Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 64
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvgiuliano2903QuartoProvvisoriomoon_Iorat6francotrottaCrossPurposesgionny601marabertowPetunia67ottavianocesare0surfinia60mfcatucci
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 27/11/2022

Terremoto nel San Severo Calcio, squadra consegnata al sindaco Miglio e all’assessore Carrabba Di Redazione

Post n°30211 pubblicato il 27 Novembre 2022 da forddisseche

Terremoto nel San Severo Calcio, squadra consegnata al sindaco Miglio e all’assessore Carrabba

Dimissionari i dirigenti del club che partecipa al Campionato Pugliese di Eccellenza e attualmente in zona play off. “Siamo convinti che sia necessaria una scossa per l’ambiente”

Dimissionari i dirigenti del San Severo Calcio, prima squadra cittadina che partecipa al Campionato Pugliese di Eccellenza e attualmente in zona play off. “Una decisione purtroppo necessaria e non più rinviabile – commentano i dirigenti dimissionari – una volta verificato che poco si è concretizzato attorno a un progetto che mirava e mira a coinvolgere la città nel Centenario della fondazione del Club, su cui abbiamo programmato una serie di attività socio-culturali, e anche per verificare se ci siano nuove intese disposte ad affiancare o subentrare al gruppo dirigenziale uscente. Il nostro gruppo guida il Club dal 2008 con un congruo investimento economico che ha portato lustro alla compagine giallogranata e alla città grazie anche a importanti risultati con tre campionati vinti, cinque stagioni in serie D e cinque in Eccellenza”.

E spiegano: “Ora siamo convinti che sia necessaria una scossa per l’ambiente magari con idee e nuovi investimenti. Con grande senso di responsabilità e con rammarico, ma soprattutto per il bene della Città e del suo patrimonio calcistico, facciamo un passo indietro affinché venga monitorata la situazione e individuate nuove proposte per continuare a far vivere i fasti del San Severo Calcio. La società tutta ringrazia aziende, imprenditori, tifosi e chiunque abbia contribuito a questo percorso affiancando il proprio brand a quello del Club. Partnernariati che continueranno fino al termine della stagione agonistica. Il prosieguo dell’attività viene garantito anche nel settore giovanile, vera linfa e serbatoio per la prima squadra come stanno dimostrando i risultati delle ultime giornate che ci hanno permesso di valorizzare diversi giovani talenti locali. Grazie a tutti e forza San Severo”.

Nelle prossime ore una delegazione si recherà dal sindaco di San Severo, Francesco Miglio, e dall’assessore allo sport Felice Carrabba per consegnare la squadra nelle loro mani. La decisione è stata adottata in queste ore nell’imminenza della riapertura del mercato in modo dare la possibilità a un’eventuale nuova cordata di poter operare con le proprie idee. 

 
 
 

Emergenza rifiuti in città: firmato il nuovo piano di Natale Labia 27 Novembre 2022

Post n°30210 pubblicato il 27 Novembre 2022 da forddisseche

Emergenza rifiuti in città: firmato il nuovo piano
 
 
 
 

Un nuovo piano industriale per risolvere, o meglio contenere, quell’emergenza rifiuti che ciclicamente rende Foggia una città da terzo mondo, molto più di quanto non lo sia già per altre criticità a partire da una condizione economica disastrata e da una presenza criminale invasiva che l’ha costretta, e con essa i 150mila cittadini, all’onta del commissariamento dell’amministrazione comunale per infiltrazioni mafiose. E sono proprio i tre commissari prefettizi che da un anno reggono il municipio a sottoscrivere un impegno per altri nove anni con l’Amiu, l’azienda barese accolta nel capoluogo dopo il fallimento della società comunale Amica ormai quasi dieci anni fa.
In oltre cento pagine di relazione, i reggenti Marilisa Magno e i suoi tre subcommissari Rachele Grandolfo, Sebastiano Giangrande e Francesco Fasano, indicano quali saranno gli accordi per offrire un servizio migliore. A corredo del documento anche le previsioni del disciplinare tecnico, la relazione economica e il piano finanziario, stilate di concerto con il Conai, il consorzio nazionale imballaggi, che dovrà, in qualità di partner, proporre i progetti per aumentare e rendere efficiente la raccolta differenziata anche grazie ai finanziamenti del Pnrr. Sono previste due fasi: una transitoria in cui verrà sperimentato un sistema di raccolta con cassonetti intelligenti e il conferimento porta a porta per le attività, più di 2500, che producono grandi quantità di rifiuti, come quelle legate agli alimenti e una fase a regime quando saranno attivi altri tre centri di raccolta rifiuti comunali. L’operazione costerà oltre 22 milioni di euro annui, superiori ai costi attuali di quasi un milione e dovrà giungere all’obiettivo del 65 per cento di raccolta differenziata.
Tra le clausole previste anche delle penalità per il gestore che dovrà pagare 1500 euro al giorno di multa se non rispetterà i disciplinari del servizio.
Nelle analisi finanziarie e operative presenti nel documento approvato dai commissari spicca l’aumento del costo per la gestione dei rifiuti nell’ultimo triennio e soprattutto la lievitazione della produzione stessa di Rsu di oltre il 14 percento, a fronte, secondo i dati dei censimenti Istat, del calo della popolazione, ormai con una tendenza consolidata. Secondo i redattori del piano questo aumento è dovuto sia alle modalità attuali di raccolta svolta con cassonetti enormi in cui conferiscono tutti, oltre alle utenze domestiche anche i siti industriali sia all’alto numero di pendolari e di non residenti che comunque, basti pensare agli studenti fuori sede, producono e smistano rifiuti.
Un piano ambizioso, quello presentato dai commissari, che la nuova classe politica che da qui a non più di un anno tornerà alla guida della città si troverà a dover onorare, nonostante il problema sia stato ed ancora è oggetto di discussione tra i dirigenti delle forze politiche che si candidano alla guida della città.