Creato da ElettrikaPsike il 17/12/2012

ElettriKaMente

Dillo, bella strega...se lo sai, Adorabile strega…Dimmi, conosci l’irremissibile? (I fiori del male, C. Baudelaire)

 

 

« IL MATTINO AVRA' PURE L...LE STREGHE SON TORNATE! »

IL DECALOGO DEL DANDY

Post n°336 pubblicato il 03 Settembre 2022 da ElettrikaPsike
 

 

Visto che, in alcune occasioni, l'accezione del termine "borghesia"

e la scelta dell'iconica locuzione francese "Épater la bourgeois"

come titolo per un mio ciclo di post, non sono risultate così chiare,

ho pensato che fosse utile rispolverarne le origini, andando dritti alle fonti

con un decalogo ad hoc.

Anzi, 

adapté pour l'occasion!

 

E chi meglio dei dandies per antonomasia,

Charles Baudelaire ed Oscar Wilde,

può raccontarci cosa significhi "scandalizzare la borghesia"

(anche in un tempo odierno in cui la borghesia non è più indicativa di una condizione sociale ed economica)?

 

Ma per capire l'esigenza di "épater les bourgeois" è necessario capire il pensiero dandy. E benchè il dandismo escluda la ristrettezza di ogni definizione, lo faremo comunque.

In fondo, il fatto stesso di descrivere l'indescrivibile, non è forse un'operazione dandy?


1. Il dandy è colui che non abbraccia nessuna filosofia e non è fedele neppure a se stesso. Non esclude nulla dalla propria vita, perché è proprio questo il significato ed il fine ultimo dell’edonismo estetico. Il dandismo, infatti, procede convintamente verso l’assolutezza di una libertà spogliata da ogni vincolo, persino quello estetico (leggasi pertinente al gusto e al senso della forma).

 

Difatti, preferisce di gran lunga "vivere la propria vita pienamente, interamente, completamente piuttosto che trascinare una falsa, vergognosa, degradante esistenza quale il mondo, nella sua grande ipocrisia, domanda".


E' consapevole che "Vivere è la cosa più rara a questo mondo e che la maggior parte delle persone esiste (ma questo è tutto ciò che fa)".


Allo stesso modo, sa che è essenziale dare la giusta importanza alle cose. Ed è per questo che dichiara:"La vita è troppo importante per essere presa seriamente".


 Ha imparato ad amare il mistero: "Il segreto è l’unica cosa che può rendere misteriosa – o splendida – la vita moderna. Quando una persona mi piace moltissimo non ne dico mai il nome a nessuno, perchè sarebbe un po' come rinunciare ad una parte di lei".


Spiega al mondo che "Rammaricarsi delle esperienze fatte significa arrestare il proprio sviluppo e negarle equivale a mettere una menzogna sulle labbra della nostra vita. Sarebbe soltanto come rinnegare la propria anima".


Infatti, per lui "L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare, ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi".


 Pensa che la vita funzioni al contario di come appare: "L'anima nasce vecchia e diventa giovane con il tempo, ed è questa la vera commedia della vita; al contempo un corpo nasce giovane e poi con il tempo diventa vecchio, e questa è la tragedia".

 

Ma, in ogni caso, per lui "La vita scorre sempre più veloce del realismo".


2. Il dandy è comunque contro. In perenne insurrezione contro il prosaico, il già udito, il risaputo. E contro la mediocrità e le piccinerie. Cionondimeno, la sua non è mai un’aperta trasgressione perché, di fatto, accetta di convivere con le regole che l’ambiente impone e che sono riconosciute - da lui per primo - come indispensabili per poter costruire pienamente la propria identità. Di conseguenza, quella stessa società dinnanzi alla quale si pone in continua protesta, diventa non soltanto una minaccia, ma anche il mezzo principale grazie al quale poter manifestare la sua essenza.

“Il dandy è sulle barricate.”

“Vi odio tutti, vi amo tutti”.

"Conversare sul tempo è l’ultimo rifugio di chi non ha immaginazione."

 

3. Il dandy non si può dire appartenente a nessuna classe sociale: non è un borghese nella stessa identica misura in cui non è uno snob, difatti beffardamente irride gli aristocratici altezzosi che vivono di sola raffinatezza, perché lui è superiore anche alla bellezza e all’eleganza.

"Solo chi sembra stupido ha accesso alla Camera dei Comuni e solo chi è stupido vi ottiene successo."

"Viviamo in un’epoca di superlavoro e di sottocultura; un’epoca in cui la gente è talmente laboriosa da divenire stupida."


4. L’eleganza del dandy non va confusa con l’evidente e scontata raffinatezza ad ogni costo; difatti egli non rifugge aprioristicamente le espressioni prosaiche, ma riconosce quale sia il momento ed il luogo più opportuno per adoperarle.

“La dignità mi annoia”


5. Scandalizza con l’intelletto servendosi dell’arte del paradosso, scardinando quei luoghi comuni che si sono insidiati nelle menti come una torma di pachidermi o come ossessivi ritornelli assimilati per pigrizia. Ed è per questo che si compiace di non essere compreso.

  “Sono fin troppo consapevole del fatto che si vive in un'epoca in cui solo gli ottusi sono presi sul serio, e io vivo nel terrore di non essere frainteso.”

"Nella vita moderna non c’è nulla che faccia più effetto di un luogo comune: riesce a unire fraternamente persone di ogni ceto."

"L’ottusità è sempre una irresistibile tentazione per l’ingegno arguto, e la stupidità è la permanente Bestia Trionfans che chiama fuori la saggezza dalla sua caverna."

"Solo gli ottusi sono brillanti la mattina a colazione."

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno."

"Spesso sostengo lunghe conversazioni con me stesso e sono così intelligente che a volte non capisco nemmeno una parola di quello che dico."


6. Utilizza un’atarassica - ancor più che annoiata - superficialità a testimonianza della sua unicità e mostra una determinazione irremovibile nel non mostrarsi coinvolto, come se  impossibilitato ad essere emotivamente toccato dagli eventi.

“Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l’esperienza.”


7. E’ deliberatamente improduttivo.

“Lo scopo della vita è lo sviluppo di noi stessi, la perfetta realizzazione della nostra natura: è per questo che noi esistiamo.”

“Ci sono due grandi tragedie nella vita: una è non ottenere ciò che si vuole, l’altra è ottenerlo.”


8. La relazione che ha con se stesso è simile a quella con un oggetto esterno.

“The art for art's sake”

(Fare della vita stessa un'opera d'arte)

“Amo recitare. È molto più reale della vita.”

"Ogni uomo mente, ma dategli una maschera e sarà sincero."

 

9. Imprevedibilità e incostanza: il dandy mira a stupire e spesso a sceglie di fare o dire esattamente il contrario di ciò che ci si aspetta da lui.

"Adoro le maldicenze che riguardano gli altri dano gli altri, ma quelle che mi riguardano non m'interessano in alcun modo: non hanno il fascino della novità".

"Perdona sempre i tuoi nemici: nulla li fa arrabbiare di più".

"Il valore di un’idea è assolutamente indipendente dalla sincerità dell’uomo che la enuncia; anzi è probabile che quanto meno l’uomo è sincero tanto più sia intelligente sia l’idea."

"Se hai trovato una risposta a tutte le tue domande, vuol dire che le domande che ti sei posto non erano giuste."

"Se non ci mette troppo, l'aspetterò tutta la vita."


10. E' inimitabile. O si è dandy, oppure non lo si può diventare. Infatti sfugge a qualsiasi dettaglio facilmente riconoscibile proprio perché segue leggi esclusivamente individuali con un solo elemento in comune: il concetto di unicità. La stessa moda, quindi, è un elemento che il dandy può sicuramente creare, ma di certo non seguire.

Perchè, dopotutto,

“Amare se stessi è la vera storia d’amore che dura una vita intera.”

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/elettrikamente/trackback.php?msg=16418911

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
misteropagano
misteropagano il 03/09/22 alle 20:41 via WEB
...quanto al Dandy così ben illustrato forse è fuori tempo come il borghese, riflettevo questi giorni dopo la notizia della scomparsa di Gorbaciov e relative polemiche storiche di come il cosiddetto spirito democratico renda tutti fin troppo uguali; gli stessi non amano riconoscere estro speciale in alcuno se non in "idoli" alimentati dal sistema. Inoltre proverei, dopo tutte queste "figure maschili" ad affrontare questioni più radicali: (I radicali), soprattutto La Donna Radicale; infine le novità sui pronomi e gli articoli per il genere...ho sempre più difficoltà a scrivere di Lui, loro, l'uomo, l'umanità linguisticamente parlando. Secondo me ci sono sempre troppi soggetti maschili...vai con il decalogo della Dandy e via discorrendo. Baci sorellina Ellenina:*
 
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 02/10/22 alle 19:44 via WEB
Difatti, almeno per come lo considero io, e quindi avulso da un contesto storico, mist, il o la dandy non fanno differenza! Molto diversa, invece, era la considerazione dell'epoca, pienamente affossata nel proprio tempo, della totale impossibilità da parte della donna di esprimere l'essenza dandy, pena una contraddizione in termini. "Ho sempre più difficoltà a scrivere di lui, loro, l'uomo, l'umanità linguisticamente parlando" Che dire? è incontestabilmente vero. Ma non mi ci sono mai più di tanto soffermata perché, per mia fortuna, volo e m'intrattengo solo in spazi dove il problema non si pone...dove viene offerta ebbrezza agli dèi ed il cipresso e la quercia non crescono l'uno all'ombra dell'altro ;-)
 
Dott.Ficcaglia
Dott.Ficcaglia il 03/09/22 alle 21:08 via WEB
Ho compreso di essere emblematicamenye dandy
 
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 02/10/22 alle 19:45 via WEB
Ottimo!
 
woodenship
woodenship il 03/09/22 alle 22:51 via WEB
Tutto ed il contrario di tutto, si potrebbe sintetizzare, ma con che classe e stile!... grande prova di stile anche la tua mia cara....un bacio scintillante di stelle.....w .....
 
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 02/10/22 alle 19:51 via WEB
In piena coerenza con il paradosso! Ma, sai, in realtà non credo che tutti questi estremi apparentemente contraddittori lo siano davvero, anzi. A ben guardare si vanno a concatenare, completandosi e più che di opposizioni si tratta di sfumature che si confermano vicendevolmente...Grazie mille, caro wood, per gli apprezzamenti e per esserci ;-)
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 04/09/22 alle 19:21 via WEB
Ah, che meraviglia, certe citazioni wildeiane! Le sue commedie (che infliggo spesso agli allievi nei miei corsi, e da cui ricavo saggi) sono scrigni pieni di perle. Questa, bellissima, (che sembra scritta oggi!) non me la ricordavo e non so da dove arrivi, ma ti ringrazio per averla postata: "Viviamo in un’epoca di superlavoro e di sottocultura; un’epoca in cui la gente è talmente laboriosa da divenire stupida".
 
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 02/10/22 alle 19:56 via WEB
Dal "Manuale del perfetto impertinente". Contenta che ti sia piaciuta. Grazie, je_est!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Arwen71 il 22/09/22 alle 04:45 via WEB
;-) splendido identikit Ele! Ben fatto. Moni.
 
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 02/10/22 alle 19:56 via WEB
;-) Grazie mille.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
ARGYRIA il 25/09/22 alle 20:01 via WEB
Questo è da paura! Me lo studio e torno :))
 
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 02/10/22 alle 19:57 via WEB
Hai tutto il tempo, Argyria...pensa a quanto ci ho messo io a pubblicare i commenti e a rispondere...Imperdonabile, lo so...;-p
 
legrillonnoirdestael
legrillonnoirdestael il 25/09/22 alle 20:04 via WEB
Credo che meglio di così non si potesse carpire l'essenza del dandismo. Un bel lavoro, idea apprezzata e apprezzabile da chiunque ami la letteratura estetica. Brava Ele! In attesa che tu abbia risolto con l'account e possa tornare online, un inchino ammirato. Niccolò.
 
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 02/10/22 alle 19:59 via WEB
Ed eccomi, rediviva...Grazie Niccolò, lusingata ;-)
 
ravenback0
ravenback0 il 26/09/22 alle 12:57 via WEB
Niente meno, Ely?!? Non mi aspettavo di trovarmi anche il decalogo del dandy :) tra l'altro è sempre stata piuttosto difficile da inquadrare l'essenza dandy da reminiscenze scolastiche, magari ci fosse stato questo post quando ero ggggggiovane :D
 
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 02/10/22 alle 20:00 via WEB
;-)
 
diogene51
diogene51 il 30/09/22 alle 22:37 via WEB
Dura una vita intera...sì, ma non è un po' deprimente?
 
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 02/10/22 alle 20:03 via WEB
E perché mai? Dal momento che siamo obbligati a convivere con noi stessi per tutta la vita, sarebbe decisamente deprimente se ci detestassimo, anziché amarci...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

JE SUIS CENACOLO'

 

Per chi ama scrivere,

per chi ama leggere.

Per chi è innamorato delle parole:

 

JE SUIS CENACOLO' 2015

Il Contest Letterario a colpi di BIC

blog.libero.it/WORDU/

Un Blog di PAROLE…

C H E    A R R I V A N O,

C H E    P A R T O N O,

C H E    R E S T A N O.  

Come un grifo, tra terra e cielo.

 

 

IL CENACOLO SI E' CONCLUSO ED ORA...

ABBIAMO IL LIBRO!

  

 

http://issuu.com/wu53/docs


 

ULTIME VISITE AL BLOG

monicapatricia.coronje_est_un_autrecassetta2woodenshipElettrikaPsiketempestadamore_1967legrillonnoirdestaelravenback0misteropaganoNINAARGY80cuspides0amici.futuroieriDott.Ficcagliadiogene51
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

                        

                                                             https://twitter.com/elettrikapsike