Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 65
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 

Oroscopo

 


                 width="200" height="250" scrolling=no marginwidth=0 marginheight=0 frameborder=0 border=0 style="border:0;margin:0;padding:0;">
    

 

 

Vieste / Petizione per : Smantelliamo il Ripetit

Vieste / Petizione per :

Smantelliamo il Ripetitore 5G che Disturba il Nostro Paese .
Il link per firmare e questo :  https://chng.it/xvFYh5RSk2

Grazie .

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvQuartoProvvisorioantiope_queen1stefdesignscalera4ATTITUDE2GiuliettaScagliettiLeccezioneMadamenazario1960Violentina8380sin69m12ps12milano2009
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/202

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/2020/07/RADIO-GARDEN-300x176.png

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 05/06/2024

POSTE ITALIANE: IL 6 GIUGNO A LESINA L’ANNULLO FILATELICO PER IL 25° SMILE DAY DELL’ASSOCIAZIONE ‘LA CITTA’ DEI COLORI’. Beppe G

Post n°32354 pubblicato il 05 Giugno 2024 da forddisseche

POSTE ITALIANE: IL 6 GIUGNO A LESINA L’ANNULLO FILATELICO PER IL 25° SMILE DAY DELL’ASSOCIAZIONE ‘LA CITTA’ DEI COLORI’.

In occasione del 25° Smile Day, Poste Italiane attiverà giovedì 6 giugno,
su richiesta dell’Associazione di volontariato “La città dei colori”, un servizio filatelico temporaneo
con bollo speciale.
Nell’ambito dell’annuale giornata di festa, condivisione e gioia di incontrarsi e rivedersi organizzata
dall’Associazione, dalle ore 9,30 alle 13.30 sarà possibile timbrare con il bollo speciale le
corrispondenze presentate al servizio temporaneo di Poste Italiane appositamente allestito presso
l’Imperial Palace in Via Torre Fortore a Lesina
Eventuali commissioni filateliche potranno essere inoltrate a: Ufficio Postale Foggia Centro,
Sportello Filatelico – Viale XXIV Maggio, 6 – 71121 Foggia.
Per qualsiasi informazione o curiosità sugli annulli e sul tutto il mondo della filatelia è possibile
visitare il sito https://filatelia.poste.it/index.html .

 
 
 

CALCIO/VIESTE E I VIESTANI….LA STORIA NON HA GRANDE MEMORIA MA SUL PALLONE NESSUNO HA DIMENTICATO NULLA. 5 Giugno 2024

Post n°32353 pubblicato il 05 Giugno 2024 da forddisseche

CALCIO/VIESTE E I VIESTANI….LA STORIA NON HA GRANDE MEMORIA MA SUL PALLONE NESSUNO HA DIMENTICATO NULLA.

Molti di noi hanno scolpito nel loro cuore i nomi di quei calciatori (ma per noi campioni) succeduti nel tempo, da quel lontano 1969 quando fu fondato l’Atletico Vieste.

Anni esaltanti, i primi, anche se si è partiti dalla Terza e Seconda Categoria. Anni di magia e sogni proibiti, dal capitano ninì delli Santi a Pierino Della Torre, Michele Mattera, Filippo D’Errico, l’elenco è troppo lungo ma tutti sanno chi sono stati questi liceali.

Ci sono stati anni dove l’Atletico ha vissuto pericolosamente perché si reggeva su fragili bilanci. Dopo la retrocessione in Seconda Categoria (76/76) si temette il peggio ed invece il Presidente Michele Muscettola riuscì a mettere a posto le cose riportando l’Atletico in Prima Categoria nel 79/80 con una miriade di giovani rampolli viestani: i fratelli Sante e Giovanni Chionchio, Michelangelo e Marco Pupillo, Michele e Sante Lapomarda, arricchito da giovanissimi talentuosi quali Mario Cariglia e Michele Cristino, con Michele Ricci portiere, che parò per oltre un ventennio.

Un altro momento storico terribile, quando bussò alla porta il fallimento dell’Atletico, il Presidente Michele Clemente si ritrovò solo e senza giocatori, ma rimise i conti a posto e si ritornò competitivi.

Nel dicembre del 1987 la Gioventù Vieste si sacrificò per l’Atletico unendosi e riempiendo la rosa di tanti viestani, anche se l’operazione, ma solo in quell’anno, non sortì gli effetti sperati. L’Atletico amaramente tornò in Seconda Categoria, nonostante la rosa era di tutto rispetto.

Si temeva il peggio, scongiurato, da una operazione vincente dei fratelli Enzo e Michele Notarangelo, che ricostruirono e rilanciarono la società nominando Carmine Gianniello Presidente.

Solidità economica ed organizzazione fecero da cornice a quattro anni esaltanti dove vittorie su vittorie l’Atletico salì, approdando per la prima volta nel campionato di Eccellenza pugliese a girone unico, con una rosa formata da tanti viestani: Ricci, Brigida, Azzarone Matteo, Maggiore, Michelangelo Pupillo, Moschiano, Monacis, Cristino ed altri, con Arnaldo Trombetta condottiero e Franco Piemontese allenatore vincente, in un campionato che culminò con la partita del decennio: Atletico Vieste – Palo 4-0 – 3 maggio 1992, con Michelangelo Pupillo splendido goleador. 

La gioia durò poco perché l’Atletico Vieste si ritrovò in pochi anni in Seconda Categoria con presupposti che saltasse tutto per aria perché non vi erano le risorse economiche. Ancora una lunga traversata, che approdò nell’ennesima rivoluzione interna con una nuova società.

Lorenzo Spina Diana rivelò quei “resti” e con una campagna acquisti mirata riuscì ad imbarcare fior di calciatori mandando in delirio il “Riccardo Spina”. Domeniche incontenibili con le gesta di Maurizio Gentile, i gemelli Rocco e Paolo Augelli, Ducange, Scarano, Melchionda a seguire il cesallatore, Angelo Colella.

Nel dicembre del 2013 l’Atletico raggiunse il suo apice con la finale di Coppa Italia dilettanti con Massimo Olivieri mister vincente. Le intuizioni e l’organizzazione del presidente, Spina Diana toccarono vertici mai prima raggiunti.

Ma….con il rovescio della medaglia: le troppe spese e una situazione debitoria esplosiva che divenne insostenibile e non più sopportabile.

Anche se raccontata succintamente questa è la piccola-grande STORIA, dei primi 55 anni dell’Atletico Vieste.

Nessuno la può cancellare e quindi la conseguente domanda: cosa è accaduto in questi giorni con certi comunicati stampa?

L’ Atletico Vieste non esiste più. Si è unito col Peschici dando origine ad un progetto nuovo e a una imprecisata società con il nome di “ATLETICO GARGANO”, operazione subito mal digerita dai numerosi tifosi che sono in subbuglio: contro chi?

Lorenzo Spina Diana resta presidente dell’Atletico Vieste che potrà disputare solo campionati giovanili. Lo storico presidente, Lorenzo quindi si è liberato della zavorra Atletico Vieste, cedendola ad un suo presunto nemico, ed allora cosa pensare ?

Aggiungere altro a questa vicenda sarebbe solo superfluo…. e penoso.

 Paese, tifosi, storici sponsor, Amministrazione Comunale ignorati….

Sembra un delitto pre-confezionato. l’Atletico non c’è più e addirittura non si giocheranno le partite casalinghe sempre a Vieste…

D’accordo Vieste è un paese strano (per usare un eufemismo), come pure la sorella Peschici.

Rammento come sia passato in un silenzio assordante l’abdicazione della Sunshine Basket Vieste, giunta addirittura a lambire il campionato di serie B nazionale. Vieste poteva avere un ulteriore strumento di comunicazione, appunto una squadra in serie B. Nulla. Tutto è passato come se nulla fosse…

Ma se c’erano (e ci sono) problemi economici perché non riniziare dalla categoria più consona?…. Proprio come hanno fatto umilmente gli amici del basket ?

Insistenti voci di corridoio danno per certo anche l’Atletico Peschici in serie difficoltà, non solo a livello economico.

Vieste e Peschici: due “povere” sull’orlo di una crisi di nervi…

Una cosa è certa: l’opera di questi nuovi dirigenti sarà ricordata dai titosi…dai viestani e peschiciani come coloro che hanno cancellato la memoria calcistica delle proprie comunità.

Grande Presidente Spina Diana, sei passato alla storia per aver resistito e partecipato a più di dieci campionati di Eccellenza, ma sarai ricordato nella storia calcistica di Vieste come il presidente che ha cancellato il glorioso Atletico Vieste….

 michele mascia

 
 
 

VIESTE/ NAVE ARINGHIERI, ECCELLENZA DELLA GUARDIA COSTIERA, FA SCALO NEL PORTO DI VIESTE. 5 Giugno 2024

Post n°32352 pubblicato il 05 Giugno 2024 da forddisseche

VIESTE/ NAVE ARINGHIERI, ECCELLENZA DELLA GUARDIA COSTIERA, FA SCALO NEL PORTO DI VIESTE.

Nelle giornate del 03 e 04 giugno scorse, la CP421 Nave “Roberto ARINGHIERI” ha effettuato uno scalo tecnico nel porto di Vieste dopo essere stata impiegata al Salone Nautico di Venezia – dal 29 maggio al 2 giugno.

Varata il 28 ottobre 2021, l’unità appartiene alla nuova classe “Angeli del Mare” e prende il nome del Tenente di Vascello (CP) Roberto ARINGHIERI, Medaglia d’Oro al Valor di Marina, che perse la vita il 28 ottobre del 1995 “mentre operava quale componente di un team ispettivo a bordo di unità navale assegnata ad una missione multinazionale di pace durante il conflitto iugoslavo.

Nel corso di una impegnativa operazione di polizia marittima, si offriva volontario prodigandosi con generoso slancio, nonostante le avverse condizioni ambientali, per aprire la strada al successivo impiego della squadra. In tale circostanza rimaneva vittima di mortale incidente”.

Seconda nave della Classe, ha conseguito la certificazione di “autoraddrizzante” e si contraddistingue per essere il progetto con caratteristiche di inaffondabilità più lungo mai realizzato in Italia.

L’unità ha uno scafo in alluminio di 33,6 metri, con una propulsione assicurata da due motori MTU accoppiati a due idrogetti, mediante i quali è in grado di raggiungere una velocità massima continuativa superiore a 30 nodi, con una autonomia di circa 1.000 miglia a 28 nodi.

Eccellenza della cantieristica italiana e vanto delle capacità marinaresche del nostro Paese, rappresenta il meglio della tecnologia navale di oggi, con propulsione e strumenti di comunicazione all’avanguardia. Imbarcazione con un sistema avanzato di comando e controllo che assicura maggiore autonomia e prestazioni, maggiori capacità ricettive e una migliore logistica per le operazioni di soccorso che coinvolgono grandi numeri di persone e nell’assolvimento dei vari profili d’impiego connessi ai diversi compiti di istituto del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

Il motto: “TEMPESTATE MARIS SPE VOLAT“ : “(La Nave) nella tempesta del mare vola con speranza” è il motto ufficiale dell’unità, che esprime, il senso di appartenenza al Corpo del Comandante ARINGHIERI, ed il lascito alle nuove generazioni ed a quanti, come lui, fanno parte del grande equipaggio della Guardia Costiera, che ogni giorno opera a servizio della collettività.

L’equipaggio, al comando del Tenente di Vascello (CP) Andrea MONTINARO, è stato ricevuto con gli onori dovuti dal Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Vieste, T.V. (CP) Domenico REGA. La sosta, per rifornimento e ordinaria ispezione all’unità, è stata un’occasione di confronto su tematiche legate all’operatività delle Unità del Corpo di cui Nave “ARINGHIERI” rappresenta la naturale evoluzione tecnica del percorso compiuto negli ultimi anni dal Corpo nei diversi teatri operativi internazionali.

Nave “ARINGHIERI” e il suo equipaggio, dopo aver terminato le operazioni legate alla sosta, hanno salutato nella tarda mattinata di ieri la città di Vieste, riprendendo il mare in direzione Cagliari.

 
 
 

ATTENZIONE: NUOVO ORARIO RACCOLTA RIFIUTI 5 Giugno 2024

Post n°32351 pubblicato il 05 Giugno 2024 da forddisseche

ATTENZIONE: NUOVO ORARIO RACCOLTA RIFIUTI

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963