Creato da ildiariodellalinda il 05/04/2006

il senso della vita

per chi crede nella vita, anche quella più piccola nella pancia di una donna. Questa è la mia storia, un esperienza attraverso interruzioni di gravidanza, una morte perinatale e due splendide bambine.

IO ...

 

GENITORI DI UNA STELLA

immagine 

Un associazione per chi, come noi, deve affrontare la morte perinatale del proprio figlio. Un’associazione di mamme e papà a servizio di altre mamme e papà, che si propone innanzitutto di offrire un aiuto immediato per lenire, per quanto possibile, la solitudine e lo smarrimento iniziale.
L'associazione  è nata dall'incontro mio e di Giovanna, avevamo condiviso le stesse emozioni, e
provato la stessa voglia di essere mamma, forse di una stella, ma mamma comunque, ma soprattutto avevamo la stessa voglia di aiutare gli altri.

l'inizio dell'associazione

 

 

IL LIBRO

immagine

Della serie "tutti possono pubblicare un libro", ecco la mia storia e quella della mia bambina che è iniziata con un diario della gravidanza, diventato poi una terapia al dolore del tutto personale, passata dopo 4 anni e 1/2 su una pagina web ed ora un libro. Così uno può leggere tutto su internet, oppure con due pagine sul divano. Senza nessuna pretesa quello che con una parola un po' grossa posso chiamarlo:

 

Il mio libro: "il diario della Linda"


Support independent publishing: Buy this e-book _n Lulu.

 

Fotografie di strade, piazze, panorami e particolari di una Londra vestita di Natale.

 
 

ESPERIENZE D'ABORTO

La parola alle donne che hanno fatto l'IVG, che hanno avuto un raschiamento, che hanno rinunciato per sempre al loro figlio.
Basta chiacchiere e giudizi Ŕ ora di leggere.
 

RICORDI MUSICALI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60ildiariodellalindaapungi1950Terzo_Blog.Giusletizia_arcuridrunkenbutterfly0SEMPLICE.E.DOLCEzuottadagio.14ercontrosoffittatoreciaobettina0the_oracle73elektraforliving1963PERLA_DELICATA
 

NON CI CREDO!!!

G r a z i e  ! ! !

 

 

La ruota e il suo criceto

Post n°546 pubblicato il 23 Gennaio 2019 da ildiariodellalinda

La mia passione per la corsa è nata dopo che Linda sparì dalla mia vita lasciando quel corpo morbido senza che un bambino giustificasse le mie rotondità.

La fortuna di vivere in un quartiere con un grande parco è davvero "un invito a correre" così nel mio bel parco dell'Anconella ho iniziato a lasciare sudore e lacrime, dolori e pensieri, in ogni passo, in ogni goccia e in ogni preghiera.

Gli anni sono passati e non mi sono mai cimentata in altro che non fossero i miei 5 km in stretto contatto con la natura, poi una piccola gara fatta per gioco, 8 km e una conseguente infiammazione al ginocchio, una tromba d'aria che ha distrutto tutti gli alberi, hanno fatto sì che mi fermassi per quasi un anno e mezzo (31 luglio 2015 | 9 gennaio 2017).

Poi finalmente sono ripartita un'altra volta da me ed ho riniziato con la mia amata corsa, sempre 5 km e l'incubo che potesse tornarmi l'infiammazione che mi aveva fermata, così come il criceto giravo, correvo a testa bassa sapendo già i sassi che avrei incontrato, conoscendo tutti i curoi incastonati nel terreno.

Poi un paio di frasi in momenti e da persone diverse "perchè non provi ad aumentare?" "ho paura di farmi male e se poi mi tocca smettere? come faccio?" ... Ma il metabolismo che si pianta nonostante la corsa è stato uno sprone più grande di mille parole e piccoli pensieri e imprevisti, così qualche volta sei ... otto ... nove ... fino ad arrivare ai mie 10 amatissimi chilometri, fatti altrove, in centro, nel mio amato parco e oltre, ma è come se fossi uscita da quella ruota e finalmente fossi libera e sicura delle mie piccole capacità.

EVVIVA LA CORSA ... chi si ferma è perduto :))) 

 
 
 

Buon Natale

Post n°545 pubblicato il 19 Dicembre 2018 da ildiariodellalinda

Natale

Le luci intermittenti dell'albero, le musiche natalizie, il profumo di muschio, tutto si prepara per la festa, ma cos'è il Natale?

Quel bambino cha aspettiamo finalmente nasce e la famiglia si stringe a Lui per accoglierlo e accompagnarlo alla vita, così il Natale è la gioia dopo l'attesa, è la famiglia che si riunisce e l'amore che ci avvolge. Natale deve essere quell'amore immenso che si prova guardando un bambino indifeso e la protezione che ci impegnamo a dare per la sua vita, è il desiderio che possa avere tutto quello che c'è di buono e bello al mondo.

La vita ci riserva sempre gioie e amarezze ed oggi, che viviamo in un mondo che a volte non si capisce, in cui tutto sembra andare al contrario, il mio desiderio è: l'esempio di tutto il bene e il buono che c'è, di tutte le persone che s'impegnano affinchè sia un mondo migliore, possa prevalere sulle cose sbagliate ed essere una guida per chiunque.

Tutti dovremmo impegnarci nell'essere onesti, gentili e rispettosi con il prossimo, senza nessuna prevaricazione; partendo dal principio base "non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te"

Se questo principio fosse applicato ad ogni nostra azione, si vivrebbe sicuramente in un mondo migliore, ed allora, con la speranza che questo possa sempre accadere, buon Natale e che sia un buon Natale tutto l'anno e non solo il 25 dicembre.

 
 
 

Le cose belle della vita

Post n°544 pubblicato il 19 Novembre 2018 da ildiariodellalinda

Un tema per la scuola media, un adolescente che deve scrivere "La cosa bella della vita", così mia figlia viene da me per chiedermi quello che pensavo, aveva bisogno di riordinare un po' le idee per l'esposizione del tema.

Iniziamo a parlare e mi racconta quello che di bello c'è nella sua vita ... "wow" penso, sta davvero crescendo, sta diventando grande e questo è davvero una cosa bella della vita, perchè è comunque un privilegio assistere alla loro crescita, anche se faticosa, anche se l'adolescenza mi distrugge, anche se a volte prego perchè Dio mi dia la pazienza.

Così alla fine chiede a me cosa penso e parlando concludo ... "la cosa bella della vita non può essere una sola, se non la vita stessa"

La frase gli è piaciuta così tanto da metterla nel testo. E bravo tesoro!!!!

 

 

 

 
 
 

15 ottobre dalle 19 alle 20, cosa s'ignifica accendere una candela?

Post n°543 pubblicato il 15 Ottobre 2018 da ildiariodellalinda
 

Se sei qui a leggere questo post vuol dire che sei genitore o zio, fratello o sorella, cugino o semplicemente amico di una stella, vuol dire che hai vissuto direttamente o indirettamente il dolore che ha toccato una famiglia, la perdita, la mancanza, l'assenza di una vita, il dolore inaspetatto di una gioia aspettata a lungo. Se leggi sai anche che da questo dolore può nascere la speranza, una nuova vita, altro amore che sconfina dalla terra e passa al cielo, può nascere amicizia e condivisione. Il 15 ottobre è la giornata dedicata alla consapevolezza sul lutto perinatale, accendere una candela vuol dire riconoscere l'esistenza di questi bambini dalle brevi vite sulla terra, ma dall'infinito ed eterno amore in cielo e nei cuori di chi l'ha amati e li ama ogni giorno. Se oggi accendi una candela vuol dire che ricordi la mia Linda, ma anche tutti i bambini passati su questa terra. Perchè non sempre quello che non si vede, non esiste.

Oggi e sempre sono mamma di Siria Livia e Linda

 
 
 

17 maggio 2018

Guardo il cielo e penso che anche io vorrei vivere in un mondo perfetto, dove c'è giustizia, pace, verità, rispetto per gli altri, onestà. Un mondo dove il denaro non conta e soprattutto non conta prevaricare sugli altri per averlo, prevaricare per arrivare a cosa? a quello che il mondo chiama potere?

Il potere per me è un'altra cosa, è quell'aura che ha una persona che ti piace, il potere è l'energia positiva, il buono che senti in un'anima grande e sai che da quell'anima puoi imparare ad essere migliore, puoi prendere una frase, un abbraccio o l'esempio di vita positivo che ti rimarrà per sempre ... 

Ed il mio potere? è quella forza che mi viene da dentro, dallo spirito, la forza che mi aiuta a fare la cosa giusta, sempre, ad ogni costo, il mio potere deriva da te, sono mamma di un angelo e non posso deluderti e con tutte le mie umane debolezze cerco di agire e insegnare alle tue sorelle tutti i valori, come se fossi nel tuo mondo perfetto.

Sai che mi sento sempre di più "tua figlia" perchè ogni giorno mi insegni a vivere, ci custodisci e ci proteggi, come avrei fatto io con te, come ora cerco di fare con le tue sorelle (a volte sentendomi impotente) e sento grande il tuo amore per noi.

Allora non temo, non ho più paura, perchè tu sei al nostro fianco pronta a soccorrerci nelle piccole e grandi difficoltà, pronta non solo ad ascoltare le mie preghiere, ma anche quelle di chi ha imparato a dialogare con te.

Ora che sei grande, non verso lacrime per te che vivi nella perfezione, ma sorrido al cielo grata del tuo abbraccio, grata di essere tua mamma o "tua figlia".

L'amore non si spezza con la morte ... buon compleanno tesoro che corre nel cielo, un giorno ci riabbracceremo e ti darò questi sedici baci (e tanti altri ancora) ... non ti dimenticare di noi, noi non ci dimenticheremo mai di te Linda... perchè non sempre quello che non si vede, non esiste.

 
 
 

Il dovere

Lettera a mia figlia grande...

Le mie priorità sono sempre: la famiglia (come mamma, come moglie, come casalinga e come tassista), il lavoro e solo se il tempo avanza vado a correre oppure mi dedico alle mie amate foto. L'esempio di chi mette il dovere prima di tutto lo puoi vedere tutti i giorni sotto ai tuoi occhi.

Sei una ragazza che sta crescendo e che inizia a raccoglie i frutti delle sue scelte e delle sue priorità, stai costruendo il tuo futuro e comunque vada, la scelta sarà tua, sia se vuoi costruire un futuro sull'argilla, dando la priorità alle scelte futili, sia se lo vuoi costruire di mattoni, dando la priorità alle cose importanti, al tuo unico dovere, che è lo studio.

Hai tutte le capacità di fare bene e di avere un futuro brillante, nessuno ti vuole negare i divertimenti, le amiche, il ragazzo, dovresti solo imparare a mettere avanti il dovere.

Ricordati, la sicurezza arriva dallo studio, mentre la paura quella la devi domare, ma stai tranquilla che più studi e meno avrai paura. E ricordati che quando porti a  casa dei buoni voti, è molto più facile per noi genitori dirti di sì.

Ti voglio una marea di bene.

La mamma   

 
 
 

Fotografie

E così sacatto fotografie fermando il tempo a quell'attimo e a quelle sensazioni che altrimenti mi sfuggirebbero via, scatto fotografie per fermare i ricordi, per lasciare una traccia di vita, per lasciarne memoria.

La vita cambia veloce, i figli sono piccoli e te sei come un bruco che non sa cosa sarà del suo futuro.

Il tempo corre e sei sempre ad inseguirlo, non basta mai, dedita al lavoro, alla famiglia, con solo due ore a settimana che ti sei ritagliata per la tua passione a costo zero "la corsa".

E le figlie nella corsa al tempo diventano grandi, lasciano la tua mano e iniziano il loro cammino, tu osservatrice attenta, consigliera ignorata, mamma premurosa.

All'immprovviso ti capita un pomeriggio che non hai niente da fare, apri un libro ti metti sul divano con i piedi appoggiati sul tavolino e ti riapproriopi della tua vita, felice di un ora inaspettata tutta tua e il tempo si dilata diventando il doppio.

 
 
 

Lacrime

Post n°539 pubblicato il 19 Febbraio 2018 da ildiariodellalinda
 

Il principio fondamentale in questa vita dovrebbe essere "non far soffrire chi ti ama"

 
 
 

Amarezza e atleti in uscita

Post n°538 pubblicato il 06 Gennaio 2018 da ildiariodellalinda

Ci sono ragazzi umili che lavorano a testa bassa, mai una volta che gli stia fatica andare ad allenarsi, perché a loro piace lo sport, il gioco di squadra, gli spogliatoi con la goliardia tra atleti. E anche se a volte durano fatica, si sforzano, perché sanno che dopo aver toccato quella palla da basket si sentiranno meglio. Lavorano e s'impegnano per migliorare, anche se vengono sempre segregati nelle ultime fila, s'impegnano per la voglia di far bene in partita,  anche se poi sono solo due minuti perché "sei riserva". Così a volte si entra per poco e si è felici,  a volte non si entra affatto, ma è finito il tempo delle lacrime, oggi sono solo sorrisi amari e la consapevolezza che a volte basterebbe poco per non perdere un atleta, che invece oggi uno ha perso.

 

 
 
 

19 anni di noi

Io e te ... diciannove righe per descrivere quello che provo

Prima di tutto sei mio marito

Colui che ha generato insieme a me, i nostri amori più grandi

Sei la mia parte razionale

La mia memoria (visto che spesso mi dimentico le cose)

Sei quello che stressa le poche volte che pulisce

Ma sei anche quello che mi aiuta nelle piccole faccende

Sei quello che se ne va in bicicletta

E poi dimentica la rosa per l'anniversario

Ma se ci scontriamo in cucina perchè è piccola, non manca di ricambiare un abbraccio

Sei la persona che conosco meglio al mondo 

E anche quella che conosce meglio me

Sei il mio supporto e il mio aiuto

Sei la parte critica della famiglia 

E dopo una discussione non riesci a far pace subito

Ma hai bisogno di tempo che ti porta a riflettere e risolvere

Io e te ci compensiamo nei nostri pregi ma soprattutto nei difetti 

Sei la mia esatta metà

Ti amo ... oggi più di ieri, domani più di oggi (questa volta l'ho scritta bene ;)

 
 
 
Successivi »
 

TUTTA LA MIA STORIA

immagine

... la mia storia e quella della Linda, la bambina che mi ha cambiato la vita con il suo breve e luminoso passaggio !  

 

La storia di questo aborto, l'inizio della gravidanza, la speranza e infine la delusione ...

immagine

 

BENVENUTI NEL MONDO DELL'ADOLESCENZA

IL MIO NUOVO BLOG

Scenette di delirio familiare dalla mattina alle 7 alla sera alle 23.

Ma la domanda fondamentale è: Riuscirò ad arrivare ai 20 anni delle mie figlie senza un trapianto di fegato?

 

LE MIE FOTO SU ...

 

AREA PERSONALE

 

La mia non Ŕ una vita di rimpianti, ma una vita fatta dal presente, proiettata nel futuro e costruita sul passato. Ilaria

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      
 
 

Ho sentito che creavo
(di Gigliola Borgia)

 

Uno scritto sulle mamme, scritto da una ostetrica, che ha contribuito aiutando nel
Centro di Aiuto alla Vita

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

OLTRE LE NUVOLE

 

IN RICORDO DI LINDA

Questa è la musica che ho ascoltato durante la gravidanza della Linda, musica a cui mi sono sempre sentita legata.
Mentre ascoltavo questa canzone, è il ricordo dei suoi calcetti!

 

TAG

 

NEI MOMENTI DI SCONFORTO ...

... ci ha accompagnato la nostra colonna sonora!!!

 

ADOTTA UN BAMBINO A DISTANZA

 

 

 

GIORNATA DEL RICORDO

Il 15 0ttobre - ore 19.00

accendiamo una candela, per ricordare i nostri bambini, quelle stelle che hanno fatto parte della nostra vita e che occupano parte del nostro cuore tutti i giorni.

http://www.babyloss-awareness.org

Diffondi l'iniziativa:
banner per ilátuo blog

 

QUALE EROINA SONO?

counter

 

Free counters
 

LA MIA FOTO

Ila simpsonizzata

 

 

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ildiariodellalinda
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 46
Prov: FI