Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheLUPOGATTO222tempestadamore_1967laboratoriotvStratocoversvecchietto0Signorina_Golightlymichele.procewhiskynsodaReCassettaIIcassetta2Vincent2504simona_77rmnurse01
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Messaggi del 20/02/2021

REGIONE/ DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA L’ORDINANZA DEL PRESIDENTE EMILIANO CON DECORRENZA DA LUNEDÌ 22 FEBBRAIO FINO AL 5 MARZO

Post n°27804 pubblicato il 20 Febbraio 2021 da forddisseche

REGIONE/ DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA L’ORDINANZA DEL PRESIDENTE EMILIANO CON DECORRENZA DA LUNEDÌ 22 FEBBRAIO FINO AL 5 MARZO 2021

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha emanato questa mattina l’ordinanza n.56 “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid – 19”.

L’ordinanza dispone con decorrenza da lunedì 22 febbraio e sino a tutto il 5 marzo 2021:

–       le Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado e i CPIA adottano forme flessibili dell’attività didattica in modo che il 100% delle attività scolastiche sia svolto in modalità digitale integrata (DDI), secondo quanto previsto dal DM 89/2020 recante l’adozione delle Linee guida sulla Didattica Digitale Integrata di cui al Decreto del Ministro dell’Istruzione 26 giugno 2020 n.39, riservando, sulla base della valutazione dell’autonomia scolastica, l’attività didattica in presenza agli alunni per l’uso di laboratori qualora sia previsto dall’ordinamento, o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

–       È data facoltà alle Istituzioni Scolastiche di ammettere in presenza gli alunni che, per ragioni non diversamente affrontabili, non abbiano la possibilità di partecipare alla didattica digitale integrata, purché, complessivamente, non venga superato il limite del 50% della popolazione scolastica per ogni singola classe o sezione d’infanzia.

–       Le Istituzioni Scolastiche devono comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio Scolastico Regionale e al Dipartimento della Salute, attraverso la procedura predisposta sulla piattaforma www.studioinpuglia.regione.puglia.it, il numero degli studenti e il numero del personale scolastico positivi al COVID-19 o in quarantena, nonché tutti i provvedimenti di sospensione dell’attività didattica adottati a causa dell’emergenza Covid. 

–       Le istituzioni scolastiche devono garantire, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, le adeguate condizioni utili a consentire una idonea  erogazione e fruizione della didattica digitale integrata. Ogni conseguente adempimento, ove necessaria una implementazione tecnologica ai fini della suddetta idonea erogazione e fruizione della didattica digitale integrata, deve avvenire con l’urgenza del caso.

–       La presente Ordinanza è pubblicata sul BURP, nonché inserita nella Raccolta Ufficiale dei Decreti e delle Ordinanze del Presidente della Giunta Regionale; viene trasmessa, per gli adempimenti di legge, al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro della Salute, al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, al Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, ai Prefetti delle province ed ai Sindaci dei comuni pugliesi.

Avverso la presente Ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla pubblicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi.

Dichiarazione del Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano:

“La variante inglese del coronavirus così come le altre varianti che man mano si stanno registrando in Italia, rappresentano un nuovo elemento di pericolosità per la salute pubblica, come ci dicono gli esperti, perché si trasmettono molto più velocemente. Con la nuova ordinanza sulla scuola cerchiamo di trovare un punto di equilibrio tra i due diritti costituzionali alla salute e all’istruzione.

Dobbiamo da un lato assolutamente limitare la circolazione del virus in queste settimane per evitare scenari imprevedibili e critici. La regola base è utilizzare per due settimane la didattica digitale integrata in tutte le scuole di ogni ordine e grado. Ma al contempo va garantito il diritto all’istruzione a quegli studenti che per bisogni educativi speciali, disabilità, attività di laboratorio essenziali per la loro formazione, o per esigenze familiari non diversamente affrontabili, hanno assoluta necessità di frequentare in presenza le lezioni: per questi casi, le istituzioni scolastiche potranno aprire alla presenza sino a un massimo del 50% per classe.

Da oggi sono partite le vaccinazioni del personale scolastico della scuola, fatto questo di fondamentale importanza. Avendo già i vaccini e avendo la possibilità della didattica digitale integrale rischiare la salute – soprattutto di insegnanti e operatori scolastici che per età sono più esposti alle conseguenze del covid – sarebbe irresponsabile. Essi hanno sino ad oggi consentito la didattica in presenza a chi lo chiedeva, mettendo a rischio la loro vita. Adesso è arrivato il momento di vaccinarli prima di esporli nuovamente ai pericoli legati alle varianti del covid.

Comprendo le difficoltà delle famiglie e del mondo della scuola, ma lo sforzo che si sta facendo è finalizzato alla tutela e al bene di tutti. Questa ordinanza è stata ampiamente discussa e meditata con i sindacati della scuola, alla fine abbiamo trovato in questo testo il punto di intesa: li ringrazio per aver revocato lo sciopero indetto per lunedì che avrebbe provocato ulteriori disagi alle famiglie pugliesi”. 

Dichiarazione dell’assessore regionale alla Formazione e Lavoro, Diritto allo Studio, Scuola e Università, Sebastiano Leo:

“Si avvia con questa ordinanza una nuova importante fase per la scuola, che tocca non solo la frequenza delle alunne e degli alunni, in presenza piuttosto che a distanza, al fine di cautelare la loro  salute, ma che allarga lo  sguardo a tutta la scuola insieme a tutti gli operatori scolastici, per rendere concretamente e fattivamente la scuola pugliese una scuola “sicura”.

Una strategia che ha visto ancora una volta il Tavolo regionale svoltosi con le organizzazioni sindacali quale luogo centrale di confronto e dibattito perché è interesse della regione e mia in particolare cogliere tutte le possibili implicazioni che ogni decisione comporta e delle quali le organizzazioni sindacali costituiscono sicuramente un momento di osservazione privilegiato.

Con questa ordinanza non abbiamo voluto togliere una chance alle famiglie, ma ne abbiamo voluto dare una in più. Sono oltremodo consapevole dei sacrifici che le famiglie hanno dovuto sopportare in questi mesi, portando la scuola a casa con tutto quello che ciò implica.

Ora vogliamo che le famiglie possano riportare i loro figli a scuola quando il piano vaccinale sul personale si completerà per ogni singolo plesso, a partire dall’infanzia. In questo modo possiamo ridurre le occasioni di contagi.

È una strategia quindi mirata che sarà condotta per step, sulle 640 istituzioni scolastiche che contano circa 4000 punti di erogazione, cui si accompagneranno le ulteriori misure di accompagnamento e controllo già varate.

La nuova sfida è quindi non solo cautela, ma cautela in sicurezza”.

Dichiarazione dell’assessore regionale alla Sanità Pierluigi Lopalco:

 “C’è preoccupazione per la circolazione del virus fra bambini e giovani, ma anche una forte speranza nel ruolo della vaccinazione per far ripartire la società. La scuola, insieme agli altri servizi essenziali, è il cuore della nostra società: per questo motivo sarà nostro dovere accelerare questa fase del piano di vaccinazione”.

 
 
 

VALORIZZARE IL NOSTRO PATRIMONIO VERDE E NATURALISTICO

Post n°27803 pubblicato il 20 Febbraio 2021 da forddisseche

VALORIZZARE IL NOSTRO PATRIMONIO VERDE E NATURALISTICO

Il Recoveriy plan può rappresentare per il nostro Paese una grande opportunità per il rilancio socio-economico-ambientale, a partire dal recupero e salvaguardia del patrimonio verde oltre che idrogeologico e naturalistico esistente.

Tra le altre, un’opportunità potrebbe essere rappresentata dalla ZEA (Zona Economica Ambientale) per le quali il Ministero dell’Ambiente ha stanziato recentemente 40 milioni di euro di contributi straordinari per coniugare sviluppo e tutela del territorio, dando sostegno alle imprese che intendono impegnarsi in programmi o investimenti che rispettino l’ambiente prevedendo agevolazioni e vantaggi fiscali per chi voglia rilanciare attività imprenditoriali nei territori ricadenti nei Parchi eco-sostenibili per prevenire l’abbandono e il degrado ambientale. Peccato che questa misura, peraltro insufficiente, riguardi solo i Parchi Nazionali con l’esclusione dei Parchi regionali e delle riserve naturali.

Considerato che la Puglia è la regione con due Parchi Nazionali (Gargano e Alta Murgia che ospitano due siti UNESCO, la Riserva Naturale della Foresta Umbra e Castel del Monte), dodici Parchi Regionali e ventiquattro Riserve naturali potrebbe attivarsi per farsi promotrice di un programma straordinario mirato a migliorare sia la fruizione delle aree protette che la sicurezza delle stesse mediante l’implementazione dell’utilizzo di figure specifiche e speciali come i divulgatori e le guide ambientali, con l’individuazione e l’attivazione di punti di accoglienza straordinari, seppure temporanei, ove necessari, oltre a poter meglio organizzare logisticamente quelli già esistenti. Un programma che consenta di vivere spazi liberi e momenti di turismo altamente significativi sotto il profilo non solo salutistico e ambientale ma anche naturalistico ed enogastronomico tutelando e valorizzando le specifiche identità culturali ed enogastronomiche.

Peraltro, la mancata tutela e l’inadeguata “governance” del sistema naturalistico e paesaggistico delle aree boschive e di quelle protette, potrebbe portare ad un degrado ambientale e ad eventi catastrofici come incendi e disastri idrogeologici di cui purtroppo non ci possiamo ritenere esenti da responsabilità. Senza trascurare la grave alterazione degli equilibri dell’eco-sistema della Murgia e delle aree boschive provocato dal sovraffollamento della popolazione dei cinghiali.

La mancata tutela e valorizzazione dei territori boschivi diventa anche causa dello spopolamento e della desertificazione sociale che determina l’annullamento di ogni presidio del territorio e conseguentemente la mancata cura e vigilanza. Tutto ciò nonostante sia stata approvata la Legge 12 dicembre 2019 n. 141, che ha convertito in legge, con modificazioni, il Decreto-legge 14 ottobre 2019, n. 111 (cosiddetto Decreto Clima), recante “Misure urgenti per il rispetto degli obblighi previsti dalla direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell’aria e proroga del termine di cui all’articolo 48, commi 11 e 13, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229. (19G00148)” (GU n.292 del 13-12-2019). Infatti, le modifiche

relative all’art. 4 “Azioni per la riforestazione”, ai comma 4, 4-ter, 4-novies, rappresentano interessanti opportunità per interventi di riforestazione nelle aree naturali protette, che dovrebbero trovare nella regia regionale un ruolo fondamentale per l’individuazione delle più efficaci modalità di progettazione, attuazione e coordinamento con le altre istanze e norme regionale (una per tutte la compatibilità idraulica).

Ancor più, la norma citata, si presta bene ad una considerazione complessiva in relazione alle risultanze del “Terzo Rapporto sullo Stato del Capitale Naturale in Italia

– 2019” redatto dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Per queste ragioni, l’istituzione delle ZEA, ovvero le Zone Economiche Ambientali previste per i territori dei soli Parchi Nazionali andrebbe estesa anche a tutte le aree protette istituite ai sensi della legge 394, ampliandone l’applicazione delle agevolazioni e dei vantaggi fiscali anche ai territori ricadenti nei Parchi regionali (una precisa presa di posizione peraltro di FEDERPARCHI per estendere l’efficacia delle ZEA anche ai parchi regionali) per chi volesse intraprendere al loro interno attività imprenditoriali ecosostenibili. Per queste ragioni andrebbero avviate in tale senso, le necessarie interlocuzioni con il Ministero dell’Ambiente, affinché si possa anche pensare ad un nuovo paradigma dei Parchi e delle riserve naturali, le cui finalità possono orientarsi ad aggregare i territori intorno all’idea guida dei Distretti Rurali; oltre a dare vita ad un riallineamento territoriale dei sette “Distretti del Cibo” che la Puglia ha riconosciuto, rispetto alle aree naturali protette nazionali e regionali che, al momento, vede solamente il Parco Nazionale dell’Alta Murgia interessato da questa corrispondenza, mentre rimangono fuori tutte le altre aree protette nel territorio regionale, incluso il Parco Nazionale del Gargano.

Coordinatore regionale Puglia

Benedetto Miscioscia

 
 
 

Vieste – BEATIFICAZIONE DON ANTONIO SPALATRO, LA DOCUMENTAZIONE E’ RISULTATA CORRETTA E VALIDA

Post n°27802 pubblicato il 20 Febbraio 2021 da forddisseche

Vieste – BEATIFICAZIONE DON ANTONIO SPALATRO, LA DOCUMENTAZIONE E’ RISULTATA CORRETTA E VALIDA

Un altro passo importante è stato fatto nel’’ambito del processo di beatificazione di don Antonio Spalatro. La documentazione relativa a tale procedimento canonico è stata ritenuta corretta è valida. Ne ha dato notizia il postulatore don Giorgio Trotta: “Abbiamo ricevuto una gran bella notizia. E’ un primo importante gradino verso la santità. Sottolineeremo l’evento in modo degno non appena il Covid c’è lo permetterà. Il Cielo è con noi. Preghiera e richiesta di grazie per la santità del Servo di Dio”.

 
 
 

Scuola in Puglia, arriva l’ordinanza: lezioni da casa per tutti per 15 giorni

Post n°27801 pubblicato il 20 Febbraio 2021 da forddisseche

Scuola in Puglia, arriva l’ordinanza: lezioni da casa per tutti per 15 giorni

Con la nuova ordinanza regionale sulla scuola che sarà pubblicata a breve “abbiamo eliminato l’opzione” della frequenza in presenza a scelta e “stiamo limitando al massimo la didattica in presenza per dare la possibilità a tutto il personale scolastico di vaccinarsi e ritornare a fare didattica in presenza più in sicurezza. Quindi stiamo parlando di portare la didattica digitale integrata (Ddi) al 100%”.

Lo ha spiegato l’assessore alla Salute della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, a margine dell’avvio della campagna vaccinale degli operatori scolastici di Bari.
    L’ordinanza varrà fino al 5 marzo, quando ci sarà il nuovo Dpcm.

 
 
 

VACCINAZIONI ANTICOVID – Ecco dove e quando saranno effettuate nel Gargano Nord

Post n°27800 pubblicato il 20 Febbraio 2021 da forddisseche

VACCINAZIONI ANTICOVID – Ecco dove e quando saranno effettuate nel Gargano Nord

338

Così come preannunciato, da lunedì, 22 febbraio, prenderà il via la cosiddetta “Fase 2” delle vaccinazioni antiCovid, riservate ai cittadini ultraottantenni e al personale scolastico.

 

Nell’ambito del distretto sanitario di Vico del Gargano, che comprende i comuni di Vieste, Peschici, Rodi, Vico, Ischitella, Carpino, Cagnano Varano, Isole Tremiti, l’Asl Foggia ha individuato, in collaborazione con i vari Comuni, le strutture ove procedere alle vaccinazioni che, si chiarisce, saranno inoculate solo ai soggetti che hanno regolarmente prenotato attraverso i vari servizi messi a disposizione da Regione e Asl.

 

Di seguito il calendario delle operazioni vaccinali nei vari Comuni, predisposto dalla Asl in collaborazione con il Distretto sanitario del Gargano Nord.

 

Vieste: dal 22 al 27 febbraio: dalle ore 8:00 alle ore 20:00. Dal 1° marzo: nei giorni di lunedì, mercoledì, venerdì, dalle ore 15:00 alle ore 18:00. Sede hub: palestra scuola primaria “Delli Santi”, in viale dell’Antico Porto Aviane;

 

Vico del Gargano: dal 22 febbraio: nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 15:00 alle ore 18:00;

 

Cagnano Varano: 27 febbraio (sabato): dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 13:30 alle ore 19:00; 28 febbraio (domenica): dalle ore 9:00 alle ore 13:00;

 

Carpino: 6 marzo (sabato) dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 13:30 alle ore 19:00;

 

Rodi Garganico: 7 marzo (domenica) dalle ore 9:00 alle ore 14:00;

 

Ischitella: 13 marzo (sabato) dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 13:30 alle ore 19:00;

 

Peschici: 14 marzo (domenica) dalle ore 9:00 alle ore 14:00.

 

SI ribadisce che le vaccinazioni saranno inoculate solo agli ultraottantenni che avranno richiesto la prenotazione attraverso i seguenti numeri telefoni della Asl: 0881/312174 – 800938810 – 800466222 (Cup provinciale). E’ possibile prenotare anche attraverso il portante “Puglia Salute” o presso le farmacie del territorio.