Creato da ildiariodellalinda il 05/04/2006
 

il senso della vita

per chi crede nella vita, anche quella più piccola nella pancia di una donna. Questa è la mia storia, un esperienza attraverso interruzioni di gravidanza, una morte perinatale e due splendide bambine (ora ragazze).

 

Messaggi del 25/05/2006

Post N° 89

Post n°89 pubblicato il 25 Maggio 2006 da ildiariodellalinda
 
Foto di ildiariodellalinda

Cercare di aiutare persone che si sono trovate nella mia stessa situazione, piene di domande e di sensi di colpa.
Aiutare le donne che hanno vissuto le mie stesse sensazioni.
Ho iniziato così questa strada, alla loro ricerca, ed ancora non ho trovato nessuno come me.

Avrò aiutato qualcuno con la mia storia? O tutto questo non è servito a niente?

 
 
 

Supporto ospedaliero, la mia riflessione:

Post n°88 pubblicato il 25 Maggio 2006 da ildiariodellalinda
 

Premetto che ho partorito le mie tre bambine sempre nel solito ospedale e che le altre due gravidanze dopo la morte della Linda sono state seguite dai dottori e dalle ostetriche che lavoravano li. Ho trovato persone splendide, persone che amano il loro lavoro e ci mettono così tanto amore nel farlo che hanno reso le mie travagliate  gravidanze più serene ed è con il cuore che ringrazio Denise, Francesca e Laura per quello che hanno fatto per me.

Detto questo, quando tornarono in sala parto e chiamarono mio marito per dargli la notizia della morte della Linda, in modo che fosse lui a dirmelo, scoppio un po' di trambusto, stavo male io, mio marito ma anche loro erano sconvolti e lavoravano tra pianti e disperazione (Denise, la ragazza che mi aveva fatto partorire lavorava in sala parto da una settimana). Io firmai le dimissioni, non avevo intenzione di tornare in reparto, magari tra pance e bambini, ed ecco che fui abbandonata, ma non dalle persone, dalla struttura.
Andai tre giorni dopo a ritirare il foglio dell'autopsia e poi a togliermi i punti, io tempestavo la gente di domande e nessuno sapeva rispondermi, ero così frustrata che pensavo fosse stata colpa mia.
Ad agosto facemmo la consulenza genetica ed anche li, niente risposte ... nessuno sapeva dirmi niente, un caso mi dicevano ... un caso tra milioni ...

Poi rimasi incinta della Siria e con tutti i sensi di colpa che mi portavo dietro, non mi feci colpi di sole, non pulivo con detersivi che pensavo facessero male ... NON MI DAVO NEMMENO LO SMALTO ALLE UNGHIE !

Poi per sbaglio rimasi incinta della Livia e così mi trovai a fare una consulenza a tossicologia perchè avevo assunto farmaci in gravidanza (prima di sapere che ero incinta) ed ecco che saltarono fuori tutti i dubbi della morte della Linda, portai le cartelle, le ecografie e finalmente le domande ebbero una risposta.
Uscii da quel consulto devastata ma libera dai sensi di colpa che mi avevano attanagliato per così tanti anni, sensi di colpa che avevano rovinato anche le gravidanze successive.

Allora io mi chiedo, perchè quando succede una cosa del genere l'ospedale non ti fornisce un supporto, qualcuno che guidi i tuoi dubbi verso risposte più o meno certe, una pesona che ti ascolti e ti sappia indirizzare verso altre strutture, magari ti consigli uno psicologo, non poteva esserci qualcuno che mi diceva, subito dopo la morte: "signora se ha dubbi di questo genere perché non prova a chiamare tossicologia?"  

PERCHE' UNA STRUTTURA COME UN OSPEDALE TI ABBANDONA A DUBBI E INCERTEZZE !

 
 
 

IO ...

 

 


Wilafirenze

Ilaria Bertini

La mia non è una vita di rimpianti, ma una vita fatta dal presente, proiettata nel futuro e costruita sul passato. Ilaria

 

LE MIE FOTO SU ...

 

IL BLOG PARALLELO

BENVENUTI NEL MONDO DELL'ADOLESCENZA

Se pensi che sia difficile essere adolescente ... prova ad essere sua madre!

Scenette di delirio familiare dalle 7 alle 23

Ma la domanda fondamentale è: Riuscirò ad arrivare ai 20 anni delle mie figlie senza un trapianto di fegato?

 

IL LIBRO

immagine

Della serie "tutti possono pubblicare un libro", ecco la mia storia e quella della mia bambina che è iniziata con un diario della gravidanza, diventato poi una terapia al dolore del tutto personale, passata dopo 4 anni e 1/2 su una pagina web ed ora un libro. Così uno può leggere tutto su internet, oppure con due pagine sul divano. Senza nessuna pretesa quello che con una parola un po' grossa posso chiamarlo:

 

Il mio libro: "il diario della Linda"

 

 

TUTTA LA MIA STORIA

immagine

... la mia storia e quella della Linda, la bambina che mi ha cambiato la vita con il suo breve e luminoso passaggio !  

 

ESPERIENZE D'ABORTO

La parola alle donne che hanno fatto l'IVG, che hanno avuto un raschiamento, che hanno rinunciato per sempre al loro figlio.
Basta chiacchiere e giudizi è ora di leggere.
 

RICORDI MUSICALI

 
 

counter

 

Free counters
 

NON CI CREDO!!!

G r a z i e  ! ! !

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2006 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ildiariodellalindacarloreomeo0stradanelboscoITALIANOinATTESALalla3672mrmau66lanfricapsanvasscassetta2letizia_arcuriFLORESDEUSTADkora69black.whalemax542011oranginella
 

TAG

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20