Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 64
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

laboratoriotvforddissechegiuliano2903QuartoProvvisoriomoon_Iorat6francotrottaCrossPurposesgionny601marabertowPetunia67ottavianocesare0surfinia60mfcatucci
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 08/11/2022

VIESTE – Neanche l’umidità tagliata a fette ferma lo show nell’arena dello Star Il Nov 8, 2022

Post n°30156 pubblicato il 08 Novembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Neanche l’umidità tagliata a fette ferma lo show nell’arena dello Star 

 
318
 


La quarta di campionato inizia coi fiocchi con la designazione come arbitro delle tre gare in programma di Vincenzo Marruocco, ex portiere del Cagliari in serie A che ha magistralmente diretto i match tutti sulla carta densi di significato.
Alle 19 aprono il sipario Hair Style contro la Bradbury, una vittoria come il pane per entrambe appaiate nella zona di bassa classifica, dando vita ad un duello fino ai primi minuti equilibrato ma subito deciso dal mattatore Carlo Sicignano che in modalità Osimhen ne fa otto all’esordio, nulla da fare per gli avversari con le doppiette di Scala e Strizzi che trovano davanti anche la saracinesca De Vita, premiato come miglior portiere della gara terminata 11-4 per la Hair Style.
Nel secondo match la capolista Garibaldi Carpenter scende in campo contro VarioDev priva del portiere Bua squalificato, gara subito in salita per i campioni in carica che subiscono la velocità e l’astuzia degli avversari con Innangi, Ascoli e Papagni che illudono i pronostici e si portano in vantaggio dopo pochissimi minuti.
Score che si allarga con Innangi e Papagni, risposta di Luigi De Vita che accorcia e poi rasoterra fuori area di Sante Troia per il 3-1 dei verdi, bomba di De Cristofaro nel sette con il presidente Chionchio che incredulo non sa se riaprirà il bar domattina.
Ma nel secondo tempo sale in cattedra la Garibaldi Carpenter trascinata dal duo bomber De Vita featuring Carmine Silvestri iniziando la remuntada firmata con i titoli di Coda, Luca in questo caso, con un eurogol da centrocampo che può già chiudere i giochi, da segnalare il debutto di Sollitto tra i campioni in carica e il timbro del cartellino all’esordio partecipando di persona ai 3 punti, finale sul punteggio di 9-5.
Nel terzo game Vecchia Vieste fa suo il ‘derby del centro storico’ contro un ostico Petra per 4-1, pochi gol ma tanto agonismo in campo e il debutto di un altro big come Gennaro Palumbo, bomber di razza anche lui sul tabellino marcatori insieme a Vespa, Gentile e Troia, gol della bandiera di Tomaiuolo.
In classifica vola dunque Garibaldi Carpenter a punteggio pieno con 12 punti seguito da Vecchia Vieste a quota 10 che staccano il terzetto di gruppo VarioDev,Hair Style e Gabbiano, rispettivamente a quota 6,4,3 punti, ancora a secco di punti Petra e Bradbury.
La classifica marcatori vede in testa Carlo Vespa con 12 gol, segue Luca Coda con 9 reti e Carlo Sicignano ad otto lunghezze.
Prossimo turno lunedì prossimo 14 novembre, stessa spiaggia stesso mare. E stesso spettacolo.
Matteo Simone

 
 
 

Foggia, è pari con l’Avellino: a Petermann risponde Russo di Mario Schena 8 Novembre 2022

Post n°30155 pubblicato il 08 Novembre 2022 da forddisseche

Foggia, è pari con l’Avellino: a Petermann risponde Russo
 
 
 
 

Profumo di sfide infuocate ogni volta che Foggia e Avellino si incontrano. Foggia a quota quattordici al dodicesimo posto, Avellino con due punti in meno. È finita in parità uno a uno, risultato obiettivamente giusto.

 

Tra i rossoneri convocati gli acciaccati Malomo e D’Ursi, fermo ancora Papazov. Gallo da fiducia al gruppo che si è ben distinto nelle ultime gare. Un minuto di raccoglimento per le sette vittime dell’incidente dell’elicottero dell’Alidaunia.

 

Si parte con i fuochi d’artificio. Foggia in vantaggio dopo soli due minuti con un calcio di rigore trasformato da Petermann per un fallo su Garattoni. L’Avellino non si smarrisce e trova subito il pari all’ottavo con un calcio di punizione calciato da Russo che passa tra un nugolo di calciatori e batte Nobile che non vede sbucare il pallone in tempo per intervenire. La partita diventa equilibrata e le due squadre giocano più coperte. Nobile è bravo ad opporsi ad una conclusione di Casarini alla quale il Foggia risponde con una doppia occasione, prima Garattoni colpisce il palo, sulla ribattuta il pallone giunge a Costa il cui diagonale termina di un nulla oltre il palo. Arrivano i tifosi dell’Avellino che scatenano una vera e propria battaglia a suon di fumogeni che ferma la gara per cinque minuti. Qualche schermaglia e non di più sino ad oltre i cinque minuti di recupero concessi con il Foggia comunque più propositivo dell’Avellino.

 

Ad inizio ripresa fuori Sciacca e dentro Leo. Sembra più propositivo l’Avellino e Casarini fallisce la conclusione da buona posizione, spedendo il pallone in curva. Ancora irpini pericolosi con una punizione di Russo deviata in angolo con un ginocchio da Di Pasquale. Il Foggia non punge e Petermann ci prova da lontano, ma debolmente. Debole tentativo di Petermann dai 25 metri che viene controllato da Pane senza problemi. Può andare in gol il Foggia, ma Vuthaj sugli sviluppi di un calcio d’angolo lasciato tutto solo schiaccia di testa ma sui propri piedi. Le due squadre si annullano giocando in maniera speculare, grande equilibrio e pochi sussulti. A nove dal termine bell’azione del Foggia con Garattoni che dalla destra opera un cross basso sul quale non arriva in tempo Vuthaj per spingere il pallone in rete. Si va in recupero e nel primo dei quattro minuti concessi D’Ursi pescato tutto solo dal rinvio di Nobile entra in area, ma spara sull’esterno della rete un pallone che avrebbe potuto gestire meglio.

 

Non accade più nulla, un pari che accontenta entrambe le squadre che continuano a muovere la classifica.

 

TABELLINO

 

Foggia – Avellino 1-1 3’ rig. Petermann (Fog), 8’ Russo (Ave)

 

FOGGIA (3-5-2): Nobile; Sciacca (46’ Leo), Di Pasquale, Rizzo; Garattoni, Frigerio (86’ Peralta), Petermann (88’ Odjer), Di Noia, Costa; Vuthaj, Ogunseye (76’ D’Ursi) A disp.: Illuzzi, Dalmasso, Malomo, Schenetti, Peschetola, Nicolao, Iacoponi, Tonin All.: Gallo

 

AVELLINO (4-3-3): Pane; Rizzo, Moretti, Auriletto, Tito; Matera (88’ Franco), Garetto (74’ Maisto), Casarini; Trotta (58’ Murano), Gambale, Russo (74’ Kanoute) A disp.: Forte, Aya, Ceccarelli, Dall’Oglio, Guadagni, Ricciardi All.: Rastelli

 

Arbitro: Filippo Giaccaglia di Jesi Assistente 1: Giuseppe Licari di Marsala Assistente 2: Antonio D’Angelo di Perugia Quarto Ufficiale: Dario Madonia di Palermo

 

Ammoniti: 26’ Russo (Ave), 31’ Casarini (Ave), 45’+5 Petermann (Fog), 83’ Rizzo (Ave)