Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvsguub.comQuartoProvvisoriomarcellomaggiolidomenicodpsiamoliberidigirareQuivisunusdepopulomangga2pokerpaco20000animegemelle20legrin2marzianadgl12pasquale.troia
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 05/05/2022

VIESTE – Gli alunni della “Alighieri-Spalatro” manifestano per la pace in Ucraina Il Mag 5, 2022

Post n°29552 pubblicato il 05 Maggio 2022 da forddisseche

VIESTE – Gli alunni della “Alighieri-Spalatro” manifestano per la pace in Ucraina 

 
117
 

Studenti della scuola media “Alighieri-Spalatro” di Vieste, uniti per la pace. Faranno sentire la loro voce, che ripudia la guerra, i giovanissimi alunni il prossimo sabato, 7 maggio, con una manifestazione deliberata dal Consiglio comunale dei ragazzi. E’ prevista la formazione di un corteo, con cartelli e striscioni inneggianti alla pace, che partirà, alle 11:25, dal plesso “don Antonio Spalatro”, in via Giuseppe Verdi, per poi raggiungere il monumento ai Caduti di Nassiriya, ubicato nei giardini vicini alla sede scolastica, dove gli alunni si riuniranno per manifestare la loco contrarietà alla guerra in Ucraina, che sta provocando solo morte e distruzione.

  

All’evento parteciperà anche una rappresentanza della neonata Consulta giovanile comunale, con il consigliere delegato, Tano Paglialonga. La manifestazione coinvolgerà i ragazzi della scuola secondaria di primo grado e avrà come tema la pace. Si tratta di una attività – fanno sapere i giovanissimi organizzatori – che si inserisce nella programmazione di educazione civica, il cui tema è “Il valore della pace e la solidarietà tra i popoli”.

 
 
 

Sarà Foggia-Virtus Entella, deciso il primo turno della fase nazionale dei playoff. Rossoneri sognano la B

Post n°29551 pubblicato il 05 Maggio 2022 da forddisseche

Sarà Foggia-Virtus Entella, deciso il primo turno della fase nazionale dei playoff. Rossoneri sognano la B 

 

In caso di parità finale, accederebbero al prossimo turno i liguri, considerato il miglior piazzamento nella regular season. Ecco il calendario completo delle sfide

   
 

Nel primo turno della fase nazionale dei playoff, il Foggia sfiderà la Virtus Entella. La gara d’andata è programmata per domenica 8 maggio alle 18:00, mentre il ritorno si giocherà giovedì 12 maggio alle 20:30. In caso di parità finale, accederà al prossimo turno la Virtus Entella, considerato il miglior piazzamento nella regular season. Le altre partite decretate dal sorteggio avvenuto questa mattina alle 11:00 sono: Feralpisalò-Pescara, Palermo-Triestina, Cesena-Monopoli, Renate-Juventus U23.

 
 
 

VIESTE – Tornano in piazza le bancarelle della festa di Santa Maria di Merino Il Mag 4, 2022

Post n°29550 pubblicato il 05 Maggio 2022 da forddisseche

VIESTE – Tornano in piazza le bancarelle della festa di Santa Maria di Merino 

 
428
 

Tornano in piazza le bancarelle della festa patronale di Santa Maria di Merino. Lo ha deciso il sindaco, Giuseppe Nobile, che in merito ha firmato stamattina una apposta ordinanza (n. 138), con la quale stabilisce che la fiera di dolciumi, giocattoli e similari (dal 7 al 10 maggio), potrà posizionarsi su piazza Kennedy e viale Marinai d’Italia, dove, per tradizione si è sempre svolta, fino a quando si decise di trasferire il tutto nel piazzale Paolo VI. Un provvedimento, quest’ultimo, contestato dagli stessi ambulanti, ma anche dalla popolazione che riteneva lo spostamento vicino al campo sportivo, eccessivamente distante dal luogo centrale della festa patronale, facendo venir meno quel clima festaiolo tradizionale.  Anche in virtù di questo scontento generale, con l’approvazione del Piano strategico del Commercio, approvato nel 2019, si decise di spostare la fiera da piazzale Paolo VI alla rotonda di Marina piccola, area spaziosa e ben indicata per questo tipo di evento. La decisione di quest’anno da parte del Comitato festività di Santa Maria di Merino (come già fatto anche da quello di San Giorgio), di realizzare sulla rotonda gli spettacoli musicali in programma, anche per motivi legati alla pandemia (più spazio rispetto a piazza del Fosso), ha spinto il sindaco a localizzare in piazza Kennedy e viale Marinai d’Italia le bancarelle della fiera, ritornando, di fatto, alla decennale tradizione che vuole lì la tipica fiera, per la gioia di grandi e piccini.


 
 
 

Il foggiano Giovanni Melillo nuovo procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Il Mag 4, 2022

Post n°29549 pubblicato il 05 Maggio 2022 da forddisseche

Il foggiano Giovanni Melillo nuovo procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo 

 
94
 
 

E’ Giovanni Melillo, foggiano, il nuovo procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo. L’uomo, 61enne e attualmente capo della Procura di Napoli, succede a Federico Cafiero De Raho, andato in pensione lo scorso febbraio. Lo ha deciso il plenum del Consiglio superiore della magistratura. Melillo è stato eletto con 13 voti, prevalendo sugli altri due candidati, ovvero il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, che ha avuto 7 voti, e l’aggiunto della Dna Giovanni Russo, che ne ha ottenuti 5.