in più....Michela è felice di rivederlo e gli chiede se vorrebbe avere un figlio da lei...lui risponde di si,ma non in quel momento...allora lei gli propone di rivedersi dopo tre mesi a Parigi,in un preciso giorno ad una precisa ora.Durante quei tre mesi non dovranno ne vedersi ne chiamarsi.Se decideranno di avere un figlio insieme si vedranno a Parigi.

Tre mesi...e Giacomo si ritrova a Parigi ad aspettare Michela.

Michela arriva.E'incinta...lo era già tre mesi prima,ma non voleva che Giacomo accettasse la cosa solo perchè ormai era fatta,ma solo perchè lo desiderava davvero...e adesso erano entrambi a Parigi e questo voleva dire tutto..

Io e il mio compagno siamo in profonda crisi...lui è all'estero per lavoro ma sarà qui per una decina di giorni a fine febbraio..non abbiamo mai fatto insieme una vacanza,un viaggio e allora,non avendo problemi economici,ho pensato che potevamo andare qualche giorno da qualche parte insieme...solo io e lui..per vedere se questo rapporto si può ancora salvare...sono giorni che ci penso e la cosa più bella che poteva capitare è che fosse lui per primo ad avere questo pensiero,ma cosi non è stato..e allora l'ho fatto io..anche se mi è costato farlo perchè ci tenevo davvero tanto che venisse a lui quest'idea,ne parliamo sempre di un viaggio insieme...mi sarebbe piaciuta Venezia...

Stamattina mi sono alzata,ho fatto colazione,lavata e vestita.Avevo già indossato il cappotto,volevo andare a informarmi in agenzia di viaggi...un trillo,il telefono...è lui.

Sono contenta..gli dico,emozionata,della mia idea...non ho neanche il tempo di nominare Venezia...lui mi ferma "Un viaggio?dovrei arrivare e rifare le valige per partire di nuovo...no..dovrei spostare un mondo...no.."

Spostare un mondo...comincio a piangere silenziosamente al telefono...lui neanche se ne accorge...mi dice che deve chiudere,deve lavorare...gli dico va bene e chiudiamo.

Sono rimasta in salotto,con indosso il cappotto e la borsa sulla spalla a piangere...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 9

Post n°9 pubblicato il 15 Gennaio 2008 da UnaLady25
Foto di UnaLady25

A volte si sa esattamente dove si sta andando...a volte sai esattamente come comincerà una cosa, come proseguirà, ma sopratutto sai benissimo come andrà a finire...eppure scatta qualcosa dentro di noi e inspiegabilmente...la fai comunque.

La fai sapendo benissimo che ti farai male.Perchè il problema e l'errore che ogni essere umano ogni giorno compie è quello di reputarsi speciale rispetto agli altri...

E invece speciali non lo siamo mai..

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 8

Post n°8 pubblicato il 06 Gennaio 2008 da UnaLady25

Matrimonio disdetto...crisi profonda col mio compagno e undici chili persi in due mesi.Sono a terra...so già che mi rialzerò,lo fanno tutti,ma mi spaventa da morire il lasso di tempo che intercorrerà fino ad allora...

Disdire il matrimonio è stata una mia idea,ma non rende la cosa meno dolorosa...

Questo 2008 non era programmato in questo modo,il programma era sposarsi e avere un figlio e creare una vera famiglia...ma si sa...i programmi sono la cosa più facile da far saltare..solo che è la mia vita che è saltata...

Credo di non essere più innamorata di lui...Ho voglia di amare solo me stessa in questo momento...ma distruggere la propria vita,i propri sogni è molto più semplice che distruggere la vita e i sogni di qualcun'altro...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Non sarà un bianco natale per me...

Post n°7 pubblicato il 08 Dicembre 2007 da UnaLady25
Foto di UnaLady25

Natale incombe su di noi...o perlomeno su me.
Si,perchè dovete sapere che io ho sempre amato il Natale e tutto ciò che circonda questa festa,non perchè sia cattolica e creda alla nascita del figlio Dio (perchè a 25 anni non so ancora e non ho ancora avuto l'interesse di capire se ci credo o no),ma per tradizione.Amo il freddo,le illuminazioni natalizie,incartare i regali,augurare buon natale ai negozianti quando esco dai loro negozi,gli alberi di Natale,il 24 notte in famiglia...Ma quest'anno no.Perchè no?non lo so...vedo le illuminazioni e provo angoscia,mi infastidisce pensare a qualsiasi cosa riguardi il natale quest'anno.L'altro giorno,in un negozio pieno di ninnoli natalizi ho cominciato a fissarli e in pochi minuti credo di aver avuto un piccolo attacco di panico,mi mancava l'aria le orecchie mi ronzavano,sentivo caldissimo,sono uscita correndo via dal negozio e l'unica cosa che desideravo in quel momento era esser da qualche parte da sola,solo io e me stessa lontano da tutti e da tutto.Ma cosa sta succedendomi...?
Ho fatto qualche bilancio in questo periodo...e ho capito cose che non avevo capito in anni...forse adesso dirò una cosa che ognuno di noi pensa,ma ho capito che negli ultimi quasi dieci anni la mia vita è andata avanti in base agli impegni di vita che avevano le persone che mi stavano accanto...prendiamo gli ultimi tre per esempio,convivo da più di tre anni con il mio compagno che ha una posizione professionale sicura,economicamente molto soddisfacente e di prestigio...per mantenere tale posizione ovviamente il suo lavoro viene prima di tutto, prima delle nostre vacanze (non abbiamo mai fatto una vacanza in tre anni),prima delle nostre ferie,prima delle nostre uscite e ovviamente prima di un mio potenziale lavoro che non sarebbe mai importante come il suo...lavoro che tra l'altro difficilmente trovo a causa dei continui trasferimenti a cui il suo lavoro ci costringe.in sintesi...attualmente (con mia grande frustrazione)non lavoro,non studio e la mia vita gira esclusivamente intorno ai SUOI orari, le SUE ferie e quant'altro...al momento lui è fuori per qualche mese per lavoro e io mio sono trasferita nella mia città d'origine (che non è quella in cui viviamo) a casa dei miei.Sto frequentando dei corsi professionali che non so se mi porteranno a trovare una posizione lavorativa,ma sicuramente mi stanno arricchendo moltissimo a livello personale...e mi sono resa conto che è la prima volta che penso a me stessa e basta e non sono sicura di voler smettere...fra qualche mese mi sposo...ed un matrimonio che sto organizzando tutto da sola essendo lui via per lavoro,ma è davvero quello che voglio...?questa domanda mi affligge...non sono totalmente sicura che il mio compagno voglia la MIA felicità prima della NOSTRA...e questa cosa mi fa paura...perchè mi sono scoperta infelice...gli ho chiesto aiuto e lui invece di cercare di comprendermi di capirmi...niente...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

volafarfallina1991Aspetto_la_Lunainfo.mpiancastelliziwataneo0cassetta2fra.okkiblucocorita1972rino_cirilloluisp70stellablu77gecky1The_Painted_Veildolcissima63dgl0Gisellina_xcomfortably78
 

Ultimi commenti

Se non gli dici quanto è importante questo viaggio e cosa...
Inviato da: deide_formal
il 23/01/2008 alle 19:08
 
Cioè all'improvviso l'uomo con cui convivevo ha...
Inviato da: deide_formal
il 11/01/2008 alle 13:53
 
cioè...?
Inviato da: UnaLady25
il 09/01/2008 alle 12:57
 
A me accade il contrario...
Inviato da: deide_formal
il 07/01/2008 alle 13:44
 
grazie...baci anche a te..
Inviato da: UnaLady25
il 07/01/2008 alle 12:42
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom