Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 65
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 

Oroscopo

 


                 width="200" height="250" scrolling=no marginwidth=0 marginheight=0 frameborder=0 border=0 style="border:0;margin:0;padding:0;">
    

 

 

Vieste / Petizione per : Smantelliamo il Ripetit

Vieste / Petizione per :

Smantelliamo il Ripetitore 5G che Disturba il Nostro Paese .
Il link per firmare e questo :  https://chng.it/xvFYh5RSk2

Grazie .

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheQuartoProvvisoriolaboratoriotvantiope_queen1stefdesignscalera4ATTITUDE2GiuliettaScagliettiLeccezioneMadamenazario1960Violentina8380sin69m12ps12milano2009
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/202

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/2020/07/RADIO-GARDEN-300x176.png

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

 

« BENEFIT E ALLOGGIO GRATI...Comunicato stampa della ... »

PESCHICI/ ABBAZIA DI KÀLENA, PARTE OGGI LA NUOVA STAGIONE DI APERTURE. SUGGESTIONE E MAGIA NELLO STORICO SITO (DA METTERE IN SAL

Post n°32366 pubblicato il 08 Giugno 2024 da forddisseche

PESCHICI/ ABBAZIA DI KÀLENA, PARTE OGGI LA NUOVA STAGIONE DI APERTURE. SUGGESTIONE E MAGIA NELLO STORICO SITO (DA METTERE IN SALVO)

Riprende per il secondo anno consecutivo il programma di visite guidate all’Abbazia di S. Maria di Kalena a Peschici. Grazie al rinnovo della stipula di un protocollo d’intesa tra la Proloco e i componenti della famiglia Martucci,proprietari del complesso badiale benedettino, è stato possi­bile riproporre ed avviare l’esperienza con anticipo rispetto all’estate 2023, quando le porte del millenario sito ricco di sto­ria e fascino si aprirono nei giorni di venerdì e domenica da lu­glio a settembre.

Quest’anno l’organizzazione si è mossa in anticipo e a partire da oggi è possibile rivolgersi alla guida Car­mela Pupilloche si occupa di aggiornare il book delle preno­tazioni obbligatorie e predisporre i piani delle visite peri gruppi, a partire da un numero minimo di 15 partecipanti.

Il programma delle visite al complesso monastico benedettino trasformato in masseria all’inizio dell’Ottocento, si protrarrà fi­no a settembre, dal giovedì alla domenica. Già lo scorso anno l’apertura programmata per la fruizione rappresentò un’asso­luta novità nella storia-recente dell’insediamento sacro e rura­le sottoposto a vincolo dal 1911, normalmente visitabile sol­tanto una volta all’anno, nella giornata dell’8 settembre, data nella quale i peschiciani celebrano la festa della Madonna con una processione che parte dalla Chiesa Madre Sant’Elia Pro­feta e si conclude con la recita del Rosario.

Lo scorso anno abbiamo potuto avviare un’apertura che defi­nirei storica perché non era mai successo – spiega Vincenzo De Nittis,Presidente della Proloco di Peschici – Nel complesso è andata bene e c’è stata una buona affluenza, considerato che era l’anno zero per questa nuova esperienza. E’ stata di grande aiuto la narrazione che ne ha fatto la nostra guida Carmela Pupillo, l’Abbazia per essere apprezzata in pie­no nelle tante stratificazioni di secoli, tra le storia e le leggende che hanno contribuito a renderlo un luogo unico, ha bisogno di un’illustrazione capace di far percepire al visitatore tutta la magia che essa ancora conserva ed il mistero che ancora emana”.

Altra novità introdotta quest’anno riguarda il prezzo del bigliet­to, che è salito da 2 a 5 euro, per permettere alla Proloco di po­ter recuperare una copertura minima delle spese sostenute per il servizio offerto e “dare anche un giusto valore al luogo che si visita” spiega De Nittis alle prese proprio in questi giorni con l’organizzazione di un concerto di musica lirica, annuncia­to per il prossimo 13 luglio: “La formula sarà la stessa che ab­biamo proposto io scorso anno con Graziano Galatone,non posso ancora svelare i nomi degli artisti, il 12 giugno è previsto l’ultimo sopralluogo per definire i dettagli ed avere le conferme che attendo. Posso dire che la serata sarà allietata da un te­nore accompagnato in modalità unplugged da pianoforte e violoncello, e che sarà riproposta la suggestiva scenografia con le candele che illumineranno l’evento.

 Il concerto sarà ad ingresso gratuito e chi vorrà avrà la possibilità di fare una do­nazione che andrà a costituire un fondo che sarà poi devoluto ad un’associazione di Peschici. Come la maggior parte dei pe­schiciani, De Nittis non nasconde il forte legame per quello che nei racconti di nonni e genitori era un luogo tutto da scoprire che aveva colpito la sua immaginazione di bambino: “Kalena è un posto magico, ci sono andato spesso lo scorso anno in occasione delle visite; ogni volta si sente un’energia fortissi­ma, c’è qualcosa che ti rapisce, è pieno dei segni del tempo, segnato dal passaggio di monaci e templari. Kalena è crocevia di storia e storie del nostro territorio, nel bene e nel male”.

Attivissima nel proporre visite soprattutto ai soci di Italia Nostra ma non solo, è Pina Cutolo,che ha seguito negli anni le com­plesse vicende legate al bene monumentale nella doppia veste di moglie del primogenito dei fratelli Martucci ed esponente dell’Associazione di cui oggi è consigliera nazionale.”E’un se­gnale importantissimo, sono moltissime le persone ed i groppi che si sono prenotati lo scorso anno, anche oltre il termine del mese di settembre – racconta – sono certa che anche que­st’anno non mancheranno i visitatori. E’ un altro passo impor­tante in direzione della valorizzazione del bene”.

Soddisfatta con riserva è Teresa Rauzino, anima del Centro Studi Giuseppe Martella che a fine anni ‘90 ha avviato la cro­ciata per la salvaguardia del complesso, producendo negli an­ni una mole di documentazione, studi, ricerche, petizioni in un grande lavoro finalizzato ai recupero ed alla riapertura al culto delle due chiese. “Apprezzo la programmazione per la fruizio­ne, per la quale mi batto da sempre. Mi auguro anche che co­me hanno avviato questa stagione di aperture i proprietari si preoccupino di fare i lavori mai eseguiti e imposti dal decreto della Sovrintendente Simonetta Bonomi – afferma la studiosa garganica -. Dal 2019 non si è mosso nulla, questa è la cosa che mi inquieta, vedo che il Comune è indifferente, la Sovrin­tendenza idem, e i proprietari si cullano in questa inerzia” è il commento dì Rauzino.

daniela corfiati

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/forddisseche/trackback.php?msg=16764967

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963