Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvpiombo57tizventuotiottoocchialaiarobertoattolicorosannacoccolutoP.AntonioCurtogiovanni.rossi20pauradifarmaleandreame0calabriasalelello.strino
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Messaggi del 12/08/2020

Il Comune di Vico: “Gravissimo il comportamento della dirigente scolastica Donatella Apruzzese.

Post n°26842 pubblicato il 12 Agosto 2020 da forddisseche

Il Comune di Vico: “Gravissimo il comportamento della dirigente scolastica Donatella Apruzzese. “No a guerre personali e personalistiche, la scuola è di tutta la Comunità”  

  
 

Per l’ennesima volta, la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Manicone-Fiorentino di Vico del Gargano, Donatella Apruzzese, ha mancato di rispetto all’intera comunità vichese.

 

Lo ha fatto dapprima con una lettera aperta e una durissima e ingiusta polemica attraverso la quale ha preso di mira l’Amministrazione Comunale, i partiti, le associazioni vichesi e gli enti territoriali di promozione culturale; poi, non contenta, ha deciso di non informare né coinvolgere o invitare le istituzioni comunali e le realtà del tessuto culturale vichese a un evento importante, durante il quale sarà presentato il lavoro realizzato dagli alunni nell’ambito di un progetto nazionale sulla cultura della legalità che ha meritato un riconoscimento nazionale.

 

Agli studenti, naturalmente, vanno le congratulazioni e il ringraziamento dell’Amministrazione comunale e di tutta la Comunità di Vico del Gargano. Purtroppo, al Comune di Vico del Gargano la dirigente scolastica non ha dato modo di partecipare, né ha comunicato mai nulla all’Amministrazione comunale riguardo a quel progetto e al successivo riconoscimento.

 

Più in generale, la dirigente scolastica della scuola pubblica “Fiorentino-Manicone” non informa mai di nulla l’Amministrazione comunale, neanche quando sia la legge che il buon senso la obbligherebbero a comunicare iniziative, azioni e decisioni alle autorità cittadine.

 

Una condotta, quella della dirigente, che riteniamo gravissima. Non è la prima volta che Donatella Apruzzese si rende protagonista di comportamenti molto discutibili. Alle autorità scolastiche regionali abbiamo segnalato tutta una serie di comportamenti che hanno creato disagio alle famiglie e polemiche all’interno della comunità scolastica.

 

E’ quanto accaduto, ad esempio, sulla scelta dell’orario scolastico, con l’imposizione delle 40 ore settimanali e l’alterazione dei moduli di iscrizione cartacei per la scuola dell’infanzia. Una situazione incresciosa, risolta soltanto dopo che le legittime rimostranze di tanti genitori sono giunte alle autorità competenti, tanto da costringere la dirigente a un frettoloso passo indietro.

 

Una vicenda simile ha riguardato anche il servizio della mensa scolastica: in questo caso, analogamente a quanto accaduto per l’orario scolastico, la dirigente ha tentato di imporre l’obbligo di utilizzare il servizio. La stessa dirigente, lo scorso aprile 2019, si è opposta in ogni modo, anche attraverso la pubblicazione di messaggi denigratori su facebook a danno dell’Amministrazione comunale, alla normale potatura di alcuni alberi posizionati in prossimità dell’edificio scolastico “Manicone-Fiorentino”.

 

In quella occasione, inoltre, Donatella Apruzzese ha perfino denunciato il sindaco di Vico del Gargano alla Procura della Repubblica. Il 16 ottobre 2019, invece, per l’inaugurazione del Modello Dada adottato dall’istituto comprensivo, la dirigente scolastica ha deciso di non invitare il sindaco di Vico del Gargano, creando imbarazzo tra le altre autorità presenti all’evento.

 

Una presenza, quella del sindaco, che in un’occasione così importante sarebbe stata più che opportuna, poiché il sindaco è colui che rappresenta tutti i cittadini vichesi. L’Istituto comprensivo Manicone-Fiorentino è una scuola pubblica e, come tale, appartiene a tutta la Comunità di Vico del Gargano. Non è una scuola privata e non appartiene alla dirigente scolastica pro-tempore che è chiamata a dirigerla rispettando la legge, evitando scelte arbitrarie e dannose, mettendosi al servizio della più ampia Comunità scolastica e cittadina con umiltà e gratitudine, non conducendo guerre personali e personalistiche.

 

E’ purtroppo evidente come il comportamento di questa signora abbia ormai configurato una sua incompatibilità con la Comunità di Vico del Gargano, causata dal suo chiaro  disprezzo verso le Istituzioni locali, dal mancato rispetto della normativa statale e scolastica testimoniato dall’alterazione dei moduli di iscrizione tesa a impedire ai genitori la scelta di un orario scolastico diverso da quello imposto. L’Istituto Manicone-Fiorentino resta, le dirigenti sono pro-tempore.

 

Faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità, rispettando scrupolosamente la legge e le diverse prerogative dettate dalle norme, per porre un limite ai personalismi deleteri e alle guerre personalistiche condotte con grave danno per la Comunità scolastica e per quella di Vico del Gargano. Com’è nostro dovere, continueremo a segnalare alle autorità competenti ogni altro comportamento arbitrario e non rispettoso delle leggi, delle istituzioni e della Comunità di cui dovesse essere ancora protagonista la dirigente scolastica Donatella Apruzzese. 

 
 
 

Vico del Gargano si dà appuntamento in Piazzetta del Conte. Il 16 agosto la conversazione su “Il miracolo rinascimentale”

Post n°26841 pubblicato il 12 Agosto 2020 da forddisseche

Vico del Gargano si dà appuntamento in Piazzetta del Conte. Il 16 agosto la conversazione su “Il miracolo rinascimentale” con Anna Maria Cotugno. Il 17 agosto sarà la volta dei versi del poema in nove canti “Sulla mia vita”  

  
 

“Il miracolo rinascimentale” e il poema “Sulla mia vita”: l’Estate Vichese si appresta a vivere altri due eventi culturali di grande interesse.

 

Domenica 16 agosto, alle ore 21.30, Piazzetta del Conte ospiterà “Il miracolo rinascimentale”, una conversazione con Anna Maria Cotugno, del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Foggia, attorno a temi e protagonisti del Rinascimento, il più grande movimento letterario, artistico e scientifico della storia dell’umanità che ha avuto l’Italia come centro propulsore.

 

Lunedì 17 agosto, alle ore 21.30, a cura di Nicola Angelicchio, Piazzetta del Conte risuonerà al ritmo dei versi che compongono il poema in nove canti “Sulla mia vita” di Nicola Di Monte: il poema sarà presentato da Francesco Saggese e Grazia D’Altilia, con l’intermezzo di brevi commenti e riflessioni. Interpreti dei versi saranno Nicola e Francesca Angelicchio, Barbara Massaroti, Maria Santina Cilenti e Paola Mugnaini con musiche curate da Leo Lazz.

 

Sabato 22 agosto, a cura di Giuseppe Maratea, un appuntamento dedicato alla figura di Francesco Maratea: “Una vita per il giornalismo”. Sabato 29 agosto, Terry Marcantonio, giornalista di Sky Italia presenterà il suo libro intitolato “Lo scultore di nuvole” dialogando con Massimo Montagano.

 

“Siamo soddisfatti di come stia procedendo il programma dell’Estate Vichese”, ha dichiarato Rita Selvaggio, assessore alla Cultura del Comune di Vico del Gargano. “Gli eventi che si sono svolti e quelli che si svolgeranno fino alla fine di agosto sono pensati per garantire la sicurezza anche in un periodo così particolare come quello che stiamo vivendo.

 

La presentazione dei libri e la valorizzazione degli spazi pubblici all’aperto sono forse la maniera migliore per tornare a godersi le piazze, mantenendo un comportamento prudente che risponde alle necessità del distanziamento ma dà anche una risposta alla volontà di far tornare a vivere i nostri centri storici, accogliendo chi viene da fuori e mostrando quanto di bello può offrire il nostro patrimonio storico e architettonico”.

 

“Ringraziamo tutte le persone e le associazioni che stanno collaborando”, ha aggiunto il sindaco di Vico del Gargano, Michele Sementino. “L’Estate Vichese 2020 trae forza anche dalle collaborazioni con le realtà del tessuto associativo, culturale e imprenditoriale di Vico del Gargano”, ha concluso il sindaco.

 
 
 

12 agosto/ LEGGERE E CONVERSARE

Post n°26840 pubblicato il 12 Agosto 2020 da forddisseche

12 agosto/ LEGGERE E CONVERSARE  

  
 

La lettura di tutti i buoni libri è come una conversazione con gli uomini migliori dei secoli passati... Conversare con uomini d'altri secoli è quasi lo stesso che viaggiare.

 

CARTESIO

 

A chi è della mia generazione e ha fatto allora il liceo classico cer­tamente sarà accaduto di aver portato come materia dell'esame di fi­losofia la lettura del Discorso sul metodo del grande Cartesio, pensa­tore francese decisivo (nel bene e nel male) per la cultura moderna.

 

È appunto da quell'opera, pubblicata nel 1637, che ho tratto l'osser­vazione sopra citata. Essa mi sembra adatta a questi giorni estivi nei quali anche gli italiani, notoriamente popolo di non lettori, decidono solennemente di affrontare l'ardua impresa di leggere un libro.

 

Cartesio comincia a mettere subito i paletti con quella delimitazio­ne dei «buoni libri». Un suo collega inglese, Francesco Bacone, ammo­niva giustamente che «alcuni libri vanno assaggiati, altri inghiottiti, pochi masticati e digeriti».

 

E purtroppo non è detto che il libro che avete tra le mani meriti quest'ultimo trattamento. Superato l'ostacolo della scelta, Cartesio fa un'altra considerazione. Leggendo «buoni li­bri», si stabilisce una sorta di dialogo coi grandi che quelle opere han­no composto. Il libro vero non lascia mai indifferenti, dalla sua lettura non si esce indenni.

 

Ed ecco, allora, l'ultima nota del filosofo: leggere è come aver fatto un viaggio nel tempo e nello spazio, pur rimanendo nella quiete del proprio luogo. Con la lettura gli orizzonti si allargano, la mente s'arricchisce, lo spirito si fa più sensibile e aperto.

 

Gianfranco Ravasi

 
 
 

NOTIZIE UTILI/ Pensioni, agli invalidi totali aumenti. Chi innaffia le piante facendo cadere l’acqua negli appartamenti

Post n°26839 pubblicato il 12 Agosto 2020 da forddisseche

NOTIZIE UTILI/ Pensioni, agli invalidi totali aumenti. Chi innaffia le piante facendo cadere l’acqua negli appartamenti sottostanti, chi pulisce il terrazzo dagli escrementi del proprio animale, facendoli defluire nello scarico incorre in un reato.  

 
 

Aumentano le pensioni di in­validità, ma non per tutti. Lo ha previsto il Decreto Agosto dopo la sentenza del­la Corte Costituzionale dello scorso giu­gno. Si dovrebbe passare dai 285,66 euro attuali fino a 651,50 euro al mese per tredici mensilità per i soli invalidi civili totali che abbiano compiuto i 18 anni (in luogo dei 60 richiesti dalla normativa vigente) e che non godano, in partico­lare, di redditi non superiori a 8.422,85 euro all’anno (14.396,72 euro se c’è anche il coniuge). Nessun cambiamento, dun­que, per invalidi non al 100%.

 

Il diritto allo smart working, nel caso di lavoratori genitori con almeno un figlio minore di 14 anni, previsto dal decreto Rilancio, vale solo fino al 14 set­tembre. Con la riapertura delle scuole verrà meno la ragion d’essere della pre­visione adottata proprio per consentire ai genitori di conciliare la cura dei figli, costretti a casa. Dopo il 14 settembre (e fino al 15 ottobre), gli unici lavoratori che potranno proseguire in smart wor­king sono i disabili gravi o coloro che hanno un disabile grave nel proprio nu­cleo familiare, nonché quelli che, sulla base di una valutazione del medico com­petente, siano maggiormente esposti a rischio di contagio, in ragione dell'età o della condizione derivante da immunodepressione, da esiti di patologie onco­logiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o, comunque, da altre malattie in corso.

 

L'assicurazione con­tro gli infortuni sul lavoro comprende anche l’infortuno in itinere, che avvie­ne: durante il tragitto compiuto per rag­giungere, dalla propria abitazione, il luogo di lavoro; durante il tragitto com­piuto per recarsi da un luogo di lavoro a un altro; durante il tragitto necessario per la consumazione dei pasti in assenza di mensa aziendale. L’Inail ha ammesso che, a determinate condizioni, sia ri­sarcibile anche l’infortunio in itinere occorso nel tragitto casa-lavoro inter­rotto o deviato per accompagnare il pro­prio figlio a scuola.

 

Lanciare secchi d’acqua, carta strac­cia e mozziconi di sigaretta dal balcone è reato che prevede l’arresto fino a un mese o ammenda fino a 206 euro. La legge è chiara: «Chiunque getta o versa, in un luogo di pubblico transito o in un luogo privato ma di comune o di altrui uso, cose atte a offendere o imbrattare o molestare persone nei casi non consen­titi dalla legge incorre nel reato di im­brattamento anche quando la condotta contestata non cagioni un effettivo no­cumento». Chi innaffia le piante facendo cadere l’acqua mista a terriccio negli appartamenti sottostanti o chi, nell’in­tento di pulire il terrazzo dagli escre­menti del proprio animale, fa defluire gli stessi attraverso il foro di scarico nel fondo sottostante incorre nello stesso reato.

 

Buone notizie per i clienti WindTre che a breve non dovranno presentare alcuna richiesta per cessare gli even­tuali servizi a pagamento attivati. In ugual modo non sarà possibile sotto­scrivere servizi a pagamento direttamente dalle finestre del browser quando si utilizza il cellulare per la navigazione su internet, ma sarà necessario contat­tare il call center per procedere all’at­tivazione. Spesso l’utente attiva invo­lontariamente un servizio a pagamento solo scorrendo una pagina sul web e cliccando per errore su una minuscola casella di spunta o su una pagina in trasparenza: in questo modo si incorre in costi indesiderati, magari residuali pertanto ricorda ai consumatori di pre­stare sempre la massima attenzione nel­la navigazione su internet e comunque di procedere all’annullamento del ser­vizio non appena ci si renda conto dell’errore.

 

L’Uniconsum ha presentato un espo­sto all’Antitrust a seguito delle nume­rose segnalazioni di consumatori im­possibilitati a utilizzare il bonus vacan­ze per via dell’imposizione di vari osta­coli per la sua fruizione, posti da diverse strutture ricettive sparse sul territorio regionale. Le strutture che sono libere di non accettare il bonus, ma non possono agire operando vere speculazioni in danno dei consumatori. Secondo l’as­sociazione ci sono truffe messe in atto da diverse strutture alberghiere e villaggi turistici che, pur accettando il bonus-va­canze, hanno aumentato a dismisura i costi dei soggiorni, vanificando l'incen­tivo ministeriale.

 
 
 

"10° Rally Porta del Gargano" (5-6 settembre 2020): aperte le iscrizioni per gli equipaggi

Post n°26838 pubblicato il 12 Agosto 2020 da forddisseche

"10° Rally Porta del Gargano" (5-6 settembre 2020): aperte le iscrizioni per gli equipaggi ed adottato un piano di sicurezza anti covid-19  

  
 

Procede spedita a tutta velocità l'organizzazione del “Rally Porta del Gargano - CRZ” che quest'anno taglia l'importante traguardo della sua decima edizione. In programma il 5 e 6 settembre pv, anche nella versione Historic (5^ed.), l'attesissimo evento rientra nel calendario della "Coppa Italia Rally di Zona", "Trofeo Renault" e "Michelin Cup" e si disputerà nel pieno rispetto delle norme anti Covid-19 per equipaggi, addetti ai lavori e pubblico. 

 

Il primo atto ufficiale della 10^ edizione è stato l'apertura delle iscrizioni giovedì 6 agosto. Gli equipaggi possono consultare l’apposita sezione del sito web ACI SPORT o il seguente link del rinnovato portale ufficiale del “Rally Porta del Gargano” https://www.rallyportadelgargano.it/areaconcorrenti.php, dove è possibile iniziare a scoprire anche le prime novità di quest’anno, i cui dettagli saranno illustrati in una conferenza stampa ad inizio settembre c/o il “Grand Hotel Vigna Nocelli” (Lucera). 

 

Attesi equipaggi, anche con scuderie e vetture rinomate, da tutt'Italia per quello che è uno degli appuntamenti più importanti del motorsport del Sud Italia con i suoi tracciati molto tecnici, paesaggi incantevoli ed il blasone storico della competizione. Un'ennesima occasione anche di promozione e valorizzazione turistica del territorio. 

 

Come annunciato qualche settimana fa il “10° Rally Porta del Gargano – CRZ” può contare sul sostegno all'organizzazione del Comune di Foggia e, pertanto, le cerimonie di partenza (sabato 5 settembre ore 18.30) ed arrivo e premiazione (domenica 6 settembre alle ore 18) si svolgeranno nel capoluogo dauno c/o Palazzo di Città. Ritornano nell'area mercatale "Scaloria" a Manfredonia il Parco Assistenza e la Sala Stampa. 

 

Confermate le Prove Speciali "Macchia – Monte Sant'Angelo" (prima partenza alle ore 7.30 di domenica 6) e "Gargano" (Monte Sant'Angelo – Foresta Umbra); entrambe le prove saranno ripetute tre volte ciascuna. Immancabile sarà anche lo shakedown, in programma sabato 5 settembre (ore 10.30) sulla Mattinata – Monte Sant'Angelo (1° tratto), con la nuova formula di suddivisione per gruppi di autovetture. 

 

Nei prossimi giorni saranno rese note anche le normative di comportamento di sicurezza ed anti Covid-19 che equipaggi, addetti ai lavori e pubblico dovranno necessariamente rispettare per consentire la buona riuscita della manifestazione. 

 
 
 

Giro-E, edizione 2020 dal 4 al 25 ottobre. Partenza da Caltanissetta, 20 le tappe previste sulle strade e nei giorni del Giro d

Post n°26837 pubblicato il 12 Agosto 2020 da forddisseche

Giro-E, edizione 2020 dal 4 al 25 ottobre. Partenza da Caltanissetta, 20 le tappe previste sulle strade e nei giorni del Giro d’Italia. Sabato 10 ottobre la tappa Marina del Gargano – Vieste -  

  
 

Venti tappe. Solo una in meno di Sua Maestà il Giro d’Italia. Questa la novità di Giro-E 2020, che rispetto ai programmi di inizio anno guadagna due tappe e cede alla corsa dei professionisti solo la cronometro di Palermo.

Saranno proprio gli incantevoli panorami della Sicilia a dare il via, per la seconda volta in sole tre edizioni, al Giro-E, che già nell’edizione zero del 2018 era scattato dalla Trinacria. Quella volta fu Catania, questa sarà Caltanissetta, il 4 ottobre. Traguardo, come previsto, a Milano, il 25 ottobre, con la crono finale da Cernusco sul Naviglio al centro del capoluogo lombardo, dopo avere percorso oltre 1500 chilometri, con una media di 75 chilometri a tappa, per un dislivello positivo complessivo di circa 26 mila metri.

Nell’anno del boom della bicicletta a pedalata assistita e del ritorno degli italiani all’utilizzo delle due ruote come mezzo di trasporto alternativo, Giro-E non sarà solo un festival di emozioni e di esperienze per i partecipanti, ma anche un messaggio forte in tema di mobilità sostenibile per le città e i luoghi che attraverserà e per tutti gli appassionati che lo seguiranno sui molti media a copertura dell’evento.

“Siamo orgogliosi di confermare l’edizione 2020 di un evento che per innovazione e ricchezza di contenuti è unico al mondo e ci sta dando grandi soddisfazioni”, commenta Paolo Bellino, amministratore delegato di RCS Sport“Come il Giro d’Italia, anche il Giro-E rappresenterà quest’anno un momento importante della ripartenza del nostro Paese. Questo format che coniuga la bellezza dell’Italia con lo sport e la mobilità sostenibile è sempre di più l’ambasciatore di una nuova consapevolezza green”.

Giro-E è l’unico evento a tappe al mondo riservato alle bici a pedalata assistita. Una e-bike experience che si svolge sulle strade del Giro d’Italia nei giorni del Giro d’Italia e offre ai partecipanti le emozioni della Corsa Rosa: il foglio firma alla partenza, la conquista di una delle sette maglie in palio, la premiazione sul podio dei campioni, una hospitality riservata all’arrivo. Oltre alla straordinaria opportunità di pedalare accanto a leggende del ciclismo come Gianni Bugno o Fabiana Luperini, a campioni di altri sport o manager appassionati di ciclismo.

 

Il format, creato da RCS Sport, già organizzatore del Giro d’Italia, giunge quest’anno alla seconda vera edizione, dopo la numero zero del 2018. Un’idea che ha fatto da traino a un movimento, quelle delle e-road, che allora non esisteva: dall’unico marchio di bici per un gruppo limitato a venti ciclisti del primo anno, si è passati ai sei marchi e gli oltre 500 ciclisti coinvolti del 2019.  Una crescita vertiginosa che è andata di pari passo con l’esplosione del mercato delle e-bike. Il segreto è l’esperienza, unica, che consente di vivere il Giro dall’interno, oltre a poter scoprire la bellezza del nostro Paese.

Merito delle bici a pedalata assistita, che consentono a tutti di superare salite mozzafiato e rendono il Giro-E un banco di prova eccezionale per i costruttori di motori, batterie e telai. Tra le novità dell’edizione 2020, la diminuzione della lunghezza delle tappe (compresa tra i 65 e i 110 chilometri), la presenza delle cronometro, una crescente attenzione all’efficienza energetica dei team (premiata con una maglia ad hoc) e città di partenza dedicate. Dall’Etna al Sestriere, sarà una vera e propria immersione nel mondo Giro, grazie alla possibilità di transitare sul percorso e al traguardo poco prima dei professionisti. L’Italia fuori dei luoghi comuni, scenari grandiosi e tante salite. Come quelle, iconiche, che conducono al Colle dell’Agnello o ai 2758 metri del Passo dello Stelvio, Cima Coppi 2020, la più alta della Corsa Rosa.