Creato da ildiariodellalinda il 05/04/2006
 

il senso della vita

per chi crede nella vita, anche quella più piccola nella pancia di una donna. Questa è la mia storia, un esperienza attraverso interruzioni di gravidanza, una morte perinatale e due splendide bambine (ora ragazze).

 

 

« Sensazione d'AmoreTornando dal lavoro »

Ada

Post n°261 pubblicato il 09 Novembre 2007 da ildiariodellalinda
 

C’era una volta, una piccola bambina, nata da una mamma che non voleva far sapere a nessuno della sua esistenza e che di nascosto partorì in un paesino vicino a Marradi, si diceva fosse una nobil donna e che la bambina fosse frutto di un’amore impossibile, ma queste sono solo leggende. La piccola, ancora calda, fu affidata a la levatrice, Caroli Agata che con cura l’avvolse in una coperta e nella notte tra il 7 e l’8 novembre 1895, la portò nella casa comunale di Marradi a denunciarne la nascita, agli atti rimase che la levatrice veniva da lontano, ma non si sa da dove.
Così l’ufficiale giudiziario decise un nome per la piccola, Ersilia Lavagni, la stessa mattina fu battezzata nella chiesa e poi la stessa levatrice si mise in cammino per portare la piccola a Firenze all’Ospedale degli Innocenti.
Fù abbandonata al suo destino, al destino di chi non avendo una famiglia, gira per le famiglie degli altri, non so come questa bambina abbia vissuto quegli anni, affidata alle famiglie nei dintorni di Borgo San Lorenzo, dicevano che cercavano di mandare i bimbi vicino alle mamme naturali, in modo che queste in silenzio potessero vederli crescere.
La famiglia con cui passò più anni fù quella di Luigi Chiarugi e la moglie Enrichetta, ben 12 anni.
Rientrata in istituto fù affidata ad altre famiglie, tante, troppe,  poi finalmente conobbe una brava persona, Alberto, che l’amava e che voleva formare con lei una famiglia, la loro, la chiamava Ada, la sua Ada, non gli piaceva il nome Ersilia, dopotutto non era un nome scelto con amore.
Sposó Alberto nella chiesa di San Giuseppe a Firenze, si diceva che a quel matrimonio parteciparono anche delle persone ben vestite, erano in fondo alla chiesa, ma non appena finì la cerimonia queste persone erano già sparite, lei già aspettava il suo primo bambino Omero, il primo di quattro meravigliosi figli, Luciana, Anna Maria e il più piccolino Giancarlo (non chè mio adorato babbino).
La vita con lei però fu crudele, quando il suo piccolino aveva solo quattro anni e lei finalmente gioiva per la sua meravigliosa famiglia, morì, a soli 44 anni, lasciando i suoi figli con l’amorevole babbo.

Nonna Ada, non ti ho conosciuto, ma ho passatao qualche mese della mia vita a cercare tue notizie a vedere se riuscivo a dare un nome a quella donna che ti aveva dato alla luce, ma erano passati troppi anni, tutti erano morti, levatrice, famiglie affidatarie, ma tu ormai saprai già chi è, e sarai tra le sue braccia.
Ti volevo dire che ti voglio bene e che ti sento vicina, questo è il periodo che iniziai le mie ricerche, nel 1995, proprio per il tuo compleanno, ho visitato quei luoghi, quelle montagne con gli alberi dei meravigliosi colori dell’autunno , gli stessi luoghi che ti hanno visto nascere e crescere.
Buon Compleanno Nonna Ada!

Ilaria

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

IO ...

 

 


Wilafirenze

Ilaria Bertini

La mia non è una vita di rimpianti, ma una vita fatta dal presente, proiettata nel futuro e costruita sul passato. Ilaria

 

LE MIE FOTO SU ...

 

IL BLOG PARALLELO

BENVENUTI NEL MONDO DELL'ADOLESCENZA

Se pensi che sia difficile essere adolescente ... prova ad essere sua madre!

Scenette di delirio familiare dalle 7 alle 23

Ma la domanda fondamentale è: Riuscirò ad arrivare ai 20 anni delle mie figlie senza un trapianto di fegato?

 

IL LIBRO

immagine

Della serie "tutti possono pubblicare un libro", ecco la mia storia e quella della mia bambina che è iniziata con un diario della gravidanza, diventato poi una terapia al dolore del tutto personale, passata dopo 4 anni e 1/2 su una pagina web ed ora un libro. Così uno può leggere tutto su internet, oppure con due pagine sul divano. Senza nessuna pretesa quello che con una parola un po' grossa posso chiamarlo:

 

Il mio libro: "il diario della Linda"

 

 

TUTTA LA MIA STORIA

immagine

... la mia storia e quella della Linda, la bambina che mi ha cambiato la vita con il suo breve e luminoso passaggio !  

 

ESPERIENZE D'ABORTO

La parola alle donne che hanno fatto l'IVG, che hanno avuto un raschiamento, che hanno rinunciato per sempre al loro figlio.
Basta chiacchiere e giudizi è ora di leggere.
 

RICORDI MUSICALI

 
 

counter

 

Free counters
 

NON CI CREDO!!!

G r a z i e  ! ! !

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ildiariodellalindacarloreomeo0stradanelboscoITALIANOinATTESALalla3672mrmau66lanfricapsanvasscassetta2letizia_arcuriFLORESDEUSTADkora69black.whalemax542011oranginella
 

TAG

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20