Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechefrancotrottaQuartoProvvisoriolaboratoriotvP_Vigosurfinia60CosmoMadamedony686bagant70giovannapiglionicaAliceSettequerceper_letterabibliofrancescanadomgrimaldi
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 09/09/2022

VIESTE IN LOVE – Grande successo del concerto di Cristina D’Avena che fa ballare grandi e piccini Il Set 9, 2022

Post n°30008 pubblicato il 09 Settembre 2022 da forddisseche

VIESTE IN LOVE – Grande successo del concerto di Cristina D’Avena che fa ballare grandi e piccini 

 
602
 


Tanti, tantissimi giovani protagonisti, ieri sera, al concerto che l’intramontabile Cristina D’Avena ha tenuto a Marina piccola in occasione della settimana dell’amore, terza edizione del “Vieste in Love”.

 

Parlare di grande successo è poca cosa. Migliaia di spettatori hanno assistito alla kermesse canora che ha coinvolto piccoli e, soprattutto, come si diceva, giovani. E sì, perché Cristina D’Avena ha il pregio di raccogliere consensi e simpatie di più generazioni. Per cui i piccoli, che ascoltavano, e imparavano a memoria, le sue canzoni, sono i giovani (e meno giovani) di oggi. Proprio quelli che, ieri sera, in migliaia hanno assistito e partecipato attivamente al suo spettacolo, una vera e propria colonna sonora della vita di tanti.

 

Dolce, semplice e disponibile, Cristina D’Avena ha regalato un paio d’ore di serenità anche ai tantissimi ospiti presenti a Vieste e che hanno scelto proprio la settimana del Vieste in Love per trascorrere qualche giorno di vacanza nella nostra cittadina.

  

Si conferma, dunque, un ottimo investimento, in fatto di accoglienza e promozione, il “Vieste in Love”, completamente finanziato, come tutti gli altri eventi, dall’imposta di soggiorno (soldi dei turisti) adottata proprio per la realizzazione di eventi (che rappresenta la prerogativa per una cittadina turistica) da offrire agli ospiti e dei quali, naturalmente, beneficiano anche tutti i cittadini residenti.

 

Intanto, Vieste in love prosegue. Oggi, venerdì 9 settembre, giornata dedicata all’amore per la musica e per il teatro. Alle 18 in programma lo spettacolo della street band “Route 99” con lo show “Notes on the road” che percorrerà le strade di via Madonna della Libera, viale XXIV maggio e via Cesare Battisti con l’inconfondibile stile coinvolgente delle band itineranti.

 

Alle 21.30, invece, appuntamento con lo spettacolo “Dante, Trifone e Paradiso – Una commedia (quasi) perfetta”, uno spettacolo del comico Dino Paradiso e del prof. Trifone Gargano il quale, nello splendido scenario di Marina Piccola, farà un viaggio semiserio nell’opera del “sommo poeta” adatta a tutti, sia grandi che piccini.

 
 
 

E.ON e IOC-UNESCO ancora insieme per la tutela del mare: il progetto Save the Wave del Decennio del Mare

Post n°30007 pubblicato il 09 Settembre 2022 da forddisseche

E.ON e IOC-UNESCO ancora insieme per la tutela del mare: il progetto Save the Wave del Decennio del Mare si arricchisce di un nuovo capitolo alle Isole Tremiti 

Grazie al contributo di esperti dell’Università di Bari e al supporto di The Oceancy.

Del 8 Settembre 2022
   

Una nuova importante tappa del progetto per la riforestazione di Posidonia oceanica e la salvaguardia del mare nel Parco Nazionale del Gargano.

 

Prosegue il progetto Save the Wave, iniziativa parte del Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (2021 -2030), avviato da IOC-UNESCO con E.ON, tra i principali operatori energetici in Italia, con l’obiettivo di tutelare e ripristinare gli ecosistemi marini per un Mediterraneo sano, resiliente e ricco di biodiversità, dedicato in particolare alle praterie di Posidonia oceanica.

 

Protagoniste della nuova tappa le Isole Tremiti, l’arcipelago situato al largo delle coste pugliesi, dove, su un’area complessiva di circa 100 metri quadri, sono stati impiantati i rizomi di Posidonia oceanica scalzati, in particolare, a causa degli ancoraggi dei diportisti. Il reimpianto è stato effettuato in due siti di circa 50 m2 ciascuno, dove Posidonia era presente in passato e dove è poi scomparsa proprio a causa delle attività umane. Il primo sito è a nord-est degli iconici scogli chiamati “I Pagliai”, dove sono state posizionate nuove porzioni di prateria tra i 15 e i 17 mt di profondità. Il secondo è localizzato nel corridoio naturale formato dallo Scoglio del Cretaccio e dall’Isola di San Nicola, a 8 mt di profondità. In totale, dunque, Posidonia è stata reimpiantata su una superficie complessiva di 100 m2, pari a circa il 10% della superficie che questo habitat ricopre alle Isole Tremiti nella sua porzione più in salute.

 

Per il reimpianto sono state utilizzate biostuoie in fibra di cocco, completamente naturali, che forniranno supporto alle giovani piante affinché queste possano radicare, mimando il naturale intreccio di radici e rizomi che normalmente rappresenta la parte basale delle praterie di Posidonia, chiamata mattes.

 

Tra i vantaggi delle praterie di Posidonia vi è la capacità di immagazzinare il carbonio per secoli o millenni. Si stima che 100 m2 di Posidonia oceanica possano assorbire ogni anno circa 13 tonnellate di carbonio. Per questo motivo è importante che il reimpianto attecchisca, con l’attenzione e la collaborazione di tutti, isolani e turisti.

 

Il progetto è opera di un team multidisciplinare in cui IOC-UNESCO e E.ON collaborano attivamente con Giovanni Chimienti, Biologo Marino del Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari e National Geographic Explorer, e con il suo team (il Prof. Francesco Mastrototaro e il biologo marino Andrea Tursi), con il supporto del team di The Oceancy,associazione impegnata nella protezione della vita marina e nell’offrire sostegno al turismo sostenibile.

 

Per la piantumazione e la successiva manutenzione, gli esperti operano in piena sinergia con l’Ente Parco Nazionale del Gargano coinvolgendo anche le autorità, in particolare la Capitaneria di Porto, il Sindaco Giuseppe Calabrese e Acquodiving Diving Center che supporta le operazioni in mare e la comunità locale.

 

Un networking virtuoso tra realtà private, mondo accademico, istituzioni e associazioni per un’iniziativa concreta che vuole promuovere la cultura e il rispetto del mare.

 

I posidonieti delle Isole Tremiti rappresentano un habitat di particolare pregio ed importanza sia ambientale sia socioeconomica. Tuttavia, nonostante le praterie siano attualmente uno degli habitat più protetti e monitorati del Mediterraneo, stanno subendo una forte degradazione, spesso legata ad impatti locali. Risulta quindi fondamentale coinvolgere i turisti e la comunità locale attraverso la formazione di personale in loco e un programma di Educazione all’Oceano nelle scuole.

 

E.ON è stata una delle prime aziende ad aderire al Decennio del Mare, promosso proprio da IOC-UNESCO, con l’obiettivo di realizzare progetti concreti e vicini alle comunità.Come ha ricordatoDavide Villa, Chief Customer Officer di E.ON “L’azienda vuole essere alleata del mare e di tutte quelle realtà, istituzionali, educative e associative, che hanno come obiettivo la tutela e la salvaguardia dell’ecosistema marino, un compito essenziale che deve essere svolto con la collaborazione e l’attenzione di tutti, perché il mare è una risorsa insostituibile per la vita di tutti noi. Con questo obiettivo abbracciamo progetti concreti e ci impegniamo in programmi divulgativi e formativi nelle scuole”.

 

A sottolineare l’importanza di questo progetto è anche  Francesca Santoro,Senior Programme Officer IOC-UNESCO e responsabile dell’Ocean Literacy nell’ambito del Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, “Il ripristino dell’ecosistema marino è fondamentale per rispondere agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030, in riferimento ai cambiamenti climatici e alla conservazione della biodiversità. Tuttavia, non tutti i progetti di riforestazione fanno bene all’oceano e piantare Posidonia nel posto sbagliato può avere infatti effetti dannosi per l’ecosistema marino. È molto importante, inoltre, evitare di innescare un meccanismo che provochi l’espianto di Posidonia in natura per favorire reimpianti che molto di frequente non hanno successo e informare con chiarezza l’opinione pubblica e i decisori su quali siano i criteri da adottare per valutare correttamente i progetti da sostenere. Siamo dunque fieri del lavoro fatto con Save The Wave che è stato realizzato con le giuste autorizzazioni, criteri specifici e alle spalle un team di esperti di alto profilo”. 

 

“Posidonia oceanica forma bellissime praterie sommerse che svolgono numerose funzioni per l’ecosistema. Purtroppo, questa pianta sta soffrendo per via degli impatti dell’uomo, e le praterie spesso regrediscono o scompaiono. Per questo motivo, anche alle Isole Tremiti, è necessario intervenire per la loro tutela e per rimediare ad alcuni degli impatti che la danneggiano, in particolare, gli ancoraggi delle imbarcazioni. Come Università di Bari abbiamo unito le forze con IOC-UNESCO, E.ON e The Oceancy, grazie alla fondamentale adesione del Parco Nazionale del Gargano, per recuperare e reimpiantare porzioni di prateria che altrimenti sarebbero andate perse per sempre. Sappiamo però quanto sia essenziale che ognuno di noi faccia la propria parte, prestando attenzione a questo fragile habitat marino, unico del Mediterraneo, evitando di ancorare su quelle che sembrano semplici “distese d’erba” e invece sono praterie centenarie” ha spiegato Giovanni Chimienti, Biologo Marino del Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari e National Geographic Explorer.

 

Pasquale Pazienza, Presidente Ente parco nazionale del Gargano gestore dell’AMP Isole Tremiti ha commentato l’iniziativa affermando “Questa attività risulta di estremo interesse e va ad impreziosire, sempre nell’ottica della tutela della Posidonia oceanica, gli interventi già realizzati dall’Ente Parco. Il progetto, inoltre, rappresenta un’occasione in più per promuovere la consapevolezza delle Comunità, non solo locali, sull’importanza della biodiversità marina e sul ruolo che gli ecosistemi marini svolgono nella mitigazione del cambiamento climatico. Il nostro ringraziamento va a tutti i soggetti che promuovono tali iniziative di tutela dell’ambiente”.

 

“Questo progetto è ambizioso e lungimirante, infatti se da un lato ha un ruolo importante da un punto di vista ambientale, dall’altro ha un ruolo educativo essenziale al fine di rivalutare una pianta marina spesso sconosciuta. In questo contesto, obiettivo di The Oceancy è proprio di instaurare sinergie proficue con realtà differenti e ad alto valore aggiunto per la tutela del mare”, ha aggiunto Marco Manghisi, Co-Founder, Marketing & Financial Director di The Oceancy.

 

E.ON è un Gruppo energetico internazionale a capitale privato, con circa 78.000 dipendenti nel mondo e con Sede principale a Essen, in Germania. Con il chiaro obiettivo di diventare un partner energetico per i clienti, E.ON, anche in Italia, si posiziona tra gli operatori leader nel mercato dell’energia, del gas e delle soluzioni, con oltre 900.000 clienti tra residenziali, imprese e pubbliche amministrazioni in tutto il Paese. www.eon-energia.comLa Commissione Oceanografica Intergovernativa di UNESCO (IOC-UNESCO) è l’organismo delle Nazioni Unite responsabile del coordinamento dei programmi e servizi in ambito oceanografico a livello globale. IOC-UNESCO promuove la cooperazione internazionale e coordina i programmi di ricerca, i servizi e lo sviluppo delle capacità per conoscere e gestire in modo sostenibile la natura e le risorse dell’oceano e delle zone costiere.

 
 
 

VIESTE IN LOVE – Grande successo del concerto di Cristina D’Avena che fa ballare grandi e piccini Il Set 9, 2022

Post n°30006 pubblicato il 09 Settembre 2022 da forddisseche

VIESTE IN LOVE – Grande successo del concerto di Cristina D’Avena che fa ballare grandi e piccini 

 
261
 

Tanti, tantissimi giovani protagonisti, ieri sera, al concerto che l’intramontabile Cristina D’Avena ha tenuto a Marina piccola in occasione della settimana dell’amore, terza edizione del “Vieste in Love”.

 

Parlare di grande successo è poca cosa. Migliaia di spettatori hanno assistito alla kermesse canora che ha coinvolto piccoli e, soprattutto, come si diceva, giovani. E sì, perché Cristina D’Avena ha il pregio di raccogliere consensi e simpatie di più generazioni. Per cui i piccoli, che ascoltavano, e imparavano a memoria, le sue canzoni, sono i giovani (e meno giovani) di oggi. Proprio quelli che, ieri sera, in migliaia hanno assistito e partecipato attivamente al suo spettacolo, una vera e propria colonna sonora della vita di tanti.

 

Dolce, semplice e disponibile, Cristina D’Avena ha regalato un paio d’ore di serenità anche ai tantissimi ospiti presenti a Vieste e che hanno scelto proprio la settimana del Vieste in Love per trascorrere qualche giorno di vacanza nella nostra cittadina.

  

Si conferma, dunque, un ottimo investimento, in fatto di accoglienza e promozione, il “Vieste in Love”, completamente finanziato, come tutti gli altri eventi, dall’imposta di soggiorno (soldi dei turisti) adottata proprio per la realizzazione di eventi (che rappresenta la prerogativa per una cittadina turistica) da offrire agli ospiti e dei quali, naturalmente, beneficiano anche tutti i cittadini residenti.

 

Intanto, Vieste in love prosegue. Oggi, venerdì 9 settembre, giornata dedicata all’amore per la musica e per il teatro. Alle 18 in programma lo spettacolo della street band “Route 99” con lo show “Notes on the road” che percorrerà le strade di via Madonna della Libera, viale XXIV maggio e via Cesare Battisti con l’inconfondibile stile coinvolgente delle band itineranti.

 

Alle 21.30, invece, appuntamento con lo spettacolo “Dante, Trifone e Paradiso – Una commedia (quasi) perfetta”, uno spettacolo del comico Dino Paradiso e del prof. Trifone Gargano il quale, nello splendido scenario di Marina Piccola, farà un viaggio semiserio nell’opera del “sommo poeta” adatta a tutti, sia grandi che piccini.

 
 
 

VIESTE – Laboratorio di cucina per i “ragazzi” della Turati Il Set 8, 2022

Post n°30005 pubblicato il 09 Settembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Laboratorio di cucina per i “ragazzi” della Turati 

 
664
 

Dalla pasta alla pizza passando dalle crêpes alla Nutella, i ragazzi della Turati di Vieste si sono cimentati con le attività di un entusiasmante laboratorio di cucina.
I ragazzi ospiti della Fondazione Filippo Turati Onlus di Vieste sono stati coinvolti nei giorni scorsi in un divertente laboratorio di cucina. Si tratta di una delle attività da loro più apprezzate, non solo perché offre ai partecipanti la possibilità di improvvisarsi nell’arte culinaria, ma anche perché consente loro di sentirsi pienamente protagonisti della quotidianità grazie allo svolgimento di mansioni tipiche della vita familiare, come fare la spesa e scegliere gli ingredienti e i prodotti necessari per creare i piatti che si propongono di fare insieme all’educatrice e agli operatori.
Dalla pasta alla pizza, molte sono le prelibatezze realizzate durante le attività. Questa volta, a grande richiesta, sono state preparate delle buonissime crêpes con la Nutella. Oltre all’entusiasmo nell’amalgamare gli ingredienti, i ragazzi hanno vissuto l’emozione di poter curare passo dopo passo la creazione delle crespelle, nonché di poterle assaporare tutti insieme in un clima felice di convivialità e gioia.
Ecco qualche foto del laboratorio di cucina.

 
 
 

MATTINATA – La notte del 13 settembre senso unico alternato nella galleria di “Monte Saraceno” per manutenzione impianti Il Set

Post n°30004 pubblicato il 09 Settembre 2022 da forddisseche

MATTINATA – La notte del 13 settembre senso unico alternato nella galleria di “Monte Saraceno” per manutenzione impianti 

 
180
 
 


Con propria ordinanza n.207/2022/BA, del 7 settembre 2022, il responsabile della Struttura Territoriale compartimentale della Puglia dell’Anas, ing. Vincenzo Marzi, ha reso noto che la galleria di Monte Saraceno, in territorio di Mattinata, dalle ore 22:00 del 13 settembre alle ore 06:00 del giorno successivo, sarà percorribile a senso unico alternato, con installazione di impianto semaforico provvisorio, per attività di
manutenzione degli impianti tecnologici, così come richiesto dall’impresa esecutrice, la “IT Innovazione e Tecnologi Srl”. Gli automobilisti sono invitati a prestare la massima attenzione.

 
 
 

VIESTE – Stasera torna in onda il Tg Gargano dopo l’attacco hacker Il Set 8, 2022

Post n°30003 pubblicato il 09 Settembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Stasera torna in onda il Tg Gargano dopo l’attacco hacker 

 
171
 

Dopo l’attacco hacker subito un paio di giorni fa, riprende stasera la normale programmazione di Garganotv. Torna, pertanto, il Tg Gargano, come di consuetudine in diretta alle ore 19.30 e, in differita, a partire dalle 22.30 in sequenza fino alle ore 9 del giorno successivo. Un ringraziamento particolare ad Alessandro e Luciano Ricciardelli, che hanno lavorato (ma non è ancora finita) ininterrottamente in questi giorni per ripristinare i nostri archivi che hanno subito l’attacco hacker.
Cogliamo l’occasione per ricordare che non saremo più sul canale 878 del digitale terrestre, ma trasmetteremo in HBBTV o attraverso la nostra App. E’ noto, infatti, che la tv in Italia (ma anche nel resto d’Europa, secondo le direttive Ue) sta cambiando, con l’utilizzo di nuove tecnologie. GarganoTV, con non pochi sforzi di natura economica, ha gìà adottato la nuova tecnologia HBBTV ed è visibile sul canale 14 del digitale terrestre “Antenna Sud”. Per continuare a vederci seguite questi semplici passi: se possedete una Smart tv di nuova generazione collegata a internet, digitate 14 sul vostro telecomando per sintonizzarvi sul canale “Antenna Sud”.
A questo punto, un riquadro di colore azzurro apparirà in basso a destra invitandovi a premere la “freccia su” sempre del telecomando. Quindi premete “ok” per accedere al menù HBBTV. A questo punto appariranno diversi loghi (vedi foto), selezionate quello di GarganoTV e potrete iniziare a seguire subito in diretta la nostra programmazione.
Qualora non foste in possesso della Smart tv di nuova generazione, nessun problema. Basterà dotarsi di un decoder smart per seguirci sulla nostra App, disponibile per qualsiasi dispositivo, Smart TV, decoder smart, dispositivi Android o Apple.
In caso di difficoltà vi invitiamo a consultare il vostro tecnico di fiducia.