Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

laboratoriotvforddissechezeronuvolettaSifacreditopauradifarmaleLalla3672sanvassmassimo.sbandernogrinco1953HOT3NOT3liguoripasqualegloglogloriettatr20140demis888
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Messaggi del 15/09/2020

Vieste, Peschici, Manfredonia, Rodi Garganico, Vico, Termoli, Vasto, Legambiente, Italia Nostra e WWF al TAR contro il decreto

Post n°27055 pubblicato il 15 Settembre 2020 da forddisseche

Vieste, Peschici, Manfredonia, Rodi Garganico, Vico, Termoli, Vasto, Legambiente, Italia Nostra e WWF al TAR contro il decreto del Ministero che autorizza l’inizio delle attività petrolifere nel basso Adriatico.  

  
 

La Regione Puglia, i Comuni di Vieste, Peschici, Manfredonia, Rodi Garganico, Vico Garganico, Termoli, Vasto, Legambiente, Italia Nostra e il WWF impugneranno, davanti al TAR del Lazio, il decreto del Ministro dell’Ambiente e dei Beni Culturali che autorizza l’inizio delle attività petrolifere nel basso Adriatico. Lo riporta abruzzo.cityrumors.it. 

 

Per Maria Rita D’Orsogna, Docente al Dipartimento di Matematica della California State University a Northridge, “sussiste parallelamente una concessione del tutto simile, la d507, con cui la Petroceltic intende iniziare attività esplorativa con l’obiettivo finale di estrarre idrocarburi al largo delle costa di Pescara, Montesilvano e Francavilla.

 

Colpisce molto la differenza fra l’attivismo delle amministrazioni del basso Abruzzo, Molise e Puglia rispetto al quasi totale silenzio di quelle del pescarese di fronte a questa nuova minaccia per la salute, per il turismo e per la pesca, e come sempre colpisce il silenzio assordante della Regione Abruzzo sul tema petrolio”.

 

statoquotidiano.it

 
 
 

"Uniti per Rocco", raccolta fondi per contribuire a finanziare le cure a Rocco Augelli

Post n°27054 pubblicato il 15 Settembre 2020 da forddisseche

"Uniti per Rocco", raccolta fondi per contribuire a finanziare le cure a Rocco Augelli  

  
 

Dirigenti, allenatori, compagni di squadra e tifosi di Rocco Augelli si incontreranno il prossimo 28 settembre al Riccardo Spina per un evento intitolato “Uniti per Rocco”. L’iniziativa, partita dai suoi amici storici, in primis Francesco Sollitto, ha lo scopo di raccogliere fondi da destinare alle cure che il bomber di San Giovanni Rotondo sta sostenendo nella dura lotta contro una particolare forma tumorale, lotta che va avanti da oltre un anno. Immediata ed unanime è stata la risposta dei giocatori che con Rocco hanno condiviso gioie e delusioni nei tanti campionati disputati, tutti disposti a raggiungere Vieste per dare il proprio contributo a questa iniziativa.

 

Ad annunciare e a dare appuntamento a “Uniti per Rocco” è stato proprio Francesco Sollitto, attuale capitano dell’Atletico Vieste dopo aver ereditato la fascia proprio da AR7. Il rapporto che li lega va ben oltre quello che si crea tra compagni di squadra; è ancora viva in tutti l’emozione vissuta qualche mese fa quando, al termine della gara dello scorso campionato tra Atletico Vieste e San Marco in Lamis, Francesco ha abbracciato Rocco e gli ha “restituito” la fascia.

 

Vogliamo regalarti qualcosa di SPECIALE – ha scritto Francesco Sollitto nel post pubblicato sui social con cui ha annunciato l’evento - con la presenza di tutti coloro che hanno condiviso con te quel rettangolo di gioco che tu AMI alla follia. Ci saranno i tuoi PRESIDENTI, i tuoi MISTER e sopratutto i tuoi compagni di SQUADRA con cui hai condiviso momenti MAGICI. E poi ci saranno loro i tuoi TIFOSI, quelli che hai fatto gioire troppe volte con le tue giocate e con i tuoi fantastici GOAL. Saremo in tanti, ne sono certo hai promesso che farai di tutto per essere PRESENTE, non sarà facile ma noi ti aspettiamo, e se non sarà possibile ci sarà una diretta FACEBOOK solo per te”.

 

Il biglietto di ingresso ha un prezzo simbolico, appena 5 Euro, praticamente niente rispetto al valore che questa iniziativa assume e alle emozioni che si vivranno. Sono acquistabili esclusivamente in prevendita presso l’Agenzia Intralot, la rivendita di tabacchi “La nove” sul lungomare Europa e la pizzeria “Il fornaio” all’ingresso di Piazza Vittorio Emanuele. Come si diceva in precedenza, l’intero ricavato sarà versato sul conto corrente che i familiari di Rocco hanno attivato per coprire le ingenti spese necessarie per garantire il prosieguo delle cure a cui si sta sottoponendo. La raccolta fondi, partita da un paio di settimane su iniziativa della fidanzata Carmela Gorgoglione, ha permesso di raccogliere finora la considerevole (ma non ancora sufficiente) somma di oltre 156.000 Euro grazie alle donazioni di quasi 4000 persone, a dimostrazione del grande affetto e della stima che Rocco ha saputo conquistare in questi anni. Dopo essersi sottoposto alle cure negli ospedali della zona, in questo lungo e travagliato anno, Rocco (sempre accompagnato dal suo gemello Paolo e da Carmela) si è recato spesso in una clinica di Trento ed attualmente è sottoposto ad una cura sperimentale particolarmente costosa presso un’importante ospedale tedesco.

 

L’appuntamento è per lunedì 28 settembre alle 16 al Riccardo Spina, quando saremo tutti “Uniti per Rocco”.

 
 
 
 
 

"VOCI E VOLTI" - Periodico dell'Arcidiocesi Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo - Settembre 2020

Post n°27052 pubblicato il 15 Settembre 2020 da forddisseche

"VOCI E VOLTI" - Periodico dell'Arcidiocesi Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo - Settembre 2020  

  
 

Cari amici,

 

BENTROVATI!

 

Buon anno pastorale e buona ripresa delle attività in compagnia di VOCI e VOLTI che nell’attuale orizzonte in cui la Chiesa guarda sempre più ad extra declina la sua “mission”, sforzandosi di essere sempre più luogo di riflessione e confronto, incontro e approfondimento, ascolto e conoscenza del territorio: elementi fondamentali per far conoscere la vitalità della nostra Chiesa del Gargano.

 

Ci spendiamo con la passione di sempre dentro i contesti che amiamo, ben sapendo che abbiamo tra le mani un “tesoro” composto da due cose: carta e riflessioni. Il segreto sta nel riempirle entrambe dei contenuti e dei valori della “Buona Notizia”, mai tramontanti e pieni di quell’umanesimo che vogliamo condividere con gli altri.

 

Buona lettura

 

dr Alberto Cavallini, direttore di VOCI e VOLTI 

 
 
 

Vieste/ Servizio scuola bus anno scolastico 2020/2021, aperte le iscrizioni.

Post n°27051 pubblicato il 15 Settembre 2020 da forddisseche

Vieste/ Servizio scuola bus anno scolastico 2020/2021, aperte le iscrizioni.  

  
 

Sono aperte le iscrizioni al Servizio comunale di Scuolabus, dedicato agli alunni frequentanti la scuola Primaria e Secondaria di 1° grado.

 

I genitori interessati dovranno compilare l’apposito modulo, scaricabile da questo sito ed allegato alla presente, e presentarlo con allegata copia della dichiarazione ISEE – relativa ai redditi 2019 -, copia del documento di riconoscimento del firmatario dell’istanza, e ricevuta del versamento della quota abbonamento, la cui somma è desumibile dallo stesso modulo di iscrizione.

 

La richiesta dovrà essere presentata, in via telematica all’indirizzo: protocollo@pec.comune.vieste.fg.it, oppure direttamente presso il servizio di portineria del Palazzo di Città, entro venerdì 25 settembre 2020.

Il testo integale del'avviso e il modulo per presentare la domanda sono scaricabili a questo link: SERVIZIO SCUOLA BUS ANNO SCOLASTICO 2020/2021

 
 
 

Vieste/ Libri di Testo a.s. 2020-2021 per i contributi la domanda scade il 30 settembre

Post n°27050 pubblicato il 15 Settembre 2020 da forddisseche

Vieste/ Libri di Testo a.s. 2020-2021 per i contributi la domanda scade il 30 settembre  

  
 

Con Atto del Dirigente della Sezione Istruzione e Università n.83 del 7 settembre 2020 è stato adottato l’Avviso straordinario per l’accesso al contributo relativo alla fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo da parte degli studenti e studentesse delle scuole secondarie di 1^ e 2^ grado, appartenenti a nuclei familiari con soglia ISEE entro il limite di 10.632,94 euro, e che non abbiano presentato istanza con il precedente Avviso.

 

La presentazione delle istanze on line sulla piattaforma www.studioinpuglia.regione.puglia.it è possibile fino alle ore 14:00 del 30 settembre 2020.

 
 
 

S. Nicandro Garganico/ Il “Feudo Belvedere” entra nel Registro dei paesaggi rurali

Post n°27049 pubblicato il 15 Settembre 2020 da forddisseche

S. Nicandro Garganico/ Il “Feudo Belvedere” entra nel Registro dei paesaggi rurali  

  
 

 L’Osservatorio nazionale dei paesaggi rurali, nella riunione di mercoledì 9 settembre, ha favorevolmente esaminato la candidatu­ra del paesaggio storico rurale del feudo Belvedere, per la quasi to­talità appartenente al patrimonio della Asp Zaccagnino, di San Nica­ndro Garganico.

 

La candidatura è stata pre­sentata nell’occasione dalla pres­idente Patrizia Lusi, accompagna­ta dal direttore generale Augusto Ferrara e dall'archeologo Feliciano Stoico, che ha redatto il relativo dossier e lo ha illustrato all’Osser­vatorio mettendone in rilievo pecu­liarità e valenze.

 

Dopo l’annuncio del positivo esame della candidatura, la direzi­one ministeriale preposta ha comunicato l’avvenuto inserimento del feudo Belvedere sul sito istituz­ionale della Rete rurale nazionale, in attesa dell’emanazione del con­seguente decreto di iscrizione nel Registro Nazionale.

 

Si tratta di un auspicato ed importantissimo riconoscimento, fortemente voluto dalla presiden­te dell’Asp Patrizia Lusi, che è ri­uscita così a portare a compimen­to il primo ed essenziale passo di un protocollo di intesa sottoscrit­to il 10 febbraio 2017 tra la stessa Zaccagnino, che ha assunto il ruo­lo di ente capofila, l’Ente Parco Na­zionale del Gargano, l’Università di Foggia - Dipartimento di Scien­ze Agrarie, e i Comuni di San Nicandro Garganico, Apricena, Lesi­na e Poggio Imperiale.

 

Il feudo Bel­vedere rappresenta “un anfiteatro naturale con un ampio confine vi­sivo sul lago di Lesina e, a coro­na, il sistema dei pendìi arborati che conducono all’altopiano carsi­co dell’area più interna, attraverso valloni più o meno incisi e profon­di”; in un contesto caratterizzato dalle particolari formazioni pro­miscue di pascolo arborato per la presenza dell’olivo (ogliarola garganica), spicca l’allevamento bra­do della razza bovina podolica, in grado di fornire maggiore impul­so a filiere tradizionali le cui pro­duzioni (carne, latte e formaggi) sono oggi assai apprezzate (non­ché presidio del gusto riconosciu­to dall’associazione “Slow Food”).

 

La significatività dell’area, ricorda la Presidente Lusi, “è legata alla persistenza storica dell’impianto rurale del tenimento teutonico di Belvedere, che vede permanere in­tegra, per otto secoli, la struttura del fondo rustico attraverso gii el­ementi agrari che lo compongono continuando a privilegiare il pas­colo. L’elevato grado di conservazione si evince dalla conservazi­one di tutti gli elementi struttura­li (muretti a secco, aree di pasco­lo, cisterne, alberi monumenta­li, mulini, grangia monastica, cor­si d’acqua, cippi confinari) che fu­rono creati nel medioevo ed anco­ra oggi sono parte integrante del paesaggio del Feudo. Non di meno sono importanti i ruderi di Santa Maria di Selva la Rocca, testimoni­anza di un passato ancora vivo nel­la memoria delle comunità locali e da recuperare alla fruizione pub­blica come bene significativo del­la storia e della religiosità popo­lare.

 

Lusi ha sottolineato come questo riconoscimento debba es­sere uno sprone tra le istituzi­oni del territorio per agire in sin­ergia, e programmare le iniziative condivise successive a questo pri­mo traguardo. Solo così, ha rimar­cato, sarà possibile “l’effettiva val­orizzazione del sito, sotto i diver­si profili della valenza storica, ambientale, paesaggistica, della tute­la e fruizione dei beni archeologi­ci medievali legati alle vie dei pel­legrini e dei cavalieri teutonici”, e “cogliere ogni opportunità anche ai fini dello sviluppo di una economia sostenibile del territorio”, facendo risaltare adeguatamente gli aspetti agroturis­tici e puntando sulla ricer­ca scientifica legata all’ag­ricoltura per farli divenire attrattori di sviluppo.

 

Queste azioni, ha poi sottolin­eato Patrizia Lusi, “hanno bisogno del pieno coinvolgimento del terri­torio, nelle sue più ampie espres­sioni - aziende, associazioni, stu­diosi, semplici cittadini - per poter trasformare le potenzialità offerte in concrete occasioni di crescita e di consolidamento della qualità della vita”. A breve, ha infine an­nunciato la Presidente Lusi, “sarà convocato un incontro operativo di tutti i partner per delineare il per­corso futuro da compiersi nella di­rezione indicata”.