Creato da: venere893 il 09/08/2009
l'universo,un viaggio meraviglioso.

 

 

UN SOVRANO FRA LE STELLE

Post n°24 pubblicato il 05 Gennaio 2010 da venere893

un sovrano diHagor Saud Flyd, sovrano della galassia del Drago Minore, era seduto alla scrivania del suo studio privato, e stava guardando attraverso la porta a vetri, che dava sul piccolo giardino; sembrava che osservasse lo zampillare dell'acqua che fuori usciva dai cannoncini della piccola fontana a forma di nave, ma il suo sguardo andava oltre, verso un orizzonte lontano, infatti, egli stava ripensando agli avvenimenti che lo avevano fatto diventare l'uomo d'oggi. Hagor non era originario della galassia che governa - va, ma proveniva dalla nebulosa dell'Aquila e più precisamente dal pianeta Flyd, e non sapeva perché la sua famiglia portasse lo stesso nome del pianeta. Le galassie conosciute, invece prendevano il nome dalla loro forma, visibile solo da molte migliaia di chilometri di distanza, e non facevano eccezione né la nebulosa del Drago Minore e né dell'Aquila. Gli abitanti dei pianeti di queste galassie erano tecnologicamente avanzati, e Flyd non faceva eccezione. Come molti dei mondi conosciuti, il pianeta aveva rischiato di scomparire a causa di ad una terribile esplosione, provocata dalla fusione del nucleo centrale globo. Si era arrivati a tale punto per il troppo sfruttamento delle risorse, e solo con la tenacia degli scienziati si era impedito la ......deflagrazione. Una volta risolto il problema della fusione nucleo n'era sorto un altro, d'uguale importanza, sempre a causa dello sfruttamento delle risorse: vi era stata la decimazione della popolazione a causa di malattie epidemiche. I pochi sopravissuti, si resero conto che per ripopolare il loro pianeta e la costellazione, dovevano non solo debellare le malattie ma trovare anche il modo di riprodursi senza rischiare di far nascere bambini già cagionevoli di salute, molti dei neonati, infatti, non sopravvivevano, e i pochi che vi riuscivano diventavano uomini e donne troppo deboli, e a loro volta generavano figli malati. Certo potevano rivolgersi alle galassie vicine, ma anche in questo caso i risultati sarebbero stati disastrosi, perché anche quelle galassie avevano subito lo stesso destino. Così, come molti altri pianeti decisero di spingersi oltre lo spazio sconosciuto; una volta individuata la galassia che presentava le stesse qualità della loro vi si stabilirono, mescolandosi alla popolazione dell'unico pianeta abitato. Dovettero pazientare per diverso tempo, prima di ripartire, perché il pianeta non era tecnologicamente avanzato, e soprattutto perché i suoi abitanti non erano mentalmente preparati a conoscere viaggiatori d'altri mondi; la loro pazienza fu ad ogni modo ripagata e alla fine ripartirono per la loro ......costellazione per dare origine ai nuovi abitanti dell'Aquila. Da quegli avvenimenti erano trascorsi seicento anni, e da trecento sulla nebulosa regnava la famiglia Flyd, e con la loro monarchia la galassia, aveva raggiunto il massimo della prosperità; per un breve periodo la costellazione rischiò di perdere stabilità. Hagor, in quel momento stava pensando proprio agli avvenimenti scongiurati solo dal suo coraggio e dalla forza d'animo dei propri fratelli e amici più intimi. Hagor si chiese quanto tempo fosse passato, e quando la sua vita avesse avuto la svolta decisiva, e si rese conto che da allora erano passati cinquantanni. Sussurrando a se stesso disse:
"Dio dell'universo, quanto tempo è gia passato, una vita intera!".
Hagor adesso aveva sessantacinque anni, ma il suo aspetto non aveva subito molti cambiamenti, era ancora un uomo attraente; il suo fisico asciutto e atletico, i capelli ancora neri, come piume un corvo, e solo qua e la c'erano dei fili d'argento; i suoi occhi erano di un blu intenso che rispecchiava le profondità marine, il naso in su, le labbra leggermente carnose; infine il suo leggendario sorriso era ancora intatto, e il carisma era cresciuto con il tempo che scorreva.
Sì, erano trascorsi cinquantanni, proprio una vita, già perché tutto era cominciato il giorno del suo quindicesimo compleanno. Chiuse gli occhi, ed ecco che si rivide in cima alla scalinata che portava nel salone delle feste del palazzo reale.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DOMANI E' UN ANNO CHE SEI SCOMPARSA VALENTINA

Post n°22 pubblicato il 30 Novembre 2009 da venere893

IN CIELO C'E VITAricordo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

UN DONO DEL MIO AMICO RICHY.GRAZIE

Post n°21 pubblicato il 30 Novembre 2009 da venere893

GRAZIE

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

GALASSIE

Post n°20 pubblicato il 09 Novembre 2009 da venere893

Le galassie sono degli enormi contenitori di stelle, il cui diametro può essere di centinaia di migliaia di anni luce, che come delle vere e proprie isole nell'universo si trovano situate nello spazio a distanze enormi (miliardi di a.l.) le une dalle altre. A separarle solo immense quantità di pulviscolo intergalattico e materiale interstellare estremamente rarefatto.

GALASSIE

NGC 4414 - Credit: Hubble Heritage Team (AURA/STScI/NASA)-NSSDC

Data la grandissima distanza che ci separa dalle più vicine, esse sono state scoperte solo negli ultimi tre secoli, anche se la certezza della loro esistenza la si è avuta solo nel 1924, grazie ad E. Hubble, che misurando la distanza di alcune cefeidi individuate nella galassia di Andromeda, ebbe la prova di come quest'ultima fosse situata nello spazio esterno ben al di là della Via Lattea. Prima di allora, infatti, quelle poche galassie che erano state scoperte venivano scambiate per stelle o nebulose, vista la mancanza di strumenti adeguati all'osservazione di oggetti così lontani.

Protogalassie

La nascita delle galassie è ancora avvolta nel mistero, ma sembra che esse traggano la loro origine per l'aggregazione della materia primordiale che, centinaia di milioni di anni dopo il Big-Bang, iniziò ad addensarsi in grandi nubi, le quali, a causa delle immense forze gravitazionali risultanti, cominciarono a contrarsi ed a ruotare attorno a se stesse dando vita alle "protogalassie". E' sicuramente in questo frangente, che le diverse velocità di rotazione condizionarono quelle che poi sarebbero risultate le forme finali di ciascuna delle galassie attuali.

Classificazione delle Galassie

Hubble infatti le distinse in base al loro aspetto ed alle loro dimensioni in gruppi omogenei, suddivisi a loro volta in sottogruppi:

GALASSIE

  • Ellittiche - Hanno una forma ellissoidale con un nucleo molto intenso che si disperde verso l'esterno. Per la maggior parte sono composte da stelle di vecchia formazione;
  • Spirali - Dello stesso tipo della nostra galassia, si caratterizzano per il nucleo centrale, di forma quasi sferica, che si trova circondato da un alone da cui si dipartono i bracci a forma di spirale. In questo tipo di galassia coesistono stelle di tutte le età, anche se quelle più giovani sembrano trovarsi nel disco;
  • Barrate - Pressocchè uguali alle precedenti, differiscono solo per i bracci, che invece di essere a forma di spirale, sono collegati agli estremi di una barra centrale.

Altri gruppi minori sono quelle irregolari, dalle forme prive di simmetria, e le lenticolari, una via di mezzo fra quelle ellittiche e quelle a spirali, che probabilmente hanno perso la forma originaria per l'interazione gravitazionale con altri corpi galattici vicini.

Distribuzione delle galassie

Le galassie hanno la caratteristica di aggregarsi in ammassi e quindi in superammassi (un migliaio di oggetti nel primo caso e centinaia di migliaia nel secondo) che possono essere aperti, se composti da una struttura irregolare, o regolari, se mostrano una forma sferica che solitamente è più densa verso il centro.DISTRIBUZIONE

 

Ammasso Abell 2218
Credits: W.Couch (University of New South Wales),
R. Ellis (Cambridge University), and NASA - NSSDC

Considerando l'alta densità che caratterizza i superammassi, può capitare che avvengano scontri fra galassie, ma senza le conseguenze che si potrebbero immaginare. Esse sono costituite infatti da zone estremamente rarefatte, con il risultato che spesso si fondono fra loro creandone delle altre di dimensioni maggiori. Se invece lo scontro avviene a velocità tali da permettere di sfuggire alla forza di mutua attrazione, allora esse verrano intaccate solo marginalmente, subendo variazioni nella loro forma.

CONSIDERANDO

Galassie con le antenne (NGC 4038/4039)
Credit: Brad Whitmore (STScI), and NASA - NSSDC

Galassie attive

Oltre a quelle enunciate, esistono anche altre specie di galassie, che emettendo energia in grandissima quantità sotto forma di radiazioni, si meritano l'appellativo di galassie attive. Le cause di tutto questo sono ancora sconosciute, forse un buco nero che risiede nel nucleo galattico, ma è comunque possibile distinguerle secondo il tipo di energia irradiata in:

  • Radiogalassie - Emettono radiazioni sotto forma di onde radio ed hanno una forma ellittica ed un nucleo formato da due lobi contrapposti;
  • Quasars - Particolari tipi di radiogalassie scoperte negli anni '60 e situate a distanze enormi, che emettono una quantità di energia centinaia di volte maggiore quella di una galassia normale;
  • Galassie di Markarian - La loro caratteristica è la grande emissione di radiazione ultravioletta ed è probabile che siano fra le più giovani di tutto l'universo;
  • Galassie di Seyfert - Scoperte dall'astronomo di cui portano il nome, sono caratterizzate da emissioni di raggi gamma, da una forma a spirale e da un nucleo molto luminoso.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SANTO BAMBINO

Post n°19 pubblicato il 09 Novembre 2009 da venere893

SANTO

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »