Creato da enca4 il 15/02/2010
PENSIERI E PAROLE
 

W. Allen

NON E' CHE HO PAURA DI MORIRE.

E' CHE NON VORREI ESSERE LI'

QUANDO QUESTO SUCCEDE.

W. Allen

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 
 

CANZONE

Che giorno è

E' tutti i giorni

Amica mia

E' tutta la vita

Amore mio

Noi ci amiamo noi viviamo

noi viviamo noi ci amiamo

E non sappiamo cosa sia la vita

Cosa sia il giorno

E non sappiamo cosa sia l'amore

Jacques Prévert

 

I ragazzi che si amano si baciano

In piedi contro le porte della notte

I passanti che passano se li segnano a dito

Ma i ragazzi che si amano

Non ci sono per nessuno

E se qualcosa trema nella notte

Non sono loro ma la loro ombra

Per far rabbia ai passanti

Per far rabbia disprezzo invidia riso

I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno

Sono altrove lontano più lontano della notte

Più in alto del giorno

Nella luce accecante del loro primo amore.

Jacques Prèvert

 

DALLA - CANZONE

 

N. de Chamfort

CHE COSA DIVENTA UN PRESUNTUOSO

PRIVO DELLA SUA PRESUNZIONE?

PROVATE A LEVAR LE ALI AD UNA FARFALLA:

NON RESTA CHE UN VERME.

N. de Chamfort

 

GLI APOSTOLI DIVENTANO RARI,

TUTTI SONO PADRETERNI

A. Karr

 

 

« L'ETERNA LOTTACARO IL MIO DIARIO »

NON PRETENDO IL PERDONO MA ...

Post n°368 pubblicato il 31 Luglio 2011 da enca4

Circa tre mesi fa, alla ricerca del modo giusto per cercare di riallacciare i rapporti con mio figlio, ho avuto la disgraziata idea di telefonare alla mia ex moglie. Volevo chiederle di aiutarmi in qualche modo. Avrei anche voluto chiederle scusa dei problemi che la mia assenza decennale aveva creato a lei e nostro figlio. 

Nel sentire la mia voce, da parte sua, non ci fu un minimo segno di stupore, anche perché sapeva dei tentativi che stavo facendo e, forse, immaginava che alla fine sarei ricorso a lei.

Ho avuto modo di parlare per non più di cinque secondi poi sono stato bruscamente interrotto e liquidato con questa frase:

“Ti auguro di vivere il più a lungo possibile così che tu possa aggiungere alle sofferenze che gia hai,  anche quella di aver perso tuo figlio”.

Conoscendola da tanti anni sapevo perfettamente che il suo carattere, duro e difficile da condividere, non l’avrebbe aiutata ad avere un anche se pur minimo, segno di comprensione nei miei confronti.  Comunque mai avrei pensato che fosse capace di dire certe cose.

Ho abbassato lentamente il telefono senza avere la forza di replicare. Lungamente sono rimasto a guardare il nulla davanti a me.

……………….

Due persone, qualche volta senza un vero motivo, si separano dopo anni di vita in comune. Lui, o lei, ha commesso degli errori che, per quanto possano essere stati compresi e perdonati, hanno minato irrimediabilmente il rapporto, escludendo così qualsiasi ritorno alla normalità.

Mesi, se non anni di continue liti e incomprensioni. Sguardi sempre più ambigui, sopportazione e rassegnazione alla situazione creatasi. Tutto questo, il più delle volte, con i figli presenti.

Separazione legale. S’inizia una nuova vita (da soli o in compagnia non è importante). Si tenta di ripartire, di rimettersi in gioco. E uno dei motivi principali che all’inizio ti da la carica è proprio il fatto di poter dimostrare non a lei, ma a tuo figlio, che il papà non è come ha avuto la disgrazia di conoscerlo negli ultimi tempi, e nemmeno com’è stato dipinto (per rancore, rabbia, risentimento, astio, acredine) da lei. Lui è sempre il papà migliore del mondo che ha voglia, oltre che necessità, di ricrearsi un futuro ma, principalmente di poter dare un futuro a colui che ha messo al mondo.

Dieci anni di sofferenze, di sacrifici, di lettere scritte, spedite, ma mai consegnate. Dieci anni in cui l’unico pensiero è stato “tuo figlio”. Dieci anni di delusioni nel lavoro, negli affetti, di speranze andate in fumo. Anni di dolori causati da un male implacabile. Anni di dolori e di rimorsi al solo pensiero di aver abbandonato tuo figlio.

Poi, come la maggior parte delle volte accade, il rinsavimento.  Il ritorno mentale alla normalità. Allora la voglia di poterlo rivedere si fa ancora più intensa, più acuta. Sai che non hai molto tempo ancora. Sai che non devi perdere l'ultima vera occasione della tua vita, quella che, anche se inconsciamente, ti ha dato la forza di arrivare a oggi.

……………………

Un vecchio detto recita: “La speranza è l’ultima a morire.”, ma un altro detto, crudo e spietato dice “Chi di speranza vive, disperato muore.”

Dei due proverbi qual è il vero portatore della verità? A quale dei due è giusto credere?

Prima di tutto, però, mi domando se è mai possibile che anche di fronte ad una situazione difficile si possa continuare ad essere insensibili, quasi senza cuore.

Forse quello che ho scritto fino adesso lo leggerà anche mio figlio. Lui sa che non racconto bugie. Sa anche che non ho parlato adesso perché vedo allontanarsi la possibilità di poterlo incontrare di nuovo, e facendo così tento, in modo subdolo, a rinnovare il suo interesse nei miei confronti. Ho raccontato quello che è accaduto, le sensazioni che ho sentito, il dolore che ho provato nel ascoltare frasi così cattive.

Fino ad ora non ho adoperatola mia malattia per far breccia nel cuore di mio figlio. Se ho parlato di me l’ho fatto perché ho creduto giusto che lui fosse a conoscenza delle condizioni fisiche del padre. Non avevo altri scopi.

Forse ha ragione la mia ex moglie. La mia condanna è quella di soffrire fino all’ultimo dei miei giorni. Ebbene se ciò è scritto, soffrirò ma non scenderò a compromessi con nessuno. Di qualsiasi genere essi siano.

Ho cercato di fare tutto quello che era nelle mie possibilità. Ho chiesto perdono, ho implorato il perdono. Se mi verrà concesso terminerò la mia vita con il sorriso sulle labbra, felice finalmente. In caso contrario cercherò il perdono da Colui che non lo ha negato mai a nessuno.

                                                                                                                             Enrico

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/fermati/trackback.php?msg=10467995

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
ironwoman63
ironwoman63 il 31/07/11 alle 22:22 via WEB
il rancore e l'orgoglio sono sempre cattivi consiglieri, e tua moglie augura a te cio che la vita rendera' col tempo e con gli interessi anche a lei... ogni ferita che infliggiamo agli altri, purtroppo ci torna come un bumerang e spesso con una forza raddoppiata... e' triste che non si riesca a capire che il perdono e la carita'( intesa nel senso proprio della parola e non come regalia) sono l'unica fonte di serenita' per ognuno di noi... altro non posso fare che augurarti che tuo figlio si ravveda, per te e per lui...un abbraccio, lulu'
 
Strega_Endor
Strega_Endor il 01/08/11 alle 03:57 via WEB
Un augurio per tutto...
 
sommessamente
sommessamente il 02/08/11 alle 10:07 via WEB
Mio caro, questa tua situazione è difficile e complesaa e le parole per consigliarti o consolarti lasciano il tempo che trovano. In questi anni ho sentito le tue ragioni e ho cercato di capire, così come potrei sentire e capire le ragioni della tua ex moglie. Non sto da nessuna parte e non giudico nessuno,perchè vedo solo dei perdenti e troppo dolore. In ogni caso le azioni giuste o sbagliate appartengono a persone adulte, ma tuo figlio, quel bambino paga ingiustamente scelte non sue e adesso perdonare diventa un percorso faticoso, certi vuoti non si colmano mai. Vorrei regalarti un po' di serenità e aiutare tuo figlio a non perdere l'opportunità di conoscerti, per quello che sei,nel bene e nel male, per non doverlo rimpiangere un giorno per tutta la vita. Vicina a te sempre Sommessamente
 
meriluna46
meriluna46 il 03/08/11 alle 10:45 via WEB
ti auguro che un giorno, non lontano, tuo figlio si svegli con una voglia irrefrenabile di abbracciare suo padre.sarebbe più felice anche lui.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.