Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheEremoDelCuorelaboratoriotvletizia_arcurivalentinodspiterx0surfinia60donmichelangelotondodonatonatolapasquale.pato7franco61rilraggiodisole21riccardo.padoastud10
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Messaggi del 15/10/2021

VIESTE – Allestimento cantiere, al via il restauro della torre di San Felice Il Ott 15, 2021

Post n°28737 pubblicato il 15 Ottobre 2021 da forddisseche

VIESTE – Allestimento cantiere, al via il restauro della torre di San Felice 

 
143
 

Con l’allestimento del cantiere, hanno preso ufficialmente il via i lavori di restauro e conservazione della torre di San Felice, posta sull’omonima splendida baia, alla quale fa da cornice il singolare “architiello”, ormai famoso in tutto il mondo e uno dei simboli del turismo di Vieste e del Gargano intero.

 

Sarà l’impresa Basso Srl, con sede in Melfi (Pz) a restaurare e far tornare in vita l’imponente torre, una delle otto ubicate sulla costa di Vieste e fatte costruire, nel 1500 dal Viceré di Napoli, Pietro Toledo.   L’impresa lucana si è aggiudicata l’appalto dei lavori per complessivi 203.587,17 euro (su base di 280.848,58 euro), oltre oneri ed Iva.

 

La torre di San Felice, dunque, sta per tornare al suo antico splendore, grazie ad un finanziamento di ben 406 mila euro che il Comune di Vieste è riuscito ad ottenere ai fini del recupero e della valorizzazione dell’antico manufatto e dell’antistante piazzale.

 

A darne notizia, l’assessore ai Lavori Pubblici, Mariella Pecorelli, specificando che il finanziamento rientra nel progetto “CoHeN – Coastal Heritage Networh” Interreg Grecia – Italia 2014-2020, a cui il Comune di Vieste ha partecipato, proponendo il recupero della torre, particolarmente cara ai viestani. “Iniziano finalmente i lavori di recupero, interamente finanziati della Regione Puglia, della Torre San Felice – ha comunicato l’assessore Pecorelli – dopo l’aggiudicazione in via definitiva alla ditta Basso Srl.

Questo importante risultato per la comunità viestana che vedrà restaurato uno dei suoi simboli principali, mi emoziona molto.

 

Si concretizza un lungo lavoro durato tre anni, dalla possibilità di finanziamento fino all’aggiudicazione e all’inizio dei lavori, che dimostra ancora una volta la perseveranza di questa Amministrazione, attraverso la propria struttura, a raggiungere gli obiettivi prefissati, nell’interesse della comunità viestana e del territorio”.

 

Pochi i comuni pugliesi che sono riusciti ad ottenere i finanziamenti, grazie alla qualità dei progetti presentati. Oltre a Vieste, assegnatari sono stati Margherita di Savoia, Molfetta, Bari, Otranto e Ugento.

 

Questo tipo di finanziamento prevede tempi molto celeri per l’esecuzione dei lavori che cominceranno subito dopo l’estate dopo la formalizzazione burocratica degli atti.

 

Come sarà utilizzata la torre di San Felice una volta restaurata? Quali i programmi del Comune di Vieste in merito? Da tempo, a dire il vero, si pensa di trasformare la bellissima struttura in un centro polivalente di accoglienza turistica e piccolo museo. Una sorta di “biglietto da visita”, per i tanti ospiti che, prima di arrivare a Vieste, potrebbe essere informati compiutamente e dettagliatamente delle opportunità offerte dalla città e dal suo straordinario territorio. Un servizio pubblico, da affidare a personale specializzato e plurilingue, di rilevante importanza, assieme al recupero (unitamente al piazzale antistante, che potrebbe essere trasformato in un suggestivo belvedere) di un bene storico di grande valore culturale, troppo spesso mortificato dalla presenza di venditori ambulanti (abusivi), che squalificano il rinomato sito.

 
 
 

VIESTE – Don Gioacchino Strizzi festeggia 50 anni di sacerdozio, celebrazioni e conferenze Ultimo aggiornamento Ott 15, 2021

Post n°28736 pubblicato il 15 Ottobre 2021 da forddisseche

VIESTE – Don Gioacchino Strizzi festeggia 50 anni di sacerdozio, celebrazioni e conferenze 

 
58
 

Cinquant’anni di sacerdozio. Li festeggia don Gioacchino Strizzi, parroco della Basilica Cattedrale e Vicario episcopale per Vieste. Un traguardo importante per il sacerdote viestano che, in realtà, è stato raggiunto lo scorso 15 agosto, festa dell’Assunta, ma che si festeggerà, con solenni celebrazioni liturgiche e incontri culturali, la settimana prossima, nei giorni 18, 19 e 20 ottobre, ai quali don Gioacchino invita tutti a partecipare.

 

Il programma delle tre giorni prevede, per lunedì, 18 ottobre, alle ore 18:00, la solenne concelebrazione eucaristica, presieduta da S.E. Rev.ma mons. Nunzio Galantino, presidente amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica. A seguire la conferenza dello stesso presule sul tema “Il Sacerdote educatore di Comunità, di buoni Cristiani e onesti Cittadini”.

Martedì, 19 ottobre, alle ore 16:00, il programma prevede un momento di “adorazione eucaristica” guidata dai padri micaeliti del Santuario di Monte Sant’Angelo, e confessioni. Alle ore 18:00, la solenne concelebrazione eucaristica presieduta da S.E. Rev.ma mons. Domenico Umberto D’Ambrosio, vescovo emerito di Lecce. A seguire la conferenza dello stesso presule sul tema “Diario spirituale di Mons. Valentino Vailati”.

 

Mercoledì, 20 ottobre, alle ore 18:00 la solenne concelebrazione presieduta da S.E. Rev.ma Padre Franco Moscone, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo.

 
 
 

Completamento Superstrada del Gargano – Si fa sul serio, avviato dibattito pubblico Il Ott 15, 2021

Post n°28735 pubblicato il 15 Ottobre 2021 da forddisseche

Completamento Superstrada del Gargano – Si fa sul serio, avviato dibattito pubblico

229

Entro la fine del 2021 Anas avvierà il confronto con le istituzioni territoriali per discutere e condividere il nuovo progetto relativo alla Superstrada del Gargano.
Il commissario di Governo, ing. Vincenzo Marzi, ha avviato il procedimento per l’attivazione del dibattito pubblico per la realizzazione di un nuovo tratto stradale ricompreso nel sistema infrastrutturale della SS 693 (Strada Scorrimento Veloce del Gargano) e la SS 89 Garganica (Collegamento Vico del Gargano – Mattinata).
L’intervento, nel tratto che si sviluppa tra Vico del Gargano – Peschici – Vieste – Mattinatella, prevede la realizzazione di una nuova infrastruttura stradale ad una corsia per senso di marcia della lunghezza di circa 35 km, in parte in nuova sede ed in parte adeguando tratti delle infrastrutture esistenti.
L’obiettivo dell’intervento, di cui si discute da molto tempo, è di migliorare l’accessibilità al sistema insediativo della costa garganica attraverso il completamento del sistema infrastrutturale di connessione della SS 89 con l’Autostrada A14. Ad oggi, sono state infatti realizzate solo due tratte stradali di allacciamento della autostrada A14 con i centri di Mattinata (a sud) e di Vico Garganico (a nord), mentre resta da completare la restante parte dell’opera, che consentirebbe una migliore accessibilità all’area ed in particolare ad importanti centri turistici, come ad esempio Peschici e Vieste.
L’opera, per le sue dimensioni e costi d’investimento, rientra tra gli interventi da sottoporre a dibattito pubblico, così come previsto dalla normativa in vigore. La scelta di avviare il dibattito pubblico e il confronto con il territorio è dettata, inoltre, dalla volontà di affrontare in modo aperto e condiviso l’elevata complessità progettuale e realizzativa dell’opera al fine di individuare soluzioni tecniche in grado di risolvere i problemi di viabilità presenti nell’area minimizzando nel contempo i possibili impatti ambientali e sociali.
Il dibattito pubblico si apre in una fase iniziale della progettazione dell’opera (Documento di fattibilità delle alternative progettuali) dove è ancora possibile, attraverso il confronto con gli enti locali, associazioni e cittadinanza, valutare l’opportunità dell’opera, approfondire gli aspetti più critici e controversi, e migliorare la progettazione e la condivisone dell’opera. Si prevede, compatibilmente con le procedure in corso, di avviare il dibatto pubblico entro la fine del 2021. Tutte le risultanze e gli esiti degli incontri saranno pubblicati su una pagina dedicata del sito Anas (https://www.stradeanas.it/it/ss-647-fondo-valle-del-biferno-ss-16-adriatica-ss-89-garganica).

 
 
 

LA NOTTE É BELLA | TARANTULA GARGANICA

Post n°28734 pubblicato il 15 Ottobre 2021 da forddisseche

LA NOTTE É BELLA | TARANTULA GARGANICA