Blog
Un blog creato da fernanda.zanier il 23/01/2008

Talenti persi

e altre incertezze della vita

 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

Profilo Facebook di Fernanda Zanier

 

ALL RIGHTS RESERVED

AREA PERSONALE

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo sito tratta argomenti legati alla psicologia e alla psicoterapia e in nessun modo costituisce o sostituisce una qualsiasi forma di terapia.

Tutto quanto inserito  è a puro titolo informativo ed esemplificativo. 


 

 

« La parte oscura delle donne AgèeCONFERENZA MINDFULNESS »

La solitudine di alcuni morti

Post n°324 pubblicato il 10 Ottobre 2015 da fernanda.zanier
 

Mi si stringe il cuore quando mi capita di dover andare all’obitorio per un saluto a qualche conoscente; vedere quelle porte aperte, con i defunti esposti, spesso soli e talvolta senza un fiore, a una decina di metri dalla strada cittadina, con la possibilità che uno qualunque possa entrare e curiosare quel corpo, approfittando della sua esposizione.

La dignità di uomo negata sino alla fine, fatto oggetto di sguardi indiscreti da parte di estranei, che vanno a sbirciare la morte, senza vedere quel viso, senza vedere quell’uomo.

Mi chiedo come sia possibile che alla vita umana non sia dato alcun valore, neppure di fronte alla morte.

La solitudine di alcuni  defunti, quella solitudine, è una cosa impossibile da tollerare. Inaccettabile.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/fernandazanier/trackback.php?msg=13290420

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
aldo.giornoa64
aldo.giornoa64 il 10/10/15 alle 22:40 via WEB
CIAO FERNANDA, COMPLIMENTI PER IL POST. UNA BUONA DOMENICA, ED UN CARO ABBRACCIO, ALDO.
 
albachiara.b
albachiara.b il 11/10/15 alle 16:34 via WEB
concordo con te è triste che in quel l'ultimo momento si sia completamente soli
 
NoRiKo564
NoRiKo564 il 04/11/15 alle 20:24 via WEB
Quando pochi mesi fa ci sono stata x la morte di mio papa'...ricordo che andavo al mattino quando apriva e rimanevo fino alla chiusura...non ce la facevo a lasciarlo solo...lì però nelle altre stanzette c'erano anche una donna molto anziana e un uomo dell'età di mio padre...swempre soli...ogni tanto mi alzavo e stavo un po' anche con loro...è tristenella morte trovarsi soli...
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
fernanda il 07/11/15 alle 19:09 via WEB
Non è che sia triste per la solitudine di un morto in una cella mortuaria, ma quella che fa presagire vivesse quando era ancora in vita. Questo è un mondo fatto così, c'è tanta sofferenza e dolore, ovunque, a causa della filogenetica cupidigia e ignoranza umana, che crea e ricrea all'infinito spirali di ingiustizie e morti.
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Nicla il 24/11/15 alle 15:22 via WEB
E' successo anche a me l'anno scorso x due volte in 7 mesi prima mio padre e poi mio fratello.....che strazio doverli lasciare, al cimitero mia madre parla con mio fratello....solo una madre può capire quanto sia dolorosa la perdita di un figlio.....
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Nicla il 24/11/15 alle 15:18 via WEB
Sono pienamente d'accordo con te, purtroppo poco è il rispetto in tante situazioni.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
gianna il 11/01/16 alle 22:55 via WEB
Stessa cosa per le tombe senza fiori e palesemente abbandonate. Nn dico di decenni fa, che magari nn ci sono più parenti o amici,vivi...ma proprio quelle recenti
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.