Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 64
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

laboratoriotvforddissechegiuliano2903QuartoProvvisoriomoon_Iorat6francotrottaCrossPurposesgionny601marabertowPetunia67ottavianocesare0surfinia60mfcatucci
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 12/11/2022

UMBRA – Pensionamento per il generale Claudio Angeloro, il saluto del Parco del Gargano Il Nov 12, 2022

Post n°30170 pubblicato il 12 Novembre 2022 da forddisseche

UMBRA – Pensionamento per il generale Claudio Angeloro, il saluto del Parco del Gargano 

 
96
 


Si è svolto in Foresta Umbra l’incontro di saluto al generale Claudio Angeloro, Comandante del Reparto Carabinieri biodiversità Foresta Umbra. Impegnato da sempre in prima linea con grande spirito di abnegazione per la tutela ambientale in particolar modo in Foresta Umbra, Claudio Angeloro andrà in congedo il prossimo martedì, 15 novembre 2022.
A lui il ringraziamento personale del Presidente del Parco del Gargano, Pasquale Pazienza, e di tutto l’Ente per il lavoro svolto e l’impegno profuso in questi lunghi anni a tutela delle riserve naturali esistenti nel nostro territorio.
Anche dalla redazione di Garganotv il “grazie!” per l’eccellente e professionale lavoro svolto a tutela del nostro immenso patrimonio naturale e gli auguri per un sereno e lungo pensionamento.

 
 
 

VIESTE – Collocato il tetto sulla Torre di San Felice, lavori verso la conclusione Ultimo aggiornamento Nov 12, 2022

Post n°30169 pubblicato il 12 Novembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Collocato il tetto sulla Torre di San Felice, lavori verso la conclusione 

 
263
 


Operazione di particolare ingegneria questa mattina presso la “Torre di San Felice” a Vieste. Tecnici specializzati, con l’ausilio di una particolare gru automontata, hanno provveduto a collocare la copertura (tetto spiovente), in legno ed acciaio, nell’ambito dei lavori di restauro e consolidemto dell’antico, storico immobile, tanto caro a tutti i viestani. Si è trattato di una operazione molto delicata, perfettamente riuscita e che permetterà, ora, di portare a completamento la fase di restauro e alla conseguente conclusione dei lavori.
Si tratta, come si sa, di un importante lavoro di recupero della bellissima torre Cinquecentesca, posta sulla splendida baia di San Felice, alla quale fa da cornice il singolare “architiello”, ormai famoso in tutto il mondo e uno dei simboli del turismo di Vieste e del Gargano intero.
Ad eseguire i lavori è l’impresa Basso Srl, con sede in Melfi (Pz) a cui spetta di far tornare in vita l’imponente torre, una delle otto ubicate sulla costa di Vieste e fatte costruire, nel 1540 dal Viceré di Napoli, Pietro Toledo. L’impresa lucana si è aggiudicata l’appalto dei lavori per complessivi 203.587,17 euro (su base di 280.848,58 euro), oltre oneri ed Iva.
La torre di San Felice, dunque, sta per tornare al suo antico splendore, grazie ad un finanziamento di ben 406 mila euro che il Comune di Vieste è riuscito ad ottenere ai fini del recupero e della valorizzazione dell’antico manufatto e dell’antistante piazzale. Finanziamento che, come evidenziato dall’assessore ai lavori pubblici, Mariella Pecorelli, rientra nel progetto “CoHeN – Coastal Heritage Networh” Interreg Grecia – Italia 2014-2020, a cui il Comune di Vieste ha partecipato, proponendo il recupero della torre, particolarmente cara ai viestani.
Come sarà utilizzata la torre di San Felice una volta restaurata? Quali i programmi del Comune di Vieste in merito? Da tempo, a dire il vero, si pensa di trasformare la bellissima struttura in un centro polivalente di accoglienza turistica e piccolo museo. Una sorta di “biglietto da visita”, per i tanti ospiti che, prima di arrivare a Vieste, potranno essere informati compiutamente e dettagliatamente delle opportunità offerte dalla città e dal suo straordinario territorio. Un servizio pubblico, da affidare a personale specializzato e plurilingue, di rilevante importanza, assieme al recupero (unitamente al piazzale antistante, che, pavimentato in cocciopesto, diventerà un suggestivo belvedere con vista sulla baia e del famosissimo architiello) di un bene storico di grande valore culturale, troppo spesso mortificato dalla presenza di venditori ambulanti (abusivi), che squalificavano il rinomato sito.

 
 
 

VIESTE – “I giorni della Ricerca”, banchetto AIRC dell’Inter Club su corso Fazzini Il Nov 12, 2022

Post n°30168 pubblicato il 12 Novembre 2022 da forddisseche

VIESTE – “I giorni della Ricerca”, banchetto AIRC dell’Inter Club su corso Fazzini 

 
102
 


Si rinnova l’appuntamento con “I Giorni della Ricerca” di Fondazione AIRC, utili a informare e sensibilizzare il pubblico sul tema cancro, che vedono coinvolti trasmissioni televisive e radiofoniche, media, stadi di calcio della Serie A e della Nazionale, studenti delle scuole superiori, Comitati Regionali e volontari che distribuiranno in 1200 piazze italiane i Cioccolatini della Ricerca, a fronte di una donazione di 10 euro.
A Vieste l’appuntamento è organizzato dall’Inter Club i cui associati-volontari sono stati presenti stamattina e lo saranno anche domattina, domenica 13 novembre, con un proprio banchetto nell’aria antistante il cantiere dei giardini di corso Fazzini.
Sostenere l’enorme impegno della ricerca con un piccolo gesto come quello di acquistare i Cioccolatini della Ricerca si rivela fondamentale per garantire continuità al lavoro degli scienziati, impegnati ogni giorno nello sviluppare metodi per diagnosi sempre più precoci e trattamenti più efficaci.

 
 
 

VIESTE – Prende sempre più forma la nuova scuola media “Dante Alighieri” Il Nov 11, 2022

Post n°30167 pubblicato il 12 Novembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Prende sempre più forma la nuova scuola media “Dante Alighieri” 

 
559
 


Proseguono con celerità i lavori di costruzione dell’edificio della scuola media Dante Alighieri. In questi giorni, si sta procedendo alle “finiture” esterne e al completamento del “cappotto” termico della parte Nord del nuovo e moderno edificio, realizzato con struttura antisismica di ultima generazione. Difatti, le modificate esigenze in termini di sicurezza antisismica, hanno spinto il Comune di Vieste a realizzare un edificio ex novo, più moderno e funzionale, dotato di tutte le caratteristiche richieste dalle normative attuali.
In virtù di ciò, l’Amministrazione Nobiletti è riuscita ad ottenere dallo Stato un finanziamento di un milione 425 mila euro, ai quali sono stati aggiunti un milione 375 mila euro, derivanti dal bilancio comunale, per un totale complessivo di due milioni 800 mila euro, necessari per realizzare il nuovo edificio.
La “vecchia” Dante sta, dunque, lasciando il posto ad un nuovo plesso scolastico, moderno, sicuro e al passo con i nuovi metodi d’insegnamento. Dopo decenni, il Comune di Vieste torna finalmente a realizzare una grande opera nel campo dell’edilizia scolastica. Ma è solo la prima, perchè proprio in qusti giorni si sta procedendo allo smontaggio delle strutture collaterali propedeutico alla successiva demolizione del plesso “Fasanella” (ex Tommaseo). Anche in questop caso, sorgerà un moderno edificio, dotato di tutte le recenti caratteristiche in materia antisismica, certamente più funzionale e adatta alle moderne esigenze degli alunni.

 
 
 

VIESTE – Dopo quella di San Felice, restauro anche per la Torre dell’Aglio: approvato progetto preliminare Il Nov 11, 2022

Post n°30166 pubblicato il 12 Novembre 2022 da forddisseche

VIESTE – Dopo quella di San Felice, restauro anche per la Torre dell’Aglio: approvato progetto preliminare 

 
131
 


Dopo quella di San Felice, il Comune di Vieste intende procedere al restauro e consolidamento anche della “Torre dell’Aglio”, posta nel tenimento di Pugnochiuso. Lo si apprende dalla delibera di Giunta comunale n. 340, approvata in data di oggi, 11 novembre 2022, con la quale si è proceduto all’approvazione del progetto di massima, redatto dall’architetto Paola Minervino, incardinata nel Settore Tecnico comunale. Progetto che prevede una spesa complessiva di poco superiore a 500 mila euro e che servirà, principalmente, per la presentazione di richieste di finanziamento.

 

Con la stessa delibera, la Giunta comunale ha provveduto a “dichiarare il pubblico interesse alla realizzazione dell’intervento e per l’effetto di dare indirizzo al dirigente del settore competente per avviare il procedimento di revoca della C.D.M. n. 80 del 20.11.2018 ai sensi dell’art 42 del C.D.N., al fine di rientrare nella piena disponibilità del bene”. Inoltre, è stato dato atto che la delibera approvata “costituisce mero atto di indirizzo e che pertanto non necessita di relativa copertura finanziaria” e, come detto, di fornire “indirizzo al dirigente del Settore Tecnico per gli adempimenti consequenziali”. Vale a dire:

  

1) avviare procedure per l’acquisizione degli atti di assenso necessari per la redazione del progetto definitivo/esecutivo;

 

2) esplorare eventuali fonti di finanziamento, ivi comprese quelle previste dal PNRR, al fine di garantire la copertura finanziaria per la realizzazione dell’intervento”

 

La Giunta ha anche stabilito che “qualora vengano reperite le risorse economiche necessarie per la realizzazione dell’intervento, si provvederà con separati atti, ad inserire lo stesso nel Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2022/2024, approvato con delibera di C.C. n. 63 del 28.12.2021”.