Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 64
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 

Oroscopo

 


                 width="200" height="250" scrolling=no marginwidth=0 marginheight=0 frameborder=0 border=0 style="border:0;margin:0;padding:0;">
    

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvQuartoProvvisoriofrate.lorenzoninodlviltuocognatino2lightdewprefazione09PolDuidiego2020200rexton2013cassetta2gennarotedescosilvana_corvino
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/202

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/2020/07/RADIO-GARDEN-300x176.png

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 19/09/2023

SUPERBONUS/ «MISTER MILIARDO MAURIZIO MATTEO DE MARTINO » SI DIFENDE:

Post n°31275 pubblicato il 19 Settembre 2023 da forddisseche

SUPERBONUS/ «MISTER MILIARDO MAURIZIO MATTEO DE MARTINO » SI DIFENDE: «IO A DUBAI? SEMPRE RIMASTO A SAN SEVERO». INDAGINI PARTITE DAI COMUNI DI VIESTE E SAN SEVERO PER LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE PER 1.300 IMMOBILI E 17 TERRENI.
È l’inchiesta più clamorosa emersa finora dalle indagini avviate in tutta Italia sui bonus edilizi: un miliardo di euro a una sola famiglia. Ma «Mister Miliardo» — così definito da un articolo di Repubblica dei giorni scorsi che riprendeva il caso scoppiato a febbraio 2022 agganciandosi all’attualità di una sua presunta fuga a Dubai — ovvero Maurizio Matteo De Martino, si difende attraverso una lettera indirizzata al quotidiano l’Attacco di Foggia.

«Non mi sono rifugiato a Dubai, risiedo e lavoro in Italia». Per la precisione a San Severo, dove è nato, vive e ha anche sponsorizzato una rotatoria all’ingresso della città. E dove accoglie la cronista del quotidiano inviata a fare un’intervista, dopo la lettera ricevuta in redazione, con un ironico «Benvenuti a Dubai».

Maurizio Matteo De Martino è da tempo oggetto di un’inchiesta della Guardia di finanza: è indagato con un centinaio di persone in una delle più grandi inchieste sulle truffe di superbonus e altri bonus.

E la Cassazione ha confermato il lavoro svolto dai finanzieri, confermando il sequestro ottenuto dalla Procura. Negli scorsi mesi i legali di De Martino hanno sempre smentito ogni ipotesi di irregolarità. Adesso lo ribadisce lo stesso imprenditore, legale rappresentante nonché titolare del 50% della Mama International Business s.r.l. e della Sviluppo Immobiliare Vallè srl (il restante 50% fa capo alla sorella Marisa Maria De Martino): «Non abbiamo mai utilizzato il Superbonus 110%».

Fino al 2020 la Mama International Business fatturava 19 milioni di euro. Nel giro di 12 mesi, però, il business si è allargato in maniera esponenziale fino a un miliardo e 38 milioni.

Come è stato possibile? Lo spiega la Cassazione in una sentenza che conferma il lavoro della Guardia di Finanza di Foggia. In sostanza, tra i comuni di Vieste e San Severo sono stati predisposti lavori di ristrutturazione per 1.300 immobili e 17 terreni.

Per ognuno di questi, «come prevedeva la legge», la società ha sviluppato «un credito di 96 mila euro». Nella sentenza della Cassazione, però, si legge che «l’87% di questi immobili sono di categoria C/6, ossia stalle, scuderie, rimesse e autorimesse con rendita catastale media di 50 euro». E grazie al meccanismo dei bonus fiscali che permetteva di «pagare solo il 15% mentre il restante 85% aveva titolo per richiedere il bonus fiscale». Così, del miliardo sul bilancio come credito, la società è arrivata a incassare 300 milioni (in parte finiti sotto sequestro preventivo).

Sequestro preventivo di cui si lamenta, nella lettera al quotidiano l’Attacco, Maurizio Matteo De Martino: «Le nostre società, a causa del sequestro preventivo, non possono ancora disporre di somme sui conti correnti — perché ad oggi sono state integralmente trasferite al FUG (Fondo Unico Giustizia) — malgrado la revoca dell’incarico all’amministratore giudiziario. Questo ha creato notevoli ostacoli nella gestione delle attività e nei rapporti con i nostri clienti». De Martino si lamenta anche della definizione di «Mister Miliardo», perché «usare queste definizioni improprie può distorcere la realtà». Poi contesta il merito delle inchieste giornalistiche che fanno riferimento a una sentenza della Cassazione ma omettono «deliberatamente di menzionare la successiva legge di interpretazione autentica n. 38/23. Lart. 2 ter di tale legge sottolinea espressamente che: “Per le spese relative agli interventi diversi dal 110%, la cessione del credito e lo sconto in fattura sono subordinati esclusivamente al solo presupposto del sostenimento della spesa nella finestra temporale agevolata”, e quindi non serve aver eseguito i lavori prima della “nascita” del credito d’imposta. Certo, i lavori, come era ed è nelle nostre intenzioni e nei fatti, bisogna comunque farli, ma non necessariamente prima della generazione del credito, il contrario di quanto ci viene contestato».

Anche per la vicenda delle stalle De Martino ha pronta una replica: «Continuiamo con un’erronea rappresentazione: i cosiddetti box sono stati descritti come stalle o scuderie. Questa rappresentazione induce in errore. La definizione catastale dei box, classificati come C6, fa riferimento a garage e posto auto. La menzione di stalle o scuderie è semplicemente un’espressione tradizionale utilizzata dal Catasto e non ha alcuna correlazione con strutture agricole». Resta, però, il fatto di come sia stato possibile generare un business del genere con rendite catastali così basse. E sui dipendenti, solo 3 nel 2020 secondo la Cassazione? «Il cuore pulsante del nostro business risiede nella nostra operatività come General Contractor, affidandoci a professionisti esterni e studi associati. Il numero di dipendenti non riflette l’ampiezza e la complessità dei progetti che gestiamo. La nostra rete di professionisti e collaboratori esterni garantisce l’efficienza operativa, permettendoci di soddisfare le esigenze dei nostri clienti». Come finirà? «Le indagini sono ancora in corso ma non esiste né una sentenza di condanna né alcun processo», chiosa De Martino. Che aggiunge: «Ripongo piena fiducia nel lavoro della Guardia di Finanza». Come tutti, del resto.

l’attacco

corrieredellasera

 
 
 

CAMERA DI COMMERCIO DI FOGGIA/ I NUOVI BANDI 2023 AvvisiEconomia By Redazione Last updated 19 Settembre 2023

Post n°31274 pubblicato il 19 Settembre 2023 da forddisseche

CAMERA DI COMMERCIO DI FOGGIA/ I NUOVI BANDI 2023
 
Al via la presentazione delle domande.
La Camera di Commercio di Foggia ha stanziato oltre 1 milione 300 mila euro per i bandi 2023, con l’obiettivo di sostenere lo sviluppo del sistema imprenditoriale di Capitanata. Un incentivo concreto a favore della digitalizzazione, della sostenibilità, dell’internazionalizzazione, della formazione e della promozione turistica. Quattro sono le linee di intervento:  “La doppia transizione: digitale ed ecologica”, “Internazionalizzazione”, “Turismo”, “Formazione lavoro”.   Le micro, piccole e medie imprese di tutti i settori economici, con sede legale nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Foggia, potranno presentare le domande nei tempi seguenti: Bando Doppia Transizio CAMERA DI COMMERCIO DI FOGGIA/ I NUOVI BANDI 2023 ne – digitale ed ecologica -, dalle ore 9.00 del 29 settembre 2023 alle ore 21.00 del 30 ottobre 2023; Bando Formazione Lavoro, dalle ore 11.00 del 29 settembre 2023 alle ore 21.00 del 30 ottobre 2023; Bando Internazionalizzazione, dalle ore 14.00 del 29 settembre 2023 alle ore 21.00 del 30 ottobre 2023; Bando Turismo, dalle ore 16.00 del 29 settembre 2023 alle ore 21.00 del 30 ottobre 2023.  A pena di esclusione, le richieste di voucher devono essere trasmesse in modalità telematica, attraverso la piattaforma Web Telemaco. Si terrà conto dell’ordine cronologico di ricezione delle domande. Al raggiungimento di richieste di contributi superiori alla dotazione finanziaria sarà possibile la chiusura anticipata del bando. Saranno automaticamente escluse le domande pervenute prima o dopo i termini previsti.   Per ogni singola Misura, alle imprese in possesso del rating di legalità verrà riconosciuta una premialità pari al 5% del contributo concesso e alle imprese femminili verrà riconosciuta una premialità pari al 20% del contributo concesso.   Tutte le informazioni e i moduli di richiesta sono disponibili sul sito della Camera di Commercio di Foggia.   Per assistenza è possibile contattare gli uffici della Camera all’indirizzo email imprese@fg.camcom.it
Particolare attenzione è stata riservata dalla Camera di Commercio di Foggia alla sicurezza pubblica. Ed è proprio per fornire una risposta alle esigenze del territorio – considerati anche gli ultimi avvenimenti di cronaca – che l’Ente camerale ha ritenuto opportuno includere, tra le tecnologie digitali del bando “Doppia Transizione”, l’implementazione di impianti di videosorveglianza aventi caratteristiche tali da consentire il collegamento con sistemi automatici di chiamata alle autorità di pubblica sicurezza.

 
 
 

VIA ALLE DOMANDE PER L’AGRO FOTOVOLTAICO AmbienteAvvisiEconomia By Redazione Last updated 19 Settembre 2023

Post n°31273 pubblicato il 19 Settembre 2023 da forddisseche

VIA ALLE DOMANDE PER L’AGRO FOTOVOLTAICO
 
Tra le azioni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza c’è anche quello legato ai parchi agrisolari, con il previsto finanziamento per acquisto e posa in opera di pannelli fotovoltaici sui tetti di fabbricati strumentali all’attività delle imprese beneficiarie, vale a dire imprenditori agricoli (in forma individuale e societaria), imprese agroindustriali, cooperative agricole, associazioni e raggruppamenti temporanei di imprese, reti di imprese e comunità energetiche rinnovabili.

Gli impianti devono avere una potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 1.000 kWp.
I contributi si possono chiedere anche per l’installazione dei sistemi di accumulo di energia elettrica e/o di dispositivi di ricarica elettrica per la mobilità sostenibile, oppure per eseguire uno o più interventi complementari
di riqualificazione dei fabbricati ai fini del miglioramento dell’efficienza energetica delle strutture, per esempio la rimozione e lo smaltimento dell’amianto dai tetti, la realizzazione dell’isolamento termico o la realizzazione di un sistema di aerazione.
Con il regolamento operativo emanato a luglio scorso, adesso è possibile sapere che un investimento è ammissibile a condizione che l’obiettivo sia quello di soddisfare il fabbisogno energetico dell’azienda e che la capacità produttiva annua non superi il consumo medio annuo combinato di energia termica ed elettrica dell’azienda agricola, compreso quello familiare. Comunque sia, la vendita di energia elettrica è consentita nella rete, purché sia rispettato il limite di autoconsumo medio annuale.

E’ disponibile un residuo di circa 1 miliardo di euro, dopo una prima erogazione di 500 milioni, ma suddiviso per tipologia di beneficiari e di interventi: imprese agricole (697 milioni), imprese attive nella trasformazione di prodotti agricoli (150 milioni), per prodotti non agricoli (75 milioni).
La quantità massima dell’aiuto prevista dal bando è l’80% delle spese ammesse per le imprese agricole di produzione primaria, e scende dall’80 al 50%, a scalare in base alla potenza massima installata, per le imprese di trasformazione di prodotti agricoli, con possibilità di incrementare di un ulteriore 10% o 20% alle medie e piccole imprese. Per le imprese di trasformazione in prodotti non agricoli e per le imprese di produzione primaria che superano in vincolo dell’autoconsumo, invece, l’aiuto massimo è pari al 30% delle spese ammissibili.

Le domande devono essere presentate esclusivamente sulla piattaforma informatica Gestore Servizi Energetici fino al termine massimo delle ore 12 del 12 ottobre 2023. Dovranno contenere tutta la documentazione relativa alle imprese partecipanti, agli immobili interessati dall’intervento, all’attuale consumo energetico, oltre allo schema elettrico di progetto.
E’ bene precisare che si deve trattare di immobili iscritti in catasto in categoria D/10 o con apposita annotazione di ruralità, nonché anche ammessi gli immobili privi della categoria rurale o della annotazione, a condizione che siano strumentali all’attività esercitata dal beneficiario (codice Ateco prevalente) e che la strumentalità effettiva sia attestata tramite opportune evidenze documentali, o da una relazione tecnica descrittiva.


   studioviolafeliciano@alice.it

 
 
 

IN PUGLIA IN CRESCITA CASI COVID, +14,4% IN SETTE GIORNI. L’UNICA PROVINCIA CHE HA AVUTO UN CALO DEI CONTAGI È QUELLA DI FOGGIA

Post n°31272 pubblicato il 19 Settembre 2023 da forddisseche

IN PUGLIA IN CRESCITA CASI COVID, +14,4% IN SETTE GIORNI. L’UNICA PROVINCIA CHE HA AVUTO UN CALO DEI CONTAGI È QUELLA DI FOGGIA (-7,4%).
Anche in Puglia sono in aumento i contagi Covid-19 provocati dalle nuove varianti: secondo il monitoraggio della fondazione Gimbe, nella settimana dal 7 al 13 settembre si è registrato un aumento dei nuovi casi del 14,4% rispetto alla settimana precedente.

In termini percentuali, l’incremento maggiore si è avuto nella provincia Bat, +66,2%, a seguire Bari (+28%), Taranto (+17,2%), Brindisi (+11,6%), Lecce (+3,2%), mentre l’unica provincia che ha avuto un calo dei contagi è quella di Foggia (-7,4%). L’occupazione dei posti letto negli ospedali resta, tuttavia, sotto la media nazionale ed è pari al 2,2% in area medica e dello 0,6% nelle terapie intensive.

 
 
 

VIESTE/ RALLY DEL GARGANO: DIVIETO DI SOSTA CON RIMOZIONE FORZATA DALLE ORE 14.00 DEL 21 SETTEMBRE ...

Post n°31271 pubblicato il 19 Settembre 2023 da forddisseche

VIESTE/ RALLY DEL GARGANO: DIVIETO DI SOSTA CON RIMOZIONE FORZATA DALLE ORE 14.00 DEL 21 SETTEMBRE FINO ALLE ORE 24.00 DEL GIORNO 24 SETTEMBRE PER LE STRADE DI SEGUITO ELENCATE.
 
ORDINANZA POLIZIA LOCALE

OGGETTO: ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE STRADALE EX ART. 5 DEL D. LGS N. 285/’92 – 13° RALLY PORTA DEL GARGANO – TROFEO CITTÀ DI VIESTE.

IL COMANDANTE

Vista la nota della ASD Piloti Sipontini a firma del legale rappresentante Signor SOLITRO Bartolomeo, assunta al protocollo N° 26480 del 14.09.2023 per la realizzazione della 13^ Edizione del Rally “Porta del Gargano – Trofeo Città di Vieste” da svolgersi in data 23 e 24 Settembre 2023;

Vista la Delibera di Giunta N° 193 del 28.06.2023 con cui veniva autorizzata la realizzazione della 13^ Edizione del Rally “Porta del Gargano – Trofeo Città di Vieste” da svolgersi in data 23 e 24 Settembre 2023;

Vista l’ordinanza di sospensione temporanea del traffico emessa dall’Ufficio Territoriale di Governo – Prefettura di Foggia in occasione della competizione automobilistica di regolarità 13^ Edizione del Rally “Porta del Gargano – Trofeo Città di Vieste” da svolgersi in data 23 e 24 settembre 2023;

Vista la nota della ASD Piloti Sipontini a firma del legale rappresentante Signor SOLITRO Bartolomeo, assunta al protocollo N° 26480 del 14.09.2023;

Ravvisata la necessità di dover circoscrivere l’area interessata relativa al percorso e consentire il regolare svolgimento della stessa in sicurezza per la circolazione stradale, per gli utenti della strada e per i partecipanti;

Ravvisata la necessità, inoltre, di chiudere al transito veicolare le strade comunali interessate, così come indicato nella richiesta e di vietare la sosta dei veicoli;

Ritenuta la necessità di adottare i provvedimenti più efficaci per limitare i disagi ed i pericoli per la circolazione stradale ed il transito dei pedoni;

Visti gli artt. 5, 7 del D.L.vo 30/04/1992, n° 285 e successive modifiche;

Visto il decreto Sindacale del 14.12.’20;

O R D I N A

1) Divieto di sosta con rimozione forzata dalle ore 14.00 del giorno 21 settembre 2023 e fino alle ore 24.00 del giorno 24 settembre 2023 sul Piazzale Europa e Lungomare Europa tratto antistante;

2) Divieto di sosta con rimozione forzata dalle ore 14.00 del giorno 22 settembre 2023 e fino alle ore 24.00 del giorno 24 settembre 2023 su Viale Marinai D’Italia;

3) La chiusura al traffico veicolare di Corso Lorenzo Fazzini e Viale Marinai d’Italia, limitatamente ai seguenti giorni ed orari:

a. Sabato 23 settembre 2023 dalle ore 14.00 alle ore 01.00 – Start Rally b. Domenica 24 settembre 2023 dalle ore 14:00 alle ore 01.00 – Arrivo e Premiazione sul Palco.

4) La chiusura al traffico veicolare della strada comunale denominata Salerno/Marzaniello/Pietramena, dalle ore 08:00 alle ore 18:00, comunque, fino a cessate esigenze, del giorno 24 settembre 2023

AVVERTE

La chiusura al traffico veicolare e l’istituzione del divieto di sosta sulle strade interessate sarà regolamentata a mezzo installazione idonea segnaletica temporanea orizzontale/verticale, a cura della Polizia Locale di Vieste.

Copia della presente sarà inviata alla Prefettura di Foggia; alla Questura di Foggia; alla Tenenza dei Carabinieri di Vieste; alla Sezione Polizia Stradale di Vieste; alla Tenenza della Guardia di Finanza di Vieste; ai Servizi di trasporto pubblico; ai Servizi di Emergenza e Soccorso del 118 Centrale Operativa Foggia; all’organizzazione dell’evento.

I titolari di autorizzazioni occupazione di suolo pubblico nelle strade interessate dal percorso della manifestazione dovranno rimuovere strutture precarie e arredi amovibili di ogni genere (pedane, tavolini, sedie, ombrelloni, fioriere ecc..) posizionati sulla carreggiata. Quanto installato abusivamente sulla carreggiata sarà rimosso, trasportato e custodito presso il deposito comunale ubicato alla Località Pietà e le spese saranno a carico del trasgressore.

La presente Ordinanza sarà resa nota alla cittadinanza a mezzo pubblicazioni sul sito Web del Comune di Vieste, ed mezzo comunicazione agli organi di stampa locali.

La Polizia Locale e gli Agenti della Forza Pubblica sono incaricati della esecuzione della presente Ordinanza.

IL COMANDANTE

Caterina Ciuffreda

 
 
 

IN ATTESA DEL 13°RALLY “PORTA DEL GARGANO” FABIO SOLITRO CON ALBERTO PORZIO SU RENAULT CLIO VINCE IL 42° RALLY APPENNINO REGGIA

Post n°31270 pubblicato il 19 Settembre 2023 da forddisseche

IN ATTESA DEL 13°RALLY “PORTA DEL GARGANO” FABIO SOLITRO CON ALBERTO PORZIO SU RENAULT CLIO VINCE IL 42° RALLY APPENNINO REGGIANO
 
Fabio Solitro vince la Classe Rally5 e conquista così la Coppa di Zona 5, qualificandosi per la finale al Rally di Cassino.

Fabio Solitro con Alberto Porzio su Renault Clio messa a disposizione da NDM Tecno ed MC Racing vincono la classe Rally5 del 42°Rally Appennino Reggiano, 38 assoluti e primi di under 25. Con questo risultato accedono alla qualificazione per la finale di Coppa Italia Rally: Rally di Cassino, previsto per fine Ottobre.

Fabio ci racconta: ”Gara nuova per noi, molto impegnativa con interessanti  prove speciali; sono davvero contento per il risultato ottenuto. Ringrazio Alberto che in questa gara è stato impeccabile, il Team NDM Tecno per avermi fornito un auto al top, l’ASD Piloti Sipontini e Ailine Corse per il supporto tecnico e tutti i nostri sponsor che credono in noi.”

Alberto Porzio: “Fabio quest’anno ha fatto grandi passi in avanti, in questa gara è sempre stato in testa senza alcun problema,  il team e l’auto perfettissimi.”

Questo rally è stato anche un ottimo allenamento  perché nel prossimo fine settimana sarà presente alla gara di casa 13° Rally Porta del Gargano – 3° Trofeo “Città di Vieste” dove sarà a bordo della nuova Renault Clio Rally3 con alle note Rosario Navarra.

Vi aspettiamo numerosi  a Vieste, sabato 23 e domenica 24 per il 13°Rally “Porta del Gargano” – 3° Trofeo “Città di Vieste”.

A.S.D. PILOTI SIPONTINI

 
 
 

VIESTE – Nuovo tentativo di truffa ad anziani che però avvertono i carabinieri Ultimo aggiornamento Set 19, 2023

Post n°31269 pubblicato il 19 Settembre 2023 da forddisseche

VIESTE – Nuovo tentativo di truffa ad anziani che però avvertono i carabinieri

595


Nuovo tentativo di truffa ai danni di anziani a Vieste. Stavolta presa di mira una coppia che, però, seguendo anche i nostri consigli più volti diramati, ha fatto fallire sul nascere il piano di due truffatori, dopo aver riferito loro di aver informato i carabinieri componendo il 112.

E’ successo oggi, come detto, ad una coppia di anziani che raccontano a Garganotv la loro disavventura. “Qualcuno – riferisce l’uomo – ci ha telefonato (sull’utenza di rete fissa, ndr) spacciandosi come nostro nipote e chiedendoci il numero del nostro cellulare perché non lo ricordava più. In un primo momento ci ho creduto, per cui ho dato il numero. Subito dopo, sul cellulare è arrivata un’altra telefonata, era sempre il presunto nipote che mi informava che mio figlio a la moglie si trovavano nella caserma dei carabinieri di Vieste e che rischiavano di essere arrestati se non fossero stati versati subito 4 mila e 800 euro che un amico di mio nipote, che mio nipote non era, sarebbe venuto a ritirare in casa. Abbiamo capito – continua nel suo racconto l’anziano – che qualcosa non era chiara. Infatti, quando mia moglie si è resa conto che la voce di chi parlava al telefono non era quella di mio nipote, abbiamo subito pensato ad una truffa. Dopo qualche minuto dopo è arrivata un’altra telefonata, sempre sul cellulare (ma con numero privato). Era la stessa voce del falso nipote, che ci chiedeva di preparare i soldi con urgenza. Quando gli ho detto che li stavo preparando ma che allo stesso tempo avevo chiamato il 112, si è interrotta bruscamente la telefonata e non si è fatto più vivo nessuno”.

Questo il racconto dell’anziano che, con la moglie, ha avuto la fermezza di non cadere nell’inganno. Nel frattempo la coppia ha avvertito figlio e nuora che, chiaramente, non sapevano nulla, come lo stesso vero nipote. E’ stata sporta regolare denuncia ai carabinieri, che indagano.

Ancora una volta rivolgiamo a tutti l’invito ad essere prudenti e a non credere a chi, per telefono, chiede soldi o addirittura bussa alla porta di casa. In questi casi occorre subito informare le forze dell’ordine.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963