Creato da giuliosforza il 28/11/2008
Riflessione filosofico-poetico-musicale

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

giuliosforzaannawintour0pix001famaggiore2Davide.K1982pigrecatioladyromanaonesicritogpgetmadagamadaannamatrigianoneruda.dafrancosciarrapino.poglianipie.lf
 

Ultimi commenti

Ciao, sono una persona che offre prestiti internazionali. ...
Inviato da: MaŽl Loton
il 18/09/2023 alle 02:38
 
Ciao, sono una persona che offre prestiti internazionali. ...
Inviato da: MaŽl Loton
il 18/09/2023 alle 02:34
 
Ciao, sono una persona che offre prestiti internazionali. ...
Inviato da: MaŽl Loton
il 18/09/2023 alle 02:31
 
Ciao, sono una persona che offre prestiti internazionali. ...
Inviato da: MaŽl Loton
il 18/09/2023 alle 02:27
 
Proverbiale testa dura dei Vivaresi???&#128516;
Inviato da: Franco Moscetti
il 09/11/2022 alle 18:31
 
 

Chi puÚ scrivere sul blog

Solo l'autore puÚ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Sono stato all'Inferno:...La Lollo e gli avvoltoi.... »

Varie di musica. Lollobrigida: Fanfan la Tulipe. e Limoges

Post n°1156 pubblicato il 10 Febbraio 2023 da giuliosforza

1055

   ‘La Sonnambula’. La bella voce di coloratura di Eva Mei oggi mi commuove anziché infastidirmi, così fuori luogo in un contesto di cuori infranti. Mi commuovo più e più volte. Ma ad ‘Ah! Non credea mirarti, sì presto estinto, o fiore’ premono le lagrime dal cuore agli occhi, ché fanno irruzione le memorie: Catania è qui, la recuperata tomba di Lui è qui, il robusto  fusto di bambù, sottratto furtivamente all’hortus conclusus che un recente risveglio di Enkélados e Tiphòn sbuffanti ha ricoperto di recente polvere vulcanica quasi manto di neve nera, sul quale trascrivo, in un momento particolare della mia travagliata vita sentimentale, l’Aria struggente impressa sul marmo del sarcofago, è qui, tra gli altri innumerevoli centoventi lignei diari della mia vita silvestre. E intatti sono ancora i colori rosso e nero dei righi e delle note. Ma ancora è qui, ahimé, nel musicale policromo e incorrotto giardino della mia Anima, il Fiore delicato strappato troppo presto dal suo stelo in quei giorni di Fuoco.

   Esulti pure, dunque, il popolo in coro: Elvino e Amina finalmente sposi. Ma nel fondo abisso della mia anima le voci di epitalamio risuonano di trenodia. ‘Sunt lacrimae rerum’.

*

   E poi uno Zauberflӧte (mai sètta, quale la Massoneria settecentesca nei suoi nobili ideali di umanità, bontà e fratellanza, ebbe più delicata e insieme possente celebrazione) che anche per me, nel mio tramonto, possiede una confortante messaggio di serenità e di speranza: per la potenza della Musica attraverseremo sereni la porta buia della Morte, oltre la quale è ad attenderci lo splendore di Iside e di Osiride.

   L’ho sempre saputo, su tale convincimento si è fondata e si fonda la mia filosofia della Musica. Ora Wolfgang me lo riconferma, ancora una volta benevolo dai suoi cieli. Che egli con Frau Musika, la Musica che egli è, sempre sia lodato.

*

   Per la prima volta ascolto La Straniera di Bellini. Mi meraviglia che per tanto tempo sia stata ignorata dai nostri teatri. Una compattezza degna di Wagner, senza che ne perda l’immancabile nostrano melodismo.    Purtroppo noto che anche la sua fonte letteraria è straniera, L’Étrangère di Charles-Victor Prévost d’Arlincourt.

   Quasi tutte le opere italiane dell’Ottocento hanno libretti ricavati da autori stranieri. Credo quasi il 99%, ed è un vero peccato. Le storie sono quindi quasi tutte di seconda mano, di fonti per lo più francesi e tedesche (fra queste imperversa un genio come Schiller, per fortuna). Non è un fatto di poco conto. L’Opera d’arte totale ne risente e molto ci rimette, oh se ci rimette!

*

   E di “Così fan tutte” per la prima volta m’incanto al ‘trio del vento’. Soave sia il vento Tranquilla sia l'onda Ed ogni elemento Benigno risponda Ai nostri desir.

   Sarà piaciuto ad Achille-Claude Debussy de La Mer? Quanto gli debbono il suo Simbolismo e il suo Impressionismo? Mi piacerebbe indagare.

*

   Amleto2, di Filippo Timi

   Così una nota redazionale di Rai5: Un Amleto spiazzante, comico, furibondo, folle e colorato: si chiude con “Amleto² (Il popolo non ha pane? Diamogli le brioche)”, in onda sabato 21 gennaio 21.15 su Rai 5, il ciclo “Lo specchio del mondo”, dedicato ai cinquant’anni del Teatro Franco Parenti di Milano. Andato in scena nella stagione 2012-2013, con la regia di Filippo Timi, lo spettacolo vede lo stesso Timi – accompagnato da Lucia Mascino, Marina Rocco, Luca Pignagnoli, Elena Lietti - protagonista di una rilettura di Shakespeare dove ogni gesto o parola diventa gioco e voce personale, provocazione intelligente, “helzapoppin” ad alta gradazione di divertimento. Di fronte alla tragedia, Amleto ha due possibilità: soccombere o esplodere nel massimo della vitalità. Timi ha scelto la seconda, trasformando la tragedia in commedia, tra potere, oblio, frivolezza e pazzia, La regia tv è di  commedia, tra potere, oblio, frivolezza e pazzia. pazzia. La regia tv è di Felice Cappa”.

   Non conosco Filippo Timi. Ma la presentazione è allettante. Non resto deluso, sì pensoso. E non servirà troppo tempo per smaltire l’irriverente ennesima irrisione al buonsenso.

*

   Alla giovane dotta intelligente dottoressa Gemma (sì, tale il suo nome), dermatologa di grande talento, in riconoscimento dei suoi meriti per avermi liberato dei fastidiosissimi pruriti (impresa nella quale tanto di barbassori avevano fallito) ho scritto a mano, col dono di un volume dei miei DIS-INCANTI. Dianoie Metanoie Paranoie d’un Vegliardo diarista virtuale (nell’inconfessata speranza ch’ella abbia questo sproloquio più caro del suo diploma di laurea, e non ne rida) quanto segue:

   All’amabile dottoressa Gemma

   il Vegliardo dona questo zibaldone di pensieri, sovra (super)-pensieri, folli-pensieri,

   con l’augurio che la VITA

   “dono grande e terribile del Dio” (Gabri)

   CELEBRI A LUNGO IN LEI I SUOI FASTI

   per il progresso della CONOSCENZA, che di lei fece l’adepta dei suoi MISTERI,

   e per il bene dei pazienti che avranno la felice VENTURA di incrociarla sul loro cammino.

   In Roma, il 13 Gennaio 2023 di Cristo

   Idibus Ianuariis Anno MMDCCLXXIII ab Urbe condita.

   Umilissimamente G. S.

   Sono proprio incorreggibile.

 *  

   Ora sì che mi rilasso con Brahms, Tragische Ouverture. Ottima, ottima. Un direttore giapponese, Iijii Oue, che scimmiotta, simpaticamente,  in meglio, Pappano.

   E Due balletti: Giselle e Onegin. Romantici che più romantici non si può. In ambedue Adolphe-Charles Adam  e Ciaikovskij danno il meglio di sé.  Li ho seguiti immaginando di avere accanto, a goderne, il più grande innamorato e celebratore della Danza come vittoria suprema sulla forza di gravità, Friedrich di Rӧcken. Quanto abbiamo goduto insieme!

_____________

Chàirete Dàimones!

    Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano)

   Gelobt seist Du jederzeit, Frau Musika!

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/disincanti/trackback.php?msg=16551157

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963