Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechefrancotrottaQuartoProvvisoriolaboratoriotvP_Vigosurfinia60CosmoMadamedony686bagant70giovannapiglionicaAliceSettequerceper_letterabibliofrancescanadomgrimaldi
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 19/09/2022

VIESTE – Dal 21 al 24 settembre raduno nazionale della Protezione civile italiana Il Set 19, 2022

Post n°30037 pubblicato il 19 Settembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Dal 21 al 24 settembre raduno nazionale della Protezione civile italiana 

 
73
 


Dopo due anni di stop a causa della pandemia, il “sistema” italiano di Protezione Civile torna a riunirsi in Puglia per vivere una nuova ed esaltante esperienza con il 7° Raduno Nazionale della Protezione Civile.

 

Per sei anni, infatti, questa originale iniziativa si è organizzata in tutte le province pugliesi, per tornare nel 2022 in Capitanata dove iniziò nel 2014, scegliendo la stessa location di allora, Vieste, nel cuore del Parco Nazionale del Gargano, e precisamente nella suggestiva baia di Pugnochiuso.

  

Dal 21 al 24 settembre arriveranno, da ogni parte di Italia, volontari di Protezione civile, funzionari e dirigenti degli enti e delle istituzioni di ogni livello (regioni, province, comuni) che si occupano di Protezione Civile, oltre a rappresentanti del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile.

 

Sarà una occasione di incontro per tutti coloro i quali dedicano il loro tempo, il loro lavoro, la loro passione al servizio della Protezione Civile. Una occasione per fare amicizie, per confrontarsi, per partecipare a gite, escursioni e momenti di socializzazione, oltre che per godersi Vieste e l’incantevole baia di Pugnochiuso. Un momento unico, quindi, per rinsaldare, in tutti gli operatori di Protezione Civile provenienti da tutto il territorio nazionale, il senso di appartenenza a quella variegata e straordinaria comunità che è il Sistema Nazionale di Protezione Civile al servizio della popolazione italiana 365 giorni all’anno.

 

Giovedì, 22 settembre, tutti i volontari di Protezione civile italiani saranno a Vieste per sfilare in città. Raduno, alle ore 16:00, nel parcheggio Europa e formazione del corteo che attraverserà il lungomare Europa, via Santa Maria di Marino, via Veneto, corso Fazzini, viale Marinai d’Italia, per raggiungere Marina piccola, dove ci saranno gli indirizzi di saluto delle autorità agli intervenuti, e i discorsi dei rappresentanti dei vari gruppi regionali. In serata, alle ore 20:30, spettacolo del gruppo folk “Pizzeche & Muzzeche” nell’anfiteatro Adriatico “Carlo Nobile”.

 
 
 

Grazia D’Altilia non è più tra noi Grazia D’Altilia ci ha lasciato prematuramente, lasciando un forte rimpianto nel mondo della

Post n°30036 pubblicato il 19 Settembre 2022 da forddisseche

Grazia D’Altilia non è più tra noi

Grazia D’Altilia ci ha lasciato prematuramente, lasciando un forte rimpianto nel mondo della cultura garganica che apprezzava le sue doti di sensibile poetessa e narratrice.

Scrive Francesco A. P. Saggese: “Cara Grazia, volevo ancora dirti che per me la tua scrittura sarà sempre fonte d’ispirazione. È stato un grande privilegio averti conosciuta. Le tue parole vivranno sempre nella parte migliore di me. Ti abbraccio”.

Nata a Huy (Belgio), il 31/12/1961 e residente a Vico del Gargano in provincia di Foggia, Grazia d’Altilia si raccontava cosi:

«Fino all’età di dieci anni, ho abitato in Belgio dove i miei figuravano come i “soliti” emigranti. Hanno avuto, però, la fortuna di ritornare a casa. Ed io, con il rientro definitivo in Italia, ho dovuto conoscerne una nuova, di casa. Il Gargano. A Vico del Gargano ho la mia famiglia, il mio lavoro (sono una logopedista ed ho conseguito il diploma di Counselling relazionale nel 2018). Qui svolgo attività di volontariato (faccio parte del gruppo FRATRES che si occupa della donazione di sangue e dell’Associazione “I Bambini di Antonio Gallo” che opera in Uganda e con cui nel 2013 ho fatto una missione).

Collaboro in manifestazioni culturali locali e per dieci anni ho fatto parte della Redazione di un giornale locale. Tra una cosa e l’altra cerco di ritagliare spazi per leggere e scrivere. Qualche volta partecipo a Concorsi Letterari e qualche volta ciò che scrivo piace e “vengo notata”. E allora salta fuori la possibilità di mettersi in viaggio, di conoscere luoghi e gente nuova, di confrontarsi, allargare gli orizzonti. Il mondo dell’inchiostro ha su di me un fascino particolare…mi incanta. È un rimescolio di pensieri ed emozioni: da comprendere nella lettura, da far comprendere con la scrittura. È anche così che il mondo mi sembra più mondo».

Grazia D’Altilia vinse, tra i tanti premi nazionali, il Premio letterario “Tratturo magno” con il racconto “Quel temporale del ’55″. Una narrazione che colpì molto la giuria che espresse la seguente motivazione : «C’è della poesia in questa prosa coinvolgente, che narra, attraverso pensieri dalle nuances sentimentali tenui eppure definite, la sacralità del lavoro del pastore che, nella sua ricchezza di significati, diventa il fulcro della narrazione. La similitudine tra i due viaggi sa non essere banale, ma emotivamente intensa».

L’ultima lirica postata su FB da Grazia D’Altilia è del 10 agosto:

PENSIERI DELLA DOMENICA

Dicono che c’è chi dà voce ad altre voci.

Chi racconta per chi se ne sta in silenzio.

Chi vede per chi ha occhi bendati.

Chi viaggia per chi è sedentario.

Dicono che c’è gente cattiva e, tanta, anche buona.

Che molte persone sono spettacolo. Fanno ridere o sorridere.

Che molte fanno indugiare o rompere i freni.

Che molte fanno pensare e tante altre lasciano vuoti.

Dicono che gli incontri sono albe e tramonti.

Inevitabili.

Come le acque del mare che non dormono mai.

«Versi che vorrebbero unire con una sorta di cordicella gli “incontri”, quelli fatti e i tanti altri che ognuno di noi può avere nella vita» scriveva Grazia, ringraziando il suo amico Marcello Aguiari per la foto che le aveva donato tempo prima, e che aveva messo a supporto della sua ultima poesia.

Teresa Maria Rauzino

 
Share this:

 
 
 

La “fratellanza” rinnovata con l’Albania: sui Monti Dauni il vicesindaco di Tirana di Redazione 19 Settembre 2022

Post n°30035 pubblicato il 19 Settembre 2022 da forddisseche

La “fratellanza” rinnovata con l’Albania: sui Monti Dauni il vicesindaco di Tirana
 
 
 

Si è conclusa la quinta edizione di “Vëllazëria”, che nella lingua arbëreshë (delle comunità italiane di origine albanese) significa “Fratellanza”.

 

Nelle piazze e per le strade di Casalvecchio di Puglia, una delle più antiche comunità arbëreshë, sono arrivati gruppi di “albanesi-d’Italia” da Calabria, Basilicata, Molise, da tutta la provincia di Foggia e da tante città italiane.

 

Al taglio del nastro che ha dato il via alle manifestazioni era presente, Andi Seferi, vicesindaco di Tirana, accanto al sindaco di Casalvecchio, Noè Andreano, e al presidente della Provincia di Foggia Nicola Gatta. Presenti, inoltre, Giuseppe Rubino, dirigente della Regione Puglia; Pasquale De Vita, presidente del Gal Meridaunia; la sindaca di Ururi Laura Greco e il suo vice, Emiliano Plescia; il vicesindaco di Chieuti, Michele Di Lucia; il sindaco di Greci, Nicola Luigi Norcia, la vicesindaca di San Martino di Finita, Illary Francesca Licursi.

 

«Qui ci sentiamo a casa», ha dichiarato Andi Seferi. Il vicesindaco della capitale albanese, assieme al Comune di Casalvecchio di Puglia, sta lavorando a un gemellaggio tra il borgo pugliese e Tirana, un patto d’amicizia che avvierà una serie di progetti anche in tema di sviluppo e cooperazione internazionale. Il legame tra Casalvecchio di Puglia e l’Albania risale alla fondazione del paese. Tra il XV e il XVI secolo, il borgo fu popolato da un gruppo di profughi albanesi che, per sfuggire all’invasione dei Balcani da parte dei turchi, si riversarono nel territorio daunio dopo che Giorgio Castriota Skanderbeg aveva attraversato l’Adriatico per combattere al fianco di Ferdinando I d’Aragona contro Giovanni D’Angiò.