Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

MUSICA ITALIANA

https://youtu.be/u5SBbMU5otE

 

Benvenuti :)

.

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 60
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

<iframe src="http://www.radiorai.rai.it/dl/portaleRadio/popup/player_radio.html?v=1" width="580px" height="380px" scrolling="no" frameborder=0 style="padding:25px;"></iframe>

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://5.63.145.172/mobile?port=7108

http://ondaradio.info/

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechepipposportranilaboratoriotvmarlow17yunepmendustrycroftarella46Volo_di_porporasisyphus13Joker_Jolly2012mariopre81Cartman72call.me.Ishmaellacey_munroGIAMPIEROLACCHE
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Messaggi del 09/06/2019

Vieste/ Tornano gli Aperitivi letterari: ''Tutto sarà perfetto'' di Lorenzo Marone

Post n°23769 pubblicato il 09 Giugno 2019 da forddisseche

Vieste/ Tornano gli Aperitivi letterari: ''Tutto sarà perfetto'' di Lorenzo Marone 

 
Vieste/ Tornano gli Aperitivi letterari: ''Tutto sarà perfetto'' di Lorenzo Marone
Appuntamento sabato 15 giugno dalle ore 21:00Gli incontri sono organizzati dall’associazione culturale SECONDA STELLA A DESTRAPresso il Ristorante Il Capriccio – Molo Sud - Località Porto Turistico - Vieste –tel 0884 707899 –info@ilcapricciodivieste.it

 
 
 

A Peschici fino a sabato 15 giugno è tempo di PERCEZIONI residenza di artisti internazionali

Post n°23768 pubblicato il 09 Giugno 2019 da forddisseche

A Peschici fino a sabato 15 giugno è tempo di PERCEZIONI residenza di artisti internazionali

A Peschici fino a sabato 15 giugno è tempo di PERCEZIONI residenza di artisti internazionali
In esposizione al RESIDENCE M3

 
 
 

Da venerdì 14 a domenica 16 giugno S. Giovanni Rotondo ospiterà il Raduno Nazionale del Volontariato

Post n°23767 pubblicato il 09 Giugno 2019 da forddisseche

Da venerdì 14 a domenica 16 giugno S. Giovanni Rotondo ospiterà il Raduno Nazionale del Volontariato di Protezione Civile “Ut Unum sint”. 

 
Da venerdì 14 a domenica 16 giugno S. Giovanni Rotondo ospiterà il Raduno Nazionale del Volontariato di Protezione Civile “Ut Unum sint”.
 
 

Saranno tre intense giornate formative, in cui si parlerà del sistema di allertamento multi rischio “It Allert” e del nuovo numero unico dell’emergenza 112. In programma anche un corso A.I.B. avanzato e un corso di psicologia dell’emergenza aperto ai volontari del sistema nazionale ed uno per i volontari pugliesi sulla “Colonna mobile regionale”. Nel corso dei tre giorni sono previste numerose attività formative ed esercitative, un convegno sulla lotta gli incendi boschivi e una sfilata dei volontari. “La Puglia è all’avanguardia nel sistema di Protezione Civile”, sottolinea il Presidente della Regione Michele Emiliano, “un sistema che fa del volontariato organizzato un suo punto di forza, cioè su cittadini che senza chiedere nulla in cambio sono a disposizione a qualunque ora del giorno e della notte, con brevissimo tempo di preavviso. Siamo felici di ospitare questo grande evento nazionale, la Puglia accoglierà al meglio i partecipanti, che arriveranno da tutta Italia. Invito tutti i volontari ad iscriversi, anche perché sono previsti importanti momenti di formazione”. “È un’importante occasione dì confronto”, aggiunge il vice presidente Antonio Nunziante, assessore con delega alla Protezione Civile, “perché lo scambio di esperienze, specie in tema di protezione civile, rappresenta un enorme arricchimento per chi poi si trova ad affrontare le emergenze sul campo”. “Il nostro confronto con i volontari è quotidiano”, aggiunge Ruggiero Mennea, presidente del comitato regionale permanente di Protezione Civile regionale, delegato dal Governatore, “cerchiamo di fare il meglio per venire incontro alle loro esigenze. Il raduno del prossimo fine settimana sarà un momento di incontro centrale per migliorare ulteriormente il nostro sistema e sensibilizzare maggiormente gli amministratori pubblici. Ecco perché faccio appello a tutti i volontari di iscriversi, ma anche agli amministratori pubblici della nostra regione di partecipare al raduno. La Protezione Civile nasce, infatti, dal territorio, quindi dai sindaci, dai pubblici amministratori, dai funzionari, dai dirigenti pubblici, che in quei giorni devono cogliere un’importante occasione di confronto su temi che sono all’ordine del giorno per la gestione delle emergenze”.

 

La protezione civile regionale ha messo a disposizione dei volontari una piattaforma di registrazione sul web: www.rnvpcpuglia2019.com/iscriviti. E’ inoltre possibile iscriversi ai vari corsi seguendo altri link: Colonna Mobile (www.rnvpcpuglia2019.com/corso-colonnamobile), Psicologia dell’Emergenza (www.rnvpcpuglia2019.com/psicologiadellemergenza), A.I.B. Avanzato (www.rnvpcpuglia2019.com/corsoaibavanzato).

 
 
 

S. Marco in Lamis/ Grani futuri, i big firmano il Manifesto del pane. Aderiscono al movimento scienziati e scrittori.

Post n°23766 pubblicato il 09 Giugno 2019 da forddisseche

S. Marco in Lamis/ Grani futuri, i big firmano il Manifesto del pane. Aderiscono al movimento scienziati e scrittori. Vescovi: “Fare il pane è terapeutico per i bimbi malati”

Non solo fornai e cuochi, ma anche scrittori, scienziati e artigiani (non solo dell’arte bianca). C’è un popolo trasversale fra i firmatari del Manifesto futurista del pane lanciato da Grani futuri, il movimento dedicato al pane buono da mangiare e buono per la salute che il 15-16 giugno prossimi festeggia la terza edizione fra San Marco in Lamis e Rignano Garganico. Fra i firmatari compaiono i nomi di Pino Aprile (scrittore), Angelo Vescovi (scienziato e farmacologo), Teo Musso (il padre della birra artigianale italiana), Corrado Assenza (pasticciere siciliano celebrato da Netflix), Gabriele Bonci (romano, il fornaio con i tatuaggi icona della ricerca sul pane contemporaneo). Il Manifesto scandito in undici punti (tanti quanti il famoso manifesto di Marinetti) non è il vademecum per l’impasto perfetto, ma l’insieme delle buone pratiche per una rivoluzione culturale a partire dal più elementare ed ecumenico dei simboli alimentari. Da qui l’adesione trasversale al movimento internazionale. Vescovi, il primo medico a dirigere un trapianto di cellule staminali in un malato di Sla, parla di cosa accade ai piccoli pazienti dei reparti pediatrici quando mettono le mani in pasta: “I bambini che fanno il pane sono così felici che li vedi immersi in una forma di ipnosi, la gioia di tenere le mani in quell’impasto è una sorta di terapia emotiva che – come dire? – li predispone ad accogliere meglio e più efficacemente le terapie classiche”. Aprile, autore del best seller Terroni, spiega: “Nel poema su Gilgamesh, Enkidu, acquisisce natura umana facendo l’amore con una donna e mangiando “pane, il cibo degli uomini”. Vuol dire che con un buon pane abbiamo ancora speranza di passare dallo stadio animale a quello umano”. Corrado Assenza, il pasticcere resiliente di Noto (Siracusa), auspica che il Manifesto futurista del pane “Sia di bussola per tutti noi, che di tutti noi contenga la parte migliore di ciascuno, la Carta Costituzionale di una Nazione, la nostra per esempio. Ma con una piccola variante, che la renda comprensibile e sottoscrivibile qui come alla parte opposta del Pianeta, ora e fra 100 anni”, dunque autenticamente internazionale e immortale. Teo Musso, signore della Baladin e profeta della birra artigianale di fattura italiana, spiega: “Grani futuri è in perfetta linea con la rivoluzione della birra che io stesso ho cercato di innescare, una rivoluzione che va dalla terra al bicchiere, un moto di ricerca su quello che sono e che erano le tradizioni, e che ha senso riesplorare a patto di renderle contemporanee”. “Di ragioni per marciare in questo movimento del pane che porta un nome proiettato al futuro, e già per questo mi piace, ce ne sono diverse”, conclude Gabriele Bonci, icona del fornaio-ricercatore contemporaneo, “Ne cito almeno tre, in ordine sparso: smetterla di fare classifiche, fare rete, e preservarsi la libertà di scegliere le farine migliori che spesso sono frutto del lavoro dei mulini più piccoli. Sulla mia giacca io non ho sponsor, solo patacche”.

 
 
 

Meno di due mesi alla 9°CorriMonte, il tradizionale appuntamento del primo sabato di agosto a Monte Sant’Angelo.

Post n°23765 pubblicato il 09 Giugno 2019 da forddisseche

Meno di due mesi alla 9°CorriMonte, il tradizionale appuntamento del primo sabato di agosto a Monte Sant’Angelo. 

 
Meno di due mesi alla 9°CorriMonte, il tradizionale appuntamento del primo sabato di agosto a Monte Sant’Angelo.
 
Quella che doveva essere solo una gara podistica è diventata qualcosa di molto altro, riuscendo a calamitare nel centro garganico migliaia di persone che complice l’accoglienza e il calore riservato dai Montanari, l’organizzazione impeccabile messa in campo dal “Gruppo Podistico Monte Sant’Angelo” aspettano da un anno all’altro l’evento. Uno degli elementi fondamentali della crescita della CorriMonte è il percorso, 10 km con due passaggi davanti la Basilica dell’Arcangelo, il passaggio nel Centro Storico e la picchiata in discesa di 3 km verso l’Abbazia di Pulsano, e poi altre 3 km di salita, in vista del traguardo, per chi può in discesa c’è la possibilità di ammirare il paesaggio garganico e il mare, nel golfo di Manfredonia. La macchina organizzativa della gara si va sempre più perfezionando grazie al costante lavoro di Raffaele Rinaldi Presidente del Gruppo Podistico Monte Sant’Angelo che sta coinvolgendo le diverse associazioni montanare nella riuscita dell’evento, solo nella passata edizione i volontari coinvolti erano 150 senza dimenticare la Polizia Locale e i Carabinieri. Importante è il sostegno dell’Amministrazione Comunale. Anche per l’edizione 2019, il programma prevede le gare giovanili che anno aperto e animato la manifestazione, con 300 bambini e ragazzi e la gara competitiva di 10 km valida come tappa del circuito provinciale CorriCapitanata2019, oltre ad una non competitiva sempre sulla distanza di 10km. Anche in questa edizione sarà ricordato con il “Memorial Vito Prezioso” atleta montanaro prematuramente scomparso quattro anni fa a seguito di una lunga malattia. L’appuntamento è per sabato 3 agosto, per tutte le info basta seguire la pagina facebook della manifestazione: 9° CorriMonte.

 
 
 

Basket, San Severo in finale: la serie A2 non è più un sogno

Post n°23764 pubblicato il 09 Giugno 2019 da forddisseche

Basket, San Severo in finale: la serie A2 non è più un sogno

Finalmente possiamo dirlo: si va a Montecatini! La Allianz Pazienza Cestistica Città di San Severo mantiene inviolato il proprio fortino e vince la serie 3-2, superando di misura la Citysightseeing Palestrina con il punteggio di 77-73 al termine di una partita avvincente ed esaltante, in cui l'esito finale è stato incerto fino allo all'ultimo giro di lancette. La cronaca: coach Ponticiello schiera Rizzitiello, Ochoa, Rischia, Rossi e Morici; tra le fila giallonere assoldati Scarponi, Stanic, Ruggiero, Rezzano e Di Donato. Palla a due ed è subito piede sull'acceleratore per entrambe le contendenti alla finalissima di Montecatini. È un botta e risposta con Rezzano e Stanic da un lato, Morici, Rizzitiello e Rossi dall'altro. Per l'Allianz Pazienza ci mette la firma anche Scarponi mentre Rezzano continua a fare il bombardiere. Sul 14-7, coach Ponticiello si vede costretto a spendere il primo time-out. Il clima è rovente, fuori e dentro il campo. Palestrina prova a metterci una pezza con i canestri di Carrizo e Rossi ma l'Allianz continua a colpire senza sosta e con le realizzazioni di Ruggiero, Di Donato e Stanic si porta sul +9 (20-11). La Citysightseeing non resta a guardare e si fa sotto con un algido parziale di 8-0, spezzato soltanto dopo 9'40'' da un tiro mediano di Ruggiero. A fine tempo il tabellone recita 22-19. I primi minuti della seconda frazione vedono ancora un sostanziale equilibrio con il vantaggio giallonero nuovamente azzerato dal 3/3 di Banchi dopo un fallo speso da Stanic. Al 12 i verdearancio trovano il primo vantaggio del match grazie al fallo antisportivo addebitato a Sodero.Lo spirito della partita continua ad essere quello tipico di una gara 5 : vige il motto "chi l'ha dura, la vince". Lo sa bene il trio Di Donato-Stanic-Rezzano (già a quota 17) che firma, dopo 15', l'ennesimo vantaggio casalingo costringendo gli ospiti al quinto fallo di squadra. Nonostante la tensione per la posta in palio, entrambe le squadre continuano a dare spettacolo puro sul rettangolo di gioco. Per Palestrina Rizzitiello e Rossi hanno ancora colpi in canna da spendere, mentre la Allianz è decisamente meno fortunata al tiro. Al termine della seconda frazione il tabellone sancisce il 41- 43. Al rientro sui legni i gialloneri continuano a soffrire la forte difesa imposta da coach Ponticiello che costringe i padroni di casa a molto tiri forzati e infelici. Il press però paga e i 5 falli (tra cui 4 di Rizzitiello) di squadra spesi in soli 3' ne sono un chiaro esempio. A metà quarto Palestrina è completamente on-fire e spinta da un sontuoso Rossi costringe coach Salvemini a riordinare le marcature (43-50 al 24'). Al rientro in campo l'Allianz tenta di impattare meglio i minuti finali della frazione seppur contenuta ancora dalla verve degli ospiti. A 29e30 De Zardo riduce il divario a due lunghezze ma Rossi continua ad essere funambolico con canestri di difficoltà esagerata. La sirena suona con Palestrina in controllo sul 52-56 Nei primi minuti dell'ultimo quarto continua a piovere sul bagnato in casa Cestistica: il secondo fallo antisportivo fischiato a Sodero e i tanti, troppi tiri sbagliati permettono agli uomini di coach Ponticiello di gestire un divario di 5 lunghezze per diversi minuti. Salvemin gioca la carta "Piccone" che tiene bene il campo e fa prender fiato al leader Stanic. Al 35' è vero e proprio tripudio sugli spalti: la tripla in transizione di Scarponi per il 59-59 (a cui seguirà quella di Di Donato) sposta l'inerzia, ma come quasi tutte le ultime partite disputate al Palacastellana il finale non è adatto ai cardiopatici. Banchi piazza la tripla del 67-69, a cui risponde Ruggiero, prima con un piazzato dalla media e poi con un gioco da 3 punti (72-69). Le zampate di capitan Rezzano completano il quadro e per la Citysightseeing svanisce il sogno di completare la rimonta dal 2-0 iniziale. Negli ultimi minuti inizia il tango dei liberi e un sontuoso Di Donato segna quelli del definitivo 77- 73 che ci fa staccare il biglietto per Montecatini. Gli uomini di coach Salvemini ora dovranno affrontare l'ultimo atto di questa straordinaria e coinvolgente stagione: le Final Four! Appuntamento Sabato 15 Giugno al PalaTerme di Montecatini, dove la Allianz Pazienza San Severo - nella seconda partita, con salto a due alle 20.45 - affronterà la Agribertocchi Orzinuovi. FORZA NERI! 
Il tabellino 
Allianz Pazienza Cestistica San Severo - Citysightseeing Palestrina 77-73 (22-19, 19-24, 11-13, 25-17) Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Massimo Rezzano 25 (7/10, 2/7), Emidio Di Donato 21 (1/4, 4/6), Nicolas Manuel Stanic 11 (2/4, 0/0), Antonio Ruggiero 9 (3/3, 0/6), Ivan Scarponi 5 (1/2, 1/6), Lorenzo De Zardo 4 (2/2, 0/1), Guglielmo Sodero 2 (1/2, 0/1), Riccardo Antonelli 0 (0/1, 0/0), Fabrizio Piccone 0 (0/0, 0/1), Goce Petrushevski 0 (0/0, 0/0), Andrea Petracca 0 (0/0, 0/0), Alessio Attilio Magnolia 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 22 / 29 - Rimbalzi: 35 8 + 27 (Emidio Di Donato 20) - Assist: 18 (Nicolas Manuel Stanic 8) 9/6/2019 La Allianz Pazienza San Severo supera in volata Palestrina: è Final Four! 
Citysightseeing Palestrina: Gianmarco Rossi 23 (6/7, 3/9), Manuel Carrizo 14 (3/4, 1/3), Nelson Rizzitiello 12 (2/5, 2/4), Ignacio Ochoa 10 (2/3, 2/3), Nicolas Morici 7 (2/3, 1/2), Alessandro Banchi 4 (0/1, 0/1), Eugenio Beretta 3 (1/6, 0/0), Simone Rischia 0 (0/3, 0/0), Daniele Fiorucci 0 (0/0, 0/0), Matteo Santucci 0 (0/0, 0/0), Gianmarco Mattei 0 (0/0, 0/0), Andrea Cecconi 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 14 / 18 - Rimbalzi: 29 4 + 25 (Nicolas Morici 8) - Assist: 20 (Simone Rischia 5) Ester Presutto Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo