Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 65
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 

Oroscopo

 


                 width="200" height="250" scrolling=no marginwidth=0 marginheight=0 frameborder=0 border=0 style="border:0;margin:0;padding:0;">
    

 

 

Vieste / Petizione per : Smantelliamo il Ripetit

Vieste / Petizione per :

Smantelliamo il Ripetitore 5G che Disturba il Nostro Paese .
Il link per firmare e questo :  https://chng.it/xvFYh5RSk2

Grazie .

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheQuartoProvvisoriolaboratoriotvantiope_queen1stefdesignscalera4ATTITUDE2GiuliettaScagliettiLeccezioneMadamenazario1960Violentina8380sin69m12ps12milano2009
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/202

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/2020/07/RADIO-GARDEN-300x176.png

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi di Luglio 2024

CHIESTA POSTAZIONE ELISOCCORSO A VIESTE: “SITUAZIONE DA TERZO MONDO”. LA DENUNCIA DEL CONSIGLIERE REGIONALE PAOLO DELL’ERBA 17 L

Post n°32478 pubblicato il 17 Luglio 2024 da forddisseche

CHIESTA POSTAZIONE ELISOCCORSO A VIESTE: “SITUAZIONE DA TERZO MONDO”. LA DENUNCIA DEL CONSIGLIERE REGIONALE PAOLO DELL’ERBA

Assenza di una postazione fissa di Elisoccorso a Vieste, carenze dei presidi sanitari in tutta l’area garganica, un servizio 118 dove spesso l’autoambulanza non è medicalizzata. In questi ultimi giorni migliaia di cittadini hanno sottoscritto una petizia indirizzata alla Asl e agli organi competenti affinchè si intervenga su una situazione che in estate diventa insostenibile con un aumento sproporzionato di presenze rispetto ai servizi resi alla popolazione”.

Sulla vicenda il consigliere regionale di Forza Italia, Paolo Dell’Erba, ha indirizzato una interrogazione urgente con risposta scritta all’assessore alla sanità e al governatore Emiliano per “sollecitare un cambio di marcia riguardo le criticità presso il punto di primo intervento di Vieste, per non parlare degli altri centri garganici”.

“L’elisoccorso deve arrivare da Foggia – evidenzia il consigliere – e i tempi non sono proprio ridotti quando anche pochi minuti possono valere la vita di una persona. Ieri l’ennesimo tragico episodio della commerciante viestana morta per annegamento mentre era con la nipotina di soli 2 anni, poi trasportata in elisoccorso; l’altro giorno invece un turista è morto per infarto. Mi domando come con tutti i soldi spesi per la sanità pugliese non sia stato fatto nulla per garantire un supporto sanitario adeguato alla capitale del turismo regionale. E’ assurdo come manchino strutture di diagnostica, così come l’assenza di medici”.

“Siamo stanchi di questa sordità che potremmo definire menefreghismo – conclude Dell’erba – ma voglio pensare che possano esserci altre motivazioni riguardo la scelta imbarazzante di lasciare il Gargano privo di un’adeguata assistenza sanitaria per tutto l’arco dell’anno, che diventa ancora più visibile nel periodo estivo. Sembra di stare, dal punto di vista sanitario, nel terzo mondo”

 
 
 

MARINA DI LESINA SPROFONDA NELLA CRISI, CALO DI PRESENZE E STRISCE BLU OVUNQUE. I CITTADINI: “DEGRADO SENZA FINE” 16 Luglio 2024

Post n°32477 pubblicato il 16 Luglio 2024 da forddisseche

MARINA DI LESINA SPROFONDA NELLA CRISI, CALO DI PRESENZE E STRISCE BLU OVUNQUE. I CITTADINI: “DEGRADO SENZA FINE”

Si è costituito un comitato composto da associazioni, esercenti, professionisti, titolari di stabilimenti balneari e proprietari di case. Tanti i temi affrontati.

L’estate è rovente a Marina di Lesina, non solo per le temperature. Associazioni, esercenti, professionisti, titolari di stabilimenti balneari, proprietari di case che vivono la località balneare del Gargano e ne hanno a cuore le sorti, hanno convogliato il fermento di questi giorni in un’iniziativa concreta, costituendosi in un Comitato.

L’idea è maturata a ridosso della decisione del Comune di Lesina di tappezzare le strade di Marina di Lesina di strisce blu per i parcheggi a pagamento e che si è rivelata la goccia che ha fatto traboccare un vaso colmo da tempo.

Nata sotto i migliori auspici, dopo un periodo di commissariamento, l’amministrazione lesinese aveva, a inizio mandato, fatto sperare in una progettualità che vedeva nel connubio lago-mare il suo punto di forza,

“Finito il tempo delle promesse – affermano i componenti del Comitato – sindaco e giunta si sono dileguati, abbandonando Marina di Lesina e il suo straordinario territorio a un degrado senza fine. E, dunque, nel pieno della stagione estiva, i pochi eroici esercizi commerciali che la animano registrano un netto calo di presenze, in controtendenza rispetto a un trend che vede la Puglia, da anni, una delle mete più ambite dai turisti. I proprietari di case – che hanno appena pagato imposte e tasse e che annualmente affrontano alti costi di manutenzione – si sono ritrovati con i problemi di sempre e con un balzello in più. Gli uni e gli altri, insieme alle associazioni già presenti, stanchi di lamentarsi sui social, hanno deciso perciò di agire sinergicamente, costituendosi in un Comitato, aperto a nuove sottoscrizioni di cui saranno, a strettissimo giro, comunicate le modalità”.

I promotori dell’iniziativa hanno già contattato un team di legali e di tecnici per agire fattivamente e giudizialmente, se necessario, per tutelare i loro diritti e interessi. “Sono allo studio le delibere comunali che certificano l’asimmetria tra chi paga e chi beneficia del gettito. Grazie a Marina di Lesina arrivano, infatti, nelle casse comunali almeno due milioni di euro l’anno. Il dato è frutto di una stima al ribasso che include l’IMU, a carico esclusivo dei proprietari non residenti, e la tassa di soggiorno, versata per il tramite delle strutture ricettive.

E, tuttavia, se Lesina è riuscita a sviluppare le sue potenzialità, la sua Marina langue. Giunga forte al sindaco l’esortazione a ripensare le proprie scelte e uscire dalla logica spicciola e miope del consenso elettorale. Perché questa volta Marina di Lesina non resterà a guadare lo scempio ma agirà con determinazione, farà rete e impiegherà risorse per difendere il proprio territorio”.

saverio serlenga

 
 
 

TAGLI ALLE SCUOLE, RISCHIO ACCORPAMENTI: IN PUGLIA 18 ISTITUTI ENTRO DUE ANNI 15 Luglio 2024

Post n°32476 pubblicato il 15 Luglio 2024 da forddisseche

TAGLI ALLE SCUOLE, RISCHIO ACCORPAMENTI: IN PUGLIA 18 ISTITUTI ENTRO DUE ANNI

Se il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara invita a non far  polemiche sul dimensionamento scolastico, i sindacati pongono invece l’attenzione sui prossimi accorpamenti. Ad esempio in Puglia, entro il 2026, 18 scuole saranno accorpate. Quattro come previsto dal piano ministeriale e 14 invece sono gli istituti salvaguardati l’anno scorso ma che dovranno ugualmente perdere l’autonomia entro il 2026. Previste dieci scuole secondarie di secondo grado e otto del primo ciclo. E i sindacati protestano.

La regione Puglia, sulla base dei parametri individuati dal decreto ministeriale, dovrà provvedere autonomamente, entro il 30 novembre 2024, al dimensionamento della rete scolastica per l’anno scolastico 2025/26 che prevede 565 scuole.

 
 
 

GRANDE SUCCESSO DELLA MOTONAUTICA AL PORTO DI RODI GARGANICO 13 Luglio 2024 Nella prima manche del mondiale classe 3d/5000 vin

Post n°32475 pubblicato il 13 Luglio 2024 da forddisseche

GRANDE SUCCESSO DELLA MOTONAUTICA AL PORTO DI RODI GARGANICO

Nella prima manche del mondiale classe 3d/5000 vince Blu Banca di s. Barlesi – T. Polli.

Grande successo della Motonautica al porto di Rodi Garganico. L’evento si è potuto concretizzare grazie alla collaborazione di Regione Puglia, Comune di Rodi Garganico, Porto Turistico di Rodi Garganico, Assonautica Territoriale Gargano, Capitaneria di Porto, Guardia di Finanza, Protezione Civile. 
Un particolare contributo al successo dell’iniziativa è pervenuto da: Marinmotors di Cassa Matteo, Molino De Vita, CBI Europe, Impianti Belcastro, OP Parco della Peranzana, Verga Nautic Jet, AD Mobility, Carni Più, Biocantina Giannattasio di Trinitapoli, Pisan Battèl, Ittica Corba Rossa del Gargano.

Su input della Regione Puglia è stata promossa dagli organizzatori l’iniziativa “ALLÈNATI CONTRO LA VIOLENZA”, campagna antiviolenza sulle donne assieme ad  una serie di attività volte a consolidare il sano e corretto stile di vita. 

Nella prima prova del mondiale Classe 3D/5000 ha conquistato la piazza d’onore 20 BLU BANCA ITA di (S.  BARLESI – T. POLLI); 2 55 ENIGMA 30 NOR di (E. SUNDBLAND JOHANSEN – A. BREDE MAGNUSSEN); 3 54 ENIGMA 30 NOR di (L. NIKOLAISEN – A. STRAND). In quarta posizione 22 ALILAGUNA ITA di (G. COLTRO – D. CARDAZZO); 5 69 MARCO ITA di (G. MONTAVOCI – L. COSTANTINI). Non classificati le imbarcazioni: DNF 96 FORESTI&SUARDI ITA (S. BUBACCO – F. PINELLI); DNF 10 GASBETON ITA (L. BACCHI – A. BACCHI); DNS 88 HOSES TECHNOLOG ITA (F. MAGNANI – M. COSMA).

“La prima prova – ha dichiarato Giampaolo Montavoci – ha messo in evidenza il valore dei nostri piloti e di tutto lo staff organizzativo che ha dimostrato grande efficienza regalando ad uno dei più bei porti dell’Adriatico un fine settimana all’insegna dello sport e del life style.

Per tornare alla gara, c’è stata una partenza veramente adrenalinica, con le imbarcazioni tutte molto vicine come prestazioni. Lo dimostra la classifica finale di questa prima manche, che ha visto tutti gli scafi arrivare a giri pieni con una differenza di poco più di un minuto dal primo all’ultimo. Domenica alle 15:30 manche conclusiva di questa prima tappa del mondiale che proseguirà ad Arendal in Norvegia e si concluderà a Cervia dal 5 all’8 Settembre”.

Durante la competizione mondiale è stata inaugurata con discesa in mare l’imbarcazione Pershing 92, consegnata all’armatore che è pronto per farsi la sua meritata vacanza. L’imbarcazione è stata acquistata tramite la Zeuss Boat di Pasquale Di Cosola da Hong Kong nel mese di ottobre 2023. L’azienda ha seguito tutto l’iter delle verifiche tecniche, la documentazione e l’organizzazione del trasporto su nave fino a Bari.

La barca è arrivata a Bari il 10 febbraio ed è stata trasferita direttamente nei cantieri di Rodi Garganico, dove con la collaborazione del staff del cantiere è stato fatto un importante refitting.  

Alla manifestazione ha preso parte il presidente della FIM Vincenzo Iaconianni.

 
 
 

WWF / IL “DEPAVING”: UNA NUOVA STRATEGIA PER COMBATTERE LE ALTE TEMPERATURE E IL CAMBIAMENTO CLIMATICO. 13 Luglio 2024

Post n°32474 pubblicato il 13 Luglio 2024 da forddisseche

WWF / IL “DEPAVING”: UNA NUOVA STRATEGIA PER COMBATTERE LE ALTE TEMPERATURE E IL CAMBIAMENTO CLIMATICO.

“Basta con il cemento è arrivato il momento di riqualificare la Città di Foggia”.

La città di Foggia sta espandendo sempre di più la sua superficie urbana. Molti cittadini ci segnalano la nascita di numerosi centri commerciali con annessi enormi parcheggi di asfalto o piste ciclabili realizzate su marciapiedi assolati ma soprattutto sono privi di alberi e/o verde in generale, luoghi assolutamente invivibili. Questo comporta la formazione delle “isole di calore”, che di giorno e di notte restituiscono ai cittadini temperature molto elevate, richiedendo l’uso di condizionatori (in auto e a casa), con tutte le ripercussioni che ne derivano sulla salute e sull’ambiente.

Pertanto, noi del WWF Foggia vogliamo lanciare un’idea, una provocazione visionaria che potrebbe cambiare le sorti della città nel breve-medio periodo, il processo inverso alla cementificazione, ovvero: il depaving.

Il depaving, termine che indica la deimpermeabilizzazione dei suoli urbani, rappresenta una strategia innovativa e sostenibile per contrastare il cambiamento climatico e migliorare la qualità della vita nelle aree urbane. Esso consiste nella rimozione degli strati superficiali di asfalto e cemento, permettendo così all’acqua piovana di penetrare nel terreno e favorendo la crescita di vegetazione opportunamente gestita. Questa pratica non solo riduce il rischio di allagamenti e migliora la “spugnosità” del suolo, ma ricarica la falda, contribuisce anche a mitigare le temperature urbane e, non di poca importanza, crea nuovi spazi verdi a discapito delle lande di cemento sostenendo anche la biodiversità.

L’eliminazione di superfici impermeabili quindi offre numerosi vantaggi ambientali e sociali come la riduzione delle temperature urbane (gli alberi e le piante contribuiscono a creare ombra e aumentare l’umidità dell’aria, abbassando la temperatura percepita durante i mesi estivi). Minore inquinamento acustico (gli spazi verdi assorbono i rumori, migliorando la qualità della vita urbana). Prevenzione del rischio idrogeologico (la maggiore permeabilità del suolo riduce il rischio di alluvioni e permette una migliore gestione delle acque piovane). Miglioramento estetico (la presenza di aree verdi e piantumate rende la città più bella e vivibile). Supporto alla biodiversità (gli spazi verdi urbani diventano habitat per diverse specie di flora e fauna).

Nel Mondo abbiamo già tanti esempi virtuosi; il movimento del depaving, nato da un comitato cittadino a Portland nel 2008, ha già dimostrato i suoi benefici in molte città. In Europa, esempi virtuosi includono Lovanio in Belgio, dove la depavimentazione ha significativamente ridotto il rischio di alluvioni. Fortunatamente alcune città italiane hanno già abbracciato questa pratica, è il caso di Milano; nel capoluogo, per contrastare l’inquinamento dell’aria, grazie al depaving negli ultimi anni sono stati “liberati dall’asfalto” circa 27 mila metri quadri. Senza andare lontano un centro commerciale di Manfredonia ha parte del parcheggio depavimentato.

Il depaving non è soltanto un gesto simbolico di ribellione contro il grigiore urbano – afferma Maurizio Marrese botanico e presidente del WWF Foggia –  è una necessità crescente nell’era del cambiamento climatico. Per il successo di questa iniziativa, è fondamentale il coinvolgimento attivo della comunità locale e il supporto delle autorità cittadine (soprattutto nell’ambito della progettazione e realizzazione). Il WWF Foggia invita tutti i cittadini, le associazioni e le istituzioni a partecipare e a sostenere questa trasformazione urbana che porterà benefici tangibili all’ambiente e alla qualità della vita.

 
 
 

A VIESTE OASI E GIARDINO NEL NUOVO LUNGOMARE RIQUALIFICATO 13 Luglio 2024

Post n°32473 pubblicato il 13 Luglio 2024 da forddisseche

A VIESTE OASI E GIARDINO NEL NUOVO LUNGOMARE RIQUALIFICATO

L’architetto Marco Di Gennaro presenta il progetto di riqualificazione dei lungomari viestani.

Cambierà radicalmente volto il lungomare di Vie­ste, regina del turismo pugliese col suo incontrastato primato di presenze a livello regionale. Piazze polifunzionali chiamate “Oasi”, mobilità soste­nibile, percorso ciclabile, un giardino, salvaguardia delle dune. C’è tutto questo nel progetto, che vale quasi 8 milioni di euro, per la riqualificazione dei lungomari Europa e Mattei a Vieste, un intervento che sì svilup­perà su una superficie di 51mila mq.

Lo scorso 4 luglio la giunta Nobilettiha approvato il progetto dì fattibilità tecnica ed economica, per una spesa complessiva di 7.965.683,58 euro, firmato dal 41 enne architetto foggiano Marco di Gennaro, vinci­tore del concorso di progettazione indetto da Palazzo di città.

A ottobre 2022 l’esecutivo approvò il protocollo dì intesa tra il Comune e l’Ordine degli architetti, finalizzato a promuovere il concorso di progettazione a due gradì “nella consapevolezza che questo rappresenti uno strumento fondamentale per rilanciare la qualità dell’architettura al centro dei processi di sviluppo e di rilancio socio-economico del territorio”.

Ebbene, se la responsabile unica del procedimento è la funzionaria comunale ed architetta Paola Cecilia Minervino, di­pendente del Settore lavori pubblici, a fine 2022 fu af­fidato l’incarico professionale di supporto al RUP in qualità di coordinatore del concorso di progettazione all’architetto Francesco Faccilongo,presidente dell’Ordine, per una spesa complessiva di 5.000 euro.

Il progetto suddivide l’opera in due macroaree. L’intervento maggiore è quello che interessa il lotto fun­zionale Mattei (2,6 km fino al Pizzomunno), che vale 4.449.235,75 euro, mentre la spesa per il lotto funzio­nale Europa (1,3 km) ammonta a 2.220.128,03 euro; infine ci sono attrezzature secondarie (opere edili, ver­de, arredo) per 227.331,96 euro.

“La città di Vieste è il centro dello sviluppo turistico garganico e si consolida come motore di un’economia tu­ristica, trainante per tutto il territorio regionale. Uno svi­luppo urbano incontrollato nel corso degli anni ha crea­to una frattura sempre più marcata tra il centro e gli estremi della città, e tra paesaggio naturale e tessuto urbanizzato.

Questo processo ha trasformato pro­gressivamente queste aree in vere e proprie periferie dalla percorrenza veloce, privandole della propria di­mensione umana e paesaggistica. La riqualificazione del litorale viestano, rappresenta un’occasione unica per restituire alla comunità una fetta di città, che mostra oggi i segni di un degrado crescente e avanzato, non in linea con il valore storico e naturalistico del luogo”, spiega l’architetto di Gennaro.

La riqualificazione del litorale passa necessariamente dalla tutela delle dune. “Un aspetto sicuramente prima­rio è quello paesaggistico, più strettamente legato alla salvaguardia delle dune.

Allo stato attuale, l’antropizzazione del litorale, l’intensa attività legata agli stabili­menti balneari, e l’assenza di percorsi e protezioni rap­presenta un ostacolo invalicabile al proliferare della duna.

 Si possono solo notare puntualmente formazio­ni spontanee di duna sabbiosa, ricoperta da vegetazione embrionale compatibile con la duna mediterra­nea. Diventa quindi prioritario, mettere in atto qualsiasi azione volta a proteggere e consentire lo sviluppo spontaneo della duna”.

Sarà un lungomare green, almeno stando al progetto. “La riqualificazione del litorale viestano passa dalla creazione di un vero e proprio “lungomare giardino’’, in cui sia piacevole passeggiare, dove si possa trovare ombra e ristoro. L’intervento infatti, sia per scala che per importanza ha una grande valenza paesaggistica”, prosegue Di Gennaro.

“La nostra volontà è quella di costruire un parco lineare che restituisca odori ed atmosfere del Gargano duran­te il suo attraversamento. Il parco cosi concepito sarà realizzato mediante due interventi differenti: il Giardino lineare e il Giardino marino. Il Giardino lineare, com­prende tutti gli interventi a scala urbana.

Sarà costituito da collinette ombreggiami in corrispondenza delle Oa­si delimitate da muretti a secco tradizionali, aiuole li­neari rettangolari di separazione dei percorsi con fun­zione di Rain-garden per il recupero delle acque me­teoriche, aiuole puntuali ombreggianti e decorative.

 Le essenze arboree per le nuove piantumazioni sono sta­te selezionate nel rispetto della biodiversità garganica, in base alla loro capacità di resistere in ambienti salini. Avremo quindi nuove alberature di pioppo bianco, pino d’Aleppo e acero campestre, che garantiranno una crescita rapida e un ottimo potere ombreggiante.

Pun­tualmente nuovi alberi di tamerix, carrubo e pero arric­chiranno la passeggiata con i colori e odori delle pro­prie fioriture. Il Giardino marino completa il parco linea­re, ristabilendo l’equilibrio della spiaggia”, continua il progettista. “Grazie infatti ad interventi mirati di inge­gneria naturalistica, si riuscirà a ricostruire un sistema di vegetazione dunale, che oggi fatica a trovare spazio.

La delimitazione delle aree di intervento con viminate, permetterà l’accumulo controllato della sabbia, e i nuo­vi innesti assicureranno un rinverdimento della duna. Oltre a garantire protezione dal vento, e contrasto al­l’erosione delle spiagge esso rappresenta l’elemento distintivo della biodiversità della costa mediterranea.

Il Giardino marino arricchirà di colori e profumi il paesag­gio del lungomare, proteggendo le oasi dalle spinte del vento, e salvaguardando la spiaggia da fenomeni ero­sivi. Un’area di filtro tra il bagnasciuga e il litorale che garantirà la vista del mare, e l’arricchirà di colori e pro­fumi, che potranno mutare nell’arco delle stagioni, of­frendo così un’esperienza diversa tra estate e inver­no”.

l’attacco

 
 
 

CALENELLA/ VACANZE PIÙ BREVI E ADDIO ALLE TENDE, MEGLIO COMODI ALLOGGI 12 Luglio 2024

Post n°32472 pubblicato il 12 Luglio 2024 da forddisseche

CALENELLA/ VACANZE PIÙ BREVI E ADDIO ALLE TENDE, MEGLIO COMODI ALLOGGI

Parte da uno degli storici camping immerso nel cuore del Gargano, l’analisi di queste settimane insieme agli operatori turistici del settore, che di anno in anno toccano con mano l’evoluzione degli arrivi, delle presenze, delle tendenze, delle richieste di chi sce­glie il promontorio per le proprie vacanze.

Si tratta del villaggio Baia Calenella di proprietà dei fratelli Stefano e Fabio Bezzi,romagnoli di prove­nienza ma adottati a pieno titolo dal Gargano.

 “Quest’anno la stagione è iniziata un po’ più fiacca dell’anno scorso, però adesso si sta riprendendo – ha illustrato Fabio Bezzi -. Abbiamo avu­to un buon maggio, anche nelle prime settimane di giugno c’è stato un certo numero di arrivi soprattutto di turisti tedeschi, in vacanza perla Pentecoste. Nel prosieguo della stagione speriamo che le cose va­dano meglio così come pare stiano andando. Le prenotazioni sono buone e si prevede che la stagio­ne possa proseguire nel migliore dei modi”.

Già da questo sabato quindi gli imprenditori confi­dano di andare a pieno regime e fino alla fine di ago­sto stando alle prenotazioni.

Complessivamente il trend del territorio rispecchia quello che accade a Baia Calenella, come conferma anche Enzo Azzarone, nella sua veste di responsabile della struttura e assessore di Vico del Gargano.

“Se compariamo i dati di giugno allo stesso periodo dello scorso anno i numeri sono in linea, il trend è stato rispettato – ha illustrato -, Il 2023 è stato un an­no in calo rispetto al 2021 e 22, molto ha inciso il ve­nir meno di quei bonus vacanza elargiti in fase Covid. E diciamo che hanno un po’ drogato i numeri. Oggi siamo tornati quasi ai dati pre pandemia che erano solo leggermente migliori rispetto agli attuali. Molto a mio avviso ha inciso per esempio il meteo e gli effetti dei cambiamenti climatici: quest’anno ab­biamo visto un inizio di stagione, specialmente al Nord, molto variabile con piogge, temporali e allu­vioni. Induce molto più a voler prenotare un viaggio e scappare dalla città un clima torrido o comunque caldo rispetto al maltempo, E quindi questo credo abbia bloccato le prenotazioni a giugno”.

Non solo il clima ma anche altri fattori a detta degli imprenditori potrebbero aver frenato gli arrivi, come ad esempio le incertezze determinate dai conflitti bellici o, banalmente, la volontà di restare a casa per assistere agli europei di calcio. Ma in generale nel corso degli anni le esigenze e le abitudini dei turisti sono cambiate.

“La nostra struttura nasce come campeggio, ades­so però l’area occupata da tende ormai è limitatissi­ma, noi la conserviamo perché ci sono delle norma­tive che impongono comunque di adibire una certa percentuale sul totale al campeggio – ha evidenzia­to Fabio Bezzi -. Ma se dovessimo andare incontro al mercato, dovremmo fare altre scelte, visto che la richiesta di piazzole ormai si è ridotta al lumicino.

Mentre invece la richiesta di alloggi tra bungalow e case mobili è sempre più alta. I nostri clienti chiedo­no più servizi, più comodità e una sistemazione me­no spartana. Questo dipende dal fatto che la durata delle vacanze si è ridotta. Erano tante le famiglie che negli anni 80 e 90 potevano fare anche quattro settimane di vacanza, spesso capitava che il padre portava la famiglia qui con la roulotte e lui tornava in città a lavorare. Questi tempi più lunghi consentiva­no di gestire la vita in tenda o in camper con mag­giore relax. Oggi, con una settimana o al massimo due a disposizione, i turisti sentono la necessità di ottimizzare i tempi e, fatte le dovute eccezioni, scel­gono sistemazioni che per loro sono meno impe­gnative”.

Dì conseguenza viene meno anche la necessità di tenere la roulotte in casa, riducendo anche i costi per il rimessaggio, il bollo, la manutenzione e la complessiva gestione del mezzo nei mesi invernali. Tanto più che ormai i prezzi tra alloggi e camping so­no tutto sommato simili.

“E così vengono, hanno l’alloggio pronto, entrano, si fanno una settimana, tornano a casa. Oltre a que­sto è aumentata la richiesta dì servizi come la spiaggia attrezzata di cui noi disponiamo, il wifi potente per una connessione efficiente, il ristorante e l’animazione. Quest’ultima è diventata fondamen­tale. Addirittura c’è chi valuta la qualità dell’anima­zione prima ancora di altre comodità, prima ancora di una qualunque altra cosa nella scelta della strut­tura in cui alloggiare. Un grande cambiamento se si pensa che in passato bastava un rubinetto dell’ac­qua e una presa della corrente”.

Quanto al tipo di utenza a Baia Calenella arrivano ancora diversi stranieri, anche se non è la tipologia prevalente. Come detto i tedeschi prediligono il pe­riodo della Pentecoste. Poi ci sono polacchi, cechi e altri cittadini europei.

“Da noi arrivano soprattutto italiani, non tantissimi sono: turisti di prossimità, una buona fetta sono campani. Ci piace poi sottolineare che tanti nostri ospiti tornano periodicamente nel nostro villaggio, registriamo molto turismo di ritorno e questo signi­fica che chi viene da noi si trova bene e a proprio agio. E di questo siamo contenti”, il commento finale di Bezzi.

l’attacco

 

 
 
 

VIESTE – Venerdì 19 luglio chiusura del cimitero comunale Il Lug 11, 2024 129 Condividi Il prossimo venerdì, 19 luglio, il ci

Post n°32471 pubblicato il 11 Luglio 2024 da forddisseche

VIESTE – Venerdì 19 luglio chiusura del cimitero comunale

129

Il prossimo venerdì, 19 luglio, il cimitero di Vieste rimarrà chiuso per l’intera giornata. Lo rende noto il consigliere comunale, delegato dal Sindaco, Matteo Petrone. La chiusura della sola giornata del 19 luglio è dovuta alla effettuazione dei rilievi e del censimento generale curato dalla società IT@WEB finalizzato, anche, alla creazione dell’App riguardante la vista multimediale del camposanto, rivolta, soprattutto, ai viestani non residenti.
Il cimitero riaprirà regolarmente sabato, 20 luglio.

 
 
 

TORNA IL FESTIVAL CARPINO IN FOLK: “IL ‘FUOCO DELLA TRADIZIONE” 10 Luglio

Post n°32470 pubblicato il 10 Luglio 2024 da forddisseche

TORNA IL FESTIVAL CARPINO IN FOLK: “IL ‘FUOCO DELLA TRADIZIONE”

Dal 6 all’11 agosto con due anteprime a Peschici e a Rodi Garganico.

Sei giorni intensi come da tradizione, 6-11 agosto al Carpino in Folk con due anteprime a Peschici e a Rodi Garganico,da vivere con le magiche note della musica popolare; 14 spettacoli; circa 100 artisti di livello nazionale ed internazionale; seminari di tarantella del Gargano,chitarra battente e tamburi a cornice; escursioni nei luoghi più suggestivi del Gargano; degustazione dei piatti tradizionali tipici della nostra terra quali la famosa fava di carpino con l’olio extra vergine di oliva e tanto altro ancora.

 “IL FUOCO DELLA TRADIZIONE”

Come diceva il grande compositore e direttore d’orchestra austriaco Gustav Mahler “La tradizione è custodire il fuoco, non adorare le ceneri”.

Un mondo che assomma passato, tradizione e modernità.

Il passato è dato dalla sintesi del contesto pastorale e contadino del Gargano che poi si trasforma in antropologicamente urbano e contemporaneo.

La storia che subisce le dinamiche del presente, che provano ad alterare le musiche e i canti degli avi.

E qui subentra il lavoro della nuova edizione : riprendere quel mondo, non imitarlo ma attualizzarlo, rivalutando e valorizzandone la matrice folk attraverso inserti di voci e sonorità moderne e contemporanee con incursioni nei suoni e nei ritmi della world music.
Il Direttore Artistico – M*Antonio Pizzarelli

IL PROGRAMMA DELL’EDIZIONE 2024!

6 AGOSTO
Piazza Pertini, Peschici – in collaborazione con il Comune Di Peschici ore 21:30
CHI SONÄ E CANTÄ NO NMÓRË MAJÏ “La Puglia suona bene” di Antonio Pizzarelli e Guido Sodo
Chi Sonä e Cantä no nmórë majï

7 AGOSTO
Stazione ferroviaria di Rodi G. – ore 19:00
FERMATA FOLK: è musica alla stazione ferroviaria di Rodi Garganico con FIOR
DI VELLUTO accompagnati dalla degustazione di prodotti tipici carpinesi.

8 AGOSTO
Parco Robert Baden Powell dalle 21:30

  • ALLA BUA Alla Bua OFFICIAL
  • RHOMANIFE BAND RHOMANIFE
  • SANGENNAROBAR Sangennarobar
    9 AGOSTO
    Piazza del Popolo – Dalle 21:30
  • I BOTTARI DI MACERATA CAMPANIA
  • ARNEO TAMBOURINE PROJECT Giancarlo Paglialunga
  • QUARTAUMENTATA
    10 AGOSTO
    Piazza del Popolo – Dalle 21:30
    • ANTONIO AMATO ENSEMBLE Antonio Amato
    • EUGENIO BENNATO Eugenio Bennato
    11 AGOSTO
    Piazza del Popolo – dalle 21:30
  • SIMONA SCIACCA Simona Sciacca
  • MODENA CITY RAMBLERS Modena City Ramblers
  • I CANTORI DI CARPINO I CANTORI DI CARPINO
    Non vediamo l’ora, e voi?
    Vi aspettiamo al Carpino In Folk!
    INGRESSO LIBERO
    Il Presidente Draicchio Mario Pio e il direttivo dell’associazione di promozione sociale Carpino in Folk
    Promosso da: Comune di Carpino – Regione Puglia – Teatro Pubblico Pugliese.
    Main sponsors :Auto di Carlo Srl – Frantoio Ortore Srl.
    Partners: Ferrovie del Gargano – Fondazione dei Monti Uniti di Foggia – Comune di Peschici
    Media partner: Lineatrad – Gargano FM Radio
    Patrocinio gratuito : Puglia Sounds

 
 
 

A VIESTE IL MARINA MILITARE NASTRO ROSA TOUR 10 Luglio 2024 Il Giro dell’Italia a vela per promuovere il brand Marina Militare

Post n°32469 pubblicato il 10 Luglio 2024 da forddisseche

A VIESTE IL MARINA MILITARE NASTRO ROSA TOUR

Il Giro dell’Italia a vela per promuovere il brand Marina Militare e le bellezze del paese.

DAL 10 AL 14 LUGLIO IL VILLAGGIO DI REGATA A MARINA PICCOLA

Vieste 10 luglio 2024 – Il Marina Militare Nastro Rosa Tour arriva a Vieste per la “Tappa di Sant’Eufemia”, dal nome del Faro della città che sorge appunto sull’isolotto di Santa Eufemia.

Progettato nel 1867, in posizione strategica per le rotte di navigazione tra il medio e basso Adriatico, il “faro di Sant’Eufemia” guiderà le imbarcazioni Figaro3 che da Durazzo giungeranno a Vieste, insignita anche quest’anno della Bandiera Blu.

Il faro è un’opera di grande suggestione la cui valorizzazione è condotta da Difesa Servizi S.p.A. dal 2015. E’ uno dei dodici immobili affascinanti inseriti nel progetto Valore Paese Italia – Fari, il piano di valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico promosso da Difesa Servizi S.p.A. e Agenzia del Demanio.

La valorizzazione dei fari in chiave duale rappresenta una vera e propria rinascita di luoghi evocativi, un tempo patrimonio di pochi ma finalmente patrimonio collettivo.

Dieci team, per un totale di circa 50 atleti nazionali ed internazionali, che si contenderanno la settima tappa del Marina Militare Nastro Rosa Tour nelle categorie Figaro 3, Waszp e Wingfoil.

In classifica provvisoria, nella sezione offshore è il team 09 Deas in prima posizione, seguito dal team 03 della Guardia di Finanza e dal team 02 dell’Aeronautica Militare che ricopre la terza posizione.

Ad affiancare la regata, il villaggio itinerante, aperto al pubblico dal 10 luglio presso Marina Piccola, che accoglierà tutti gli appassionati di vela, gli atleti del tour, gli addetti ai lavori e i cittadini che potranno scoprire il mondo di questa quarta edizione del tour. Ad animare il villaggio, un programma ricco di eventi organizzati in collaborazione con il Comune di Vieste dove sarà possibile inoltre seguire le regate e respirare appieno la passione per il mare, la vela e per le bellezze del Paese oltre a visitare gli stands e il food truck.

In più, in virtù di un accordo di cooperazione siglato da Difesa Servizi SpA e il Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste (MASAF), a Vieste come in tutte le tappe del tour, avrà luogo una campagna di promozione del settore ittico locale. Un vero e proprio spazio culturale e divulgativo rivolto alla conoscenza della cultura del pesce diretto a famiglie e utenti al fine di promuovere un’icona della dieta mediterranea così tanto incastonata nella storia del nostro Paese.

Il Villaggio di Regata è quindi un luogo ricco di opportunità per sviluppare sinergie tra tutti i partecipanti e promuovere con efficacia sport, cultura, scienza, tecnologia, solidarietà e rispetto per l’ambiente. Anche a Vieste il progetto The Custodians Plastic Race, per proteggere il mare e il territorio liberandolo dalla plastica.

CALENDARIO DEGLI EVENTI

10 luglio ore 18.00: Apertura Villaggio di Regata

10 luglio ore 21.30: Dj Set

11 luglio ore 09.00: Cleaning day – The Plastic Race

11 luglio dalle ore 10.00: Gare WASZP e WINGFOIL

11 luglio dalle ore 20.00: visita guidata al Castello Svevo e a seguire proiezione del film “Il Comandante”

12 luglio dalle ore 10.00: Open Day FIV e gare WASZP e WINGFOIL

12 luglio dalle ore 19.30: Presentazione del libro “Diario di bordo 2023”

12 luglio dalle ore 21: Powerdrum band presso il villaggio di regata

13 luglio dalle ore 10: Open Day FIV e gare WASZP e WINGFOIL

13 luglio dalle ore 20: Premiazione Tappa Sant’Eufemia e a seguire Spazio Food – Valorizzazione del pescato italiano locale in collaborazione col MASAF –

 13 luglio dalle ore 21.30: dj Set /band

APPROFONDIMENTI

Il Marina Militare Nastro Rosa Tour è un evento che racchiude in sé le variegate anime “sportive” della vela. L’evento unisce infatti il fascino delle regate offshore, disputate dalla flotta di dieci Beneteau Figaro 3 lungo le congiungenti le varie sedi di tappa, all’agonismo dinamico delle prove sulle boe, dove a essere protagonisti saranno gli specialisti delle classi Wingfoil e WASZP, singolo foiling one design di ultima generazione.

Il Tour, che porta il nome della Marina Militare e che la Forza Armata supporta attivamente nelle fasi di realizzazione, è organizzato da Difesa Servizi S.p.A. in collaborazione con SSi Sports & Events, e con il supporto di ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo – e della Federazione Italiana Vela.

Nell’ambito di questa 4ª edizione, oltre ai territori che ospitano le tappe, un ruolo significativo è riservato ai Fari. Anche per quest’anno le imbarcazioni veleggeranno infatti lungo le rotte tratteggiate dalla presenza di queste opere di grande suggestione la cui valorizzazione è condotta da Difesa Servizi S.p.A. dal 2015. Dodici immobili affascinanti, immersi in contesti di grande suggestione inseriti nel progetto Valore Paese Italia – Fari, il piano di valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico promosso da Difesa Servizi S.p.A. e Agenzia del Demanio.

La valorizzazione dei fari in chiave duale rappresenta una vera e propria rinascita di luoghi evocativi, un tempo patrimonio di pochi ma finalmente patrimonio collettivo.

Il Tour si posiziona, per grado di interesse, fra le prime tre competizioni veliche conosciute in Italia.

Il Giro dell’Italia a vela è un evento che racchiude valori istituzionali, sociali, ambientali, di brand e sportivi ed è nato per promuovere il progetto Valore Paese Italia, di cui è parte integrante.

Anche l’edizione 2024 sarà all’insegna della tecnologia, dell’ecologia e della mobilità sostenibile e sarà aperta ai giovani e ai velisti non professionisti; coinvolgerà istituzioni, partner, investitori, ed esponenti del mondo del turismo, della comunicazione e dell’imprenditoria insieme in una community che condivide gli stessi valori.

 
 
 

VIESTE – Ripartito il progetto “S.O.S. Bimbi Spiaggia” del Motoclub Gargano Il Lug 10, 2024

Post n°32468 pubblicato il 10 Luglio 2024 da forddisseche

VIESTE – Ripartito il progetto “S.O.S. Bimbi Spiaggia” del Motoclub Gargano

169

Ogni anno in Italia in occasione delle ferie estive e quindi in condizioni di spiagge affollate, si verificano non pochi casi di scomparsa di bambini che sfuggono alla sorveglianza dei genitori.
Ritrovare un bambino perso in spiaggia in 60 secondi, a qualche centinuaio di metri dal punto da cui si è allontanato, è possibile grazie all’attivazione sulle spiagge di Vieste, anche quest’anno, dell’innovativo servizio “SOS BIMBI SPIAGGIA”, attivato dell’associazione di volontariato di protezione civile “Motoclub Gargano”, ben nota nella nostra cittadina per le sue idee innovative.
In pratica, il coordinatore del progetto e presidente del Motoclub Gargano, Ing. Antonio Scocco, con la preziosa collaborazione di tutti gli Assistenti Bagnanti dei oltre cento lidi balneari presenti a Vieste, ha creato tre gruppi mediante la nota applicazione per smartphone “Whatsapp” rispettivamente SOS zona nord, SOS zona centro e SOS zona sud. In tali gruppi sono inseriti tutti gli assistenti bagnanti delle rispettive zone. Succede, allora, che la famiglia, qualora si smarrisse un bambino, o questi si fosse allontanato troppo, potrà rivolgersi, grazie alla presenza di un cartello monitore scritto in quattro lingue, all’assistente bagnante più vicino, fornendo indicazioni sul nome del bimbo, età, corporatura, colore del costume e ogni altro particolare per renderlo riconoscibile e magari anche una foto.
Il tutto verrà riportato sull’applicazione Whatsapp attivando così, con un semplice click, decine di occhi degli assistenti bagnanti della zona i quali si concentreranno sulla ricerca. Nel giro di pochi minuti il bambino verrà ritrovato e riportato allo stabilimento di provenienza per tornare tra le braccia di mamma e papà, o dei nonni.
Rapidità, efficienza, tempestività dell’intervento: sono servizi che, in caso di bisogno, fanno vivere questi brutti momenti alle famiglie con meno ansia. Lo stesso sistema permetterà di ritrovare degli anziani smarritisi e anche dei cani sfuggiti alla sorveglianza del padrone (i cani, in ogno caso, vanno tenuti sempre a guinzaglio). Negli anni scorsi, i ritrovamenti sono stati innumerevoli ed i ringraziamenti dei genitori sono stati la migliore ricompensa per coloro che hanno partecipato al progetto.

 
 
 

I SINDACI DEL GARGANO LANCIANO IL PATTO PER LA SICUREZZA URBANA. 9 Luglio 2024

Post n°32467 pubblicato il 10 Luglio 2024 da forddisseche

I SINDACI DEL GARGANO LANCIANO IL PATTO PER LA SICUREZZA URBANA.

Mercoledì 10 luglio, alle ore 11.00, il Comune di Mattinata ha convocato una seduta straordinaria del Consiglio comunale, aperto al pubblico, per discutere di un’importante iniziativa per la tutela della sicurezza del territorio in ottica di prevenzione e contrasto a mafie e corruzione.

L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Michele Bisceglia, che è anche il Coordinatore di Avviso Pubblico per la provincia di Foggia, ospiterà l’incontro per lanciare la proposta ai sindaci dell’area garganica della stipula di un “Patto di sicurezza urbana del Gargano”.

All’incontro saranno presenti, oltre a tutti i sindaci del gargano, Roberto Montà, Michele Abbaticchio, Pierpaolo Romani e Pierpaolo d’Arienzo, rispettivamente Presidente, Vicepresidente, Coordinatore nazionale e regionale di Avviso Pubblico, il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il Vicepresidente della Regione Puglia Raffaele Piemontese, il già presidente nazionale di ANCI, Antonio Decaro, la presidente regionale di Anci Puglia Fiorenza Pascazio, l’arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo Franco Moscone, oltre ai rappresentanti provinciali e locali di Libera.

L’obiettivo è rafforzare la prevenzione e il controllo di un territorio su cui grava l’interesse dei clan mafiosi locali, come evidenziato anche dai recenti fatti di cronaca e dalle inchieste giudiziarie in corso. I sindaci sono convinti della necessità di fare rete, sviluppando anticorpi comuni per prevenire e contrastare l’azione delle mafie.

«Il Patto per la sicurezza del Gargano – spiega il sindaco di Mattinata, Michele Bisceglia – vuole essere uno strumento di controllo e di prevenzione, da attivare coinvolgendo il tessuto sociale ed economico del territorio.

Solo a partire dalla condivisione di un percorso comune e unendo le forze, sarà possibile creare un argine all’arroganza dei clan che percepiscono il territorio come proprietà privata.

Ma il Gargano è una terra libera e appartiene ai suoi cittadini».

Una strada quindi da percorrere insieme alla Prefettura del capoluogo provinciale, alle Forze dell’ordine e coinvolgendo anche la cittadinanza, il comparto economico locale, i sindacati, le realtà associative e le scuole del territorio, che sono il primo presidio di legalità culturale. A tale scopo sarà costituito un tavolo tecnico permanente che si occuperà di monitorare costantemente il lavoro e i risultati conseguiti.

www.avvisopubblico.it

 
 
 

SINDACI DI VENOSA E MINERVINO MURGE VINCONO LA SFIDA AI FORNELLI. NOBILETTI E IL SINDACO DI FOGGIA CON IL LORO ” POMODORO VA A M

Post n°32466 pubblicato il 09 Luglio 2024 da forddisseche

SINDACI DI VENOSA E MINERVINO MURGE VINCONO LA SFIDA AI FORNELLI. NOBILETTI E IL SINDACO DI FOGGIA CON IL LORO ” POMODORO VA A MALE E SI BRUCIA”.  L’INIZIATIVA A BISCEGLIE.

Il sindaco di Venosa Francesco Mollica e il primo cittadino di Minervino Murge Maria Laura Mancini sono i vincitori della nona edizione di ‘Sindaci, ai fornelli!’, l’originale gara di cucina ideata dal giornalista e gastronomo Sandro Romano e prodotta dall’agenzia Rp Consulting di Bari in collaborazione con Apulia Project.

L’evento si è tenuto al Teatro Mediterraneo di Bisceglie.

La squadra gialla, composta da Mollica e Mancini, seguiti dallo chef Antonio Sorice e da Onofrio Magarelli ha vinto con un troccolo con broccoli e scampi, passato di capperi, olive e acciughe.

La squadra rossa composta dal neo sindaco di Bari Vito Leccese e il primo cittadino di Casacalenda Sabrina Lallitto, seguiti dai cuochi tutor Angelo Convertini e Andrea Catalano, ha preparato un piatto denominato “Insalata di pasta, mare e monti con lacrime di ciliegia ferrovia”;

 la squadra blu, composta dal primo cittadino di Vieste Giuseppe Nobiletti, e la sindaca di Foggia Maria Aida Episcopo, con i cuochi Pompeo Lorusso e Pietro Zito, ha invece elaborato un piatto dal titolo “Il pomodoro va a male e si brucia”.

La squadra arancione dei sindaci di Polignano a Mare Vito Carrieri e di Noto Corrado Figura, con la supervisione del cuoco Domingo Schingaro e di Gianfranco Palmisano, ha preparato un’insalata di tagliatelle con ostriche, colature di alici, timo e pinoli.

 Quella viola composta dal sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano e dal primo cittadino di Capurso Michele Laricchia con i cuochi Vitantonio Lombardo e Gerardo Racanelli, ha infine cucinato un piatto da denominato “Sinfonia biscegliese”: gnocchi al sugo di melanzana e albicocca, tonno, bottarga e provola.

Fuori concorso la squadra bianca, composta dai due europarlamentari Antonio Decaro, vincitore dell’edizione 2023 di “Sindaci, ai fornelli!”, e Francesco Ventola, e dal sindaco di Napoli Gaetano Manfredi che ha cucinato la focaccia e preparato la pasta fresca, i cavatelli.

 
 
 

Il Roma-Lecce bypassa Foggia, Gatta (Fi): “Interrogherò il Ministro” Il Lug 9, 2024 98

Post n°32465 pubblicato il 09 Luglio 2024 da forddisseche

Il Roma-Lecce bypassa Foggia, Gatta (Fi): “Interrogherò il Ministro”

98

Nota dell’on. Giandiego Gatta di Forza Italia.
“Un nuovo treno estivo che collegherà Roma e Lecce, bypassando Foggia: una decisione incomprensibile per la quale interrogherò il Ministro ai Trasporti. Noi vogliamo avere spiegazioni e rivendichiamo il diritto di Foggia ad avere la fermata. Non è una richiesta campanilistica, ma una constatazione fondata su dati oggettivi: sono, infatti, notoriamente copiosi i flussi turistici che dal capoluogo si dirigono verso il Gargano, da Manfredonia passando per Mattinata fino a Vieste, capitale turistica della Puglia, per proseguire verso Peschici, Rodi, i due laghi di Lesina e Varano, le capitali del turismo religioso, Monte S. Angelo, San Giovanni Rotondo e San Marco in Lamis, e tutti gli altri meravigliosi centri del promontorio, oltre che verso i Monti Dauni. Escludere Foggia, quindi, rappresenta un’inutile mortificazione del nostro territorio e uno schiaffo agli sforzi che si compiono ogni giorno. Sono sicuro che il governo ci fornirà i chiarimenti richiesti e si confermerà sensibile ad una questione che coinvolge lo sviluppo della Capitanata”.

 
 
 

LA SPIAGGIA DI PIZZOMUNNO TRA LE MIGLIORI D’EUROPA 9 Luglio 2024 Secondo l’ultima classifica di European Best Destinations, so

Post n°32464 pubblicato il 09 Luglio 2024 da forddisseche

LA SPIAGGIA DI PIZZOMUNNO TRA LE MIGLIORI D’EUROPA

Secondo l’ultima classifica di European Best Destinations, sono le spiagge italiane di Grado in Friuli-Venezia Giulia e Scialara a Vieste, in Puglia.

Secondo l’ultima classifica di European Best Destinations, le spiagge italiane di Grado in Friuli-Venezia Giulia e Scialara a Vieste, in Puglia, si sono guadagnate un posto tra le prime 15 spiagge d’Europa. Nonostante non siano entrate nella top 10, queste due località italiane affascinano i turisti grazie alla loro indiscutibile bellezza e attrattività.

La classifica delle migliori spiagge d’Europa

Al primo posto della classifica si trova la baia di Ghajn Tuffieha a Malta, celebre per le sue scogliere e per la sabbia dal colore particolare. Segue al secondo posto la spiaggia di Monte Clérigo in Algarve, un vero paradiso per gli amanti della natura. La terza posizione è occupata dall’argentea spiaggia di Oludeniz in Turchia, mentre al quarto posto troviamo il suggestivo Canal d’Amour sull’isola di Corfù.

La top 10

La top 10 continua con Porto Timoni, un’altra spiaggia greca ideale per lo snorkeling, al quinto posto. Al sesto posto c’è Las Teresitas, seguita dalla spiaggia di Odeceixe in Portogallo al settimo posto. L’ottavo posto è della Baia di San Paolo a Rodi, in Grecia. La nona e decima posizione sono rispettivamente occupate dalla spiaggia di As Catedrais in Galizia e dalla spiaggia di Calpe sulla Costa Blanca, entrambe in Spagna.

Le spiagge italiane

All’undicesimo posto troviamo la spiaggia di Katsiki, nota come la “spiaggia delle capre”, un tempo riservata solo a questi animali. La dodicesima posizione vede l’entrata della prima spiaggia italiana in classifica: la spiaggia di Scialara a Vieste, Puglia. Questa spiaggia, rinomata per la sua sabbia fine e le acque cristalline, offre ai visitatori uno scenario naturale mozzafiato e una vasta gamma di servizi turistici.

Subito dopo, al tredicesimo posto, c’è Grado, in Friuli-Venezia Giulia. Questa località è famosa per i suoi stabilimenti balneari in stile asburgico e per le proprietà terapeutiche della sua spiaggia, che la rendono una destinazione ideale per chi cerca relax e benessere.

https://9f7457930abee4c0d4ab961b8021c086.safeframe.googlesyndication.com/safeframe/1-0-40/html/container.html Altre spiagge notevoli

Al quattordicesimo posto troviamo Ksamil, in Albania, una delle spiagge segrete più belle d’Europa, situata a pochi minuti da Saranda, una delle capitali europee della gioventù. Chiude la classifica la spiaggia di Vai a Creta, circondata da un bosco di palme, che rappresenta una vera perla a livello europeo.

La bellezza incontaminata di Scialara a Vieste

Particolare attenzione merita la spiaggia di Scialara a Vieste, che nonostante la sua dodicesima posizione, risplende come uno dei gioielli del turismo balneare italiano. Situata ai piedi del suggestivo borgo di Vieste, questa spiaggia offre un panorama unico, con il famoso faraglione Pizzomunno che si erge maestoso dalle acque limpide.

La spiaggia è ben attrezzata per accogliere i turisti, con numerosi servizi che vanno dagli stabilimenti balneari ai ristoranti che offrono delizie locali. La combinazione di natura incontaminata e servizi di alta qualità rende Scialara una destinazione imperdibile per chi visita la Puglia.

In conclusione, le spiagge italiane di Scialara e Grado, pur non essendo nella top 10, si distinguono per la loro bellezza e per le esperienze uniche che offrono ai visitatori. Queste località rappresentano perfettamente la diversità e la ricchezza del patrimonio naturale italiano, attrattive che continuano a richiamare turisti da tutto il mondo.

viaggi.nanopress.it

 
 
 

TURISMO/ È BOOM PER LA PUGLIA: PRENOTAZIONI SU DEL 10%. POLIGNANO, GALLIPOLI E VIESTE AL TOP 8 Luglio 2024

Post n°32463 pubblicato il 08 Luglio 2024 da forddisseche

TURISMO/ È BOOM PER LA PUGLIA: PRENOTAZIONI SU DEL 10%. POLIGNANO, GALLIPOLI E VIESTE AL TOP

La stagione turistica della Puglia si preannuncia un successo già a partire dai mesi di giugno e luglio. Le vacanze sono infatti già arrivate per migliaia di italiani e quest’anno sembra che ci sia più voglia che mai di spostarsi. A testimoniarlo sono i numeri diffusi dal motore di ricerca di hotel e voli www.jetcost.it che ha rilevato come le prenotazioni relative agli alloggi siano già aumentate del 10% per il mese di luglio 2024 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, che era già stato un record per il settore turistico pugliese e italiano.

Jetcost.it analizza regolarmente le ricerche effettuate attraverso il suo sito web, in modo da ottenere dati molto affidabili in quanto si tratta di vere e proprie ricerche e non di semplici sondaggi. I dati che analizzano i risultati delle ricerche di alloggi tra l’1 e il 31 luglio 2024 indicano un boom per Sardegna, Sicilia, Puglia, Campania, Emilia Romagna e Lazio che spiccano tra le prime 40 destinazioni più cercate dagli utenti.

 In termini di preferenze, sembra che gli italiani continuino a desiderare sole e spiaggia, con le destinazioni di mare che spiccano nelle loro ricerche (circa il 74%) rispetto alle destinazioni interne (“solo” il 26%).

Scendendo più nel dettaglio delle località pugliesi maggiormente ricercate dai viaggiatori come mete per il loro soggiorno estivo, al primo posto spicca Gallipoli in Salento seguita da Vieste sul Gargano, Polignano a Mare, Porto Cesareo e Bari. Il capoluogo pugliese, in particolare, viene scelto come meta da cui poi spostarsi per soggiornare nell’entroterra.

Se le tendenze attualmente in atto verranno confermate per tutto il periodo estivo, in Puglia si potrebbe raggiungere l’obiettivo del raddoppio delle presenze rispetto al 2023. Secondo le prime analisi, infatti, lo scenario possibile parla di cifre al di sopra della media nazionale con un +220% degli arrivi.

Se tutte le destinazioni regionali registrano un andamento positivo dei flussi, al di spora della media italiana, si trovano (tra le altre regioni) anche la Puglia ed il Salento con 52 milioni di pernottamenti e 13 milioni di arrivi. In ordine decrescente rispetto alla variazione percentuale dei pernottamenti, siamo al terzo posto, dopo la Sardegna, prima con un + 274 per cento, e la Basilicata, seconda con 8 milioni di pernottamenti ed un +238%. In questo scenario la spesa turistica salirebbe del 64 per cento rispetto al 2023 passando da 108 a 177 miliardi, con una stima che include servizi ricettivi, ristorazione, trasporto, noleggio mezzi, servizi delle agenzie di viaggio ed altri servizi di prenotazione.

 
 
 

TV E HOME ENTERTAINMENT La RAI attiva il nuovo digitale: ecco la lista dei canali A partire dal 28 agosto la RAI trasmetterà al

Post n°32462 pubblicato il 08 Luglio 2024 da forddisseche

TV E HOME ENTERTAINMENT La RAI attiva il nuovo digitale: ecco la lista dei canali

A partire dal 28 agosto la RAI trasmetterà alcuni canali in DVB-T2, iniziando finalmente lo Switch Off al Digitale Terrestre di seconda generazione: ecco quali canali sono e chi non potrà vederli

Pubblicato: 8 Luglio 2024

Non è ormai un segreto che, a partire dal 28 agosto 2024, il MUX B della RAI sarà trasmesso con la nuova tecnologia DVB-T2. Se ne parla da mesi, ma ancora nessuno sapeva quali canali sarebbero stati inseriti in questo bouquet di frequenze, né si sapevano alcuni importanti dettagli tecnici che potrebbero fare la differenza per chi ha una televisione ormai non nuovissima.

Adesso, però, molte delle informazioni che aspettavamo sono arrivate: da una parte la RAI ha appena iniziato la campagna di comunicazione, con uno spot in TV e alla radio, dall’altra su Digital Forum sono state pubblicati dei dettagli tecnici inediti. Digital Forum, lo ricordiamo, è il punto di riferimento online della comunità italiana degli antennisti e dei tecnici TV e, più di una volta, ha lanciato in anteprima delle notizie importanti sullo Switch Off che, puntualmente, si sono rivelate corrette.

Quali canali RAI passano al DVB-T2

La prima, fondamentale, domanda sul passaggio del MUX B della RAI al Digitale Terrestre di seconda generazione riguarda i canali: un MUX è un contenitore, all’interno del quale si possono trasmettere un certo numero di canali. Spetta alla RAI sceglie quali e, adesso, la scelta dei canali è stata fatta:

  • Rai 1 HD
  • Rai 2 HD
  • Rai 3 HD
  • Rai 4 HD
  • Rai Storia HD
  • Rai News 24 HD
  • Rai Premium HD
  • Rai Scuola HD
  • Rai Radio2 Visual HD
  • Rtv San Marino

Quasi tutti questi canali verranno trasmessi anche su altre frequenze, con il vecchio sistema DVB-T, quindi non ci saranno problemi anche sulle vecchie TV.

Fanno eccezione i canali Rai Storia, Rai Radio 2 Visual e Rai Scuola, che verranno trasmessi solo in DVB-T2. Per questi canali e per Rai 4 e Rai 5 sarà necessario, il 28 agosto, risintonizzare la TV o il decoder.

Rai News 24 continuerà ad essere trasmesso anche con la vecchia tecnologia, ma solo in SD. Quindi chi vorrà continuare a vederlo in HD avrà bisogno di TV o decoder DVB-T2.

I canali Rai Sport HD, Rai Movie HD e Rai 5 HD saranno trasmessi in modalità “Jump HBBTV“, che consiste nel trasmettere il normale flusso audio-video tramite frequenze radio, facendo però in modo che la TV (se è connessa a Internet) agganci dopo pochi secondi il flusso trasmesso in streaming.

Da notare, infine, che sul MUX B in DVB-T2 verrà trasmesso Rai 3 nazionale, quindi chi vorrà vedere il TG regionale del proprio territorio dovrà sintonizzarsi sull’altro canale Rai 3 o, direttamente, sullo specifico canale regionale (canali da 801 a 823).

RAI in DVB-T2: chi deve cambiare TV

Sempre grazie a Digital Forum sappiamo ora anche dei dettagli tecnici molto interessanti, che ci aiutano a capire chi potrebbe avere dei problemi a vedere i canali in DVB-T2. Per fortuna saranno in pochissimi, perché la RAI ha fatto scelte tecniche molto conservative, sacrificando l’innovazione sull’altare della compatibilità.

Innanzitutto i canali HD non saranno in Full HD, ma soltanto in HD-Ready (1280×720 pixel). Poi il codec scelto non è l’ormai famoso HEVC Main10, bensì il più vecchio HEVC main@L4.1 8bit.

La stragrande maggioranza dei decoder esterni venduti negli ultimi anni è compatibile con questo codec (compreso Sky Q Mini, che non è compatibile con HEVC Main10), lo stesso vale per i decoder interni delle Smart TV.

In ogni caso, c’è sempre il solito canale di test per togliersi ogni dubbio: è Rai Sport HD Test HEVC, al 558 del telecomando, e se si vede questo si vedrà tutto anche dopo il 28 agosto.

 
 
 

Vieste / Il castello svevo di : Matteo Siena .

Post n°32461 pubblicato il 06 Luglio 2024 da forddisseche

https://www.retegargano.it/2021/12/11/vieste-il-castello-racconta/

Vieste / Il castello svevo di : Matteo Siena .

 
 
 

MOSCONE: “INVITO I TURISTI A SCOPRIRE L’IDENTITÀ E LA SPIRITUALITÀ SORGIVA DEL GARGANO” 6 Luglio 2024 Carissimi turisti amici

Post n°32460 pubblicato il 06 Luglio 2024 da forddisseche

MOSCONE: “INVITO I TURISTI A SCOPRIRE L’IDENTITÀ E LA SPIRITUALITÀ SORGIVA DEL GARGANO”

 
 
 

Donatella Di Pietrantonio vince il “Premio Strega”, sarà a Vieste per il “Libro Possibile” Il Lug 5, 2024

Post n°32459 pubblicato il 06 Luglio 2024 da forddisseche

Donatella Di Pietrantonio vince il “Premio Strega”, sarà a Vieste per il “Libro Possibile”

164

La LXXVIII edizione del Premio Strega si è conclusa con la proclamazione di Donatella Di Pietrantonio come vincitrice per il suo romanzo L’età fragile (Einaudi), già vincitore del Premio Strega Giovani. La cerimonia, trasmessa in diretta su Rai 3 e condotta da Geppi Cucciari e Pino Strabioli, ha visto la consegna del prestigioso riconoscimento da parte di Andrea D’Angelo, vicepresidente di Strega Alberti Benevento. La Di Pietrantonio sarà a Vieste nei prossimi giorni, ospite del festival “Il Libro Possibile”.
L’evento ha avuto un’innovazione significativa rispetto alle edizioni recenti: il ripristino dello spoglio dal vivo. Gli ultimi cento voti sono stati scrutinati uno per uno, mantenendo alta la suspense fino alla proclamazione della vincitrice. Questo ritorno alla tradizione ha reso la serata particolarmente emozionante per i partecipanti e per il pubblico a casa.
Il totale dei voti espressi è stato di 644, pari al 92% degli aventi diritto. Donatella Di Pietrantonio ha trionfato con 189 voti, seguita da Dario Voltolini con Invernale (La nave di Teseo) che ha ottenuto 143 voti e Chiara Valerio con Chi dice e chi tace (Sellerio) con 138 voti. Gli altri finalisti erano Raffaella Romagnolo con Aggiustare l’universo (Mondadori), Paolo Di Paolo con Romanzo senza umani (Feltrinelli) e Tommaso Giartosio con Autobiogrammatica (minimum fax).

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963