Creato da tanksgodisfriday il 26/03/2006
Cose varie al PC, sul Web e nella mente. Puoi scrivermi a: tanksgodisfriday@libero.it
 

 

« Google for Math Lovers... 3 2 1 0 è 2012! »

Spread, pessimismo e ottimismo

Post n°1740 pubblicato il 30 Dicembre 2011 da tanksgodisfriday
 

Il
 lavoro mi ha abituato a cercare l'andamento nei grafici, più che a seguirne picchi e avvallamenti. L'attenzione va anche a questi, ma solo dopo aver colto la linea di tendenza.

E il mio primo sguardo al grafico dell'andamento dello "spread" mostrato ieri dal nostro Presidente del Consiglio Mario Monti, ha colto la linea in nero che ho sovrapposto all'immagine (presa dal sito di Bloomberg).
Un attimo dopo lo zoom della telecamera ha mostrato l'andamento colto invece dal PdC, completamente diverso, e che ho tracciato (spero correttamente) in verde nella stessa immagine.

Nero e verde, pessimismo e ottimismo?
La mia linea è semplicistica, guidata solo dall'abitudine a lavorare sui grafici, mentre ignoro le reali dinamiche che guidano l'andamento dello spread. Per dirne una: se nella prima parte della salita gli acquisti di nostri buoni da parte della BCE hanno limitato la rampa in salita, negli ultimi tempi questi aiuti si sono praticamente azzerati, se ho ben compreso la spiegazione del PdC, quindi la pendenza adesso è "reale".

Technicalities a parte, però, una meditazione su pessimismo e ottimismo ci sta.
Vivo ancora il primo, maturato negli ultimi anni a fronte dell'improvvisazione, della voracità e dell'inadeguatezza della nostra classe politica. Nessuno escluso, da partito a partito varia solo la composizione dei tre ingredienti.
Ma forse è il momento di virare al secondo, all'ottimismo. Almeno finché a guidare il Paese c'è chi anticipa e promette poco, ma lascia sperare molto: equità sociale, lavoro ai giovani, lotta all'evasione.

Sperando che esista un meglio nella nostra politica, che abbia forza e coraggio per venir fuori e poi continuare con serietà e trasparenza il lavoro cominciato in questo scorcio di fine anno. Le elezioni sono al più tardi nel 2013, dietro l'angolo, quindi.

Buon venerdì.

[Tutti i post su politica.]

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/elaborando/trackback.php?msg=10933919

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
torospensierato
torospensierato il 30/12/11 alle 15:03 via WEB
questo, che Ŕ quello che ha mostrato Monti, Ŕ il grafico dell'anno, ovvio che se mostrava solo 60 giorni era tra lo stabile ed in discesa, certo se avesse mostrato quello degli ultimi 20 anni http://www.cermlab.it/grafici.php?doc=96 ci saremmo ricordati quando eravamo davvero nei guai, ma poi avrebbe dovuto spiegare perchŔ allora nessuna S&P se ne preoccupava. Buon anno
 
 
tanksgodisfriday
tanksgodisfriday il 30/12/11 alle 17:02 via WEB
Interessantissimo!
Nel '98 si vede la "raccolta" del costo dei vari debiti in un margine molto ridotto, poi il gruppo si disperde a partire dalla crisi del 2008. In tre anni, poi, il ritorno ai massimi. Particolarmente forte la situazione dell'Irlanda, una volta virtuosa, mentre noi e gli spagnoli andiamo a braccetto, pur con storie politiche molto diverse in questi anni.
A salvare la lira, prima dell'unificazione nell'euro, credo fosse la possibilitÓ di svalutare la lira, automaticamente bruciando i nostri risparmi. Ma nessuno se ne aveva a male.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Area personale

 

Ultimi commenti

Translate!

 

Ultime visite al Blog

giusepp.cardinaleEsperusdue.piilike06maudit_dgltanksgodisfridaychiocciolasbcambio20142014loryealeles515surfinia60la.cozzaalfonsogarganoPalermo4principe69_9
 
 

networkedblogs.com