Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 65
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 

Oroscopo

 


                 width="200" height="250" scrolling=no marginwidth=0 marginheight=0 frameborder=0 border=0 style="border:0;margin:0;padding:0;">
    

 

 

Vieste / Petizione per : Smantelliamo il Ripetit

Vieste / Petizione per :

Smantelliamo il Ripetitore 5G che Disturba il Nostro Paese .
Il link per firmare e questo :  https://chng.it/xvFYh5RSk2

Grazie .

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheQuartoProvvisoriolaboratoriotvantiope_queen1stefdesignscalera4ATTITUDE2GiuliettaScagliettiLeccezioneMadamenazario1960Violentina8380sin69m12ps12milano2009
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/202

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/2020/07/RADIO-GARDEN-300x176.png

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 15/06/2024

VIESTE – Nubifragio del 13 giugno, il Comune chiederà lo stato di calamità alla Regione Il Giu 15, 2024

Post n°32388 pubblicato il 15 Giugno 2024 da forddisseche

VIESTE – Nubifragio del 13 giugno, il Comune chiederà lo stato di calamità alla Regione

180

Il Comune di Vieste chiederà la proclamazione dello stato di calamità naturale e lo stanziamento di fondi straordinari per far fronte ai danni causati dall’evento atmosferico che nel pomeriggio del 13 giugno scorso ha colpito la città e il suo vasto territorio con rara intensità. “Ci siamo subito attivati – dice in merito il neo assessore all’Agricoltura, Tano Paglialonga – dopo quanto accaduto giovedì scorso, con danni evidenti alle nostre produzioni agricole, in modo particolare uliveti, vigneti, orti, frutteti, a causa, soprattutto, della violenta grandinata. In alcuni casi, come ci è stato segnalato, i raccolti sono stati del tutto compromessi, con grave pregiudizio per l’economia famigliare dei nostri produttori. Ho dato incarico – aggiunge Paglialonga – ai tecnici del mio ufficio Agricoltura, di attivare le procedure per produrre la richiesta di indennizzi alla Regione Puglia. Sarà nostro compito interessare il presidente Emiliano, di riconoscere i danni subiti dai nostri agricoltori e ristorarli in modo adeguato. Nei prossimi giorni – fa sapere l’assessore Paglialonga – informeremo i cittadini, i cui terreni sono stati colpiti dalle avversità, come presentare richiesta e quale procedura burocratica dovranno adottare. Speriamo di ottenere dalla Regione il massimo possibile”.

 
 
 

PARTITI PERSONALI/ NOBILETTI TESSE SEMPRE DI PIÙ LA PROPRIA RETE ULTRAVIESTANA E VALUTA LA CORSA ALLE ELEZIONI REGIONALI 15 Giug

Post n°32387 pubblicato il 15 Giugno 2024 da forddisseche

PARTITI PERSONALI/ NOBILETTI TESSE SEMPRE DI PIÙ LA PROPRIA RETE ULTRAVIESTANA E VALUTA LA CORSA ALLE ELEZIONI REGIONALI

Rompe le scatole a Raf pure a Troia, in casa del Pd. Rivendica i voti per Decaro, si muove e fa muovere la propria agenzia di comunicazione. Il viestano sempre più autonomo e alternativo.

Obiettivo elezioni regionali. Pare es­ser questo il pensiero stupendo del presidente della Provincia e sinda­co di Vieste Giuseppe Nobiletti.

E’ sempre più evidente, dopo l’insediamen­to a Palazzo Dogana a gennaio 2023, la co­struzione da parte dell’avvocato di una pro­pria rete che vada ben oltre i confini della capitale pugliese delle vacanze. Un lavoro intelligente ed accurato, che punta da un la­to sul civismo – in posizione alternativa al Pd per quanto sempre nello stesso campo e dall’altro su una efficace e capillare strategia comunicativa.

L’emersione di una personalità politica che appare sempre più come un contraltare al dominus Pd e vicepresidente regionale Raffaele Piemontese non sfugge a nessu­no.

Nobiletti, sin dal primo mandato sindacale iniziato nel 2016, ha fatto capire di collocar­si nell’alveo piemontesiano ma senza mai accettare la sollecitazione a diventare uno del Pd. Una mossa azzeccatissima, che gli ha permesso di aggregare intorno a sé an­che chi non si riconosce nei dem e che non lo ha reso fagocitabile da parte del vice di Emiliano.

Nonostante questo rifiuto, che ha mantenuto l’amministrazione comunale viestana sempre civica da allora (con arrivo del Pd in giunta solo dopo l’adesione del­l’assessore allo sport Dario Carlino, lo scorso anno), Nobiletti e Piemontese per anni sono andati d’amore e d’accordo.

Le cose sono cambiate dopo che il Pd, in­sieme ai civici emilianisti e al M5S, hanno reso possibile la sua elezione a presidente della Provincia. Da quel momento l’autono­mia di Nobiletti si è fatta man mano maggio­re.

I primi segnali di screzi nel rapporto con Piemontese si sono palesati in superficie a marzo scorso, col disappunto chiaro del montanaro rispetto ad una personalità au­torevole e sempre più sfuggente dalla sua orbita.

Da qui la lagnanza per la maniera in cui No­biletti “se ne va per fatti suoi”, come riferiva­no fonti legati a Piemontese, il quale tentò fino all’ultimo di impedire la scelta della lista cìvica “La Provincia sei tu” per le elezioni provinciali di marzo per il rinnovo del consi­glio. Raf spingeva per il raggruppamento unitario, ma il vìestano ha replicato con tut­ta la propria cocciutaggine garganica.

Ma non era tutto. Ci sono anche stati scontri su alcune que­stioni legate alla gestione di Palazzo Doga­na, oltre ad un piccatissimo botta e risposta quando Piemontese provò invano a pero­rare la causa della vicesindaca Rossella Falcone presso Nobiletti. La rottura di No­biletti con Falcone e poi anche con Carlino è stato un momento delicato e cruciale per il primo. Ha significato, infatti, la fine di quel perfetto equilibrio in giunta che lo vedeva tra le due donne forti di quella amministra­zione, ovvero l’albergatrice con delega al turismo da un lato e l’assessora alla cultura Graziamaria Starace, dall’altro.

Un equilibrio a tal punto collaudato che dal 2016 al 2024 tutto è filato liscio come l’olio a Palazzo di città, tanto da far immaginare che le due si sarebbero potute spartire in tutta tranquillità la successione a Nobiletti in Comune e la candidatura alla Regione. La fine dell’amicizia personale tra Nobiletti e Falcone ha rivoluzionato l’intero scena­rio.

L’intervento di Piemontese (colui che ha portato Falcone nel cda di AQP spa) ha ina­sprito la situazione, anziché favorirne la so­luzione. Il risultato è stato che il piddino ha tolto dalla giunta comunale sia Falcone che Carlino.

La disgregazione del blocco granitico di po­tere mai scalfito prima di allora ha acceso, a quel punto, interrogativi non da poco.

Per chi è abituato a governare senza nem­meno avere una minoranza (nel 2019 lo stesso Nobiletti favorì la costituzione di una lista civetta) ci si è chiesti, in città, quanti consensi sarebbero venuti meno nella suc­cessiva chiamata alle urne dei cittadini. Per ora la sostituzione dei due assessori con

giovani leve non ha dato ripercussioni ma­nifeste (se non nell’ovvia perdita di qualità dovuta all’assenza di Falcone, che appari­va come la più grintosa assessora al turi­smo di tutta la provincia), ma per compen­sare la minore forza interna Nobiletti ha do­vuto allargare la propria rete a livello pro­vinciale, anche in ottica di una propria can­didatura alle regionali.

Questa è stata la penultima motivazione di gelo con Piemontese e che Nobiletti ci sia riflettendo su è confermato anche da fonti a lui vicinissime. Quello che infine è accaduto con le elezioni europee e amministrative dell’8-9 giugno scorsi ha rappresentato il punto di non ritorno.

Il presidente della Provincia ha supportato attivamente ed è volato nell’arcipelago per la candidata sindaca di Tremiti Annalisa Lisci, sostenuta anche dalla senatrice meloniana Annamaria Fallucchi. Ha posto la propria agenzia di comunicazione politica, la sipontina Comunica di Luisa Buonapane (cui si affida sia per la Provincia che per il Comune di Vieste), al servizio del candi­dato sindaco di Troia Francesco Caserta, civico che ha sconfitto il piemontesianissimo uscente Leonardo Cavalieri.

Ha, in­somma, rotto le scatole proprio in casa del dominus Pd. Ha rivendicato, come propri, i 1.170 voti portati in dote al neo europarlamentare An­tonio Decaro (“Viesteseitu conferma an­cora una volta di essere determinante negli appuntamenti elettorali”).

Come a dire che, più che il Pd viestano, è stato lui l’artefice del primato decariano anche nel paese garganico. Aumentano, poi, le presenze sul territorio di Capitanata per il racconto delle proprie buone prassi, come avvenuto di re­cente a Manfredonia ospite del candidato sindaco del centrosinistra Domenico la Marca. E tutto lascia pensare che la tessi­tura di Nobiletti sia ancora solo all’inizio.

l’attacco

 
 
 

VIESTE – Isola pedonale da domani (15 giugno) e fino al 30 settembre, l’ordinanza Il Giu 14, 2024

Post n°32386 pubblicato il 15 Giugno 2024 da forddisseche

VIESTE – Isola pedonale da domani (15 giugno) e fino al 30 settembre, l’ordinanza

248

ORDINANZA SETTORE TECNICO N. 23 del 14-06-2024 – REGISTRO GENERALE N. 142 DEL 14-06-2024
IL DIRIGENTE
(omissis)
ORDINA
1. Con decorrenza dal 15 Giugno 2024 e fino al 30 Settembre 2024 dalle ore 20.00 alle ore 01.00 l’istituzione dell’area pedonale nelle seguenti vie:
 Via Veneto (intera percorrenza)
 Viale XXIV Maggio (fino all’incrocio con Via N. Tommaseo)
 Via Madonna della Libera (da Lungomare E. Mattei a Corso L. Fazzini)
 Corso C. Battisti (intera percorrenza)
 Corso L. Fazzini (intera percorrenza)
 Via S. Maria di Merino (da Corso Fazzini fino a incrocio con Corso Tripoli)
 Viale Marinai d’Italia (intera percorrenza)
2. Il divieto di sosta con rimozione forzata dalle ore 20.00 alle ore 01.00, nelle arterie stradali interessate dall’area pedonale, nei giorni e negli orari indicati al precedente punto (omissis)
3. Il divieto di transito dalle ore 20.00 alle ore 01.00, nelle arterie stradali interessate dall’area pedonale, nei giorni e negli orari indicati al precedente punto (omissis)
4. Il divieto di transito dalle ore 20.00 alle ore 01.00, nelle arterie stradali interessate dall’area pedonale è istituito il divieto di circolazione ai velocipedi a propulsione muscolare o elettrici o a pedalata assistita, ai monopattini anche elettrici e a tutti gli acceleratori di andatura (pattini, roller, skateboards).
5. Accesso e sosta consentiti a veicoli destinati a espletare attività tecniche o di cantiere, o per comprovate esigenze, previo rilascio di permesso da richiedere con congruo anticipo presso il Comando della Polizia Locale.
Tale permesso può essere:
 Tipo A : permesso per accedere all’area pedonale senza possibilità di effettuare la sosta;
 Tipo B : permesso per accedere e sostare all’interno dell’area pedonale.
Il Comandante della Polizia Locale, fatte le opportune valutazioni potrà rilasciare permesso temporaneo con le dovute prescrizioni sul percorso da percorrere, che dovrà avvenire sempre secondo il principio del “tragitto più breve”.
I veicoli autorizzati dovranno:
a) Procedere ad una velocità particolarmente ridotta, prestando la massima attenzione ai pedoni;
b) Sostare, solo se autorizzati e in modo tale da non costituire grave intralcio alla circolazione.
6. In occasione di fiere, mercati ed eventi comunque denominati, gli esercenti potranno chiedere ed eventualmente ottenere l’autorizzazione per effettuare le sole operazioni di carico e scarico merci e attrezzature e una volta terminate, i veicoli dovranno essere ricoverati in altro luogo di sosta.
ORDINA ALTRESI’
Con decorrenza dal 15 Giugno 2024 e fino al 30 Settembre 2024 dalle ore 20.00 alle ore 01.00 l’interdizione della circolazione nelle strade intersecanti l’area pedonale, di seguito meglio indicate:
 Via Apeneste (da Via Santa Maria di Merino a Via Dott. Giuliani)
 Via Dott. Giuliani (da Via Apeneste a Via Principe di Napoli)
 Via Principe di Napoli (da Via Santa Maria di Merino a Via Dott. Giuliani)
 Via Regina Margherita (da Via Santa Maria di Merino a Via Dott. Giuliani)
 Via Fleming (da Viale XXIV Maggio a Via Leonardo da Vinci)
 Via IV Novembre (intera percorrenza)
 Via Milano (intera percorrenza)
 Via Napoli (intera percorrenza)
 Via Santa Eufemia (da via Santa Maria di Merino a Via Dott. Giuliani)
 Via Brigadiere Sollitto (da Via Benedetto Brin a Corso C. Battisti)
 Via Trento (intera percorrenza)
 Via Trieste (intera percorrenza)
 Via Valeri (intera percorrenza)
STABILISCE
Che venga apposta la segnaletica stradale prevista del Codice della Strada e relativo Regolamento di esecuzione per la disciplina di quanto ordinato.
La presente ordinanza annulla, revoca e sostituisce ogni altra disposizione precedentemente emanata in contrasto con il contenuto del presente provvedimento.
(omissis)
AVVERTE
Che, in ossequio alle direttive dell’Amministrazione Comunale, la chiusura dell’area pedonale sarà delimitata, oltre che dall’apposita segnaletica verticale, anche da transenne mobili, movimentate da personale incaricato dall’U.T.C.;
La violazione alle norme di cui trattasi, fatte salve e più gravi responsabilità penali, sarà punita ai sensi del vigente Codice della Strada, D.Lvo 30.04.1992 n. 285.
Tutto il personale addetto all’espletamento dei servizi di Polizia Stradale di cui all’art. 12 del nuovo Codice della Strada approvato con D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e s.s.m.m.i.i. è incaricato della vigilanza sull’esecuzione della presente ordinanza.
Il presente atto viene pubblicato all’albo pretorio per 15 giorni e reso noto mediante pubblicazione sul sito internet del Comune di Vieste.
A norma dell’art. 3, comma 4, della Legge 7 agosto 1990 n. 241, avverso la presente ordinanza, chiunque vi abbia interesse potrà ricorrere, entro 60 giorni dalla pubblicazione, al T.A.R. Puglia, ovvero in via straordinaria entro 120 giorni al Presidente della Repubblica.
Data, 14-06-2024
IL DIRIGENTE SETTORE TECNICO
Ing. Vincenzo Ragno

 
 
 

VIESTE – Nuova IMU, versamento acconto entro lunedì 17 giugno Il Giu 14, 2024

Post n°32385 pubblicato il 15 Giugno 2024 da forddisseche

VIESTE – Nuova IMU, versamento acconto entro lunedì 17 giugno

176
IMU

Si informano i contribuenti che il pagamento della NUOVA IMU, istituita dalla la Legge di Bilancio 2020, avviene in due rate :
17 giugno per l’acconto
16 dicembre per il saldo

Il versamento dell’imposta annuale (50% in acconto e 50% a saldo), per l’anno 2024, deve essere calcolata sulla base delle seguenti aliquote, in vigore per l’anno precedente e approvate con Delibera di C.C. n. 59 del 29.12.2023:
ALIQUOTA TIPOLOGIA IMMOBILI
0,50 % Abitazione principale A/1 – A/8 e A/9 e relative pertinenze
0,10% Fabbricati rurali strumentali
1,06% Fabbricati gruppo “D”
1,03% Immobili locati ad uso abitativo
1,06% Tutti gli altri immobili comprese le aree edificabili
ESENZIONI 2024:
– Abitazione principale e quelle assimilate ( ad esclusione di quelle in Cat. A1-A8-A9);
– Terreni Agricoli;
– “Beni merce”;
– Immobili occupati abusivamente;
RIDUZIONI IMU 2024
– IMU ridotta al 50% per i pensionati AIRE (valida solo se si è pensionati nello Stato estero di residenza e con pensione rilasciata dallo stesso Stato Estero);
COME VERSARE L’IMU
I versamenti vanno effettuati esclusivamente con modello F24 presso le banche o gli uffici postali ( anche on-line) indicando il codice catastale del Comune di Vieste “ L858 ” e utilizzando i seguenti codici tributo:
Comune : 3912 per Abitazione principale (A1-A8-A9) e relative pertinenze
Comune : 3918 per altri fabbricati ( compresi Beni merce ed escluso gli immobili cat D)
Comune: 3916 Aree edificabili
Comune: 3913 Fabbricati rurali ad uso strumentale
Quota Comune: 3930 Fabbricati ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D
Quota Stato: 3925 Fabbricati ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D
Per usufruire del servizio di calcolo on line IMU: sul sito istituzionale del Comune oppure può essere verificata la propria situazione Imu e stamparsi autonomamente gli F24 per il versamento tramite registrazione al servizio Linkmate raggiungibile al seguente link: https://sportellotel.servizienti.it/vieste o in alternativa sul sito del comune di Vieste.
L’imposta non è dovuta qualora l’importo annuo complessivo sia minore o uguale a 12,00 euro.
Altresì è possibile richiedere la compilazione del modello F24 presso lo sportello Tributi del Comune o tramite e-mail ai seguenti recapiti:
indirizzo di posta elettronica dell’Ente: protocollo@pec.comune.vieste.fg.it
Ufficio Tributi del Comune di Vieste ai seguenti numeri telefonici: 0884 712 251/252 dal Lun al Ven dalle ore 9.00 alle ore 13.00.
CALCOLATORE IMU
Dal seguente link è possibile calcolare l’IMU per l’anno corrente e gli anni precedenti in modo automatico: CALCOLA IMU COMUNE DI VIESTE

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963