Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

laboratoriotvforddissecheQuartoProvvisorioanimegemelle20Quivisunusdepopulolegrin2marzianadgl12pasquale.troiaalosi1poljekprefazione09alecilcarla.bossogualberto.fileni
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 19/01/2022

Strada Garganica | Al via il primo incontro del Dibattito Pubblico Photo of Comunicato Stampa

Post n°29048 pubblicato il 19 Gennaio 2022 da forddisseche

Strada Garganica | Al via il primo incontro del Dibattito Pubblico

Strada Garganica:

Primo incontro di Dibattito Pubblico,
presentato il progetto e le sue diverse alternative

  • Illustrato dai progettisti l’itinerario 1 tra Vico del Gargano e lo svincolo di Peschici, per il quale ANAS ha messo in campo 4 diverse alternative
  • Previsto a Peschici per il 26 gennaio il secondo incontro pubblico

Vico del Gargano, 19 gennaio 2022 Al via il primo incontro del Dibattito Pubblico sulla realizzazione della nuova Strada Garganica, un appuntamento per presentare e discutere le ragioni dell’opera e le principali alternative progettuali studiate.

Quello ospitato nella Sala Consiliare a Piazza San Domenico, è il primo dei quattro incontri territoriali previsti ed è dedicato al territorio di Vico del Gargano. Trasmesso anche in diretta streaming sulla piattaforma Zoom e sul profilo Facebook del Dibattito Pubblico della Strada Garganica, vede la partecipazione di oltre 100 persone – 30 in presenza e più di 70 online -, tra cittadini, rappresentanti di categoria e istituzioni. 

Ha aperto l’incontro Alberto Cena di Avventura Urbana, Coordinatore del Dibattito Pubblico, che illustra le caratteristiche e le fasi del processo di partecipazione nonché le diverse possibilità d’intervento a disposizione dei cittadini e delle istituzioni locali.

Dopo i saluti istituzionali di Michele Sementino, Sindaco di Vico del Gargano e di Vincenzo Marzi, Commissario Straordinario e Responsabile ANAS, ha preso la parola Giovanni Magarò, di ANAS, per spiegare nel dettaglio le ragioni dell’opera e l’iter progettuale e autorizzativo, inquadrando il progetto nel contesto regionale e nazionale. 

Hanno illustrato invece lo scenario presente e futuro – soffermandosi sulle soluzioni e sui vantaggi in termini socio-economici e infrastrutturali che la nuova Strada Garganica si propone di apportare al territorio – il progettista Corrado Sanna, seguito subito dopo da Cristina Presciutti e Sandro Bracchini, che invece hanno introdotto le questioni relative al passaggio della Garganica in aree protette ad alto valore paesaggistico e archeologico, uno dei temi più centralisu cui si concentrerà il Dibattito Pubblico. Conclude la presentazione dei progettisti Nando Granieri, che presenta l’itinerario 1, le quattro soluzioni studiate e le modalità realizzative, tra cui le tempistiche previste e i costi.

Dopo gli interventi esplicativi, così come ad ogni futuro incontro, viene aperta la possibilità per i cittadini di intervenire e rivolgere domande ai relatori, e viene svolta la lettura per argomenti delle domande che arrivano attraverso la piattaforma Zoom. Sarà possibile rivedere l’intero incontro sulla pagina Facebook dedicata al Dibattito Pubblico sulla nuova Strada Garganica.  

L’appuntamento per il secondo incontro informativo territoriale è il prossimo 26 gennaio dalle ore 17 alle 19.30 all’Auditorium di Peschici, a cui sarà possibile iscriversi attraverso questo link:https://www.eventbrite.it/e/biglietti-ii-incontro-informativo-territoriale-del-dibattito-pubblico-garganica-239226692477 

Partecipare attivamente al Dibattito Pubblico è possibile attraverso quattro semplici modalità: partecipando ad uno degli incontri pubblici, il cui calendario è a questo link: https://www.dibattitopubblicogarganica.it/partecipa-al-dibattito/;inviando una email con le proprie opinioni e suggerimenti all’indirizzo info@dibattitopubblicogarganica.it o utilizzando il form nel sito web indicato sopra; contribuendo alla redazione dei Quaderni degli Attori, inviando un breve documento via e-mail all’indirizzo info@dibattitopubblicogarganica.it; contattando il numero 3791694654 dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. 

Contatti – Comin & Partners

 
 
 

MANFREDONIA – Sequestrati quattro quintali di bianchetto e rossetto Il Gen 19, 2022

Post n°29047 pubblicato il 19 Gennaio 2022 da forddisseche

MANFREDONIA – Sequestrati quattro quintali di bianchetto e rossetto 

 
91
 

Nell’ ambito delle attività di controllo sulla filiera della pesca effettuate dai militari della Guardia Costiera di Manfredonia sotto il coordinamento del 6° Centro Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Bari, è stata portata a termine un’importante operazione di contrasto alla pesca e alla commercializzazione di prodotti ittici non conformi alle normative nazionali e comunitarie. In particolare a seguito di un’ispezione ad un furgone adibito al trasporto di prodotti ittici, veniva accertato al suo interno la presenza di 30 cassette di polistirolo contenti prodotto ittico della specie rossetto “aphia minuta” per un totale di circa 260kg. Non distante dal luogo dell’accertamento venivano rinvenute ulteriori 12 cassette contenenti circa 100 kg di bianchetto “sardina pichardus” misto sempre a rossetto.
I militari procedevano al sequestro di tutto il prodotto ittico ed a sanzionare, per un totale di 12.000,00 euro i responsabili delle violazioni. L’attività di polizia si è avvalsa anche del sistema di video sorveglianza installato su tutte le aree portuali
Il prodotto ittico, dopo la visita da parte del dirigente medico veterinario della locale Azienda Sanitaria della Provincia di Foggia intervenuto sul posto, veniva in parte devoluto a quattro enti caritatevoli operanti sul territorio trasformando così un fatto illecito in un’azione di solidarietà a favore dei soggetti più bisognosi in parte avviato alla distruzione in quanto ritenuto non più idoneo al consumo.
L’operazione di questa notte è solo l’ultima portata a termine dai militari della Guardia Costiera che nel corso dell’anno appena trascorso ha portato al sequestro di 6.075 kg di prodotto ittico e all’elevazione di sanzioni per un totale di circa 115.000,00 euro. I controlli sull’intera filiera ittica proseguiranno senza soste su tutto il Compartimento marittimo di Manfredonia

 
 
 

La Sposa: le anticipazioni della seconda puntata Andrea Piva - 17 Gennaio 2022

Post n°29046 pubblicato il 19 Gennaio 2022 da forddisseche

La Sposa: le anticipazioni della seconda puntata

 
La Sposa: le anticipazioni della seconda puntata
 
  
 
Domenica 24 gennaio 2022 su Rai 1 torna La Sposa: le anticipazioni della seconda puntata della fiction con Serena Rossi.
 

Dopo il buon debutto di domenica 16 gennaio con i primi due episodi, domenica 24 gennaio 2022 su Rai 1 torna La Sposa con la seconda puntata e, quindi, gli episodi 3 e 4 della miniserie (ricordiamo infatti che in totale sono appena 6 gli episodi divisi in tre puntate). La precedente puntata si è concluso con il ritrovamento del cadavere di una donna al fondo di una scarpata: un fatto che ha destabilizzato al tranquillità appena trovata nel casale dei Bassi. Vediamo ora cosa ci dobbiamo aspettare dalla seconda puntata.

 
La Sposa: le anticipazioni della puntata 2

Nel terzo episodio de La Sposa scopriremo che il cadavere che il cacciatore ha ritrovato al fondo della scarpata è quello di Giorgia, la moglie di Italo. In paesi tutti erano convinto che la donna fosse stata uccisa dal marito ma l’autopsia scagionerà del tutto Italo anche agli occhi dei suoi compaesani. Eppure l’uomo non riuscirà a tirare un sospiro di sollievo perché, con il ritrovamento del cadavere, vedrà svanire anche quella flebile speranza di poterla riabbracciare che dento di sé ancora coltivava.

Serena RossiSerena Rossi

Proprio la perdita di quest’ultima fiammella di speranza lo indurrà a tentare il suicido ma verrà fermato in tempo da Maria (che ricordiamo essere la protagonista della fiction ed è interpretata da Serena Rossi). Durante il funerale di Giorgia, Italo scoprirà inoltre che la moglie era stata raggirata da Vittorio e si scaglierà contro di lui. Nel frattempo tra Maria e Italo inizia a nascere qualcosa, ma la ragazza, al termine dell’episodio, sarà costretta a tornare in Calabria a causa di una terribile notizia che ha ricevuto.

Il quarto episodio si aprirà con Italo che proporrà a Maria di porre fine al finto matrimonio per liberare così la ragazza da ogni vincolo. La protagonista non ha però molto tempo per pensare alle parole di Italo perché deve tornare in Calabria ad assistere il fratello gravemente malato: una volta tornata incontrerà Antonio, il suo vecchio fidanzato che era emigrato in Belgio a lavorare come minatore e che ha salvato la vita del fratello.

Maria è sempre più confusa riguardo ai propri sentimenti: non ha mai dimenticato Antonio ma non smette di pensare a Italo e alla sua vita in Veneto.