Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

MUSICA ITALIANA

 

Benvenuti :)

.

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 60
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

<iframe src="http://www.radiorai.rai.it/dl/portaleRadio/popup/player_radio.html?v=1" width="580px" height="380px" scrolling="no" frameborder=0 style="padding:25px;"></iframe>

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://5.63.145.172/mobile?port=7108

http://ondaradio.info/

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

tonypio0forddissechegiuspiemonteselaboratoriotvpopilottaiozziacosimoCajoBordermaandraxicepak69millevacanzecall.me.Ishmaeldipiuitaloalb.55zmassimocoppa
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Messaggi del 22/05/2019

Vico/ Il Gargano sotto i riflettori..

Post n°23679 pubblicato il 22 Maggio 2019 da forddisseche

Vico/ Il Gargano sotto i riflettori... 

 
Vico/ Il Gargano sotto i riflettori...
 
 

Repetita iuvant, tradotta letteralmente, significa "le cose ripetute aiutano". Il Gargano, il cinema e la «settima arte»: un connubio storico e strategico, una valenza culturale, turistica e di promozione del territorio, un vero volano di sviluppo. Ne avevamo parlato con l’ausilio di una mostra nella sala consiliare, qualche anno fa. Alcuni appunti carpiti dall’interessante libro della prof.ssa Anna Maria Renzetti, «Il Gargano sotto i riflettori», offrono spunti di riflessione e slanci emotivi di positività ad un progetto «calzante» per il nostro territorio, quel Gargano, terra globale, che ho definito «set a cielo aperto» e che continua a stupire registi, produttori e attori di ogni genere. Non siamo una semplice location, non siamo solo uno spazio utile per riprendere in digitale, siamo «oltre». Siamo profumi, sapori, culture poliedriche, scene al naturale, tramonti, spiagge, mare policromo, orchidee spontanee, limoni affollati nelle zagare. E ancora, laghi, montagne, sacri riti, santi patroni e chiese infinite. Purtroppo, siamo anche assetati nel deserto della povertà intellettuale che avanza e che rinnega un passato di grande spessore culturale, seppellito dall’incuria e dall’oblio. Siamo quello che siamo, non possiamo (?) e non tentiamo di cambiare. Dobbiamo fare leva su ciò che madre natura, generosamente, ci ha lasciato e che per anni, i nostri avi hanno custodito gelosamente. Il rapporto cinema-Gargano non deve essere solo un «motivo in più» per un turismo mordi e fuggi, sarebbe riduttivo e poco auspicabile. Deve diventare, con l’aiuto di chi decide le dinamiche di un paese, un valore aggiunto. Molto più che un semplice segno «più». Perché se è vero che l’economia trainante spinge più di cento cavalli, è anche vero che un’identità culturale di spessore internazionale, costruita intorno a stereotipi arcaici e tradizionali, autentici tesori, può diventare più redditizia di qualsiasi operazione commerciale. Dobbiamo immaginare che sin dal 1927, la «Garganica film», la società che ha prodotto il film muto «L’intrusa - Una straniera a San Menaio», pensò di promuovere il territorio «illuminando» l’allora sconosciuto Gargano, con una pellicola (purtroppo mai rinvenuta) che «raccontasse» con le immagini le bellezze di un luogo bellissimo e incontaminato. Tema «turistico» o quello del sacro? Natura primordiale o pietre scolpite del borgo antico? Fiction o docufilm? Abbiamo tantissimi argomenti per convincere produttori e registi, ma la chiave resta sempre la volontà, la capacità di programmare e pianificare, l’organizzazione di una squadra di professionisti ancor prima di un progetto di lungo respiro che può coinvolgere l’intero paese. Vi lascio con le indimenticabili locandine esposte in vari paesi dalla Pro Loco di Vico, con l’aiuto dell’amico Mimì Lombardi.

 

Michele Lauriola

 

fuoriporta.info

 
 
 

Per la prima volta sul Gargano "L'Open Water Challenge FIN"

Post n°23678 pubblicato il 22 Maggio 2019 da forddisseche

Per la prima volta sul Gargano "L'Open Water Challenge FIN" 

 
Per la prima volta sul Gargano "L'Open Water Challenge FIN"
 
 

Tutto pronto per la manifestazione sportiva di rilevanza Regionale e Nazionale di Nuoto in Acque Libere che coinvolgerà sportivi professionisti ed amatoriali e diversamente abili in una giornata PLASTIC FREE Appuntamento con il nuoto il prossimo 22 Giugno a Lido del Sole (Rodi Garganico) che vedrà la tipica sabbia fine e dorata calpestata, per la prima volta sul Gargano ed in Provincia di Foggia, da appassionati ed esperti nuotatori provenienti da tutto il Sud Italia per la Tappa del Circuito Federale regionale ed interregionale “Open Water Challenge Fin” e la "Tappa nazionale del Campionato Italiano di Nuoto promozionale e di Nuoto per Salvamento in Acque Libere". Teatro di questo evento di rilievo è Lido del Sole, il cui nome riflette proprio la conformazione urbanistica dell’ambiente cittadino: tante villette a schiera posizionate a raggiera, quasi come se fosse un sole splendente in terra tra colorati bouganville e profumati agrumeti. Un luogo incastonato tra il lago di Varano, il più grande specchio d'acqua costiero italiano, e borghi caratteristici come Rodi, Carpino e Vico del Gargano. La manifestazione sportiva si suddividerà in due momenti: • Tappa del Circuito Federale regionale ed interregionale “Open Water Challenge FIN”. La gara si svolgerà per la distanza gara di un percorso di 1.800 mt circa (1 miglio marino). Essa vedrà la partecipazione di atleti tesserati Fin per la disciplina del Nuoto di Fondo provenienti dalla categoria degli Esordienti A (13 anni) a quella più adulta dei Master (dagli under 25 agli over 65). • Tappa nazionale del Campionato Italiano di Nuoto promozionale e di Nuoto per Salvamento in Acque Libere. Questa è una disciplina nata recentemente, si basa sul concetto di “pratica sportiva normalizzata”, nella convinzione che lo sport migliori la qualità della vita, anche e soprattutto in persone con disabilità intellettive e relazionali. La gara prevede la partenza dalla spiaggia, correndo per 25 mt e poi nuotando per i successivi 25 mt, dove raggiunta una boa posizionata in mare ad una distanza di 50 mt totali, si vira e si ritorna a riva verso il traguardo. La regia dell'evento è dello stabilimento balneare "Lido Blu Marine" che opera sul Gargano dal 1992, e che è diventato negli anni, una delle maggiori realtà di pregio del territorio. Tra i sui riconoscimenti anche "L'Oscar delle spiagge italiane" come "miglior lido all'italiana", un vanto per questa regione che con i suoi 800km di costa è uno dei principali attrattori turistici italiani. Coorganizzatori rilevanti di questo OPEN sono Aquarius Piscina Canosa Soc. Sportiva Dilet. S.R.L., L‘ATAS “Associazione di tutela ambientale, turistica, sportiva, culturale, e ricreativa’’ ed il Comune di Rodi Garganico. Partner tecnici e fondamentali della giornata sono il Comitato Regionale Puglia della Federazione Italiana Nuoto per il settore Nuoto di Fondo (FIN Puglia), FISDIR – Federazione Italiana Sport Paralimpici degli intellettivo relazionali. Inoltre la giornata sarà totalmente PLASTIC FREE. Sempre il Lido Blu Marine in collaborazione con l’Associazione Legambiente FestambienteSud di Monte Sant’Angelo e Sannicandro Garganico , lavoreranno per sensibilizzare l’opinione pubblica su una delle più gravi emergenze ambientali dei nostri tempi: l’inquinamento da plastica. Durante l’evento verrà dimostrato come è possibile abbandonare la plastica monouso e sostituirla con materiali che la natura ci offre, per vivere una vita ecosostenibile. Durante la giornata si effettueranno delle attività ludiche che coinvolgeranno tutte le fasce di età dai più piccoli ai più grandi che aiuteranno i partecipanti ad adottare dei metodi di raccolta differenziata divertenti. In conclusione sarà una giornata strepitosa che toccherà vari aspetti, un momento di unione per tutti, dagli sportivi più sfegatati, agli amatoriali ai diversamente abili sino alla possibilità di far capire l’importanza dello sport e della natura cercando di vivere una vita rispettando l’ambiente.

 

Lido Blu Marine Info: 0884.917087 - info@spiaggiaazzurra.it - www.spiaggiaazzurra.it

 
 
 

Sole, mare, cultura, musica, sport e spettacoli: A VIESTE E’ GIA’ ESTATE!

Post n°23677 pubblicato il 22 Maggio 2019 da forddisseche

Sole, mare, cultura, musica, sport e spettacoli: A VIESTE E’ GIA’ ESTATE!

Vieste vuole confermare il ruolo di regina del turismo pugliese, e lo fa attraverso una serie di eventi che vanno a completare la già qualitativa offerta turistica. Questa mattina a Foggia, nel Palazzo della Provincia, il sindaco, Giuseppe Nobiletti e gli assessori Rossella Falcone e Dario Carlino, hanno illustrato il nutrito Cartellone del Viestestate 2019. Una serie di eventi che vanno dalla cultura, alle tradizioni popolari, dallo sport allo spettacolo, alla musica, ma anche archeologia e magia. Il via già il 29 maggio con la rassegna culturale “Il Mistero di Monnalisa” a cura di Officina delle Arti. Dal 30 maggio al 2 giugno due grandi eventi sportivi nelle acque del Gargano: l’European Freestyle Pro e la Regata velica dei Parchi da Vieste a Lastovo (Croazia). Il 31 maggio e il 1° giugno spazio al Festival della magia con Silvan e Alexis Arts. Un altro evento sportivo a carattere nazionale il 22 e 23 giugno con una tappa del campionato italiano di beach volley. Giugno è anche il mese dell’inaugurazione del Museo archeologico in programma il 27, e di Battiti Live. Luglio si apre con un ospite di eccezione: il geologo Mario Tozzi, e prosegue con la rassegna “Vieste Archeo Film, il festival internazionale del cinema di archeologia, arte e ambiente presentato da Alessandro Cecchi Paone. Il 28 luglio spazio alla musica classica con il conferimento del premio alla carriera a Katia Ricciarelli. Festambiente Sud chiude il mese di luglio ospitando Paolo Fresu, Jacques Morelembaum , Daniele Sepe., Murubutu, Goran Bregovic, Alborosie Altro appuntamento ormai di casa a Vieste è il Mundial Summer Beach Soccer. Ad agosto torna la grande musica popolare con Serenata alla Tarantella che quest’anno ospiterà il maestro Antonio Castrignanò. Tra fine agosto e inizio settembre “Vieste in love”, una settimana di amore ed eventi speciali. Il programma completo di Viestestate 2019 è disponibile sul sito e sulle pagine social del Comune di Vieste.

 
 
 

Vieste/ Pronto il programma Festeggiamenti di S. Antonio, via alla raccolta fondi - 13 giugno 2019 -

Post n°23676 pubblicato il 22 Maggio 2019 da forddisseche

Vieste/ Pronto il programma Festeggiamenti di S. Antonio, via alla raccolta fondi - 13 giugno 2019 -

GIORNO 13

Ore 5,30 - 7,00 - 8,30 -10,00 -11,30

Nella Chiesa di S. Francesco, SS. Messe del popolo e distribuzione del pane benedetto.

Ore 8,00

Apertura della festa con sparo di mortaretti e giro per l'abitato dei Gran Complessi Bandistici "CITTÀ DI VIESTE G. CARIGLI A" e P. RINALDI”.

Ore 17,30

Servizio in piazza dei Gran Complessi Bandistici "CITTÀ DI VIESTE - G. CARIGLI A” e P. RINALDI".

A seguire esibizione del Gruppo Majorette ins. Francesca Donadío

Ore 18,30

Santa Messa Vespertina.

Ore 19,45

Solenne processione del Taumaturgo S. ANTONIO accompagnato dal Rev. Capitolo della Concattedrale.

Ore 21,30

Rientro della processione ed accensione dei fuochi pirotecnici presso Marina Piccola.

Ore 22,00

Spettacolo Musicale – Tributo band Rino Gaetano – Rino Minati –

MARCO MORANDI

Ore 24,00

Chiusura della festa con fuochi pirotecnici presso NUOVO MOLO.

 
 
 

Parco/ In due giorni riunione della Comunità e Consiglio Direttivo, numerosi gli accapi in discussione

Post n°23675 pubblicato il 22 Maggio 2019 da forddisseche

Parco/ In due giorni riunione della Comunità e Consiglio Direttivo, numerosi gli accapi in discussione 

 
Parco/ In due giorni riunione della Comunità e Consiglio Direttivo, numerosi gli accapi in discussione
 
 

Tra Oggi e domani il Parco nazionale del Gar­gano è atteso da un doppio appun­tamento. Sono infatti in programma mercoledì 22 maggio alle ore 15,00 la seduta della comunità dei 18 sindaci dell’area protetta (più ente Provincia ed ente Regione) e giovedì 23 maggio, alle ore 16, quella del consiglio diret­tivo, convocata dal vicepresidente Claudio Costanzucci. La comunità è chiamata ad evadere due accapi. Più impegnativo invece il compito per l’indomani degli otto membri del consi­glio direttivo (oltre a Costanzucci, Pa­squale Coccia, Mi­chele Sementino, Luigi Di Fiore, Mi­chele Merla, Marco Lion, Massimo Monteleone e Francesco Riga) con ben otto ac­capi da licenziare, tra i quali da segnalare - per la loro valenza politica amministrativa- oltre a quelli evasi dalla comunità il giorno prima (il direttivo - va ricordato- per approvarli necessita - come prevede la normativa- del parere preventivo dei sindaci), anche le determinazioni sull’adozione del piano della perfor­mance 2019/2021 e le determinazioni sull’avviso del direttore (ottavo ed ul­timo accapo). E proprio su quest’ul­timo punto sono catalizzate le atten­zioni dei convenuti. A tal proposito va fatta una piccola premessa: l’ente Parco (senza presi­dente dall’aprile 2017) è senza diret­tore effettivo da tempo immemorabi­le. Va avanti con i facenti funzioni (dipendenti delegati allo scopo che in sostanza agiscono da supplenti). At­tualmente è di turno Carmela Strizzi. Lo è da settembre 2015. Ovvero da quasi 4 anni. Se sulla figura apicale del presiden­te manca l’accordo politico istituzionale tra il ministro Sergio Costa ed il governa­tore di Puglia Miche­le Emiliano (que­st’ultimo fermo alla proposta ufficiale di Gianni Maggiano, l’avvocato di Peschi­ci, avanzata a dicem­bre 2017, quando c’era Galletti come Ministro Ambien­te, governo Gentiloni), su quella del direttore la strada si è fatta acciden­tata. Infatti tra feroci polemiche tra le due fazioni (i territoriali e gli esterni) all’interno del direttivo (ognuno spin­ge per i propri candidati) e bocciature varie dei bandi da parte del Ministero, i tempi si sono allungati a dismisura.

 

 

 

Francesco Trotta

 
 
 

Vieste/ Windsurf - EFPT Tour, a Spiaggia Lunga 29 maggio -2 giugno. La seconda tappa: il grande windsurf internazionale

Post n°23674 pubblicato il 22 Maggio 2019 da forddisseche

Vieste/ Windsurf - EFPT Tour, a Spiaggia Lunga 29 maggio -2 giugno. La seconda tappa: il grande windsurf internazionale sbarca per la prima volta in Puglia 

 
Vieste/ Windsurf - EFPT Tour, a Spiaggia Lunga 29 maggio -2 giugno. La seconda tappa: il grande windsurf internazionale sbarca per la prima volta in Puglia
 
 

Il grande windsurf internazionale fa tappa in Puglia per la prima volta nella sua storia. Dal 29 maggio al 2 giugno a Vieste presso Spiaggia Lunga Village va in scena la seconda tappa, unica in Italia di questo 2019, dell’European Freestyle Pro Tour, prestigioso circuito che si svolge sul territorio del vecchio continente il cui vincitore è riconosciuto dall’IFCA come campione europeo freestyle. La disciplina, il freestyle appunto, la più giovane e spettacolare del settore funboard. La competizione è organizzata da Spiaggia Lunga Village con il patrocinio dell’assessorato allo sport della Regione Puglia e del comune di Vieste. La gara è inserita nel calendario Aicw/Fiv in linea con gli standard federali. Il montepremi a disposizione dei partecipanti è di 10mila euro.

 

EFPT TOUR L'European Freestyle Pro Tour è un contest sportivo di windsurf nato nel 2003. Un evento che viaggia in diverse nazioni europee e consente agli atleti europei di misurarsi ed esibirsi al fianco di atleti provenienti dal resto del mondo. La comunità dell’EFPT è composta da oltre 500 rider registrati e da eventi che si sono svolti in 11 paesi europei finora. In questo 2019 le tappe in programma sono sette, a cui si aggiunge però una prima tappa disputata in Austria lo scorso aprile ma dedicata solamente al tow in, disciplina che prevede il rider trainato dalla moto d’acqua in assenza di vento. La prima col format classico è in programma in Costa Brava dal 21 al 26 maggio che precederà di tre giorni il via alle gare di Vieste. A seguire ci sarà la tappa di Fuerteventura, di Lanzarote, del lago di Silvaplana in Svizzera, in Danimarca e infine in Olanda. I

 

PROTAGONISTI Al via alcuni tra i più forti atleti del panorama mondiale e, tra loro, i fortissimi rider della squadra italiana. Il milanese Jacopo Testa (terzo classificato Pwa nel 2017 e primo Efpt 2017), il romano Giovanni Passani (terzo classificato Efpt 2018), il bresciano Mattia Fabrizi (nono Pwa 2018 e sesto Efpt 2018: i tre nostri portacolori che negli ultimi anni hanno raggiunto i migliori risultati in campo internazionale. Con loro anche il forte siciliano Francesco Cappuzzo, vero e proprio waterman capace di competere in diverse discipline sia nel windsurf (è campione italiano wave in carica) che nel kitesurf, l’atleta di Riccione e campione italiano freestyle 2018 Riccardo Marca, il milanese Marco Vinante, il giovane talento marchigiano Eugenio Marconi e il trentino Benjamin Masoner. Ai nastri di partenza anche due giovani atleti locali che godranno di una wild card d’ingresso al tabellone principale: Cesare Latino e Mauro De Luca. Già registrati nell’entry list dell’evento troviamo atleti internazionali del calibro vicecampione del mondo Adrien Bosson, francese, e di Yentel Caers, belga lo scorso anno quarto nella classifica Pwa. Due tra i grandi protagonisti attesi ai quali i nostri italiani hanno già lanciato la sfida. Oltre a lui, tra gli altri, l’olandese Davy Scheffers, il britannico Adam Sims, il tedesco Julian Wiemar e i due israeliani Eliran Levi e Eilon Wilson.

 

LA LOCATION Spiaggia Lunga si trova a pochi chilometri da Vieste, in provincia di Foggia. Località pugliese molto frequentata dai turisti nei mesi estivi e non solo. Per la qualità delle sue acque di balneazione è stata più volte insignita della Bandiera blu dalla Foundation for Environmental Education, fa parte del Parco nazionale del Gargano. È nota per le sue condizioni di vento di maestrale e scirocco, entrambi spinti dal rinforzo termico tipico della stagione primavera-estate. La realizzazione della manifestazione è frutto anche del supporto dei partner Spiaggia Lunga Village, Hotel degli Aranci, Panini di Mare, Banco Popolare di Milano BPM e Fiat-Eurovector.

 
 
 

ORARIO ESTIVO) COLLEGAMENTI FERROVIARI PER ROMA: IL PRESIDENTE NICOLA GATTA “SIAMO ALLE SOLITE...

Post n°23673 pubblicato il 22 Maggio 2019 da forddisseche

(ORARIO ESTIVO) COLLEGAMENTI FERROVIARI PER ROMA: IL PRESIDENTE NICOLA GATTA “SIAMO ALLE SOLITE LA CAPITANATA ANCORA UNA VOLTA PENALIZZATA”

21.05.2019

 
Sulla vicenda dei collegamenti con la Capitale, in merito al nuovo orario estivo, che entrerà in vigore dal 9 giungo prossimo, interviene il Presidente della Provincia di Foggia, Nicola Gatta : “Siamo alle solite ancora una volta la Capitanata, viene penalizzata, infatti, ben due Frecciargento che collegheranno Bari a Roma fermeranno nella stazione intermedia di Barletta, escludendo Foggia. Infatti, ormai per Trenitalia saltare Foggia è nella norma. Adesso basta nel vessare un bacino di utenza tanto vasto, la Capitanata merita ben altra considerazione. Certo far nascere a Foggia alle 5 di mattina il diretto per Roma appare riduttivo, visto che quello è il vecchio treno delle 5.50 da Benevento, comunque, un orario scomodo per chi viene dalla provincia. Ripeto, come già affermato in passato, l’alta velocità o alta capacità non devono essere pretesto per ghettizzarci. Confido in un intervento responsabile, per quanto di loro competenza, da parte di tutti i parlamentari dauni ed insisteremo con Trenitalia, Rete Ferroviaria e Ministero dei Trasporti ed Infrastrutture per ottenere la giusta attenzione. Ribadiamo con forza come collettività, che pretendiamo una mobilità su rotaia all’altezza dei tempi”.

 
 
 

STASERA PESCHICI IN TV SU RAIUNO CON "DUISBURG - LINEA DI SANGUE"!

Post n°23672 pubblicato il 22 Maggio 2019 da forddisseche

STASERA PESCHICI IN TV SU RAIUNO CON "DUISBURG - LINEA DI SANGUE"! 

 
STASERA PESCHICI IN TV SU RAIUNO CON "DUISBURG - LINEA DI SANGUE"!
 

Duisburg - Linea di sangue è un tv movie ispirato ai fatti di sangue del Ferragosto 2007 a Duisburg in Germania, girato anche a Peschici nell'ottobre 2017. 

Il film andrà in onda in prima visione TV su raiuno stasera, mercoledì 22 maggio 2019, alle ore 21.25 e rientra nelle iniziative editoriali e di informazione che il palinsesto Rai dedica alla ricorrenza della Giornata della Legalità.

 

Duisburg - Linea di sangue è un film di genere drammatico, giallo del 2019, diretto da Enzo Monteleone, con Daniele Liotti e Benjamin Sadler. Durata 100 minuti. Distribuito da Rai Fiction. 

 

TRAMA:

 

"Duisburg Linea di Sangue", il film di Enzo Monteleone, inizia la sera dei Ferragosto del 2007.
Nella città di Duisburg in Germania, all'uscita del ristorante "Da Bruno" sei italiani vengono trucidati da una coppia di killer.
Tutti e sei sono calabresi, giovanissimi. La strage ha un incredibile impatto mediatico in tutta la Germania: mai una cosa simile era accaduta in quella nazione.
La Kriminalpolizei pensa ad un regolamento di conti tra bande di turchi, albanesi e italiani per il controllo di armi e droga. I tedeschi chiedono aiuto alle autorità italiane.
In Calabria, il commissario Michele Battaglia (Daniele Liotti) sta passando le sue vacanze con la famiglia al mare. Viene a sapere della strage dal telegiornale. Nello stesso momento una telefonata del Questore di Reggio Calabria lo convoca con urgenza.
Battaglia viene inviato immediatamente in Germania per affiancare nelle indagini il collega Thomas Block (Benjamin Sadler).
Tra i due all'inizio non corre buon sangue, l'eterna diffidenza tra italiani e tedeschi, ma poi l'istinto della caccia li farà diventare una coppia di investigatori affiatata.
Battaglia capisce che non si tratta di traffico di droga o di armi e ricostruisce una intricata faida familiare nata a San Luca, un paesino dell'Aspromonte ritenuto la capitale della 'ndrangheta. Una faida iniziata durante il carnevale del 1991 tra i due clan che si contendono il controllo del territorio per l'egemonia sui traffici. Una faida proseguita per anni fino a quella tragica notte.