Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechefrancotrottaQuartoProvvisoriolaboratoriotvP_Vigosurfinia60CosmoMadamedony686bagant70giovannapiglionicaAliceSettequerceper_letterabibliofrancescanadomgrimaldi
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 05/09/2022

Open Water Challenge 2022: Vieste si esalta con la prima assoluta del Memorial Rondinone Il Set 5, 2022

Post n°29996 pubblicato il 05 Settembre 2022 da forddisseche

Open Water Challenge 2022: Vieste si esalta con la prima assoluta del Memorial Rondinone 

 
85
 

Un successo sotto tutti i punti di vista, la prima edizione del Memorial di nuoto in acque libere dedicato al Prof. Enzo Rondinone che si è svolto nella mattinata di ieri a Marina Piccola in Vieste ha portato nella cittadina garganica un entusiasmo di altri tempi.
Organizzato dal Comitato Regionale Pugliese della Federazione Italiana Nuoto come quarta tappa del circuito regionale e nazionale Super master Open Water Challenge 2022 in collaborazione con la società sportiva Asd Foggia Nuoto e con il Comune di Vieste ha visto oltre 80 atleti tra agonisti e master tuffarsi nello splendido scenario che si affaccia ai piedi della Vieste storica.
Un successo di partecipazione e di pubblico assiepato sullo skyline di Marina Piccola fortemente voluto da Francesca Rondinone della Asd Foggia Nuoto con il sostegno di Domenico Di Molfetta, storico allenatore nazionale della Fidal e suo compagno di vita.
Una prima volta in assoluto a Vieste in memoria del papà di Francesca, scomparso ad inizio 2022, pioniere del nuoto in acque libere nel foggiano che ha incontrato la volontà del Consigliere Regionale è Responsabile del Settore Nuoto di Fondo Ruggiero Messina, di portare questa affascinante disciplina, dopo Rodi Garganico, anche a Vieste.
La giunta del comune viestano, guidata dal Sindaco Giuseppe Nobiletti, ha immediatamente risposto positivamente alla richiesta di patrocinio e sponsorizzazione della gara grazie anche alla lungimiranza dell’assessore allo sport Dario Carlino che nel suo attuale mandato amministrativo ha puntato fortemente sul connubio sport e turismo, che d’altronde anima da sempre lo spirito delle gare in acque libere della Fin Puglia.
La mattinata sportiva è stata animata da Antonello Masciullo, voce ufficiale del nostro comitato, che ha saputo mixare la parte agonistica con l’intrattenimento e trascinando tutto il pubblico presente a partecipare attivamente con applausi ed incitamento agli atleti.
Sicuramente la data di ieri verrà ricordata anche per la presenza come testimonial dell’evento del neo campione europeo della 10 km di acque libere Domenico Acerenza, che ha scoperto con la sua prossima sposa Nicoletta le bellezze del Gargano, rimanendo incantato dalle coste sinuose che da Manfredonia portano alla Perla del Gargano, come viene denominata la citta di Crisalda e Pizzomunno.
Un grande campione che non ha negato un sorriso, un selfie, un autografo a tutti i partecipanti ed agli spettatori che hanno atteso il loro momento per immortalarsi con l’atleta lucano reduce dalla vittoria nelle World Series Fina in Canada la scorsa settimana.
Mimmo Acerenza è stato il “regalo” della Fondazione Capitanata Per Lo Sport ETS che con il suo Direttore Bellisario Masi ha ospitato i neo promessi sposi, una fondazione nata a Foggia per dare il giusto spazio a tutti gli sport cosiddetti minori ma che oramai sono giornalmente su tutte le prime pagine dei quotidiani ed in televisione grazie ai successi degli atleti e delle nazionali italiane in tutti i campi ed in tutto il mondo.
La gara federale della mezzofondo da 2,6 km si è sviluppata sul campo gara antistante la Marina Piccola che dava la possibilità a tutti i presenti di poter godere della visuale completa dei due giri previsti e che ha visto gareggiare prima gli Agonisti e poi i Master.
Le migliori prestazioni sono state ad appannaggio di Giovanni Oriente della Hidro Sport per il settore maschile e per Monica Irpinia dello Sport Project nel settore Agonisti mentre per il settore Master spiccano su tutti Matteo Scarpati della Nantes Club Vomero e di Laura Palasciano della Flaminio Sporting Club. Nelle classifiche di società vittoria per la Sport Project di Bitonto che ha preceduto la Pentotary di Foggia e la Netium Giovinazzo.
Spazio anche a chi si è voluto approcciare per la prima volta ad una gara di fondo in mare, grazie al Csen Provinciale di Foggia grazie al Responsabile Arturo Russo, che ha voluto dare spazio ai partecipanti di tutte le età , dai bambini per il percorso dei 200 metri kids (che ha visto tra i protagonisti la piccola Ilaria Sferrazza, viestana, atleta davvero promettente) ai più grandi con la 1000 metri, competizione non agonistiche che hanno regalato nuove emozioni, medaglie e coppe ricordo a tutti i partecipanti a cui sicuramente la data odierna rimarrà impressa a lungo nella propria memoria.
Alle premiazioni si sono alternati assieme ad Acerenza, il Vice Sindaco ed Assessore al Turismo Rossella Falcone, l’Assessore Dario Carlino, il Vice Presidente della Fin Puglia Mario Ciavarella, Il responsabile del settore federale pugliese ed organizzatore della gara Lorenc Feleqi, il responsabile dell’ufficio circondariale marittimo di Vieste il tenente di vascello Dario Incalcaterra ed, ovviamente, Bellisario Masi della Fondazione Capitanata per lo Sport ed i padroni di casa Francesca Rondinone e Mimmo di Molfetta.
Un successo che sia ben augurante per l’edizione 2023 del gara, con la promessa di Mimmo Acerenza di ritornare il prossimo anno non solo come testimonial ma come partecipante alla gara.
Stefano Palazzo
Area Comunicazione
Federnuoto Puglia

 
 
 

VIESTE – “Terrazze sonore” e “Live Action Stunt”: parte la settimana dell’amore Il Set 5, 2022

Post n°29995 pubblicato il 05 Settembre 2022 da forddisseche

VIESTE – “Terrazze sonore” e “Live Action Stunt”: parte la settimana dell’amore 

 
122
 

Entra nel vivo la terza edizione della Vieste in Love, la rassegna di appuntamenti dedicati all’amore fino all’11 settembre.
Si comincia oggi, lunedì 5 settembre, alle 20, con Terrazze sonore, live music from the balconies: archi, fiati, chitarre e percussioni creeranno nel centro antico della Perla del Gargano un’atmosfera magica con un palcoscenico diffuso, suonando direttamente da balconi e terrazze delle case dei viestani grazie alla collaborazione dell’Associazione musicale Nuova Diapason Vieste. Fra i musicisti ci sarà il duo composto da Otto-Karl Wagner e Lucio Palazzo (sax e contrabbasso), Simone Ciliberti e Antonio Pio La Marca (pianoforte e sax), Leonardo Talamo e Natalia Pellegrino (chitarra e voce), Michele Emanuele Pio Surgo e Marco Lenoci (pianoforte e contrabbasso), Andrea e Christian Pepe (chitarra e contrabbasso), Emanuela Raduano e Nela Francesco (chitarra con voce e pianoforte), Michele Bottalico e Davide Gentile (voce e violino), Stefano Biscotti e Carmela Pupillo (chitarra e voce) ed il trio composto da Francesco Monaco, Domenico Marino e Rocco Marino (pianoforte, tromba/voce e chitarra). Centro storico
Corso Lorenzo Fazzini, invece, si trasformerà in un vero e proprio set cinematografico che farà da contorno al “Live Action Stunt”, un emozionante spettacolo live realizzato dai piloti del Folco Team, società leader nel settore degli spettacoli con stuntman e che, da diversi anni, entusiasma centinaia di migliaia di visitatori all’interno dei parchi tematici di tutto il mondo. Parcheggi acrobatici, derapate, passaggi in velocità ed incroci su due ruote sfidando la forza di gravità in una performance che lascerà col fiato sospeso il pubblico.
«A differenza di altri eventi, durante Vieste in Love la città non è spettatrice ma protagonista dell’evento. Questa rassegna rende manifesta la volontà di accogliere gli ospiti da parte di chi vive la città ogni giorno: è il manifesto dell’ospitalità viestana e dello spirito turistico di questa città» dice l’assessore al Turismo di Vieste, Rossella Falcone. I residenti ed i commercianti sono coinvolti con due contest: verranno premiati il miglior balcone e la migliore vetrina allestiti a tema.
Vieste è pronta per essere incoronata Regina dell’amore in questa estate 2022. La rassegna porterà tra le strade e nelle piazze della città dell’amore eterno di Cristalda e Pizzomunno arte, musica, danzatori internazionali e un pieno di entusiasmo che coinvolgerà tutta la città e darà spazio a tutte le sfumature dell’amore, anche all’amore che si può provare per un luogo, una terra, una città o un paese che ha dato i natali o che è stato ospitale e benevolo.
Vieste in Love è un evento organizzato dal Comune di Vieste in collaborazione con la società di eventi Studio360.

 
 
 

Prima disfatta allo Zaccheria: il Latina batte il Foggia 1-3 di Mario Schena 5 Settembre 2022 0 10356 Share «La mia squadra gio

Post n°29994 pubblicato il 05 Settembre 2022 da forddisseche

Prima disfatta allo Zaccheria: il Latina batte il Foggia 1-3
 
 
 

«La mia squadra giocherà sempre e solo per vincere», questo il mantra di Roberto Boscaglia allenatore del Foggia ieri in conferenza stampa. Il Foggia contro il Latina non solo non ha vinto ma ha addirittura perso.

 

Nel Foggia indisponibili il portiere Nobile, che ha scontato una giornata di squalifica rimediata nella stagione scorsa quando vestiva la maglia del Francavilla, il difensore bulgaro Papazov per il quale si attende il transfer e l’infortunato Rizzo. Boscaglia ha schierato il suo Foggia con un 4-2-3-1 composto da Dalmasso tra i pali, Garattoni a destra, Malomo e Di Pasquale centrali e Nicolao sulla fascia sinistra, Di Noia e Odjer a centrocampo a supporto del trio di trequartisti composto da Peralta, Schenetti e D’Ursi con Ogunseje terminale offensivo.

 

Nel Latina tutti disponibili a parte l’ultimo neo acquisto Alessio Riccardi. Latina chiuso a doppia mandata nella sua metà campo e Foggia inizialmente piuttosto contratto. Al quarto d’ora Schenetti accende la luce e pesca sulla sinistra D’Ursi che dal limite fa partire un rasoterra che non va lontano dalla base del palo alla destra di Cardinali. Il Latina concede pochissimi spazi e il Foggia fatica rendersi insidioso. Alla mezzora però rossoneri vicinissimi al gol in un paio di occasioni, prima con Di Noia che sfiora il gol con un bolide rasoterra e subito dopo la traversa dice no a D’Ursi che colpisce sotto porta. Ogunseye va vicinissimo alla marcatura schiacciando di testa sotto porta. Incredibile m avero il Latina trova il gol su un calcio di punizione dalla trequarti mandato in area da Rossetti che nessuno tocca e finisce nell’angolo basso alla destra di Dalmasso. Latina in vantaggio al termine del primo tempo. Nella ripresa il Foggia inizia attaccando a testa bassa, ma il Latina è ordinato nel difendersi e concede davvero poco. Bisogna aspettare il ventesimo minuto per vedere i padroni di casa vicini al pareggio con una conclusione di Peschetola deviata da un difensore che per poco non ingannava Cardinali. I minuti passano Boscaglia opera cinque cambi stravolgendo la squadra. Quello del Foggia è un assedio che però frutta poco. Al trentaseiesimo miracolo di Cardinali su conclusione ravvicinata di Peschetola e, incredibile ma vero sul capovolgimento di fronte il il Foggia scoperto si fa infilare in contropiede al termine del quale Carletti raddoppia.

 

Il Foggia ha un sussulto al quarantatreesimo con Vuthaj che insacca in area. Finale al cardiopalma con cinque minuti di recupero durante i quali Vuthaj colpisce anche un palo, ma è il Latina ha fotocopiare il risultato della passata stagione con il gol di Rizzi. Si conferma bestia nera del Foggia il Latina. Rossoneri ovviamente rimandati ad ulteriori verifiche. Il Foggia ha tenuto palla per tutta la gara, ma è stato spesso inconcludente negli ultimi sedici metri e qualche volta sfortunato.