Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

MUSICA ITALIANA

 

Benvenuti :)

.

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 60
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

<iframe src="http://www.radiorai.rai.it/dl/portaleRadio/popup/player_radio.html?v=1" width="580px" height="380px" scrolling="no" frameborder=0 style="padding:25px;"></iframe>

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://5.63.145.172/mobile?port=7108

http://ondaradio.info/

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheDelirioboblaboratoriotvcarulliluciatornese10tonypio0giuspiemontesepopilottaiozziacosimoCajoBordermaandraxicepak69millevacanzecall.me.Ishmael
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Messaggi del 10/05/2019

Il Gargano di Matteo Salvatore

Post n°23620 pubblicato il 10 Maggio 2019 da forddisseche

Il Gargano di Matteo Salvatore 

 
Il Gargano di Matteo Salvatore
 
 

Il Gargano di Matteo Salvatore è un omaggio fatto al Gargano attraverso il patrimonio musicale che ci ha lasciato in eredità il più grande dei cantori del ‘900, Matteo Salvatore. Le sue canzoni sono universalmente riconosciute come la mas­sima espressione della musica popolare foggiana. Antonio Munno, poeta contadi­no, e Franx Ciava, ar­tista e musicista, con la direzione artistica del poeta Raffaele Niro, so­no i protagonisti di un reading musicale che delle canzoni di Matteo Salvatore esalta la ter­ra e i frutti del Gar­gano. Lomax, il più grande antropologo del ‘900, ha scritto, in un saggio dedicato al patrimonio di cultura e tradizioni popolari d’Italia, che Matteo Salvatore dovrebbe essere consi­derato un tesoro nazionale. Le ballate di Matteo Salvatore sono per­vase da un’aura di allegria e comicità, e arricchite da aneddoti divertenti narrati attraverso un linguaggio caratterizzato da particolare irriverenza, che esaltano i pro­dotti della terra, il cibo, i sapori, gli odori, i colori e gli stati d’animo della sua terra. Il progetto ha la caratteristica di va­lorizzare sia le risorse materiali (i frutti della terra, l’enogastronomia) sia le risorse immateriali (il repertorio musicale di Sal­vatore). Il Gargano di Matteo Salvatore risponde all’esigenza di quel turismo slow voglioso di vivere intensamente e in profondità le esperienze; come ad esempio visitare con calma (e senza l’assillo dell’orario di chiu­sura), e con una guida dedicata, i musei che custodiscono la cultu­ra contadina, o essere partecipi di un rea­ding musicale che gli permetta di compren­dere meglio l’autenti­cità, la genuinità e la creatività caratteriz­zanti la terra che stan­no visitando. Il reading musicale sarà proposto all’interno di luoghi custodi della cultura con­tadina come il META di Monte Sant’An­gelo (Patrimonio UNESCO), il Museo di Arti e Tradizioni Popolari di S. Giovanni Rotondodo e il Centro Arte e Tradizioni Popolari di Mattinata, oltre al Palazzo sto­rico Paolicelli, oggi sede della Casa della Cultura di Apricena, città che ha dato i natali a Matteo Salvatore.

 

Il progetto è vincitore del bando “#InPuglia365. Cultura, natura, gusto 2018-2019” dell’Agenzia regionale del tu­rismo, Pugliapromozione. in collaborazione con META – Museo Etnografico “Tancredi” di Monte Sant’An­gelo, F.I.T.P. - Federazione Italiana Tra­dizioni Popolari di San Giovanni R.do, Centro Arte e Tradizioni Popolari di Mat­tinata e con il Patrocinio gratuito dei Comuni di Monte Sant’Angelo, San Giovanni Rotondo, Apricena e Mattinata. Gli appuntamenti: sabato 11 maggio, ore 17.00: Apertura straordinaria e visita gui­data al META (Museo Etnografico Tan­credi); sabato 11 maggio, ore 19.00: Reading- musicale “Il Gargano di Matteo Salvatore” con Antonio Munno e Franx Ciava con la direzione artistica di Raffaele Niro al ME­TA (Museo Etnografico Tancredi); a se­guire degustazioni di prodotti da forno (anche per celiaci); domenica 12 maggio, ore 17.00: Apertura straordinaria e visita guidata al Museo di Arti e Tradizioni Po­polari di San Giovanni Rotondo; domenica 12 maggio, ore 19.00 : Reading musicale “Il Gargano di Matteo Salvatore” con Antonio Munno e Franx Ciava con la direzione artistica di Raffaele Niro al Museo di Arti e Tradizioni Popolari di San Giovanni Ro­tondo; a seguire degustazioni di prodotti da forno (anche per celiaci). L’ingresso è libero ma è necessaria la prenotazione. A tutti i partecipanti sarà donata ima t-shirt, una bags ed un segnalibro personalizzati.

 

Per informazioni e prenotazioni è pos­sibile inviare una email al seguente in­dirizzo garganosalvatore365@gmail.com, telefonare al numero (+39) 351 864 4878.

 

Raffaele Niro

 
 
 

Vieste/ Martedì 14 maggio all’Hotel Melograni convegno su Turismo e analisi proposte

Post n°23619 pubblicato il 10 Maggio 2019 da forddisseche

Vieste/ Martedì 14 maggio all’Hotel Melograni convegno su Turismo e analisi proposte 

 
Vieste/ Martedì 14 maggio all’Hotel Melograni convegno su Turismo e analisi proposte
 
Turismo: analisi e proposte” è il tema del Convegno promosso ed organizzato da Confindustria Foggia che si terrà a Vieste martedi’14 maggio con inizio alle ore 16 presso l’Hotel “I Melograni”. L’iniziativa - ha dichiarato il Presidente di Confindustria Foggia, Gianni Rotice - illustrerà indicazioni e proposte per l’ulteriore sviluppo di un comparto economico strategico per l’economia di Capitanata e per l’intera Puglia, unitamente alle iniziative degli Enti pubblici e del sistema bancario a supporto dei settore turistico”. Interverranno, tra gli altri: Loredana Capone; Antonio De Vito, Direttore Generale Puglia Sviluppo Spa; Fabio Porreca, Presidente Camera di Commercio Foggia; Massimo Salomone, Gruppo Tecnico Turismo Confindustria Puglia.

 
 
 

Pochi soldi dal Governo per strade e scuole: la provincia di Foggia fa ricorso

Post n°23618 pubblicato il 10 Maggio 2019 da forddisseche

Pochi soldi dal Governo per strade e scuole: la provincia di Foggia fa ricorso

Commenta il Presidente, Nicola Gatta: “Dalle parole ai fatti. Dovevamo assolutamente intervenire ed ecco il motivo per cui l’Ente ha presentato ri­corso al TAR Lazio per l’annul­lamento, previa sospensiva, del decreto ministeriale relativo al riparto a favore delle province di 250 milioni di euro per i pia­ni di sicurezza, a valenza pluri­ennale (2019 - 2033), per la ma­nutenzione di strade e scuole.

La somma di euro 1.249.737,84 annui assegnata, è totalmente inadeguata rispetto alle esi­genze reali, di uno dei territori tra i più vasti d’Italia, con circa 3.000 km di strade e 172 scu­ole. I criteri adottati per la ri- partizione non tenevano conto dei reali fabbisogni dell’Ente. Tanto che Province molto più piccole, hanno ottenuto mag­giori finanziamenti”. La Provincia di Foggia ha presentato il ricorso al TAR Lazio, con il patrocinio dell’Av­vocatura Provinciale, per l’an­nullamento, previa sospensiva, del decreto ministeriale rela­tivo al riparto a favore delle Province di 250 milioni di euro al finanziamento di Piani di Si­curezza, a valenza pluriennale, per la manutenzione di strade

e scuole, per gli anni dal 2019 al 2033. Come è noto, a segui­to di detto riparto si è riscon­trato che alcune Province come: Alessandria, Treviso, Pavia, Verona etc. sono risul­tate beneficiarie di significa­tivi contributi, a valenza pluri­ennale, superiori ai 5 milioni di euro (Treviso ed Alessandria ad esempio, la prima con euro 9.881.102,51 e la seconda con euro 7.212.717,33) tantissime altre con fondi superiori ai 3 milioni di euro annui, mentre altre Province han­no visto il riconos­cimento di risorse assolutamente in­congrue rispetto al fabbisogno di inves­timenti su strade e scuole. La quota destinata alla Provincia di Foggia pari ad E 1.249.737,84 è irragionevole e notevolmente inferiore ad altre Province più piccole con un pa­trimonio demaniale di consis­tenza minore. Con il ricorso è stata an­che richiesta la rimessione alla Corte Costituzionale del­la questione di legittimità della norma della Legge di Bilancio 2019 in base alla quale è stato emanato il decreto impugnato.

 
 
 

Monte sant'Angelo/ "Mangia, prega, ama… il Gargano": due weekend con attività gratuite sulla Montagna Sacra

Post n°23617 pubblicato il 10 Maggio 2019 da forddisseche

Monte sant'Angelo/ "Mangia, prega, ama… il Gargano": due weekend con attività gratuite sulla Montagna Sacra 

 
Monte sant'Angelo/ "Mangia, prega, ama… il Gargano": due weekend con attività gratuite sulla Montagna Sacra
 
 

Il Gargano, Montagna Sacra per eccellenza, oltre a San Pio e San Michele Arcangelo, annovera numerosi Santuari e mistici luoghi dell'anima dal pregevole valore storico-culturale, capaci di andar oltre il culto e la spiritualità e collega i luoghi degli antichi cammini e pellegrinaggi.

Nei weekend 11-12 e 25-26 maggio “Evviva Viaggi – tour operator” valorizzerà – con attività gratuite come visite guidate, luoghi fruibili in apertura straordinaria e laboratori del gusto - l'essenza pura del Gargano. Sabato 11 a Monte Sant’Angelo, domenica 12 a San Marco in Lamis i primi due appuntamenti. Prenotazione obbligatoria, info 0882412703 o info@evvivaviaggi.com

Con la sorprendente ed originale performance di guerrilla marketing, sabato 13 aprile è partita da Matera (Capitale Europea della Cultura 2019) l’experience di “Mangia, Prega, Ama…il Gargano”, progetto di promozione ed animazione territoriale di “Evviva Viaggi – Tour Operator” risultato vincitore del bando “InPuglia365. Cultura, natura, gusto 2018-2019 - Primavera” dell’Aret PugliaPromozione.

Nei due weekend di maggio sarà possibile, dunque, visitare la Montagna Sacra lungo un percorso che conduce lungo le strade degli antichi pellegrinaggi che portano al Santuario di San Michele Arcangelo ed all’Abbazia di Santa Maria di Pulsano (sabato 11 maggio). Ci si recherà presso i Santuari di San Matteo e Santa Maria di Stignano a San Marco in Lamis lungo il cammino della Via Francigena del Sud (domenica 12 maggio). Si giungerà lungo la strada del mare alla Cattedrale di Manfredonia ed alla Basilica di Santa Maria di Siponto per ammirare inoltre la meravigliosa installazione di Tresoldi (sabato 25 maggio). Si farà visita, infine, ai luoghi di Padre Pio per assaporarne la spiritualità (domenica 26 maggio).

"Mangia, prega, ama" è un inno a vivere profondamente il Gargano e portarlo per sempre con sé come luogo del cuore, tra visite ai luoghi "terreni" e percorsi esperienziali per nutrire il corpo con degustazioni di prodotti tipici del territorio e laboratori artigianali. <<"Mangia, prega, ama… il Gargano" – spiega Angelo Coco, titolare di Evviva Viaggi tour operator - è ideato per coniugare la sacralità dei luoghi, la tradizione ed il folklore degli antichi pellegrinaggi e la ricchezza culturale ed enogastronomica custoditi dal "genius loci", che rendono questo territorio turisticamente affascinante e poliedrico, capace di proporre l'esperienza turistica come esperienza di vita. Traendo spunto dal titolo di un famoso film, il progetto declina l’esperienza di viaggio attraverso tre parole, tre azioni che puntano a far vivere il Gargano attraverso le sue più importanti peculiarità ed un invito a diventarne ambasciatori, rendendo il visitatore il principale promotore di questi luoghi del cuore>>.

La partecipazione alle attività è gratuita ma con prenotazione obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni: Evviva Viaggi – tour operator: info@evvivaviaggi.com, +390882412703.

 
 
 

Vieste/ Oggi si chiude la FESTA: tutti AU STRUSC D SANDA MARIJ

Post n°23616 pubblicato il 10 Maggio 2019 da forddisseche

Vieste/ Oggi si chiude la FESTA: tutti AU STRUSC D SANDA MARIJ 

 
Vieste/ Oggi si chiude la FESTA: tutti AU STRUSC D SANDA MARIJ
 
 

AU STRUSC D SANDA MARIJ

 

 

 

U dich a quidd che no u sann

 

che au strusc d cuss'ann

 

cummä Sabbllucc la tapuner

 

p na bella ndruscia ner,

 

tutt azzmet, ma com na mop,

 

c la spassjev sott e sop.

 

S chi no Tha vist sott L’archet

 

a Fulmjucc pu fdanzet ?

 

Tes, jess, mmizz la trupp,

 

com spcchjev p cudd tupp.

 

Bell pur Ndogn 1'urtlen,

 

p tand d cravatt amr'chen,

 

che au fiangh d Teres

 

russchev nucedd appes.

 

U chjù maffius perö era G'sepp,

 

a braccett a Marg'sepp,

 

che pu cappidd tr'zzjet,

 

u custmicchj stind e tarlet,

 

sicch e jrt com na cann

 

vocch apirt s'ndev la bann.

 

Sti bell cos succedn a Vist.

 

I vulit vde? Vnit ai fist.

 

 Gaetano Dellisanti

 

 

 

AL PASSEGGIO DI SANTA MARIA

 

Lo dico a quelli che non lo sanno

 

che al passeggio di quest'anno

 

comare Isabella, la talpa di casa,

 

con un elegante vestito nero,

 

tutta agghindata, ma come una sciocca,

 

se la spassava su e giù per il corso.

 

E chi non ha visto sotto le arcate

 

Filomena col fidanzato ?

 

Dritta, lei, in mezzo alla gente,

 

come si distingueva con quel tupè.

 

Bello era anche Antonio l'ortolano

 

con una vistosa cravatta americana

 

che a fianco di Teresa

 

sgranocchiava noccioline appese.

 

Il più vistoso però era Giuseppe,

 

sotto braccio a Mariagiuseppa

 

che col cappello alla ventitré

 

l'abito stinto e pieno di tarme,

 

alto e magro come una canna

 

a bocca aperta ascoltava la banda.

 

Queste cose belle succedono a Vieste.

 

Volete vederle ? Venite alle feste.

 

PROGRAMMA RELIGIOSO

 

GIORNO 10 MAGGIO

 

Ore 10,00 - ss. Messa a seguire riposizione del Simulacro nella cappella della città.

 

Ore 7,30 / 9,30 / 19,00 – SS. Messe nel Novenario.

 

Ore 11,00: ss. Messa Capitolare (giorni festivi)

 

Sito WEB: www.comitatosantamariadimerino.it

 

La Santa Messa della mattina del 30 aprile e le novene saranno trasmesse in diretta su CANALE 878 ( GarganoTv) del digitale terrestre.

 

PROGRAMMA CIVILE

 

 

 

GIORNO 10 MAGGIO

 

Ore 9,30 - Giro per l'abitato del Gran Complesso Bandistico Città di Vieste "P. Rinaldi".

 

Ore 19/21,30 - Esibizione per il corso L Fazzini e Giardini Comunali (Pietra della Madonna) del Gruppo Folk Città di Vieste PIZZECHE E MUZZECHE

 

 

 

Ore 21,30SPETTACOLO MUSICALE CON QUISISONA E MARIELLA NAVA

 

Ore 24,00 - Chiusura della festa con spettacolo di fuochi pirotecnici presso il nuovo molo del Porto.

 
 
 

Vieste – SANTA MARIA 2019, IL VESCOVO MOSCONE PORTA IN SPALLA LA MADONNA

Post n°23615 pubblicato il 10 Maggio 2019 da forddisseche

Vieste – SANTA MARIA 2019, IL VESCOVO MOSCONE PORTA IN SPALLA LA MADONNA 

 
Vieste – SANTA MARIA 2019, IL VESCOVO MOSCONE PORTA IN SPALLA LA MADONNA
 
 

E’ davvero una novità per la festa di Santa Maria. Questa mattina nel corso del pellegrinaggio in cui si porta il simulacro della Madonna da Vieste al Santuario di Merino, mons. Franco Moscone ha voluto prendere in spalla la portantina. Un gesto significativo, che nessun vescovo finora aveva mai fatto, a testimonianza di una disponibilità ad essere con il popolo dei devoti anche nei gesti più comuni ma fortemente simbolici.