Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

paco20000laboratoriotvforddissecheQuartoProvvisorioanimegemelle20Quivisunusdepopulolegrin2marzianadgl12pasquale.troiaalosi1poljekprefazione09alecilcarla.bosso
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 20/01/2022

Da Carapelle all’esordio in Serie A: è nato un bomber. Il sogno di Samele nell’isola felice di Sassuolo Di Francesco Gasba

Post n°29054 pubblicato il 20 Gennaio 2022 da forddisseche

Da Carapelle all’esordio in Serie A: è nato un bomber. Il sogno di Samele nell’isola felice di Sassuolo

 

L’emozione del giovane attaccante originario della provincia di Foggia dopo la sua prima assoluta nella massima serie. Il suo racconto nell’intervista per l’Immediato

  

È il sogno di ogni bambino che inizia a palleggiare nei campi di provincia, quello di esordire un giorno in Serie A. Luigi Samele, calciatore di Carapelle, lo scorso 6 gennaio è riuscito a realizzare il suo sogno, entrando all’88’ al Mapei Stadium di Reggio Emilia, nel match casalingo del suo Sassuolo contro il Genoa. Ha colto la palla al balzo – è proprio il caso di dirlo – tra tante defezioni tra le fila dei neroverdi, ma il traguardo conquistato dal giovane carapellese (classe 2002) è tutto frutto del suo sacrificio e della sua grande stagione giocata in primavera (10 presenze e 6 gol).
L’esordio in Serie A di Luigi Samele Fonte: sassuolocalcio.it

“Quando sono rientrato negli spogliatoi – racconta Samele a l’Immediato – avevo lo sguardo perso nel vuoto. Mi sono fermato a pensare e mi sono passati davanti tutti i sacrifici e tutti i chilometri che hanno percorso i miei genitori per accompagnarmi agli allenamenti, quando ero più piccolo. La mia famiglia mi è stata molto vicina e devo a loro questo traguardo. È stata un’emozione indescrivibile e spero di poter presto tornare a provare emozioni di questo tipo”. Dopo una lunga gavetta con le maglie di Foggia, Bari e Teramo, l’attaccante di Capitanata ha avuto l’opportunità di passare nel calcio professionistico con un’esperienza a Monopoli. Lo scherzo del destino è stato quello di segnare il primo gol tra i professionisti proprio contro il “suo” Foggia. “Sono scoppiato a piangere. Dopo quel gol ho ripensato a tutto il mio percorso fatto di delusioni ma anche soddisfazioni. È stata una rivincita per me” – ricorda Samele. Subito dopo Francesco Palmieri, responsabile del Settore Giovanile del Sassuolo, mise gli occhi su di lui, facendolo approdare in Emilia. Dopo un bel filotto con la primavera Samele si è guadagnato la chiamata in prima squadra con mister Dionisi.

 

Sassuolo è l’isola felice del calcio italiano. Un club che ogni anno sforna grandi talenti, una vera e propria fucina di campioni per la nazionale italiana che attinge sempre più di frequente tra le fila neroverdi. Anche per questi motivi è forse il contesto migliore dove un calciatore può maturare con serenità e apprendere guardando i grandi. Inoltre a Sassuolo c’è già una bella tradizione di foggiani, con Paolo Bianco che è stato un vero e proprio veterano della squadra emiliana. “Sassuolo è una città molto tranquilla – spiega Samele –, ho conosciuto Paolo l’anno scorso appena arrivato e mi aiutò parecchio ad ambientarmi. Qui ho trovato una piazza che ti permette di crescere sia dal punto di vista calcistico che umano. Allenarsi con grandi professionisti è sicuramente fonte di ispirazione”.

Parlando con Samele ci si accorge che tutti i luoghi comuni sui giovani calciatori vengono messi da parte. È un ragazzo serio e determinato, che non si sente arrivato ma che anzi si sente ai blocchi di partenza. Con un sogno appena realizzato guarda già ai prossimi obiettivi, così come è nelle corde delle persone destinate a far parlare di sé. Si ispira a Ibrahimovic e Dzeko che sono due veri e propri riferimenti per il ruolo, tra gli attaccanti presenti in Serie A. Alla loro fisicità e al loro carattere cerca di tendere il giovane carapellese che però già si allena con altri attaccanti che possono essere da esempio. “Un altro riferimento ce l’ho in prima squadra – afferma Samele –: Gianluca Scamacca è un ottimo attaccante, cerco di ‘rubare’ tanto da lui, dalle sue qualità, dai suoi movimenti. Sicuramente in prima squadra ho tanti modelli importanti a cui ispirarmi, come Berardi, Magnanelli, Peluso, Pegolo e Ferrari, calciatori che hanno scritto pagine di storia per questo club e che oggi mi stanno dando una mano per crescere”.

Gli hanno dato una grande mano anche i suoi amici di Carapelle e della provincia di Foggia. Il ricordo della sua terra di origine e dei suoi amici è sempre nel cuore del giovane calciatore anche se il lavoro lo ha portato lontano da casa. “Mi hanno aiutato a diventare l’uomo che sono. Mi hanno aiutato anche le delusioni – aggiunge Samele -. Dico questo perché nel contesto della provincia di Foggia non è facile, non abbiamo tante strutture dove praticare sport. È triste vedere che siano sempre meno i bambini a giocare a pallone per strada – conclude -. Spero che guardando la Serie A questi ragazzi possano imparare a sognare, così come è stato per me e per i miei amici quando eravamo più piccoli”.

 
 
 

VIESTE – Aggiornamento Covid: 306 positivi al 14 gennaio Il Gen 20, 2022

Post n°29053 pubblicato il 20 Gennaio 2022 da forddisseche

VIESTE – Aggiornamento Covid: 306 positivi al 14 gennaio 

 
265
 
 

Attività di sorveglianza provincia di Foggia. Contagi e osservazione al 14 gennaio 2022 – Città di Vieste:
306 positivi (+99 rispetto al 9 gennaio).
Aggiornamento pervenuto alle ore 15:00 in data di oggi, 20 gennaio 2022.
Fonte: Prefettura di Foggia.

 
 
 

LA STORIA – Miriam Corricelli, la prima carabiniere donna di Vieste Ultimo aggiornamento Gen 20, 2022

Post n°29052 pubblicato il 20 Gennaio 2022 da forddisseche

LA STORIA – Miriam Corricelli, la prima carabiniere donna di Vieste 

 
326
 

Il suo sogno è stato da sempre quello di diventare carabiniere. Grazie alla sua tenacia e alla sua forza di volontà, alla fine ha raggiunto lo scopo.

 

Probabilmente si dirà: “Cosa c’è di strano? Sono tanti che riescono a coronare, con tenacia e volontà, il loro sogno di indossare una divisa”. Vero. Nel nostro caso, però, a entrare nel mondo militare è una donna, una giovane donna di Vieste. Lei si chiama Miriam Corricelli, ha 24 anni, e fin da bambina ha coltivato questa ambizione: diventare carabiniere. Miriam c’è riuscita, affrontando un percorso non del tutto semplice e superando rigide selezioni. Ha dovuto dapprima prestare servizio, per tre anni, nell’Esercito italiano e successivamente partecipare al concorso nell’Arma dei carabinieri. Concorso che ha superato brillantemente, per cui è entrata nella scuola allievi carabinieri di Campobasso, dove si è formata per essere pronta a cominciare la sua corriera nella Benemerita. Ora, il carabiniere Miriam Corricelli presta servizio Sicilia, sua prima destinazione.

Il suo sogno si è avverato. Miriam è felice di servire in divisa il suo Paese. Riteniamo che la “Fedelissima” abbia fatto un ottimo acquisto. E felici lo siamo anche noi, suoi concittadini. Non foss’altro per il fatto che Miriam è la prima carabiniere donna di Vieste.

 

Auguroni, Miriam. Che questa tua agognata professione ti riservi tante soddisfazioni e tanti successi e che anche tu possa onorare degnamente la nostra Vieste.

 
 
 

Attentato all’assessore Rignanese, la solidarietà del sindaco e della Città di Vieste Il Gen 20, 2022

Post n°29051 pubblicato il 20 Gennaio 2022 da forddisseche

Attentato all’assessore Rignanese, la solidarietà del sindaco e della Città di Vieste 

 
50
 

“A nome mio personale e della città di Vieste esprimo la massima vicinanza all’assessore del Comune di Monte S.Angelo, Generoso Rignanese, vittima, la scorsa notte, di un vile atto intimidatorio che condanno con la massima fermezza auspicando che si risalga al più presto agli spregevoli autori per assicurarli alla giustizia penale.
Non sarà certo la natura indegna di tali atti a bloccare l’encomiabile percorso di rinascita civica e morale intrapreso coraggiosamente dall’Amministrazione del Sindaco D’Arienzo che si avvale dell’apporto prezioso di Generoso Rignanese.
A Genoroso, e a tutta l’amministrazione di Monte S.Angelo, rinnovo l’incoraggiamento a proseguire nel cammino intrapreso con la consapevolezza che, nonostante la strategia della tensione perseguita dai sodalizi mafiosi, non si avrà alcun cedimento nel restituire alla comunità di Monte la cultura della legalità e della convivenza civile e democratica.
La strada intrapresa con coraggio cinque anni fa è quella giusta, in netta contrapposizione alle dinamiche mafiose che ne ridestano i fantasmi con la logica degli attentati e delle intimidazioni.
Forza Monte S.Angelo!”
Il Sindaco di Vieste Giuseppe Nobiletti
Vieste, 20.01.2022

 
 
 

Dalla Provincia risorse alle scuole superiori per l’acquisto di mascherine ffp2, tamponi e sistemi di areazione Il Gen 19, 2022

Post n°29050 pubblicato il 20 Gennaio 2022 da forddisseche

Dalla Provincia risorse alle scuole superiori per l’acquisto di mascherine ffp2, tamponi e sistemi di areazione

104

Il Presidente della Provincia, Nicola Gatta, esprime viva soddisfazione per l’assegnazione e la ripartizione alle Scuole Superiori di Capitanata, delle risorse statali per 15 milioni di euro, necessarie per fronteggiare la nuova emergenza Covid 19 – variante Omicron.
Il Presidente Gatta, dopo aver incontrato a Palazzo Dogana i dirigenti scolastici, ha evidenziato che l’Ente ha inteso, in questo momento delicato di risalita dei contagi di dare l’opportunità ad ogni Scuola Superiore di dotarsi di ulteriori dispositivi e materiali per la sanificazione e servizi di “igienizzazione”, quantificando una spesa opportunamente calibrata, rispetto alla popolazione scolastica per la fornitura di dispositivi di protezione individuale, di dispositivi di protezione collettiva, notebook, interventi di piccola manutenzione. Diventa necessario saper anche intercettare le ulteriori risorse rivenienti dal PNRR e che il dialogo Istituzione – Scuola deve essere sempre costante e costruttivo.
Con determinazione della dirigente del Settore Edilizia Scolastica sono stati descritti quali interventi e forniture sono ammissibili in stretta connessione con l’emergenza epidemiologica ed è stato approvato l’elenco degli Istituti Scolastici e il relativo riparto delle somme stanziate.

 
 
 

Nuovo arrivo tra i pali dell’Atletico Vieste Il Gen 19, 2022

Post n°29049 pubblicato il 20 Gennaio 2022 da forddisseche

Nuovo arrivo tra i pali dell’Atletico Vieste 

 
92
 

Il G.S.D Atletico Vieste comunica di aver raggiunto l’accordo riguardo l’ingaggio del portiere in seconda, Tiziano Caccetta.

Tiziano – fanno sapere quelli dell’Atletico – giovane portiere classe 2001, è cresciuto nei settori giovanili di Monopoli, Ascoli Calcio e U.S. Lecce, prima di passare in categorie superiori con le maglie di Fasano e Taranto. Quest’anno, Tiziano Caccetta ha iniziato la stagione giocando nel girone B, con l’Ostuni, per poi fare ritorno nel girone A, con il Città di Mola. Ieri è approdato sulle rive del Pizzomunno, pronto a vestire i colori biancocelesti dell’Atletico Vieste.