Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

MUSICA ITALIANA

 

Benvenuti :)

.

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 60
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

<iframe src="http://www.radiorai.rai.it/dl/portaleRadio/popup/player_radio.html?v=1" width="580px" height="380px" scrolling="no" frameborder=0 style="padding:25px;"></iframe>

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://5.63.145.172/mobile?port=7108

http://ondaradio.info/

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechecarullilucialaboratoriotvtornese10tonypio0giuspiemontesepopilottaiozziacosimoCajoBordermaandraxicepak69millevacanzecall.me.Ishmaeldipiuitalo
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Messaggi di Giugno 2019

Battiti Live: Vieste, nel cuore della musica

Post n°23897 pubblicato il 30 Giugno 2019 da forddisseche

Battiti Live: Vieste, nel cuore della musica

Ormai ci siamo: il palco è pronto, bello, enorme, luminoso e corredato di ogni diavoleria tecnologica. La 17ma edizione dl Battiti Live sta per prendere il via, e lo farà avendo come scenario la splendida piazzetta di Marina Piccola di Vieste, caratterizzata dall’isolotto del faro e dalla punta di San Francesco. La presentazione del tour e della sua prima tappa è avvenuta nella conferenza stampa tenutasi ieri pomeriggio nella sala consiliare. Dopo il benvenuto dato dai “padroni di casa”, il sindaco Nobiletti e le assessore Falcone e Starace, è intervenuto l’assessore regionale al bilancio Raffaele Piemontese che, con soddisfazione ha parlato di “motivo di orgoglio per la Puglia nell’avere un evento così importante con risonanza nazionale. Siamo felici che ad aprire il tour ci sia la città di Vieste che potrà mettere in mostra e far apprezzare le sue bellezze in tutta Italia”.

Ospite d’onore della conferenza stampa è stato il presidente di Radio Norba, l’avvocato Marco Montrone: “Siamo alla 17ma edizione di Battiti Live, e grazie alla nostra crescita in questi anni saremo l’unico show musicale mandato in onda dalle televisioni generaliste nazionali. In questo lungo percorso abbiamo cercato di non perdere mai la nostra caratteristica iniziale, a partire dai luoghi: infatti non abbiamo mai voluto abbandonare la Puglia nonostante le tante richieste giunte da tutta Italia”. Visibilmente soddisfatto di quanto fatto finora e di come si prospetta questa nuova edizione, l’avv. Montrone ha voluto chiarire alcuni aspetti importanti che caratterizzano Battiti Live: “Per noi sarebbe molto più semplice organizzare lo show in un’area periferica ma abbiamo sempre creduto che il nostro spettacolo debba essere portato nel cuore del territorio: se dobbiamo far vedere Vieste dobbiamo far vedere Vieste. Avremmo potuto montare il palco sul lungomare, ma sarebbe stato un qualsiasi lungomare come ce ne sono tanti in tutto il mondo: noi vogliamo mostrare il meglio che questo posto può offrire. Colgo l’occasione per chiedere scusa ai cittadini di Vieste per i disagi che potremmo aver procurato loro con le restrizioni alla viabilità, ma un grande eventi lo si fa tutti insieme e lo si fa anche con la pazienza e con la disponibilità a rinunciare ad un po’ della propria libertà”. Battiti non è solo uno show di piazza ma è anche (anzi soprattutto) un evento televisivo “da prima serata nazionale”. Anche su questo aspetto, la produzione non ha lesinato gli sforzi: “Diamo il benvenuto nella nostra squadra a Luigi Antonini, il regista di XFactor, che da quest’anno sarà il regista di Battiti. La serata sarà trasmessa su ItaliaUno il prossimo 10 luglio con inizio alle 21:20; Mediaset ha deciso di anticipare la messa in onda dei nostri show, solitamente programmati ad agosto, dimostrando grande attenzione per il nostro prodotto. Battiti Live – ha chiuso il presidente di Radio Norba - è la dimostrazione che anche al sud si possono fare cose importanti e fatte bene nel rispetto delle normative sulla sicurezza”.

“Sono alla terza edizione come conduttrice di questo show itinerante ma nonostante l’esperienza accumulata, sono molto emozionata” ha confessato la bellissima Elisabetta Gregoraci che ha ammesso di non aver mai visto Vieste “ma mi auguro di poter fare un giro nel centro storico perché ho sbirciato su internet e l’ho trovata molto bella”.

L’ultimo intervento è stato affidato ad Alan Palmieri, conduttore e direttore artistico della manifestazione: “Questa edizione ci riserva grandi novità a partire dal palco, con una passerella a forma di cuore, il simbolo di Battiti Live. Questo è l’anno della maturità, il terzo su ItaliaUno, il primo senza altri festival musicali sulle altre reti televisive quindi avremo tante attenzioni addosso da parte di addetti ai lavori, giornalisti, ecc... Se dovesse andare bene anche questa edizione, saremo pronti per fare altri salti in avanti. Sono contento del cast, in particolare di avere Mahmood, vincitore di Sanremo e secondo classificato all’Eurovision Song Contest, su cui puntiamo molto. Ma sul palco si alterneranno tanti artisti che faranno divertire il pubblico con le loro canzoni, molte già elette tormentoni dell’estate 2019”.

Lo serata avrà inizio alle ore 21 ma già dal primo pomeriggio la Marina Piccola sarà animata dalle prove  e da spettacoli  pre-show. Imponenti e meticolose sono le misure di sicurezza imposte dal Prefetto a cui questi tipi di eventi devono sottostare a seguito dei disordini avvenuti nella piazza di Torino due anni fa. L’unico varco di accesso all’area del concerto è stato predisposto sul lungomare Cristoforo Colombo, alle spalle del cineteatro Adriatico; sarà vietato introdurre bottiglie di vetro o lattine per garantire l’incolumità di tutti e non sarà possibile somministrare bevande alcoliche nel raggio di 500 metri dal palco.

Ma sarà una festa, e questa è l’unica cosa che conta.

 
 
 

Estate Vichese, il programma: arrivano 300 giovani da tutta la Puglia. 60 eventi con concerti, teatro, sagre, tradizioni e conv

Post n°23896 pubblicato il 29 Giugno 2019 da forddisseche

Estate Vichese, il programma: arrivano 300 giovani da tutta la Puglia. 60 eventi con concerti, teatro, sagre, tradizioni e convegni. Il 19 e 20 luglio Raduno regionale della gioventù francescana. 

 
Estate Vichese, il programma: arrivano 300 giovani da tutta la Puglia. 60 eventi con concerti, teatro, sagre, tradizioni e convegni. Il 19 e 20 luglio Raduno regionale della gioventù francescana.
 
 

Quasi 60 eventi, con concerti, manifestazioni teatrali, appuntamenti con l’enogastronomia e la tradizione, convegni: è ufficiale il programma dell’Estate Vichese che comprende anche la 43esima edizione dell’Estate teatrale e la 24esima del Festival del Gargano. Il prossimo evento in programma è “Tramonto divino”, organizzato dalla Pro Loco di San Menaio e Calenella con la collaborazione del Comune di Vico del Gargano e Pro Loco di San Menaio e Calenella, e si terrà sabato 29 giugno 2019, a partire dalle ore 19.30, nella piazza della stazione di San Menaio. Il gastronauta Davide Paolini accompagnerà i partecipanti in un percorso attraverso i sapori autentici del Gargano, grazie alla partecipazione di 11 produttori. Saranno presentati e potranno essere degustati i prodotti tipici dell’area garganica. Oltre a Davide Paolini, interverranno Domenico Cilenti, uno dei migliori chef italiani, e il naturalista Nello Biscotti, entrambi profondi conoscitori e amanti dello straordinario patrimonio culturale e ambientale rappresentato dai prodotti agroalimentari del Gargano. “Ringrazio personalmente e a nome del Comune di Vico del Gargano la Pro Loco di San Menaio e Calenella per aver collaborato in modo molto positivo alla realizzazione del programma estivo”, ha dichiarato Vincenzo Azzarone, delegato agli Eventi per l’Amministrazione comunale vichese. “Abbiamo incontrato associazioni e privati per coinvolgere tutti, questo ci ha permesso di organizzare un maggior numero di eventi anche a San Menaio”, ha spiegato Azzarone. Domenica 30 giugno, in piazza San Domenico, dalle ore 21.30 Daniele De Martino in concerto e, a seguire, uno spettacolo di fuochi pirotecnici. Dal 4 luglio, ogni sera le diverse piazze di Vico del Gargano ospiteranno concerti e serate teatrali.

 

 

 

ARRIVANO 300 RAGAZZI DA TUTTA LA PUGLIA. Il 19 e il 20 luglio, arriveranno gruppi da tutta la Puglia per il Raduno regionale della Gioventù Francescana. Saranno circa 300 le persone che giungeranno a Vico per una 48 ore intensa, di partecipazione e spiritualità, per coniugare impegno e divertimento. Ci saranno due concerti serali e i gruppi che arriveranno da tutta la regione potranno partecipare agli eventi dell’Estate Vichese. “Parrocchie, associazioni, confraternite e privati stanno facendo un lavoro egregio, per cui saranno molte anche le mostre, gli eventi culturali, le sagre che promuovono eccellenze, arte e talenti”, ha dichiarato Rita Selvaggio, assessore comunale alla Cultura.

 

 

 

LE SAGRE. E, a proposito di sagre, saranno numerosi gli appuntamenti con le tante specialità e tipicità della cucina vichese. Il 24 luglio sarà la volta della “Sagra della Paposcia”, a partire dalle ore 20.30 in Villa Comunale, con musica e danze popolari. La sera dopo, quella del 25 luglio, tutti a San Menaio, nel piazzale della stazione, per la Sagra del Pancotto e Pettole. Venerdì 26 luglio, invece, spazio al talento con il “Cantavico”, contest musicale che prenderà il via alle ore 21.30 in Villa Comunale.

 

 

 

AGOSTO A SAN MENAIO. Tantissimi gli eventi a San Menaio, già a partire da luglio, ma con una frequenza quasi giornaliera in agosto. Tanta musica, ma spazio anche all’arte, al teatro e al fumetto. L’8 agosto, però, si torna tra vie, vicoli e piazze del centro storico a Vico del Gargano per la seconda edizione de “La Notte degli Innamorati”. Suggestiva e ricca di significati anche la quarta edizione di “Poeti del Gargano”, che si terrà il 31 agosto nel Chiostro di San Pietro a Vico del Gargano, con inizio alle ore 21.

 
 
 

Da Foggia a Rodi Garganico, oggi ancora in scena la Giordano Wind Orchestra

Post n°23895 pubblicato il 29 Giugno 2019 da forddisseche

Da Foggia a Rodi Garganico, oggi ancora in scena la Giordano Wind Orchestra 

 
Da Foggia a Rodi Garganico, oggi ancora in scena la Giordano Wind Orchestra
 
 

Dopo il successo di ieri sera torna sul palco la Giordano Wind Orchestra. Per la rassegna "Musica nelle Corti di Capitanata", sarà replicato il concerto, questa sera a Rodi Garganico, presso l'Auditorium esterno del Conservatorio, con inizio alle ore 21.00 e ingresso libero. A dirigere l'Orchestra di Fiati del Conservatorio "Umberto Giordano", il Maestro Maurizio Billi, direttore stabile della Banda della Polizia di Stato.

 
 
 

Figli, figliastri, figli di puttane. Così il Piano Strategico di Sviluppo di Capitanata.

Post n°23894 pubblicato il 29 Giugno 2019 da forddisseche

Figli, figliastri, figli di puttane. Così il Piano Strategico di Sviluppo di Capitanata. 

 
Figli, figliastri, figli di puttane. Così il Piano Strategico di Sviluppo di Capitanata.
 
 

Sembra essere stata questa la salomonica guida per la ripartizione dei fondi destinati ai progetti del Piano Strategico di Sviluppo di Capitanata. Il Gargano; quello del primo polo turistico di Puglia; quello dei Borghi più Belli d’Italia; quello dei Centri Storici, delle Abazie e delle chiese; quello del Parco Nazionale del Gargano; quello della Cultura e delle tradizioni, quello degli Ulivi e dei Giardini storici di arance e limoni, ancora una volta è stato completamente ignorato. Dei 43 progetti, finanziati con 280 milioni di euro del Cipe, solo 6 comuni hanno raccolto qualcosa e solo San Giovanni Rotondo ha ricevuto l’ennesima grazia di San Pio. Il resto completamente ignorato ed escluso. Non è andata meglio per i comuni dei Monti Dauni, dove i sindaci hanno minacciato le dimissioni.

 

Tornando al nostro Gargano, bene ha fatto il sindaco di Vico del Gargano Michele Sementino nel denunciare l’ennesima, inspiegabile, chiusura ad ogni ragione di un territorio, e di un comune, che ha un grande patrimonio pubblico da valorizzare, mettere a reddito e dare lavoro a decine di famiglie:” Il Contratto Istituzionale dello Sviluppo per la provincia di Foggia non ha alcun senso, è privo di una seppur minima visione strategica e unitaria dello sviluppo capace di integrare tutti i territori. Il premier ha scelto di finanziare, con quasi 10 milioni di euro, lavori sulla viabilità cittadina di San Giovanni Rotondo. Alla sua città, complessivamente, Conte ha riservato quasi 70 milioni di euro, circa un quarto del totale degli investimenti previsti. Una valanga di soldi concentrata in un unico comune, ma nemmeno un euro per la superstrada e per il Distretto turistico del Gargano. Per la provincia di Foggia siamo all’ennesima occasione perduta, purtroppo – sottolinea Sementino - E’ sconfortante vedere come un’opportunità per tutta la Capitanata sia stata utilizzata per ‘marcare il territorio’ col manuale dei vecchi volponi della politica. Oltre a questo, però, ci sono anche tanta approssimazione, molto pressapochismo e una concezione tutta propagandistica della politica. Le risorse aggiuntive del Governo sono poche, in molti casi i fondi per alcuni vecchi progetti erano stati già stanziati. Quello che manca è proprio la visione globale dello sviluppo di una provincia”.

 

Questi i progetti finanziati:

 

Fondazione Padre Pio Polo di riabilitazione tecnologica e robotizzata (Turismo sanitario religioso) € 20.000.000,00.

 

Casa Sollievo della Sofferenza Realizzazione piattaforma biotech in ottica  industria 4.0 €36.000.000,00.

 

Cagnano Varano Valorizzazione della laguna di Varano: bonifica dei fondali e rinaturalizzazione delle sorgenti del Lago di Varano € 750.000,00.

 

San Giovanni Rotondo Lavori di messa in sicurezza e manutenzione straordinaria della  circumvallazione sud, tratto compreso tra la rotatoria di  via Foggia e la rotatoria di via            sanmarco € 3.800.000,0.

 

Consorzio di Bonifica Montana delGargano Realizzazione  di un Acquedotto Rurale a servizio delle comunità agricole presenti sul territorio montano di Monte Sant’Angelo €6.002.951,42

 

Monte Sant'Angelo Realizzazione strada Panoramica Nord € 9.609.697,40

 

Cagnano Varano Valorizzazione della laguna di Varano: ripristino e ammodernamento SP42 € 1.500.000,00.

 

San Giovanni Rotondo Lavori di prolungamento della circumvallazione sud, tratto compreso tra incrocio via Foggia innesto con SS272 per Monte Sant’Angelo,e realizzazione di due rotatorie € 665.000,00.

 

Cagnano Varano Valorizzazione del compendio mmobiliare "Ex Stazione Idrovolanti" di San Nicola Imbuti n.d.

 

San Giovanni Rotondo Intervento di riqualificazione della direttrice centro storico area santuario € 5.000.000,00.

 

SanMarco in Lamis Le Vetrine del Gargano: opere di urbanizzazione primaria e secondaria necessarie per l’insediamento delle attività artigianali locali € 2.600.000,00.

 

Mattinata Interventi  di sviluppo, riqualificazione e ampliamento dell'area portuale €10.400.000,00.

 

“Non sono stati finanziati, tra gli altri progetti accantonati – evidenzia Sementino -, la Regionale 1 invocata dai Monti Dauni, la superstrada del Gargano, il Distretto turistico e il Distretto agroindustriale: paradossalmente, si tratta proprio dei progetti che avevano una visione d’insieme perché collegavano e integravano territori. Come Comune di Vico del Gargano abbiamo deciso di presentare un unico progetto, 2 milioni di euro per la riqualificazione del centro storico. Non è nell’elenco dei progetti che saranno finanziati. Si è preferito puntare sulla viabilità di San Giovanni Rotondo, così quando Conte va a trovare parenti e amici ci arriva più comodo”, ha concluso Sementino.

 

Michele Angelicchio

 
 
 

Tutti al mare con FerGargano. Dal 30 giugno al 1° settembre in treno a Rodi Garganico e San Menaio. L’ombrellone?

Post n°23893 pubblicato il 29 Giugno 2019 da forddisseche

Tutti al mare con FerGargano. Dal 30 giugno al 1° settembre in treno a Rodi Garganico e San Menaio. L’ombrellone? Lo portiamo noi…

FerGargano ha dato il via alla stagione estiva con un regalo per i suoi passeggeri. Ombrellone, sdraio e lettino inclusi nel costo del biglietto del treno, dal 30 giugno al 1° settembre, grazie alle partnership con gli stakeholder locali per offrire un servizio sempre più rivolto alle esigenze dei suoi passeggeri. È possibile viaggiare sui Flirt di Ferrovie, con aria condizionata e wi-fi free, arrivando comodamente a destinazione senza stress.

I viaggiatori in partenza dalle stazioni di Lucera, Foggia, San Severo, Apricena Città e San Nicandro Garganico che consegneranno quattro biglietti alle biglietterie delle stazioni di Rodi Garganico o San Menaio otterranno un voucher, da consegnare allo stabilimento convenzionato. “Una nuova occasione per fare sinergia sul territorio e per fare promozione turistica dello stesso – commenta il dott. Vincenzo Germano Scarcia, presidente di Ferrovie del Gargano -. Rodi Garganico e San Menaio, grazie alla volontà di quattro operatori che partecipano all’iniziativa, sono pronte a offrire nuovi servizi ai vacanzieri che, utilizzando il treno, trascorrono le loro vacanze in zona senza preferire altre mete, una forma di turismo che, per decenni, ha assicurato linfa e ed economia a questa zona del Gargano. Ma è anche un’occasione per le prove tecniche di sinergia sul territorio, dove Ferrovie del Gargano erogano e continueranno a erogare servizi in materia di mobilità e promozione territoriale”. I viaggiatori in possesso di abbonamento settimanale, devono esibire quattro abbonamenti alla biglietteria della stazione per ottenere un tagliando al giorno. Arrivati presso il Lido partner, basterà esibire il voucher, ricevuto in biglietteria, per avere l’ombrellone gratis. Sul sito di Ferrovie o sulla pagina Facebook è possibile scaricare gli orari dei treni e ottenere info e dettagli dell’iniziativa. I partner sono Lido Il Gabbiano a Rodi Garganico Scalo (fronte Stazione), Lido Ponente a Rodi Garganico (fermata Sotto la Costa), Lido-Ristorante Eco Del Mare a S.Mennaio (fronte Stazione), Mare Chiaro Beach Club S.Menaio (lungomare A. Pazienza). Insomma, niente auto e parcheggi per una vacanza a tutto relax.

Info 0882228960.


Ferrovie del Gargano

 
 
 

28 Giugno 2019 - 17:27:41 Battiti Live a Vieste - Comunicazioni sulla viabilità In occasione dell’evento Battiti Live

Post n°23892 pubblicato il 29 Giugno 2019 da forddisseche

 
28 Giugno 2019 - 17:27:41
 Battiti Live a Vieste - Comunicazioni sulla viabilitàIn occasione dell’evento Battiti Live, in programma per domenica 30 giugno 2019, a Marina Piccola, con inizio alle ore 21, gratuito e aperto a tutti, si comunica che dalle ore 18 funzioneranno apposite navetta (a pagamento) che effettueranno servizio di trasporto dai lungomari Enrico Mattei (fino a zona Sotto il ponte) ed Europa (fino a zona Sfinalicchio) verso il centro abitato, con capolinea a Piazzale Manzoni (dal lungomare Mattei) e via Santa Maria di Merino- rotatoria (da lungomare Europa – Sfinalicchio. Le stesse navette, con medesimi…

 
 
 

Scuola/ Quasi 800 prof. Torneranno in Puglia per la prossima campanella

Post n°23891 pubblicato il 28 Giugno 2019 da forddisseche

Scuola/ Quasi 800 prof. Torneranno in Puglia per la prossima campanella 

 
Scuola/ Quasi 800 prof. Torneranno in Puglia per la prossima campanella
 
 

Sono 5.585 i docenti del­la Puglia che hanno avuto esi­to positivo alla loro richiesta di mobilità in vista del nuovo anno scolastico, il 2019/2020. Di questi, 4.788 si sposteran­no da una provincia all’altra, all’interno della regione. Men­tre quasi 800 insegnanti (797 con esattezza, il 14%) rientre­ranno da altre regioni. Ques­ti ultimi si trasferiranno so­prattutto dalla Lombardia (157 trasferimenti), dal Lazio (136)

 

e dall’Emilia Romagna (131). Nel 2018/2019 gli insegnan­ti che si sono spostati in Pug­lia da un istituto all’altro sono stati 4.703 (85 in meno rispet­to al 2019/2020). E un anno fa sono stati poco piu’ di 700 i do­centi rientrati in Puglia. I rien­tri quest’anno registrano, dun­que, un +13%. I risultati del­la mobilita’ quest’anno sono usciti con un mese di antici­po rispetto al 2018. E sono sta­ti diffusi in contemporanea per

 

tutti gli ordini e gradi di scuola, non scaglionati come avveniva in precedenza. La mobilita’ e’ la procedura tramite la quale i docenti possono cambiare scu­ola di titolarità’ o passare da un grado di istruzione all’altro. “Anticipare i tempi della mobil­ita’ ci consente di dare prima certezze al sistemale agli in­segnanti - commenta il ministro dell’Istruzione, dell’Università’ e della Ricerca Marco Bussetti -. Andiamo incontro alla scuo­

 

la, agli studenti e alle famiglie, ma anche agli insegnanti, che dedicano la loro vita per prepa­rare i nostri ragazzi al futuro. Quest’anno siamo riusciti, an­che grazie ai posti liberati dalla ‘Quota 100’ a garantire un nu­mero maggiore di rientri. An­dremo avanti per sostenere i docenti che sono stati danneg­

 

giati dai trasferimenti deter­minati dal tristemente noto al­goritmo della 107. Intanto rin­grazio i nostri uffici periferici per il grande lavoro svolto per la mobilita’ che ci ha consen­tito di guadagnare un mese di tempo nel definire le cattedre del prossimo anno scolastico. Uno sforzo della nostra ammin­

 

istrazione che sara’ una rego­la per il futuro: abbiamo avvi­ato un percorso di efficienza e di rispetto, che dovrà’ essere il senso di tutto il nostro lavoro”. Degli oltre 5.400 trasferimenti pugliesi per il nuovo anno sco­lastico piu’ di uno su tre riguar­da la scuola secondaria di II grado (sono 2.105 i professori che si muoveranno). A seguire i maggiori movimenti sono nel­la primaria (1.440) e nella sec­ondaria di primo grado (1.285). I restanti 755 si registrano per la scuola dell’infanzia.

 
 
 

I Tesori del Neolitico trovano casa a Vieste. Inaugurato il Museo civico archeologico “Michele Petrone”

Post n°23890 pubblicato il 28 Giugno 2019 da forddisseche

I Tesori del Neolitico trovano casa a Vieste. Inaugurato il Museo civico archeologico “Michele Petrone” 

 
I Tesori del Neolitico trovano casa a Vieste. Inaugurato il Museo civico archeologico “Michele Petrone”
 
 

Non più solo la bellezza delle spiagge e dei paesaggi che tutti sanno. Ora c’è un motivo in più per andare a Vieste ed è il museo civico archeologico “Michele Petrone” che, appena ieri sera, ha aperto i battenti in una struttura museale ad hoc. È sul lungomare Amerigo Vespucci, negli spazi freschi di restauro dell’ex convento di Santa Maria degli Angeli che, risalente al Cinquecento, offre adesso i suoi ambienti per custodire un migliaio di reperti archeologici che - dal Neolitico, da circa 6 mila anni avanti Cristo, fino al V secolo dopo Cristo - raccontano la vita delle diverse comunità che nell’antichità hanno abitato Vieste e, più in generale, il Gargano. Quasi ventanni ci sono voluti, dall’ideazione alla realizzazione, perché il museo di proprietà comunale, e finanziato dalla Regione e dal ministero per i Beni culturali, vedesse la luce.

 

 

A curarne l’allestimento e la direzione scientifica, poi, è stata la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio delle province Bat e Foggia. «Abbiamo iniziato a lavorare - racconta il soprintendente Luigi La Rocca - circa sei anni fa, grazie ai fondi messi a disposizione a suo tempo dalla Regione per la riqualificazione e valorizzazione del sistema museale. L’idea era, ed è, quella di raccontare attraverso il materiale archeologico rinvenuto nel corso degli scavi condotti a Vieste le forme di occupazione del territorio, legata strettamente allo sfruttamento delle risorse naturali. In questa narrazione, spiccano due momenti fondamentali. Il primo è il periodo Neolitico, a partire da 6mila anni fa, caratterizzato dall’intenso sfruttamento dell’ottima selce garganica, impiegata per produrre strumenti che, da Vieste, si distribuiscono sia nelle aree più interne della Puglia settentrionale sia sulle coste dell’altra sponda dell’Adriatico. Il secondo momento di maggiore interesse è quello del piene ellenismo, quando gruppi di cultura dauna occupano stabilmente il promontorio sviluppando un intenso rapporto con il mare, come testimoniano le centinaia di dediche graffite di marinai che, rinvenute sulle pareti della grotta di Sant’Eufemia, sull’isolotto del faro di Vieste, invocavano la protezione di Venere Sosandra, la dea salvatrice». Due i livelli espositivi del museo; la struttura è intitolata a Michele Petrone (1867-1935) che, regio ispettore onorario dei monumenti e scavi di antichità di Vieste, ebbe cura di mettere insieme e salvaguardare un patrimonio altrimenti esposto al rischio di essere disperso se non trafugato. Non per caso, infatti, il primo nucleo espositivo del museo comprende proprio la collezione costruita a suo tempo da Petrone alla quale sono stati aggiunti reperti di proprietà statale rinvenuti negli ultimi trent’anni di scavi. «Sono straordinari i manufatti preistorici che - spiega La Rocca - sono stati ritrovati nel sito della Defensola, la più antica miniera di selce d’Europa, attiva dal 6 mila avanti Cristo fino all’età del Bronzo quando l’uso dei metalli sostituirà quello della pietra». Non solo. Un unicum, assolutamente inedito sotto il profilo espositivo, suggerisce il soprintendente, «è la cosiddetta tomba delle élite, caratterizzata dalla presenza di numerosi reperti anche in materiale prezioso che si snodano dalla fine del IV al II secolo avanti Cristo, così come dalla deposizione di 26 individui nell’arco di circa due secoli rappresentando un esempio insolito di sepoltura di famiglia appartenente a un gruppo importante nella comunità». Tomba che fu rinvenuta soltanto nel 2006, al di sotto del cortile del palazzo comunale di Vieste. «È di assoluto rilievo - insiste La Rocca - che il museo di Vieste è il più grande spazio espositivo dopo il museo archeologico nazionale di Manfredonia ad aprire i battenti nell’area costiera del Gargano. S’innesta in un programma di ampliamento dell’offerta culturale che troverà ulteriore sviluppo con la realizzazione della community library nell’ex convento di San Francesco. Non meno significativo, ed è un merito del Comune di Vieste, aver già affidato la gestione del museo a una società di giovani archeologi che ne consentiranno la finizione pubblica e le visite guidate». Il museo aprirà dal 1° luglio, dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 22. Info: Comune di Vieste.

 

Antonio Di Giacomo

 

reppubblicabari

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Vieste/ Da Lunedi a Venerdi alle ore 06,30 l’appuntamento è per l’ Hatha Yoga e Kundalini Yoga Lessons

Post n°23886 pubblicato il 28 Giugno 2019 da forddisseche

Vieste/ Da Lunedi a Venerdi alle ore 06,30 l’appuntamento è per l’ Hatha Yoga e Kundalini Yoga Lessons, al Trabucco Porticello e Spiaggia di Scialmarino 

 
Vieste/ Da Lunedi a Venerdi alle ore 06,30 l’appuntamento è per l’ Hatha Yoga e Kundalini Yoga Lessons, al Trabucco Porticello e Spiaggia di Scialmarino
 
 

//info%40retegargano%2Eit@imaps.aruba.it:993/www.viesteyoga.com">www.viesteyoga.com  offre classi di Hatha Yoga e Kundalini Yoga.
 
- Da Lunedi a Venerdi alle ore 06,30 sulla Spiaggia di Scialmarino ed il Trabucco di Scialmarino
(prenotazione obbligatoria per il trabucco, posti limitati).
 
- la domenica mattina si organizzano classi speciali dedicate di yoga
(DOMENICA ORE 06'30 a.m. CLASSE DEDICATA ALLA LUNA)
 
- martedi sera ore 18,30 danza orientale
 
MARTEDI 2 LUGLIO presso Agriturismo Posta Pastorella " UNVEIL YOUR FEMININE"
una ora di danza orientale per sperimentare la nostra femminilità 
 
- una volta a settimana Yoga sulla tabola da Sup alla Baia di Campi
- prossimamente Hatha Yoga sulla spiaggia di San Lorenzo, vi informeremo. 

informazioni
Emanuela
348 464 78 45 

 
 
 

Vieste/ Venerdì 28 giugno : La musica sempre: ieri ed oggi

Post n°23885 pubblicato il 27 Giugno 2019 da forddisseche

Vieste/ Venerdì 28 giugno : La musica sempre: ieri ed oggi 

 
Vieste/ Venerdì 28 giugno : La musica sempre: ieri ed oggi
 
 

Spettacolo di chiusura della scuola con la partecipazione di tutte le classi di strumento e con la collaborazione della scuola di danza “Passi d’arte” di Vieste

 

Ore 21.00 presso l’Anfiteatro Carlo Nobile di Vieste

 

 Il IV appuntamento della rassegna musicale “Giugno in Concerto” si è concluso con una splendida serata organizzata presso li Lido Tre Stelle Beach. Una serata in festa che ha visto impegnati i ragazzi della classe di canto moderno e della classe di sax, in un repertorio di musica pop che ha allietato la serata in un clima di festa e gioia, preparatoria a quello che sarà l’ultimo appuntamento di questa rassegna giunta oramai alla ventiduesima edizione.

 

L’invito ora è per l’ultima serata che si terrà venerdì 28 giugno con lo spettacolo di fine anno e che vede la partecipazione degli artisti più maturi musicalmente dell’associazione musicale NUOVA DIAPASON di Vieste, coinvolgendo le classi di tutti gli strumenti presenti nella scuola, in un viaggio nella musica pop di ieri ed oggi, passando per i grandi classici nazionali ed internazionali.

 

Ospiti della serata, i ragazzi della scuola di danza Passi d’arte di Vieste, impegnati ad accompagnare con le loro coreografie, alcuni momenti musicali.

 

Vi aspettiamo come sempre numerosi, per emozionarci insieme in questo viaggio musicale nel tempo, VENERDI’ 28 GIUGNO ore 21.00 presso l’anfiteatro CARLO NOBILE di Vieste per lo spettacolo musicale “LA MUSICA SEMPRE: IERI ED OGGI”

 
 
 

Vieste/ Questa sera la cerimonia di apertura del Museo Civico "Michele Petrone".

Post n°23884 pubblicato il 27 Giugno 2019 da forddisseche

Vieste/ Questa sera la cerimonia di apertura del Museo Civico "Michele Petrone". 

 
Vieste/ Questa sera la cerimonia di apertura del Museo Civico "Michele Petrone".
 
 

Ricche collezioni archeologiche, corredi funerari, iscrizioni e molti reperti esposti per la prima volta al pubblico.
La città di Vieste presenta l’atteso Museo civico archeologico “Michele Petrone”, che diventa testimone della floridezza del centro garganico con l’esposizione delle ricche collezioni archeologiche rivenuti sul territorio.
La cerimonia di inaugurazione si terrà, domani, giovedì 27 giugno, alle ore 21, presso il Sagrato della Parrocchia Santissimo Sacramento, sul Lungomare Amerigo Vespucci. Sarà un evento di grande valore per il patrimonio culturale italiano, frutto di importanti lavori di ricerca e musealizzazione.
Il museo è stato realizzato dal Comune di Vieste con il contributo della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le provincie di Barletta-Andria-Trani e Foggia e della Regione Puglia, sostenuto dai finanziamenti del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale. Un progetto che parte da lontano, nei primi anni duemila con l’allora sindaco, Domenico Spina Diana e con il presidente del Parco Nazionale del Gargano di quel periodo, Matteo Fusilli.

 

All’inaugurazione porteranno i saluti Giuseppe Nobiletti Sindaco del Comune di Vieste, Mariella Pecorelli Assessore ai Lavori Pubblici, Graziamaria Starace Assessore alla Cultura, Antonio Chionchio Dirigente del Settore Lavori Pubblici, Luigi La Rocca Soprintendente Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le provincie di Barletta-Andria-Trani e Foggia, Italo M. Muntoni e Donatella Pian Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le provincie di Barletta-Andria-Trani e Foggia, Alfredo De Biase del Polo Museale della Puglia, Aldo Patruno Dirigente del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia, Raffaele Piemontese Assessore al Bilancio della Regione Puglia.

 

Sono previsti gli interventi di Attilio Galiberti (Università degli Studi di Siena) e Massimo Tarantini (Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per la Città metropolitana di Firenze) sul tema “Monumenti sotterranei. Le miniere preistoriche di selce a Vieste”.
Durante l’evento la Sala conferenze del Museo sarà dedicata al compianto naturalista viestano Giuseppe Ruggeri.

 

Il nuovo Museo civico archeologico

 

Il nuovo allestimento del Museo civico archeologico “Michele Petrone” di Vieste si sviluppa all’interno del complesso conventuale della Beata Vergine degli Angeli, interessando le sale al piano terra prospicienti il piccolo chiostro ed alcune sale del primo piano dell'ex convento dei Cappuccini.
Intitolato al medico Michele Petrone (1867 – 1935), Regio Ispettore Onorario dei Monumenti e Scavi di Antichità di Vieste, il museo presenta, nelle prime due sale del percorso di visita, una selezione dei numerosi reperti dal territorio databili dall’Età dei Metalli all’Età ellenistico-romana, provenienti dalla raccolta archeologica che Michele Petrone lasciò in eredità al Comune. Tra i reperti esposti meritano di essere citate le epigrafi con testo in greco antico ritrovate a Vieste nel XIX secolo all'interno della proprietà Abatantuono, le cosiddette "iscrizioni messapiche", iscrizioni votive dedicate a Demetra dea della nascita e della fertilità, e il ricco nucleo di anfore da trasporto ed ancore in pietra e in piombo, testimonianza dell’antica vocazione marinara viestana in età romana e tardoantica. Le altre sale del piano terra sono riservate alle miniere preistoriche di selce del territorio di Vieste, tra cui la miniera n.1 della Defensola A, oggetto di ricerche pluriennali da parte dell’Università degli Studi di Siena, la miniera più antica d’Europa. Le formazioni calcaree del Gargano, molto ricche in selce, sono state fonte di approvvigionamento durante tutta la Preistoria, in particolare a partire dal Neolitico antico, fra il VII e il VI millennio a.C., proprio nel comprensorio di Vieste, fino all'inizio dell'Età del Bronzo (fra il III e il II millennio a.C.), con uno sfruttamento sistematico attraverso miniere sotterranee di vario tipo. Di eccezionale valore sono i reperti del Neolitico antico della Defensola, per la gran parte esposti per la prima volta al pubblico, tra cui i vasi in ceramica, che servivano agli antichi minatori neolitici per il trasporto di acqua e cibo all'interno della miniera, i picconi e i mazzuoli che, opportunamente immanicati, erano destinati alla frantumazione del calcare per il recupero dei noduli di selce e, infine, le lucerne indispensabili per l'illuminazione delle camere e dei corridoi bui della miniera.

 

Salendo al primo piano, invece, nella grande sala è esposto, anch’esso per la prima volta, il ricco corredo della tomba a semicamera rinvenuta nel 2006 al di sotto del cortile del Palazzo Comunale di Vieste a tre metri di profondità. Utilizzata per sepolture plurime, al suo interno sono stati recuperati i resti di ventisei individui, deposti durante un arco cronologico compreso tra il III e il II sec. a.C.; ha restituito un insieme estremamente ricco di reperti in ceramica e in metallo. Tra i reperti dei ricchi corredi, è particolarmente rilevante il sigillo in cristallo di rocca, con la pregevole incisione di un cane dal profilo slanciato, forse identificabile con il Cirneco dell’Etna, razza molto antica di cane da caccia.
La floridezza del centro daunio di Vieste, probabilmente identificabile con l'Uria garganica a cui fanno riferimento le fonti antiche (Strabone, Tolomeo, Pomponio Mela, Plinio il Vecchio e Dionigi il Periegeta), è testimoniata dall'individuazione di tratti dell'antica cinta muraria databile al IV-III secolo a.C., insieme ad aree sepolcrali da cui provengono i corredi funerari esposti nelle tre sale seguenti. Risalenti al passaggio dall'età classica a quella ellenistica (IV-III sec. a.C.), sono esposti i corredi dalla tomba I di loc. Carmine e le tombe 2-3 e 7-8 dalla scarpata di Ripe Castello che si affaccia sulla famosa spiaggia di Pizzomunno. Un sostegno all’identificazione con l'Uria delle fonti antiche può essere considerata la presenza del culto a Venere, con l’appellativo di Sosandra (Salvatrice), testimoniato dalle oltre 200 iscrizioni votive in greco e latino nella grotta-santuario, individuata e indagata sistematicamente nel 1987, sull’isolotto di Sant’Eufemia (che ora ospita il Faro di Vieste). Il culto a Venere Sosandra è documentato, oltre che dalle frequenti raffigurazioni della colomba, animale sacro a Venere, anche da alcuni reperti esposti e databili ad età ellenistica. La continuità di vita dell’abitato durante la fase di passaggio alla romanizzazione è testimoniata nell'area urbana, compresa tra viale XXIV Maggio e Corso Fazzini, dal rinvenimento nel 1987 nel quale fu messo in luce un complesso residenziale di età tardo repubblicana-imperiale dotato di un complesso termale, di cui è esposta, per la prima volta, la mano in bronzo di una grande statua.
Lo sviluppo della grande proprietà terriera in età romana imperiale e tardoantica si esprime con l'impianto delle grandi ville rustiche, come quella di Santa Maria di Merino, nei pressi della quale si trova la necropoli della Salata e Salatella. Dallo scavo della villa provengono i reperti esposti nell’ultima sala del percorso di visita, fra cui lucerne e ceramica sigillata.

 
 
 

Vieste – “L'ora dei Poeti...Era Ora !” Terzo Concorso Nazionale di Poesia Italiana – 23 giugno 2019 [Video] N

Post n°23883 pubblicato il 27 Giugno 2019 da forddisseche

 
27 Giu - 10:06:14
 Vieste – “L'ora dei Poeti...Era Ora !” Terzo Concorso Nazionale di Poesia Italiana – 23 giugno 2019 [Video] 
Nel report video di Antonio Abatantuono le immagini della cerimonia di premiazione del Terzo Concorso Nazionale di Poesia Italiana svoltosi a Vieste lo scorso 23 giugno.

 
 
 

Caldo, domani e venerdì bollino rosso

Post n°23882 pubblicato il 26 Giugno 2019 da forddisseche

Caldo, domani e venerdì bollino rosso 

 
Caldo, domani e venerdì bollino rosso
 
 

Sos caldo domani 27 giugno in 6 città italiane e venerdì 28 giugno in 16. Tanti, infatti, sono i centri urbani contrassegnati con il bollino rosso nel bollettino sulle ondate di calore ministero della Salute, che indica il massimo livello di rischio per tutta la popolazione, non solo quindi le fasce della popolazione fragili. I meteorologi infatti prevedono caldo record.

 

In quella che viene annunciata come l'estate più torrida degli ultimi anni, la Croce Rossa Italiana ha attivato CRI per le Persone: il numero verde gratuito 800-065501 h24 e sette giorni su sette per chiunque abbia bisogno di sostegno, assistenza e consigli con una particolare attenzione alle persone sottoposte a maggiori pericoli per la salute come bambini e anziani.

 

Chiamando l'800-065510, l'utente riceve risposte e soluzioni alle emergenze grazie alla solida rete di Comitati in tutta Italia e alle centinaia di migliaia di volontari pronti ad aiutare in un delicato periodo dell'anno in cui è più difficile richiedere assistenza.

 

La sala operativa nazionale, attivando un contatto diretto e immediato con l'utente e il Comitato CRI più vicino o con servizi offerti da terzi, sia pubblici che privati. Gli operatori forniscono, inoltre, informazioni e consigli per difendersi dalle alte temperature. La Croce Rossa, associazione da sempre impegnata nella promozione della salute e stili di vita sani, ribadisce alcune indicazioni con particolare attenzione ai bisogni delle persone più fragili.

 

Alle persone anziane con patologie croniche (cardiovascolari, respiratorie, neurologiche, diabete etc.) e a chi assume farmaci si consiglia di consultare il medico per un eventuale aggiustamento della terapia o della frequenza dei controlli clinici e di laboratorio (ad esempio per i diabetici è consigliabile aumentare la frequenza dei controlli glicemici), segnalare al medico qualsiasi malessere, anche lieve, che sopraggiunga durante la terapia farmacologica e non sospendere mai di propria iniziativa la terapia in corso. Infine, è importante conservare correttamente i farmaci: in frigorifero quelli per i quali è prevista una temperatura non superiore ai 25- 30 gradi e lontani da fonti di calore e da irradiazione solare diretta.

 
 
 

Monte S. Angelo – Vieste/ Il programma musicale e artistico di FestambienteSud XV

Post n°23881 pubblicato il 26 Giugno 2019 da forddisseche

Monte S. Angelo – Vieste/ Il programma musicale e artistico di FestambienteSud XV 

 
Monte S. Angelo – Vieste/  Il programma musicale e artistico di FestambienteSud XV
 
 

In arrivo la XV edizione di FestambienteSud, dal 25 luglio al 4 agosto tra Monte Sant’Angelo e Vieste. Tra gli ospiti Enrico Rava, Chiara Civello, Quintorigo e una giornata di teatro storico a Monte Sant’Angelo. Daniele Sepe, Hamid Drake, Francesco Bearzatti, Paolo Fresu e Jacques Morelembaum, si aggiungono a Bregovic, Alborosie, Murubutu e Alessandro Quarta nel programma di Vieste.

 

Inoltre, un laboratorio teatrale, un programma dei concerti fuori orario, due istallazioni urbane e una videoperformace del visual artist Felice Limosani.

 

 

 

 

 

Pronto il cartellone musicale e artistico della XV edizione di FestambienteSud, che si celebrerà dal 25 luglio al 4 agosto tra Monte Sant’Angelo e Vieste.

 

Dopo un’anteprima del 20 luglio, con la presentazione del primo dei quaderni della Green Cave di FestambienteSud, la riedizione del racconto Monte Sant’Angelo di Arthur Miller, dal 25 al 28 luglio a Monte Sant’Angelo un nutritissimo programma con programmazione musicale che mette assieme la piazza e l’ascolto, con la compresenza di generi differenti: dall’afro-reggae di Sandro Joyeoux e dei Kalifoo Ground, gruppi scelti con Caritas Italiana, partner del festival, al rock raffinato dei Quintorigo e al jazz di Enrico Rava e Chiara Civello, due artisti italiani riconosciuti sulla scena musicale internazionale. Debutterà anche un gruppo musicale che nasce nella Green Cave di FestambienteSud, i Green Cave Brothers. Particolare la giornata del 28 luglio, in cui nel Castello sarà dato spazio al teatro storico con la Bottega degli Apocrifi che porta in scena la Ballata per i Normanni, e con Harem, le donne di Federico di Carla de Girolamo. A Monte Sant’Angelo vedrà la luce anche Così lontano, così vicino, una installazione urbana ideata da Marco e Andrea Nasuto e sostenuta dal progetto Presidio di Caritas, e un laboratorio teatrale con Pierluigi Bevilacqua sulla storia Monte Sant’Angelo di Arthur Miller (dal 22 al 28 luglio, info e iscrizioni 379 117 5345).

 

A Vieste si comincia il 29 luglio con Luca Pugliese, protagonista sia di una performance musicale al tramonto che della installazione urbana Siamo Noi, siamo in tanti, e con Daniele Sepe, che avrà come ospite il batterista americano Hamid Drake, per il suo concerto omaggio a Gato Barbieri.

 

Il 30 un tramonto con Vince Abbracciante e Grace Falcone e una serata con Francesco Bearzatti tinissima 4th, che abbiamo richiamato per il suo spettacolo dedicato ala storia di Malcom X.

 

Il 31 sarà maratona musicale: si comincia all’alba con Pasta Nera Jazz Project, poi alle 12 in foresta Umbra con l’arpa di Giuliana De Donno, al tramonto a Vieste con il bandoneon di Daniele di Bonaventura e poi la serata speciale di chiusura in marina piccola con una videoperformace il visual artist Felice Limosani e il concerto di Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura in trio con il violoncellista brasiliano Jacques Morelembaum.

 

Dall’1 al 4 agosto le quattro serata già annunciate del progetto speciale per Vieste, FestambienteSud Vieste Live, con Murubutu, 1 agosto, Goran Bregovic (2 agosto), Alborosie (3 Agosto), e Alessandro Quarta in duo con il pianista Giuseppe Magagnino.

 

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito con l’eccezione di Rava, Civello, Bregovic, Alborosie e il laboratorio teatrale. I ticket su www.vivaticket.it, ai punti vendita ufficiali e al botteghino del festival - info 379 117 5345 – www.festambientesud.it.

 

 

 

FESTAMBIENTESUD XV – PROGRAMMA ARTISTICO MUSICALE

 

25/o7 MONTE SANT’ANGELO - anteprima

 

presentazione: MONTE SANT’ANGELO, di ARTHUR MILLER, quaderno n. 1 della Green Cave di FestambienteSud, Andrea Pacilli Editore. Riedizione con nuova traduzione e con testo inglese a fronte curata e tradotta da Mariantonietta Di Sabato e Cosma Siani.

 

25/o7 MONTE SANT’ANGELO

 

THE GREEN CAVE BROTHERS

 

SANDRO JOYEUX migrant tour

 

26/o7 MONTE SANT’ANGELO

 

ENRICO RAVA 6th Special Edition (www.vivaticket.it)

 

KALIFOO GROUND

 

27/o7 MONTE SANT’ANGELO

 

CHIARA CIVELLO con Mirko Signorile & Song Writer Trio (www.vivaticket.it)

 

QUINTORIGO

 

28/o7 CASTELLO DI MONTE SANT’ANGELO

 

evento finale del laboratorio teatrale

 

BALLATA PER I NORMANNI di Bottega degli Apocrifi

 

HAREM, LE DONNE DI FEDERICO di Carla De Girolamo

 

29/o7 VIESTE

 

tramonto LUCA PUGLIESE on man band

 

DANIELE SEPE feat. Hamid Drake in The cat with the hat

 

30/o7 VIESTE

 

tramonto VINCE ABBRACIANTE & GRACE FALCONE, fisarmonica e voce

 

FRANCESCO BEARZATTI tinissima 4th

 

31/o7 VIESTE

 

alba PASTA NERA JAZZ PROJECT pasta nera

 

mezzogiorno Foresta Umbra GIULIANA DE DONNO, arpa

 

tramonto DANIELE DI BONAVENTURA, bandoneon

 

FELICE LIMOSANI video performace

 

PAOLO FRESU & DANIELE DI BONAVENTURA trio with JACQUES MORELEMBAUM

 

FESTAMBIENTESUD VIESTE LIVE

 

01/o8 VIESTE

 

MURUBUTU in TENEBRA E’ LA NOTTE (open Totò Nasty)

 

02/o8 VIESTE

 

GORAN BREGOVIC in THREE LETTERS FROM SARAJEVO

 

(www.vivaticket.it)

 

03/o8 VIESTE

 

ALBOROSIE in 25TH ANNIVERSARY TOUR (open Big Foot Sound)

 

(www.vivaticket.it)

 

04/o8 VIESTE

 

sera ALESSANDRO QUARTA duo recital in PIAZZOLLA & THE HISTORY OF JAZZ

 

with Giuseppe Magagnino

 

Altri eventi artistici

 

urban installation

 

dal 25 al 28/o7 MONTE SANT’ANGELO

 

COSI’ LONTANO, COSI‘ VICINO

 

ideata da MARCO & ANDREA NASUTO

 

Progetto Presidio di Caritas Italiana, inaugurazione 25/o7

 

urban installation

 

dal 29/o7 al 04/o8 VIESTE

 

SIAMO NOI, SIAMO IN TANTI

 

ideata e realizzata da LUCA PUGLIESE

 

inaugurazione 29/o7

 

laboratorio teatrale

 

dal 22 al 28/o7 MONTE SANT’ANGELO

 

ARTHUR E JIM A MONTE PER UN GIORNO

 

con PIERLUIGI BEVILACQUA

 

Iscrizioni entro il 18 luglio, info 379 117 5345

 

FestambienteSud è il festival nazionale di Legambiente per il Sud Italia. Sostenuto da Regione Puglia e FSC 2014-20, nell’ambito del piano triennale per lo spettacolo, da Comune di Vieste, Parco Nazionale del Gargano, Comune di Monte Sant’Angelo. Del partenariato sociale fanno parte Caritas Italiana, Confcommercio Foggia, Gal Gargano, di cui Legambiente FestambienteSud è socio fondatore, e altre associazioni la cui lista presto sarà resa pubblica. Anche diverse aziende sostengono il festival, appena l’elenco sarà completo sarà reso pubblico.

 
 
 

Vieste - ORDINANZA PER LA CIRCOLAZIONE STRADALE IN OCCASIONE DELLA MANIFESTAZIONE "BATTITI LIVE 2019"

Post n°23880 pubblicato il 26 Giugno 2019 da forddisseche

 
26 Giugno 2019 - 19:40:05
 Vieste - ORDINANZA PER LA CIRCOLAZIONE STRADALE IN OCCASIONE DELLA MANIFESTAZIONE "BATTITI LIVE 2019"In riferimento alla manifestazione “Battiti Live” in programma domenica 30 giugno, per consentire l’allocazione delle attrezzature e le operazioni di allestimento dell’area, è stata emanata un’apposita ORDINANZA relativamente alla circolazione stradale nelle strade attigue all’area di Marina Piccola, peri prossimi giorni.

 
 
 

Monte S. Angelo/ Direttore del Parco, domani si sceglie la terna di nomi da inviare al Ministro

Post n°23879 pubblicato il 26 Giugno 2019 da forddisseche

Monte S. Angelo/ Direttore del Parco, domani si sceglie la terna di nomi da inviare al Ministro 

 
Monte S. Angelo/ Direttore del Parco, domani si sceglie la terna di nomi da inviare al Ministro
 
 

Domani dovrebbe es­sere nominata la terna dei nomi del prossimo di­rettore al parco nazionale del Gargano da inviare al ministro dell’ambiente cui spetta la scelta. Il compito di indicare la terna spetta invece al con­siglio direttivo dell’ente. Il vicepresidente Claudio Costanzucci ha convocato per le 15.30 di domani la riunione del direttivo nella sede di Monte Sant’Angelo del parco. C’è attesa perché la decisione sulla terna dovrebbe essere la tappa conclu­siva di un percorso accidentato e caratterizzato da polemiche. L’ente parco è al terzo bando per la individuazione dei candi­dati da sottoporre al ministro Sergio Costa per la nomina, ter­zo bando resosi necessario a cau­sa della bocciatura da parte del ministero dei due bandi prece­denti per opposte ragioni: il pri­mo per la mancanza dei requisiti da parte di un partecipante pre­cedentemente ammesso; il se­condo a febbraio scorso per vizi procedurali. Sul tavolo ci sono ben 19 curriculum (in totale 26, ma sette sono stati esclusi, la metà comunque rispetto ai 42 del precedente avviso pubblico). Sulla que­stione direttore all’interno del consiglio direttivo esistono da tempo due fazioni in lotta. A tal pro­posito va ricordato che l’ente parco (tra l’altro privo del presidente dall’aprile 2017) è senza di­rettore effettivo da tempo immemorabile, al pari di tanti altri parchi d’Italia. Si va avanti con i facenti funzioni: sono dipendenti delegati allo sco­po che agiscono da supplenti. Attualmente è di turno Carmela Strizzi, Lo è da settembre 2015, ovvero da quasi 4 anni. Al pari del direttore, anche sulla figura apicale del presidente i tempi si sono allungati a dismi­sura: continua infatti a mancare l’accordo politico istituzionale sul nome da scegliere, tra il ministro Sergio Costa ed il governatore di Puglia Michele Emiliano. Di re­cente ne sono circolati diversi, tutti però destinati a essere boc­ciati Lo stop all’ultimo avviso di febbraio, a causa di vizi proce­durali,- ha di conseguenza pro­vocato l’azzeramento della terna di possibili direttori varata per l’occasione e composta da Maria Villani, Carmela Strizzi e Loren­zo Gaudiano. I tre candidati però oggi sono di nuovo in pista, per­ché hanno rifatto domanda e compaiono tra i 19 curriculum ammessi, in quanto risultano iscritti negli elenchi degli idonei all’esercizio dell’attività di direttore del ministero. Su 19 aspiranti alla carica di direttori ben 10 arrivano dalla Puglia. Di questi, sette sono di Fog­gia e provincia (San Giovanni Rotondo, San Mar­co in Lamis, Manfredonia); due da Bari e uno dalla provincia di Lecce; i restanti nove candidati sono di fuori regione.

 

Francesco Trotta

 
 
 

Terza rassegna "L'ora dei Poeti... Era ora! 2019 - I DIALETTI D’ITALIA. Pronto il regolamento -

Post n°23878 pubblicato il 26 Giugno 2019 da forddisseche

Terza rassegna "L'ora dei Poeti... Era ora! 2019 - I DIALETTI D’ITALIA. Pronto il regolamento - 

 
Terza rassegna "L'ora dei Poeti... Era ora! 2019 - I DIALETTI D’ITALIA. Pronto il regolamento -
 
 

LEGA NAVALE ITALIANA Sezione di Vieste

 

COMUNE DI VIESTE

 

PUNTO D'ARTE CLUB    Ass. Culturale Vieste

 

 

 

REGOLAMENTO

 

-La lega Navale Italiana di Vieste e Punto d'Arte Club Vieste organizzano la terza rassegna nazionale di poesia dei dialetti d'Italia "GAETANO DELLI SANTI".

 

-Ogni partecipante dovrà spedire un componimento poetico, a tema libero, al seguente indirizzo E-Mail: vieste@leganavale.it: e in cartaceo, triplice copia, in vernacolo con traduzione in italiano. La poesia dovrà pervenire entro il 25 Agosto 2019.

 

 

 

-La poesia non dovrà superare i 30 trenta versi; è gradito breve curriculum vite.

 

-Gli autori partecipanti dovranno presenziare alla manifestazione in quanto saranno loro medesimi i lettori della propria poesia in vernacolo oppure potranno indicare un lettore di loro fiducia. La poesia sarà letta sia in lingua vernacolare che in lingua italiana.

 

-La partecipazione comporta un contributo di € 20,00-euro venti//00 per spese organizzative.

 

-I partecipanti dovranno spedire un plico nel quale inserire 3 (tre) copie, di cui sopra specificato, e la somma suindicata con proprio indirizzo domiciliare, posta elettronica e

 

numero telefonico.

 

-La poesia dovrà essere dattiloscritta.

 

-Ad ogni poeta sarà rilasciato un particolare attestato di partecipazione.

 

-Il plico dovrà essere spedito ad uno dei seguenti indirizzi:

 

 

 

RAFFAELE PENNELLI VIA SANTA MARGHERITA, 59 - 71019 VIESTE (FG)

 

SAVERIO SCIANCALEPORE Via Trieste, 12 - 71019 VIESTE (FG)

 

-Ad ogni poeta sarà comunicato, in tempo utile, il giorno, il luogo e l'ora in cui si svolgerà la manifestazione che si terrà in settembre c.a.

 

-Per ulteriori informazioni telefonare ai numeri: 334/7341946—340/1700219